Home » Aziende »Eventi »Pratiche »Pubblica Amministrazione » Bologna: l’agricoltura va in città:

Bologna: l’agricoltura va in città

Promuovere la cultura della ruralità e salvaguardare i suoli agricoli: questo il comune denominatore delle esperienze presentate a Bologna con “L’ agricoltura va in città. Tra orti, mercati e parchi-campagna“, una mostra itinerante e due incontri su parchi, agricoltura e fruizione degli spazi.

L’inurbamento ha comportato una rottura violenta del rapporto tra città e campagna. Ormai, con le seconde e terze generazioni di cittadini, si è perso il patrimonio di conoscenze e connessioni tra ambiente urbano e ambiente rurale”. Per Maria Luisa Bargossi, del servizio Territorio rurale dell’ Assessorato Agricoltura della Regione Emilia-Romagna, recuperare la relazione con la campagna significa “rileggere il problema del tempo e del rapporto tra spazio costruito e aree coltivate: sottrarre la banalizzazione del paesaggio rurale all’espansione a macchia d’olio dell’urbanizzato, oggi non più così “urbano”, accogliente”. La figura dell’agricoltore, fa notare Bargossi, è oggi destinataria di funzioni nuove: veicolo di nuovi ragionamenti in grado di orientare ai consumi, elemento capace di tramandare valori antichi con la capacità critica moderna.

Fattorie didattiche per le scuole, iniziative come “Cantine aperte“, i mercati contadini di vendita diretta, il recupero di fabbricati rurali come agriturismi sono alcune tra le numerose realtà emiliane che cercano di ripristinare la relazione tra civiltà contadina e urbana, recuperando così anche un quadro di relazioni sociali. “La nostra esperienza di orto condiviso e periurbano, raggiungibile in autobus, ha creato anche una “piazza” per i frequentatori del parco, un luogo dove incontrarsi” racconta Silvano Cristiani, che con la Cooperativa Biodiversi gestisce dal 2007, a seguito di un bando del comune di Casalecchio di Reno, il Parco della Chiusa (ex parco Talon). “Con il Progetto OrTalon abbiamo reintrodotto l’agricoltura nel parco, scegliendo la biodinamica a basso impatto per l’ettaro a nostra disposizione. E’ nato come un hobby per una ventina di persone, ma è diventato un’occasione professionalizzante” spiega Cristiani, che con la cooperativa ha coinvolto in tre anni centoventi persone, tra corsi di agricoltura biodinamica e lavori nei campi. “La cooperativa ha assicurato continuità, perchè è tutto autogestito, ma siamo aperti all’apporto di volontari, organizzati in turni settimanali o più frequenti. I nostri agricoltori volontari hanno poi uno sconto sulla spesa al momento della raccolta dei prodotti dell’orto”.

Sul connubio tra turismo naturalistico e cultura cinematografica punta invece il Parco del Delta del Po , area protetta a cavallo di Emilia e Veneto, in cui la sola parte emiliana si estende per 54mila ettari a ridosso della costa. Gestito da un consorzio di enti locali (le province di Ravenna e Ferrara e dieci comuni) il parco si dipana tra mare, lagune, canali e due saline, tra cui quella di Cervia ancora produttiva. Un’area che nei secoli è stata fortemente antropizzata, ma che offre scorci e fauna molto suggestivi, non sfuggiti all’industria del cinema.

 ”Il Parco ottiene milioni di finanziamento dai programmi europei, ma sono risorse assorbite dalla conservazione e cura del parco stesso”, spiega Raffaella Tommasi. “Invece con il bird watching, la fotografia naturalistica e la ricerca di location cinematografiche abbiamo incrementato la conoscenza del parco e la sua fruizione”. Il Centro Documentazione Cinematografica di Comacchio, all’interno del Parco, si prepara a diventare un originale attrattore di turismo e, in prospettiva, luogo di summer school e percorsi di cineturismo: “Abbiamo catalogato sceneggiature, abiti di scena, musiche e manifesti dei numerosi film, video e documentari girati nel territorio del parco” continua Tommasi. Tra i più noti, spiccano celebri capolavori del cinema italiano del Dopoguerra, da “La donna del fiume” di Mario Soldati, trampolino di lancio di una giovane Sofia Loren raccoglitrice di anguille, a “Paisà” di Roberto Rossellini. Girato nell’area industriale di Ravenna, invece, “Il grido” di Michelangelo Antonioni (1957); in “Un ettaro di cielo” di Casadio recitava nel 1958 Marcello Mastroianni.

I paesaggi del Delta del Po, tutelati come patrimonio dell’umanità dall’Unesco, sono una realtà animata anche da itinerari enogastronomici che valorizzano le vocazioni del territorio: sagre, vendita diretta dai coltivatori ed eventi stagionali hanno per protagonisti i prodotti del parco, come asparagi, radicchio, zucche, insalate, vigneti e la risorsa ittica tipica della zona, l’anguilla.

La mostra “Il territorio come valore. Recuperare l’architettura rurale” promossa dallla Regione Emilia-Romagna con APT Servizi, è visitabile all’Urban Center di Salaborsa, a Bologna, fino al 2 luglio.

Cristina Gentile

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

dicembre 19, 2018

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

La Camera dei Deputati ha approvato a grande maggioranza, nei giorni scorsi, il testo unificato delle proposte di legge “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”, che prevede l’introduzione di un logo nazionale e il riconoscimento del ruolo ambientale dell’agricoltura biologica, oltre a quello economico-sociale [...]

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

dicembre 19, 2018

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

Reborn Ideas è la nuova start up marchigiana nata con l’obiettivo di aggregare e vendere prodotti “ecochic”, 100% Made in Italy, ispirati all’upcycling, al recycling, o realizzati con nuovi materiali ecosostenibili, grazie alla riscoperta della sapiente manualità artigianale italiana. L’upcycling, in particolare, è il processo di conversione di materie prime di scarto o prodotti dismessi [...]

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende