Home » Eventi »Internazionali »Politiche »Pratiche »Pubblica Amministrazione » Le Alpi come brand. Al ForumAlpinum si discute di valorizzazione delle aree montane:

Le Alpi come brand. Al ForumAlpinum si discute di valorizzazione delle aree montane

È ambizioso il tema dell’undicesimo ForumAlpinum, il secondo che si svolge in Italia dalla sua istituzione nel 1994. Quello che si terrà a Darfo Boario Terme, nella suggestiva Val Camonica, dal 17 al 19 settembre cercherà di mettere a fuoco strumenti e politiche per utilizzare, valorizzare e gestire dal livello locale a quello macroregionale le risorse delle Alpi, o per meglio dire la “risorsa Alpi”. Perché ciò che è chiaro agli organizzatori – Iscar (Comitato Scientifico Internazionale di Ricerca Alpina), Università della Montagna e Università degli Studi di Milano – è proprio che le Alpi vanno amministrate secondo una strategia comune, senza particolarismi da campanile. Direzione questa indicata senz’altro dall’Europa ad esempio col Programma di finanziamento Spazio Alpino 2014-2020.

Al Forum sono attese oltre 300 persone al giorno, in particolare studiosi, ricercatori (a loro sarà dedicato il premio giovedì sera), amministratori e politici. Oltre 35 appuntamenti tra workshop e seminari. Numeri che attestano la vivacità della montagna e l’interesse del forum internazionale quadriennale che ha ricevuto anche il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri.
Aperta al pubblico la cosiddetta sessione politica di giovedì intitolata “Verso una politica macroregionale delle risorse” (dalle 14 alle 16) e la successiva tavola rotonda (fino alle 18) che sarà possibile seguire anche in streaming e via twitter previo accreditamento inviando un’e-mail a corso.edolo@unimi.it. Tra i partecipanti Gianclaudio Bressa, sottosegretario di Stato alla presidenza del Consiglio dei Ministri con delega alla montagna, Enrico Borghi, presidente dell’intergruppo parlamentare per lo sviluppo della montagna, e i vertici delle regioni Piemonte e Lombardia.

«Il paradigma per cui la montagna è un territorio svantaggiato purtroppo ancora c’è e per modificare questa visione è necessario lavorare concretamente e rendere consapevoli per primi coloro che vivono in montagna delle molteplici risorse che le Alpi offrono», chiosa Anna Giorgi, presidente del Comitato Scientifico Internazionale di Ricerca Alpina (Iscar) e direttrice del Centro interdipartimentale per la Gestione sostenibile e la difesa della montagna dell’Università di Milano.

«In contesti diversi da quello italiano – continua la studiosa - le peculiarità della montagna vengono sfruttate con profitto, come nel caso della risorsa legno. Invece noi compriamo legno per manifattura ed edilizia da Svizzera e Austria, il pellet a scopo energetico dalla Slovenia o addirittura dall’Africa se prodotto da noci di cocco, mentre lasciamo le nostre foreste scarsamente gestite con le conseguenze che sappiamo, come il dissesto idrogeologico o la scarsa produttività del bosco stesso. Il concetto di “svantaggio” per le aree montane prende corpo nel momento in cui si usa come modello di sviluppo la pianura. È questo l’errore che abbiamo fatto negli ultimi quarant’anni: trasferire modelli di sviluppo di pianura in montagna. La montagna deve lavorare sulle risorse che le sono proprie, come nel caso dei prodotti agroalimentari e del latte in particolare, senza seguire processi industriali tipici della pianura».

L’ambizione del ForumAlpinum 2014 è di fornire una piattaforma al dialogo tra scienza e politica, con la partecipazione di esponenti del mondo politico provenienti da stati e regioni alpine, dell’UE e della Convenzione delle Alpi, che si confronteranno su come integrare le proprie politiche e piani d’azione in un’ottica macroregionale. Un modo per superare non solo gli ostacoli burocratici ma anche il campanilismo tra una regione e l’altra nella gestione della montagna. «Le singole valli da sole contano poco e hanno poca forza per rappresentare le proprie istanze, insieme si conta di più e si comincia ad avere potere politico per interloquire e negoziare avendo ben chiare le proprie specificità di area alpina – prosegue Giorgi – Su questo fronte l’Unione Europea sta definendo i confini della macroregione alpina, ossia di tutti quei territori interessati dall’arco alpino, e sarà proprio questo uno dei temi chiave del ForumAlpinum».

I finanziamenti europei che hanno una filosofia transnazionale, come Intereg prima e Spazio Alpino ora, costringono i territori, siano essi stati, regioni, comuni, a uscire dalla propria visione singola. Lo stesso Iscar accorpa tutte le nazioni dell’arco alpino a prescindere dai confini, promuovendo lo scambio di buone prassi e il dialogo tra ricercatori e politica cui spetta il governo dei territori. Un’impostazione che, se si riesce ad aggregare davvero, per le montagne è sicuramente pagante.

Tra gli aspetti messi in luce dai workshop i modelli di governance in materia di utilizzo sostenibile delle risorse alpine e la valorizzazione del patrimonio naturale e culturale come veicolo di sviluppo per il crescente mercato del turismo sostenibile.

Alessandra Sgarbossa

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende