Home » Eventi »Internazionali »Politiche »Pratiche »Pubblica Amministrazione » Le Alpi come brand. Al ForumAlpinum si discute di valorizzazione delle aree montane:

Le Alpi come brand. Al ForumAlpinum si discute di valorizzazione delle aree montane

È ambizioso il tema dell’undicesimo ForumAlpinum, il secondo che si svolge in Italia dalla sua istituzione nel 1994. Quello che si terrà a Darfo Boario Terme, nella suggestiva Val Camonica, dal 17 al 19 settembre cercherà di mettere a fuoco strumenti e politiche per utilizzare, valorizzare e gestire dal livello locale a quello macroregionale le risorse delle Alpi, o per meglio dire la “risorsa Alpi”. Perché ciò che è chiaro agli organizzatori – Iscar (Comitato Scientifico Internazionale di Ricerca Alpina), Università della Montagna e Università degli Studi di Milano – è proprio che le Alpi vanno amministrate secondo una strategia comune, senza particolarismi da campanile. Direzione questa indicata senz’altro dall’Europa ad esempio col Programma di finanziamento Spazio Alpino 2014-2020.

Al Forum sono attese oltre 300 persone al giorno, in particolare studiosi, ricercatori (a loro sarà dedicato il premio giovedì sera), amministratori e politici. Oltre 35 appuntamenti tra workshop e seminari. Numeri che attestano la vivacità della montagna e l’interesse del forum internazionale quadriennale che ha ricevuto anche il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri.
Aperta al pubblico la cosiddetta sessione politica di giovedì intitolata “Verso una politica macroregionale delle risorse” (dalle 14 alle 16) e la successiva tavola rotonda (fino alle 18) che sarà possibile seguire anche in streaming e via twitter previo accreditamento inviando un’e-mail a corso.edolo@unimi.it. Tra i partecipanti Gianclaudio Bressa, sottosegretario di Stato alla presidenza del Consiglio dei Ministri con delega alla montagna, Enrico Borghi, presidente dell’intergruppo parlamentare per lo sviluppo della montagna, e i vertici delle regioni Piemonte e Lombardia.

«Il paradigma per cui la montagna è un territorio svantaggiato purtroppo ancora c’è e per modificare questa visione è necessario lavorare concretamente e rendere consapevoli per primi coloro che vivono in montagna delle molteplici risorse che le Alpi offrono», chiosa Anna Giorgi, presidente del Comitato Scientifico Internazionale di Ricerca Alpina (Iscar) e direttrice del Centro interdipartimentale per la Gestione sostenibile e la difesa della montagna dell’Università di Milano.

«In contesti diversi da quello italiano – continua la studiosa - le peculiarità della montagna vengono sfruttate con profitto, come nel caso della risorsa legno. Invece noi compriamo legno per manifattura ed edilizia da Svizzera e Austria, il pellet a scopo energetico dalla Slovenia o addirittura dall’Africa se prodotto da noci di cocco, mentre lasciamo le nostre foreste scarsamente gestite con le conseguenze che sappiamo, come il dissesto idrogeologico o la scarsa produttività del bosco stesso. Il concetto di “svantaggio” per le aree montane prende corpo nel momento in cui si usa come modello di sviluppo la pianura. È questo l’errore che abbiamo fatto negli ultimi quarant’anni: trasferire modelli di sviluppo di pianura in montagna. La montagna deve lavorare sulle risorse che le sono proprie, come nel caso dei prodotti agroalimentari e del latte in particolare, senza seguire processi industriali tipici della pianura».

L’ambizione del ForumAlpinum 2014 è di fornire una piattaforma al dialogo tra scienza e politica, con la partecipazione di esponenti del mondo politico provenienti da stati e regioni alpine, dell’UE e della Convenzione delle Alpi, che si confronteranno su come integrare le proprie politiche e piani d’azione in un’ottica macroregionale. Un modo per superare non solo gli ostacoli burocratici ma anche il campanilismo tra una regione e l’altra nella gestione della montagna. «Le singole valli da sole contano poco e hanno poca forza per rappresentare le proprie istanze, insieme si conta di più e si comincia ad avere potere politico per interloquire e negoziare avendo ben chiare le proprie specificità di area alpina – prosegue Giorgi – Su questo fronte l’Unione Europea sta definendo i confini della macroregione alpina, ossia di tutti quei territori interessati dall’arco alpino, e sarà proprio questo uno dei temi chiave del ForumAlpinum».

I finanziamenti europei che hanno una filosofia transnazionale, come Intereg prima e Spazio Alpino ora, costringono i territori, siano essi stati, regioni, comuni, a uscire dalla propria visione singola. Lo stesso Iscar accorpa tutte le nazioni dell’arco alpino a prescindere dai confini, promuovendo lo scambio di buone prassi e il dialogo tra ricercatori e politica cui spetta il governo dei territori. Un’impostazione che, se si riesce ad aggregare davvero, per le montagne è sicuramente pagante.

Tra gli aspetti messi in luce dai workshop i modelli di governance in materia di utilizzo sostenibile delle risorse alpine e la valorizzazione del patrimonio naturale e culturale come veicolo di sviluppo per il crescente mercato del turismo sostenibile.

Alessandra Sgarbossa

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende