Home » Aziende »Eventi »Pratiche » Klimahouse verso il decimo compleanno. Da Bolzano alla Toscana:

Klimahouse verso il decimo compleanno. Da Bolzano alla Toscana

marzo 31, 2014 Aziende, Eventi, Pratiche

Mentre si è appena chiusa Klimahouse Toscana e il format Klimahouse si avvia ufficialmente verso il decimo compleanno (anche se l’edizione numero zero si svolse già nel 2005) – si possono iniziare a fare i primi bilanci. Tirare le somme di un decennio in cui, vuoi per la crisi e l’aumento dei prezzi dell’energia, vuoi per la crescente sensibilità delle istituzioni, europee prima che nazionali,l’efficienza energetica è diventata un tema di grande attualità. Eppure, nel 2005, quanti cittadini ne avevano sentito parlare?

La storia di questa fiera, iniziata a Bolzano da un’intuizione, è proseguita prima con la crescita dell’evento altoatesino e poi con la creazione delle edizioni itineranti: Roma, Bastia Umbra, Bari e quest’anno anche a Firenze. Una storia che si mescola alla nascita, nel 2002, della certificazione Casa Clima: “Ha avuto un grande riscontro a livello scientifico e delle associazioni di categoria nel Nord Italia. Un polo fieristico deve guardarsi intorno, osservare il mercato: lì capimmo che sul tema dell’efficienza energetica c’era terreno fertile”, racconta oggi  il direttore di Fiera Bolzano Reinhold Marsoner. “Klimahouse è nata con l’idea di importare dal Nord Europa laconsapevolezza in edilizia”, aggiunge il vicepresidente Arrigo Simoni. In Austria e in Germania, infatti, dice Marsoner, “l’attenzione all’efficienza energetica era già diffusa dagli anni Ottanta”. Così, tra il 2003 e il 2004 si inizia a progettare una fiera sull’argomento, si fanno incontri con gli imprenditori e le associazioni, e nel 2005 Klimahouse si tiene per la prima volta nell’ambito di Bauschau, fiera generale per l’edilizia. “Andò così bene che decidemmo di chiudere la fiera sulle costruzioni e puntare su Klimahouse. Non fu una decisione semplice, perché allora il settore delle costruzioni tirava, ma capimmo che il futuro andava verso il risparmio energetico”.

La fiera cresce costantemente: “Se nel 2006 c’erano 250 espositori, oggi siamo arrivati a 430. Non potendo espandere la fiera più di così, abbiamo creato altri eventi espositivi intineranti. A Bolzano l’80% dei visitatori arriva da un raggio di 300 chilometri: il nostro obiettivo era quindi andare al di là di quest’area”.  La Toscana è stata una piacevole sorpresa: “Prima di definire una sede, incontriamo associazioni e istituzioni del settore per avere garanzia della loro partecipazione attiva. Qui hanno lavorato con noi 20 soggetti, segno che il messaggio Klimahouse era già arrivato. Abbiamo trovato le porte spalancate per quello che avevamo da dire”.

L’edizione fiorentina ha registrato infatti il tutto esaurito con 158 aziende e una lista d’attesa di altre 50. Espositori provenienti per il 31% dalla Toscana, il14% dall’estero, il 18% dal Trentino Alto Adige e il restante 37% da altre zone d’Italia. Proprio in questi giorni, del resto, la Regione ha lanciato una campagna per l’efficienza energetica, mettendo a disposizione un elenco di professionisti disponibili a offrire consulenze gratuite su come ridurre i consumi della propria abitazione.

“Klimahouse darà slancio all’efficienza energetica nel centro Italia. La Toscana è una delle regioni più attive nel campo dellabioedilizia”, riflette Simoni. Dunque, il prossimo anno è possibile che Klimahouse faccia di nuovo tappa a Firenze. Allo stesso tempo, continua Marsoner, “stiamo valutando altre nuove sedi”. Saranno probabilmente in città di media grandezza, considerate preferibili rispetto alla Capitale, in grado di attrarre in fiera anche cittadini comuni oltre a tecnici e aziende, in aree dove c’è una sensibilità verso il risparmio energetico. Un format che ha unito i prodotti e le aziende alla formazione, con convegni e visite guidate, in grado di rispondere alla domanda del mercato e dare impulso all’economia. “Alle nostre fiere si presentano sempre più spesso non solo tecnici, ma anche cittadini che vogliono costruire la propria casa insieme al progettista, per individuare le migliori soluzioni di risparmio energetico”, continua Simoni. Così, le aziende che si muovono nel settore dell’efficienza si promuovono, e cittadini e tecnici si aggiornano e imparano un  nuovo modo di guardare alla progettazione, con attenzione anche all’involucro. Il contesto ha fatto il resto: “Il costo di gas e petrolio è aumentato a dismisura, spingendo le persone a cercare delle alternative, tra le quali c’è anche l’efficienza. L’Unione europea con le sue prescrizioni, e anche le amministrazioni locali spingono perché si cambi rotta. Il contesto aiuta. Se poi hai un evento in cui riesci a condensare tutto questo, le persone vengono”.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende