Home » Aziende »Pratiche »Pubblica Amministrazione » Industria e vocazione locale: il turismo integrato secondo Barbara Tagliolini:

Industria e vocazione locale: il turismo integrato secondo Barbara Tagliolini

Può un impianto fotovoltaico diventare l’attrazione di una gita scolastica? La domanda è sicuramente intrigante e si pone  nel momento in cui, anche  nel nostro paese, le fonti rinnovabili stanno crescendo per importanza e diffusione,  insieme alla consapevolezza che “fare sistema” e  “integrare” – competenze, contesti e opportunità – è la migliore ricetta di successo per un settore nascente come quello del turismo sostenibile, un’industria che  già oggi, in Italia, vale 10 miliardi di euro l’anno.  E poi se le fonti rinnovabili – come sostiene l’Unione  Europea nella strategia 20-20-20 – dovranno essere la chiave del futuro energetico del continente, perché non trasferire l’educazione ambientale degli studenti (materia quanto mai necessaria, ma tuttora assente dai programmi ministeriali) “sul campo”,  così che i futuri manager, capi d’azienda e amministratori possano “toccare con mano“ e metabolizzare  l’importanza di un approccio più sostenibile tanto all’imprenditoria quanto alla vita di tutti i giorni?

Ne abbiamo parlato con Barbara Tagliolini, storica dell’Arte ed esperta di turismo sostenibile.

D) Dott.ssa Tagliolini, in cosa consiste il suo lavoro?

R) Sono consulente di aziende che promuovono strategie di integrazione degli impianti industriali sul territorio. In particolare mi dedico a progetti di valorizzazione degli impianti industriali dal punto di vista turistico. In questo senso si può fare molto coinvolgendo nel progetto l’azienda che investe, gli istituti scolastici, l’amministrazione e le associazioni locali in un progetto condiviso. In pratica si tratta di creare una rete di consenso su un progetto integrato industriale e turistico in cui l’installazione industriale diventa uno degli elementi di un più ampio percorso ecoturistico.

D) Una delle sue esperienze?

R) Senz’altro l’ultima in ordine cronologico. Sono stata contattata tempo fa dall’azienda 9REN, uno dei principali operatori del fotovoltaico in Italia, per studiare l’integrazione di due progetti fotovoltaici a terra in un percorso ecoturistico nell’area di Palagianello, in provincia di Taranto, una cittadina con un grande potenziale e già molte attività in piedi che costituivano un punto di partenza interessante su cui poter lavorare. Palagianello conta circa 8.000 abitanti, sorge su un fianco della gravina con un centro storico organizzato su strade parallele e una piazza cinquecentesca sovrastata dal castello Stella-Caracciolo. La citta è tagliata da un tracciato di un’antica ferrovia ormai in disuso che presto sarà trasformata in pista ciclabile, mentre la nuova ferrovia e l’autostrada, che la attraversano, ne segnano in più punti il paesaggio. Il territorio è organizzato per l’agricoltura, l’economia principale della zona, con la cultura dell’ulivo, vite, mandorlo, alberi da frutto e ortaggi in serra, come testimoniato dalle 18 masserie storiche presenti.

D) Come si coniuga un impianto fotovoltaico in un contesto di gravine, economia agricola e masserie storiche?

R) In primo luogo gli impianti devono essere costruiti a regola d’arte. In questo caso l’azienda ha ricostruito nell’area dell’impianto elementi tipici della tradizione rurale locale, come un muretto a secco su 500 metri di perimetro dell’impianto sul lato nord e sul lato sud – realizzato secondo le tecniche tradizionali del posto – spostati 300 ulivi vecchi (tutti perfettamente attecchiti), 20 piante di arancio e piantati 700 nuovi alberi di ulivo e 3500 nuove piante di rhjnchospermum jasminoides, per rispettare la vocazione prettamente agricola dell’area. Quindi già all’impatto visivo si tratta di un impianto molto ben integrato nel paesaggio. Inoltre, la denominazione delle “località” in cui vengono realizzati gli impianti sono spesso legate ai nomi storici del luogo e cioè alle Masserie. Nei pressi dell’impianto fotovoltaico c’è infatti un’antica masseria di cui è prevista la ristrutturazione che si chiama Masseria Martellotta, lo stesso nome che ha l’impianto fotovoltaico nel rispetto della memoria storica del  luogo.

D) Quindi il primo passo è realizzare gli impianti industriali considerando l’architettura del paesaggio, la vocazione del territorio e l’impatto visivo. E poi, come si procede per il percorso di integrazione?

R) In questo caso abbiamo presentato l’idea all’Amministrazione Comunale con cui abbiamo condiviso poi tutti i passi successivi e i risultati conseguenti. Abbiamo avviato il progetto con gli studenti e gli insegnanti dell’Istituto per il Turismo G.M. Sforza di Palagianello, durante le fasi di studio del territorio abbiamo visitato tutti i potenziali luoghi dell’ecomuseo e quindi tracciato un ipotetico percorso studiandone tutti gli elementi. La collaborazione da parte delle istituzioni, dei proprietari delle masserie e dei cittadini è stata fantastica così come l’integrazione del progetto nella proposta del Museo del Territorio attraverso la collaborazione con l‘Urban Lab e la biblioteca comunale per reperire tutti i materiali e le piante  storiche. Insomma tutta Palagianello è diventata un laboratorio progettuale, e questo grazie a un impianto fotovoltaico…

D) Qual è la chiave di lettura di questo percorso?

R) La valorizzazione della tradizione rurale viva grazie all’attività di alcune delle masserie storiche che oggi si integra con la produzione di energia pulita. Tra le 18 masserie presenti ne abbiamo identificate alcune come itinerario di partenza. Con gli studenti abbiamo tracciato una mappa in cui viene evidenziata l’offerta di ciascuna masseria e il grado di accoglienza che può offrire al potenziale turista. È stata insieme una scoperta del territorio e al contempo una valorizzazione dello stesso attraverso un progetto di proposta turistica che sicuramente verrà a breve offerta agli italiani amanti della buona tavola, della natura, della storia, della tradizione e dell’energia pulita. Itinerari turistici differenziati, percorribili a piedi, in bicicletta o a cavallo uniranno tra loro le strutture di produzione agricola menzionate negli antichi catasti e nei documenti della storia locale. Il primo di questi mette in collegamento tra loro le masserie di Serrapizzuta, Mangiaricotta, Santa Colombina (ora Masseria La Gravina), Santa Colomba e Parco di Stalla, a nord del territorio comunale. Dalla piazza principale attraversa il ponte della vecchia ferrovia e si snoda attraverso frammenti di tratturi e strade interpoderali con scorci suggestivi sulle Gravine, la vista dei campi con i muretti a secco, i pozzi interrati, gli jazzi per il ricovero del bestiame, le serre e i magazzini per la conservazione e lo stoccaggio del prodotto. Un itinerario che riunisce luoghi significativi per la storia locale, in quanto sorti su insediamenti rurali attestati già dal IV-III sec. a. C e teatro di eventi legati sia al brigantaggio che ai moti patriottici.

Benedetta Musso

 


Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

maggio 5, 2017

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

ANARF (Associazione Nazionale delle Attività Regionali Forestali), presieduta da Alberto Negro, Direttore di Veneto Agricoltura, e FederForeste, con a capo il trentino Gabriele Calliari, hanno siglato nei giorni scorsi a Mestre, presso la sede di Coldiretti Veneto, un protocollo per la gestione del patrimonio forestale improntato, tra l’altro, al dialogo tra realtà pubbliche e private. [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende