Home » Non-Profit »Pratiche » “La differenziata? Me l’ha insegnata mio nonno”. Il valore degli anziani per la green economy:

“La differenziata? Me l’ha insegnata mio nonno”. Il valore degli anziani per la green economy

giugno 30, 2015 Non-Profit, Pratiche

Non possiamo sapere se è il risultato di abitudini “d’altri tempi” o se è davvero meticolosa sensibilità, fatto sta che pare siano i nonni e le nonne i più green della famiglia. È quello che emerge da una ricerca realizzata dall’associazione di psicologi “Donne e Qualità della Vita” su 500 famiglie di tutta Italia e quanto confermato anche dal consorzio per il recupero e lo smaltimento di apparecchiature di illuminazione Ecolamp che, come altri enti di settore, proprio ai più anziani rivolge la maggior parte delle campagne di sensibilizzazione, poiché “estremamente importanti per aumentare la sensibilità nei nuclei familiari. Danno un contributo decisivo nella raccolta separata e sono fautori delle buone pratiche ambientali in famiglia”.

Qualche esempio? Le percentuali di risparmio energetico salgono vertiginosamente nelle famiglie in cui vive almeno un nonno (35%), stimata al 15% se i nonni non vivono in casa ma si prendono cura dei nipoti stando a casa loro nel doposcuola, che è comunque il doppio rispetto al risparmio (7%) delle famiglie in cui il lavoro di cura è delegato a tate e colf.

Le “vecchie abitudini” metabolizzate dai più anziani sono assolutamente vincenti nella raccolta differenziata, con tanto di fondo di caffè nei vasi delle piante, e risparmio dell’acqua, visto che i nonni bevono solitamente acqua dal rubinetto e non in bottiglia, e che le nonne (sulla parità purtroppo c’è ancora strada da fare) lavano i piatti tenendo una pentola piena di acqua insaponata e chiudono con il tappo il lavandino per immergere i piatti sporchi evitando di far scorrere l’acqua inutilmente. Il 70% degli intervistati lava casa, bagni, pavimenti e panni sporchi usando prodotti naturali come aceto, limone, sale e bicarbonato, e tendenzialmente fanno la spesa con il carrello o trolley, più comodo per il problema del sollevamento pesi e che riduce l’utilizzo di sacchetti di plastica.

Anche sulla mobilità gli anziani sono esemplari, con l’utilizzo di mezzi di trasporto pubblici nel 45% dei casi e un basso consumo di carburante, per velocità limitata e brevi distanze, nel 66%. Con i bambini i nonni abbandonano videogiochi e tablet, dando spazio ai giochi all’aria aperta, alle carte e ai disegni: passatempo creativi ed educativi, oltre che più sostenibili.

Il pregio degli over 65 non passa inosservato alle pubbliche amministrazioni, che negli ultimi tempi hanno elaborato i progetti a favore degli anziani in chiave rigorosamente verde. Un articolo de L’Espresso dello scorso 16 marzo ha raccolto alcuni dei progetti migliori dello stivale, come quello del Parco Nord di Milano che ha riservato 12 orti per gli anziani nelle zone più facilmente accessibili (per richiedere l’affidamento di un fazzoletto di terra è sufficiente recarsi al Consorzio del Parco e compilare il modulo di domanda di assegnazione). Orti e giardini terapeutici curati da pazienti geratrici sono in progettazione anche all’interno degli ospedali San Carlo Borromeo di Milano, Gagliera di Genova, San Paolo di Milano, all’ospedale di Melzo e al Sarzana di La Spezia; a Foggia i giardini della casa di cura cittadini sono invece curati dagli ospiti e a Ventimiglia Alta, nell’ex convento di Sant’Antonio Abate, gli anziani hanno riqualificato l’area esterna per la realizzazione di orti sociali per attività di pollice verde con anziani e bambini.

Ovviamente, secondo i dati della ricerca, non sono tutti da podio i nonni italiani, ma si distinguono per una maggiore sensibilità i lombardi, seguiti da toscani, emiliani, veneti e piemontesi. Dopo umbri e trentini, le ultime posizioni sono occupate da pugliesi, siciliani e calabresi.

Alfonsa Sabatino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende