Home » Nazionali »Politiche »Pratiche »Pubblica Amministrazione » Ilaria D’Amico intervista Mercedes Bresso:

Ilaria D’Amico intervista Mercedes Bresso

Mercedes Bresso courtesy of Uniamo le EnergieArriva un po’ raffreddata, ma puntuale, Ilaria D’Amico, invitata dalla Regione per intervistare la Presidente Mercedes Bresso nell’ambito di Futura: dialoghi intorno all’uomo e al Pianeta.

L’impegno per l’ambiente della Regione Piemonte, esordisce la D’Amico, è nato in tempi non sospetti, quando, per adeguarsi alle direttive dell’UE, ci si è posti l’ambizioso obiettivo di ridurre le emissioni del 20% entro il 2020. Gravissimi incidenti ambientali come Seveso e Chernobyl hanno stimolato il Piemonte verso un economia sensibile all’ambiente.

Erano tempi, spiega Mercedes Bresso, in cui i forti costi per gli interventi di depurazione delle acque, dell’aria e del terreno scoraggiavano le aziende costituendo un ostacolo significativo. Oggi, sicuramente, la tecnologia ha permesso una riduzione delle spese e un’ottimizzazione sul lungo periodo. Anche sul fronte energetico. Per anni si sono utilizzate unicamente le fonti fossili non rinnovabili, mettendo a dura prova le capacità di assorbimento del pianeta e creando danni permanenti. Il cambio di direzione deve puntare sulle fonti energetiche rinnovabili, in particolare sul solare, scommessa – considerata vincente – del Piemonte.

D’amico incalza sul futuro del “partito ambientalista” in Italia e Bresso cautamente risponde con un’esemplificativa panoramica della situazione internazionale: in Germania il partito dei Verdi è arrivato a toccare il 10% e negli Stati Uniti Obama pone il tema della sostenibilità al top delle sue priorità.

Secondo affondo: nucleare sì o nucleare no?Risposta netta: il nucleare resta una “via di garage”, un vicolo cieco. La forte spinta alla ricerca tra gli anni ’50 e ’70 ha subito una battuta d’arresto nel momento in cui i disastri ambientali hanno allarmato l’opinione pubblica e i costi di smantellamento sono ricaduti sui cittadini . In Europa non ci si è fermati solamente a causa della disponibilità degli stati a pagare questi costi. In Italia il possibile ritorno al nucleare ha sollevato problemi su più fronti: dall’apparente incapacità di gestire realtà complesse come la centrale di Caorso, agli ingenti costi di importazione di tecnologie – che talvolta, viene rilevato, risultano superate ed obsolete - alla difficoltà di individuare siti appropriati. In Piemonte l’area che venne scelta per la costruzione di una centrale fu Trino Vercellese, zona di risaie e dunque scarsamente abitata. Rilanciare il nucleare in un’area come questa equivale a condannarla alla desertificazione sociale - più di quanto già non lo sia. Nella malaugurata ipotesi di un incidente si rischierebbe per altro di contaminare, tramite la fitta rete fluviale, l’intera pianura Padana, centro della produzione agricola del nostro paese.

Qual è dunque la proposta alternativa? L’Onu prevede entro il 2050 un aumento della popolazione mondiale pari a circa tre milioni di individui, per cui una soluzione efficiente al problema dell’energia va avanzata. Mercedes Bresso è saldamente ancorata alla prospettiva della ricerca eco-friendly. Sul solare a concentrazione si sono fatti grandi passi avanti e anche il vento, le maree, le biomasse, a suo parere, sono risorse che vanno tenute in seria considerazione. Naturalmente è impossibile pensare ad un’eliminazione completa dell’utilizzo del petrolio, ma una riduzione “sensibile” del ricorso a fonti fossili è quantomeno auspicabile.

La manifestazione “Uniamo le Energie” è, secondo Bresso, un segno tangibile dell’impegno della Regione  per la sensibilizzazione dei cittadini al tema ambientale. La formazione è fondamentale per poter compiere un cammino condiviso: nelle scuole, ma anche nelle aziende. Non dimenticandosi, oltretutto, che il business “eco” è una manna dal cielo in un periodo di crisi come questo. La domanda di tecnici ed esperti cresce. Basti pensare alla progettazione degli impianti e alla loro manutenzione, ma anche al settore dell’auto - fondamentale per l’Italia - dove gli aiuti (tanto criticati) secondo Bresso hanno permesso di incrementare la ricerca sui motori green.

Il Piemonte mira a diventare “fanalino di punta” nella ricerca per la sostenibilità e per raggiungere quest’obiettivo Mercedes Bresso anticipa alcuni nodi centrali delle politiche per l’ambiente che saranno alla base della sua prossima candidatura: separare le acque potabili da quelle per uso igienico nei nuovi quartieri sarebbe, ad esempio, un primo passo per adeguare, successivamente, gli impianti idraulici di tutte le città. Ma centrale rimane in primis la promozione del green thinking.

Ilaria Burgassi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Camerlenghi, nuovo presidente AIGAE: “Il turismo ambientale è in grande crescita”

dicembre 20, 2017

Camerlenghi, nuovo presidente AIGAE: “Il turismo ambientale è in grande crescita”

Filippo Camerlenghi, coordinatore delle Guide Ambientali Escursionistiche (GAE) della Lombardia è il nuovo Presidente Nazionale di AIGAE. Camerlenghi, 52 anni, laureato in Scienze della Terra presso l’Università Statale di Milano, è ideatore e promotore di importanti progetti di educazione ambientale e divulgazione scientifica e opera anche come guida europea in Francia, Spagna, Germania, Svizzera, Islanda, in [...]

AccorHotels e l’agricoltura verticale: debutta al Novotel Milano il “Living Farming Tree”

dicembre 18, 2017

AccorHotels e l’agricoltura verticale: debutta al Novotel Milano il “Living Farming Tree”

Debutta a Milano con AccorHotels la prima installazione del Living Farming Tree, l’innovativo orto verticale indoor firmato Hexagro Urban Farming, startup italiana composta da un team internazionale di ingegneri, designer industriali e gastronomi. In linea con gli obiettivi del proprio programma di sviluppo sostenibile Planet21 volto a promuovere un’ospitalità positiva e virtuosa, il gruppo leader mondiale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende