Home » Aziende »Eventi »Pratiche »Pubblica Amministrazione » Bologna: l’agricoltura va in città:

Bologna: l’agricoltura va in città

Promuovere la cultura della ruralità e salvaguardare i suoli agricoli: questo il comune denominatore delle esperienze presentate a Bologna con “L’ agricoltura va in città. Tra orti, mercati e parchi-campagna“, una mostra itinerante e due incontri su parchi, agricoltura e fruizione degli spazi.

L’inurbamento ha comportato una rottura violenta del rapporto tra città e campagna. Ormai, con le seconde e terze generazioni di cittadini, si è perso il patrimonio di conoscenze e connessioni tra ambiente urbano e ambiente rurale”. Per Maria Luisa Bargossi, del servizio Territorio rurale dell’ Assessorato Agricoltura della Regione Emilia-Romagna, recuperare la relazione con la campagna significa “rileggere il problema del tempo e del rapporto tra spazio costruito e aree coltivate: sottrarre la banalizzazione del paesaggio rurale all’espansione a macchia d’olio dell’urbanizzato, oggi non più così “urbano”, accogliente”. La figura dell’agricoltore, fa notare Bargossi, è oggi destinataria di funzioni nuove: veicolo di nuovi ragionamenti in grado di orientare ai consumi, elemento capace di tramandare valori antichi con la capacità critica moderna.

Fattorie didattiche per le scuole, iniziative come “Cantine aperte“, i mercati contadini di vendita diretta, il recupero di fabbricati rurali come agriturismi sono alcune tra le numerose realtà emiliane che cercano di ripristinare la relazione tra civiltà contadina e urbana, recuperando così anche un quadro di relazioni sociali. “La nostra esperienza di orto condiviso e periurbano, raggiungibile in autobus, ha creato anche una “piazza” per i frequentatori del parco, un luogo dove incontrarsi” racconta Silvano Cristiani, che con la Cooperativa Biodiversi gestisce dal 2007, a seguito di un bando del comune di Casalecchio di Reno, il Parco della Chiusa (ex parco Talon). “Con il Progetto OrTalon abbiamo reintrodotto l’agricoltura nel parco, scegliendo la biodinamica a basso impatto per l’ettaro a nostra disposizione. E’ nato come un hobby per una ventina di persone, ma è diventato un’occasione professionalizzante” spiega Cristiani, che con la cooperativa ha coinvolto in tre anni centoventi persone, tra corsi di agricoltura biodinamica e lavori nei campi. “La cooperativa ha assicurato continuità, perchè è tutto autogestito, ma siamo aperti all’apporto di volontari, organizzati in turni settimanali o più frequenti. I nostri agricoltori volontari hanno poi uno sconto sulla spesa al momento della raccolta dei prodotti dell’orto”.

Sul connubio tra turismo naturalistico e cultura cinematografica punta invece il Parco del Delta del Po , area protetta a cavallo di Emilia e Veneto, in cui la sola parte emiliana si estende per 54mila ettari a ridosso della costa. Gestito da un consorzio di enti locali (le province di Ravenna e Ferrara e dieci comuni) il parco si dipana tra mare, lagune, canali e due saline, tra cui quella di Cervia ancora produttiva. Un’area che nei secoli è stata fortemente antropizzata, ma che offre scorci e fauna molto suggestivi, non sfuggiti all’industria del cinema.

 ”Il Parco ottiene milioni di finanziamento dai programmi europei, ma sono risorse assorbite dalla conservazione e cura del parco stesso”, spiega Raffaella Tommasi. “Invece con il bird watching, la fotografia naturalistica e la ricerca di location cinematografiche abbiamo incrementato la conoscenza del parco e la sua fruizione”. Il Centro Documentazione Cinematografica di Comacchio, all’interno del Parco, si prepara a diventare un originale attrattore di turismo e, in prospettiva, luogo di summer school e percorsi di cineturismo: “Abbiamo catalogato sceneggiature, abiti di scena, musiche e manifesti dei numerosi film, video e documentari girati nel territorio del parco” continua Tommasi. Tra i più noti, spiccano celebri capolavori del cinema italiano del Dopoguerra, da “La donna del fiume” di Mario Soldati, trampolino di lancio di una giovane Sofia Loren raccoglitrice di anguille, a “Paisà” di Roberto Rossellini. Girato nell’area industriale di Ravenna, invece, “Il grido” di Michelangelo Antonioni (1957); in “Un ettaro di cielo” di Casadio recitava nel 1958 Marcello Mastroianni.

I paesaggi del Delta del Po, tutelati come patrimonio dell’umanità dall’Unesco, sono una realtà animata anche da itinerari enogastronomici che valorizzano le vocazioni del territorio: sagre, vendita diretta dai coltivatori ed eventi stagionali hanno per protagonisti i prodotti del parco, come asparagi, radicchio, zucche, insalate, vigneti e la risorsa ittica tipica della zona, l’anguilla.

La mostra “Il territorio come valore. Recuperare l’architettura rurale” promossa dallla Regione Emilia-Romagna con APT Servizi, è visitabile all’Urban Center di Salaborsa, a Bologna, fino al 2 luglio.

Cristina Gentile

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende