Home » Non-Profit »Pratiche » “La differenziata? Me l’ha insegnata mio nonno”. Il valore degli anziani per la green economy:

“La differenziata? Me l’ha insegnata mio nonno”. Il valore degli anziani per la green economy

giugno 30, 2015 Non-Profit, Pratiche

Non possiamo sapere se è il risultato di abitudini “d’altri tempi” o se è davvero meticolosa sensibilità, fatto sta che pare siano i nonni e le nonne i più green della famiglia. È quello che emerge da una ricerca realizzata dall’associazione di psicologi “Donne e Qualità della Vita” su 500 famiglie di tutta Italia e quanto confermato anche dal consorzio per il recupero e lo smaltimento di apparecchiature di illuminazione Ecolamp che, come altri enti di settore, proprio ai più anziani rivolge la maggior parte delle campagne di sensibilizzazione, poiché “estremamente importanti per aumentare la sensibilità nei nuclei familiari. Danno un contributo decisivo nella raccolta separata e sono fautori delle buone pratiche ambientali in famiglia”.

Qualche esempio? Le percentuali di risparmio energetico salgono vertiginosamente nelle famiglie in cui vive almeno un nonno (35%), stimata al 15% se i nonni non vivono in casa ma si prendono cura dei nipoti stando a casa loro nel doposcuola, che è comunque il doppio rispetto al risparmio (7%) delle famiglie in cui il lavoro di cura è delegato a tate e colf.

Le “vecchie abitudini” metabolizzate dai più anziani sono assolutamente vincenti nella raccolta differenziata, con tanto di fondo di caffè nei vasi delle piante, e risparmio dell’acqua, visto che i nonni bevono solitamente acqua dal rubinetto e non in bottiglia, e che le nonne (sulla parità purtroppo c’è ancora strada da fare) lavano i piatti tenendo una pentola piena di acqua insaponata e chiudono con il tappo il lavandino per immergere i piatti sporchi evitando di far scorrere l’acqua inutilmente. Il 70% degli intervistati lava casa, bagni, pavimenti e panni sporchi usando prodotti naturali come aceto, limone, sale e bicarbonato, e tendenzialmente fanno la spesa con il carrello o trolley, più comodo per il problema del sollevamento pesi e che riduce l’utilizzo di sacchetti di plastica.

Anche sulla mobilità gli anziani sono esemplari, con l’utilizzo di mezzi di trasporto pubblici nel 45% dei casi e un basso consumo di carburante, per velocità limitata e brevi distanze, nel 66%. Con i bambini i nonni abbandonano videogiochi e tablet, dando spazio ai giochi all’aria aperta, alle carte e ai disegni: passatempo creativi ed educativi, oltre che più sostenibili.

Il pregio degli over 65 non passa inosservato alle pubbliche amministrazioni, che negli ultimi tempi hanno elaborato i progetti a favore degli anziani in chiave rigorosamente verde. Un articolo de L’Espresso dello scorso 16 marzo ha raccolto alcuni dei progetti migliori dello stivale, come quello del Parco Nord di Milano che ha riservato 12 orti per gli anziani nelle zone più facilmente accessibili (per richiedere l’affidamento di un fazzoletto di terra è sufficiente recarsi al Consorzio del Parco e compilare il modulo di domanda di assegnazione). Orti e giardini terapeutici curati da pazienti geratrici sono in progettazione anche all’interno degli ospedali San Carlo Borromeo di Milano, Gagliera di Genova, San Paolo di Milano, all’ospedale di Melzo e al Sarzana di La Spezia; a Foggia i giardini della casa di cura cittadini sono invece curati dagli ospiti e a Ventimiglia Alta, nell’ex convento di Sant’Antonio Abate, gli anziani hanno riqualificato l’area esterna per la realizzazione di orti sociali per attività di pollice verde con anziani e bambini.

Ovviamente, secondo i dati della ricerca, non sono tutti da podio i nonni italiani, ma si distinguono per una maggiore sensibilità i lombardi, seguiti da toscani, emiliani, veneti e piemontesi. Dopo umbri e trentini, le ultime posizioni sono occupate da pugliesi, siciliani e calabresi.

Alfonsa Sabatino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

giugno 20, 2018

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

Come dare nuova vita agli spazi dismessi delle città? Come riempire i vuoti urbani non solo attraverso una riqualificazione fisica ma anche culturale, sociale e ambientale? Quale futuro collettivo immaginare per le aree abbandonate? Come creare rete tra istituzioni e associazioni cittadine per intervenire in modo partecipato nei processi di riattivazione degli immobili inutilizzati, come [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende