Home » Aziende »Internazionali »Politiche »Pratiche » La Cina alla guerra all’inquinamento, un business che parla anche italiano:

La Cina alla guerra all’inquinamento, un business che parla anche italiano

Cina chiama mondo. E l’Italia si attrezza per rispondere. Le condizioni ambientali del colosso asiatico sono disastrose, servono tecnologie per gestire e ridurre l’inquinamento. E anche le aziende del nostro Paese vogliono fare leva sulla situazione cinese per avviare un nuovo business, o comunque per dare un rinnovato vigore ai propri investimenti all’interno di una delle economie più dinamiche del momento. Perché per crescere in questo modo il sistema-Cina ha letteralmente affossato la propria qualità della vita, ma le aziende italiane sono più pronte che mai a fare la loro parte.

A individuare in quest’area un’importante risorsa economica è innanzitutto Cesare Romiti, presidente della Fondazione Italia Cina. “Il nostro Centro Studi ha rilevato che quello ambientale continuerà a rappresentare un settore particolarmente ricco di opportunità per le nostre imprese. Il Dodicesimo Piano quinquennale prevede infatti che il governo cinese arrivi a investire in infrastrutture ambientali fino a tre miliardi di yuan nei prossimi cinque anni, il doppio rispetto al precedente piano“.  Proprio la Fondazione presieduta da Romiti ha presentato un rapporto annuale che elenca le prospettive per le nostre aziende, anticipando quelle che potrebbero essere le intenzioni di investimento per l’anno in corso da parte di questo Paese che non può più permettersi di rinviare l’inizio di una guerra senza quartiere contro la piaga dell’inquinamento.

I numeri previsti sono promettenti. Si suppone, infatti, che nell’anno in corso il fatturato cinese per la costruzione di impianti per la tutela ambientale sarà di oltre 250 miliardi di yuan (+ 21,5% rispetto al 2013), di 37,9 miliardi (+23,8%) per il trattamento e la rigenerazione delle acque reflue e di 386,04 miliardi (+13,2%) per il trattamento e il riciclo dei rifiuti. Il fatto è che oggi il “gigante giallo” spende il 9% del proprio Pil per far fronte a urgenze come il trattamento delle acque (compreso quello delle acque reflue), la riduzione delle emissioni di gas nell’aria e lo smaltimento dei rifiuti solidi. Ecco, forse, il perché di tanto interesse: le questioni ambientali sono anche economiche.

Seppure poi sia un tema meno trattato da media e analisti, l’inquinamento delle acque rappresenta per la Cina un problema ancora più rilevante rispetto a quello dell’aria. Il 40% dei corsi d’acqua cinesi è seriamente contaminato, e il 20% raggiunge un livello d’inquinamento tale da rendere l’acqua tossica e inadatta al contatto umano. La colpa, ovviamente, è della forte industrializzazione. La reazione del governo locale è stata quella di innalzare gli standard ambientali a cui gli impianti industriali devono uniformarsi, e di investire ingenti somme di denaro in impianti di trattamento e di purificazione delle acque. Ed ecco la prima opportunità per gli investitori stranieri: la fornitura di attrezzature e di prodotti ad hoc. Un esempio? I cinesi vedono di buon occhio l’utilizzo delle membrane, sia per la dissalazione dell’acqua marina (per far fronte al problema dell’inefficienza idrica) sia per il riciclo delle acque industriali. Prioritaria anche la costruzione di una nuova rete di condutture, sia per le grandi città sia per le aree rurali. Le nostre imprese possono mettere a disposizione le loro tecnologie e il loro know-how al fine di ammodernare e di sostituire gli impianti esistenti, offrendo una gamma di servizi che va dalla progettazione alla fornitura delle attrezzature.

Sotto il profilo dell’inquinamento dell’aria, nel 2013 la Cina ha aggravato la propria situazione. Le emissioni delle centrali termiche e i gas di scarico delle auto hanno trasformato il biossido di zolfo e l’ossido di azoto nei grandi nemici da battere, e ora, nei piani delle autorità cinesi c’è l’obiettivo di ridurli rispettivamente dell’8 e del 10% entro il 2015 (in confronto ai valori del 2010). Le principali opportunità per le imprese straniere riguardano, anche in questo caso, la fornitura di attrezzature e di prodotti specifici, in quanto il rigido regime di controllo delle emissioni richiede il supporto di una tecnologia avanzata. Una buona occasione anche per chi produce purificatori d’aria e impianti di condizionamento, business che sta crescendo a vista d’occhio.

Infine i rifiuti solidi. Dopo aver raggiunto la prima posizione al mondo in termini di volume totale, con una crescita tra le più alte del pianeta (+11% ogni anno), il governo cinese sembra seriamente intenzionato a investire sulla raccolta differenziata  e sul riciclo. L’obiettivo? Un’impennata del 72% del riutilizzo dei rifiuti solidi industriali entro il 2015. Ma mancano mezzi e strutture adeguate, situazione che rende difficoltoso anche lo stesso reperimento dei rifiuti. Non a caso vi è una domanda di tecnologie avanzate per il trattamento degli stessi, così come di soluzioni per la raccolta, lo smistamento e il riciclo. Gli investitori privati possono trovare terreno fertile anche sul fronte dell’inquinamento del suolo, minato dalla presenza di arsenico e di altri metalli pesanti derivanti da miniere e fabbriche. L’importante, a detta di Guido Giacconi, presidente della società di consulenza energetica In3act, è “evitare un approccio da fiera, non aspettare che qualcuno venga a comprare le nostre verdure, e fare in modo di avere un atteggiamento molto strutturato. Scarsa pianificazione corrisponde a scarso successo”.

Simone Celli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

febbraio 1, 2018

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

Una nuova ricerca resa nota da Schneider Electric, leader mondiale dell’automazione e trasformazione digitale dell’energia, rivela che benché la gran parte delle grandi aziende si sentano pronte per affrontare un futuro decentralizzato, decarbonizzato e digitalizzato, molte, in realtà, non stanno ancora prendendo le necessarie misure per integrare e fare evolvere i loro programmi energetici e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende