Home » Aziende »Pratiche » In visita all’Europlant di Mijdrecht. Le “green choices” di SC Johnson:

In visita all’Europlant di Mijdrecht. Le “green choices” di SC Johnson

aprile 14, 2014 Aziende, Pratiche

Un boomerang, che ricorda, in positivo, come le buone azioni “ti tornino indietro”. Inizia da questo edificio-simbolo dell’architetto Huig Maaskant, divenuto monumento nazionale, la nostra visita all’Europlant di SC Johnson (ex Johnson Wax), lo stabilimento di Mijdrecht, in Olanda, dal quale, dal 1964, escono prodotti di largo consumo per la casa degli europei, come Stira & Ammira, Anitra WC, Mr. Muscolo, Glade, Oust, Pronto Legno e molti altri. Una multinazionale “famigliare” alla quinta generazione, con 128 anni di storia (fondata a Racine, nel Wisconsin nel 1886), che oggi fattura 9 miliardi di dollari e impiega 13.000 persone in 70 paesi del mondo.

Ci accompagnano nel tour alcuni dei top manager dell’azienda: Sander Molkenboer, direttore dello stabilimento, Stef Spaans, responsabile sicurezza, salute e ambiente, Clint Filipowicz, direttore di produzione per il mercato EMEA e Jam Stewart, la direttrice americana dei Public Affairs. Spaans racconta come, prima delle bonifiche, quella piana in cui sorge lo stabilimento, fosse inondata dal mare, fino all’altezza del tetto del “Boomerang”, che ne ricorda il livello (5 metri da terra). L’acqua abbonda comunque ancora nel sito, tanto che il laghetto è alimentato da 16 sorgenti naturali che garantiscono la sicurezza antincendio. Mentre da anni non sono più in uso i sistemi di scarico, grazie a un ingegnoso processo che consente di riciclare le acque utilizzate nelle lavorazioni. “Quando terminiamo la produzione di un prodotto in una cisterna – spiega Spaans – invece di smaltire l’acqua del lavaggio, con i residui del prodotto, la stocchiamo in un’altra vasca, dove verrà recuperata nel ciclo di produzione successivo. L’acqua è infatti parte della ricetta di qualsiasi prodotto, così come sono parte del prodotto specifico gli altri ingredienti, che in questo modo vengono recuperati senza sprechi.”

Europlant, da oltre un decennio, è uno degli 8 siti produttivi a “discarica a zero” della SC Johnson. Gli operai, con l’aiuto di un robot, assicurano che i materiali di scarto e di imballaggio siano separati durante tutto il processo produttivo per essere riutilizzati o riciclati. In questo modo la stabilimento ha riciclato quasi 800 tonnellate di rifiuti nell’ultimo anno. La perizia con cui il braccio meccanico (uno di quelli che siamo abituati a vedere nelle catene di montaggio dell’automotive) apre, svuota, piega e separa gli scatoloni di cartone è impressionante. E consente ai 275 dipendenti dell’impianto super-automatizzato (pochissimi per un hub di 300 mila mq., attivo 24 ore, dove si producono un milione di pezzi al giorno), di concentrarsi sulle attività dove la presenza umana ha maggiore valore.

In aggiunta, le forniture per il packaging viaggiano praticamente a “km. 0″. Subito fuori dallo stabilimento, nella stessa area industriale, ha sede il fornitore dei contenitori di plastica (sempre più sottili e alleggeriti, per risparmiare materia prima), mentre attraversando il boschetto aziendale (dove ciascuno può dare il proprio contributo da “giardiniere”, per compensare le emissioni di Co2) ci si imbatte nel trenino elettrico che collega il confinante stabilimento della Crown, il fornitore delle bombolette. Il trenino è mosso dall’energia della pala eolica di 80 m., che copre il 52% del fabbisogno dell’intera produzione. Unico neo – che richiama gli iter burocratici italiani più che olandesi – i tempi di autorizzazione pubblica per raggiungere questo risultato: per installare e rendere funzionante la turbina ci sono voluti 8 anni, mi confessa, con stoico spirito di sopportazione e senza polemiche, uno dei manager.

Le bombolette spray, consegnate direttamente nel magazzino, passano poi al riempimento, dove le attende una tecnologia ad aria compressa che ha consentito di ridurre significativamente i composti organici volatili. Per la sola produzione del deodorante Glade, questa tecnologia – lanciata proprio nello stabilimento europeo e poi diffusa a livello mondiale -  ha consentito la riduzione di 10 tonnellate di LPG (liquid petroleum gas) sulla produzione europea.

Ma cosa contengono questi flaconi e queste bombolette? Alcuni prodotti partono da ingredienti naturali, ma la SC Johnson non rinnega la propria appartenenza all’industria “chimica”, né intende competere con chi realizza prodotti 100% naturali. Il punto, mi spiega il direttore di produzione, è realizzare “prodotti di livello qualitativo e ambientale sempre più alto”, in un continuo work in progress. Quest’ambizione non sarà forse sufficiente per rientrare, propriamente, tra le eccellenze della green economy, ma sicuramente posiziona l’azienda nella fascia alta di quelle che, concretamente, contribuiscono a ridurre l’impatto ambientale – grazie anche all’incidenza dei numeri di produzione.

Dal 2001 anche gli ingredienti sono comunque classificati in una Green list”, ovvero un processo di selezione sulla base delle caratteristiche di sostenibilità ambientale e impatto sulla salute umana. Ogni potenziale ingrediente (ad oggi il 95% di questi) viene classificato come “Migliore”, “Buono”, “Accettabile” o livello 0. Un ingrediente con una classificazione pari a 3 viene considerato “Migliore”, 2 equivale a “Buono”, 1 ad “Accettabile”, mentre i materiali di “livello zero” vengono utilizzati, dietro approvazione, solo su base limitata o quando non è disponibile alcuna alternativa. In sostanza quando i ricercatori di SC Johnson creano un nuovo prodotto si impegnano per selezionare le materie prime con la classificazione “Buono” o “Migliore”, mentre se  i prodotti esistenti vengono riformulati, i ricercatori devono includere ingredienti con valutazioni pari o superiori a quelli della formula originale. Portare al 58% l’utilizzo di ingredienti con una classificazione “Buono” o “Migliore” è l’obiettivo della Greenlist entro il 2016.

Con questo  processo brevettato SC Johnson ha già ottenuto alcuni buoni risultati, eliminando, ad esempio, dalle confezioni il PVC, evitando le confezioni con cartone sbiancato tramite cloro (che può causare contaminazioni dell’aria e delle acque), o, ancora, riformulando il detergente per superfici Pledge per aumentarne la biodegradabilità e ridurre i VOC – aumentando al tempo stesso l’efficacia di pulizia. Un processo che dimostra come competitività internazionale e sostenibilità ambientale non siano assolutamente in contrasto, a patto di investire in ricerca, innovazione e nuovi modelli di business.

Andrea Gandiglio


 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende