Home » Aziende »Eventi »Pratiche » Klimahouse verso il decimo compleanno. Da Bolzano alla Toscana:

Klimahouse verso il decimo compleanno. Da Bolzano alla Toscana

marzo 31, 2014 Aziende, Eventi, Pratiche

Mentre si è appena chiusa Klimahouse Toscana e il format Klimahouse si avvia ufficialmente verso il decimo compleanno (anche se l’edizione numero zero si svolse già nel 2005) – si possono iniziare a fare i primi bilanci. Tirare le somme di un decennio in cui, vuoi per la crisi e l’aumento dei prezzi dell’energia, vuoi per la crescente sensibilità delle istituzioni, europee prima che nazionali,l’efficienza energetica è diventata un tema di grande attualità. Eppure, nel 2005, quanti cittadini ne avevano sentito parlare?

La storia di questa fiera, iniziata a Bolzano da un’intuizione, è proseguita prima con la crescita dell’evento altoatesino e poi con la creazione delle edizioni itineranti: Roma, Bastia Umbra, Bari e quest’anno anche a Firenze. Una storia che si mescola alla nascita, nel 2002, della certificazione Casa Clima: “Ha avuto un grande riscontro a livello scientifico e delle associazioni di categoria nel Nord Italia. Un polo fieristico deve guardarsi intorno, osservare il mercato: lì capimmo che sul tema dell’efficienza energetica c’era terreno fertile”, racconta oggi  il direttore di Fiera Bolzano Reinhold Marsoner. “Klimahouse è nata con l’idea di importare dal Nord Europa laconsapevolezza in edilizia”, aggiunge il vicepresidente Arrigo Simoni. In Austria e in Germania, infatti, dice Marsoner, “l’attenzione all’efficienza energetica era già diffusa dagli anni Ottanta”. Così, tra il 2003 e il 2004 si inizia a progettare una fiera sull’argomento, si fanno incontri con gli imprenditori e le associazioni, e nel 2005 Klimahouse si tiene per la prima volta nell’ambito di Bauschau, fiera generale per l’edilizia. “Andò così bene che decidemmo di chiudere la fiera sulle costruzioni e puntare su Klimahouse. Non fu una decisione semplice, perché allora il settore delle costruzioni tirava, ma capimmo che il futuro andava verso il risparmio energetico”.

La fiera cresce costantemente: “Se nel 2006 c’erano 250 espositori, oggi siamo arrivati a 430. Non potendo espandere la fiera più di così, abbiamo creato altri eventi espositivi intineranti. A Bolzano l’80% dei visitatori arriva da un raggio di 300 chilometri: il nostro obiettivo era quindi andare al di là di quest’area”.  La Toscana è stata una piacevole sorpresa: “Prima di definire una sede, incontriamo associazioni e istituzioni del settore per avere garanzia della loro partecipazione attiva. Qui hanno lavorato con noi 20 soggetti, segno che il messaggio Klimahouse era già arrivato. Abbiamo trovato le porte spalancate per quello che avevamo da dire”.

L’edizione fiorentina ha registrato infatti il tutto esaurito con 158 aziende e una lista d’attesa di altre 50. Espositori provenienti per il 31% dalla Toscana, il14% dall’estero, il 18% dal Trentino Alto Adige e il restante 37% da altre zone d’Italia. Proprio in questi giorni, del resto, la Regione ha lanciato una campagna per l’efficienza energetica, mettendo a disposizione un elenco di professionisti disponibili a offrire consulenze gratuite su come ridurre i consumi della propria abitazione.

“Klimahouse darà slancio all’efficienza energetica nel centro Italia. La Toscana è una delle regioni più attive nel campo dellabioedilizia”, riflette Simoni. Dunque, il prossimo anno è possibile che Klimahouse faccia di nuovo tappa a Firenze. Allo stesso tempo, continua Marsoner, “stiamo valutando altre nuove sedi”. Saranno probabilmente in città di media grandezza, considerate preferibili rispetto alla Capitale, in grado di attrarre in fiera anche cittadini comuni oltre a tecnici e aziende, in aree dove c’è una sensibilità verso il risparmio energetico. Un format che ha unito i prodotti e le aziende alla formazione, con convegni e visite guidate, in grado di rispondere alla domanda del mercato e dare impulso all’economia. “Alle nostre fiere si presentano sempre più spesso non solo tecnici, ma anche cittadini che vogliono costruire la propria casa insieme al progettista, per individuare le migliori soluzioni di risparmio energetico”, continua Simoni. Così, le aziende che si muovono nel settore dell’efficienza si promuovono, e cittadini e tecnici si aggiornano e imparano un  nuovo modo di guardare alla progettazione, con attenzione anche all’involucro. Il contesto ha fatto il resto: “Il costo di gas e petrolio è aumentato a dismisura, spingendo le persone a cercare delle alternative, tra le quali c’è anche l’efficienza. L’Unione europea con le sue prescrizioni, e anche le amministrazioni locali spingono perché si cambi rotta. Il contesto aiuta. Se poi hai un evento in cui riesci a condensare tutto questo, le persone vengono”.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende