Home » Aziende »Pratiche » L’edilizia in legno alla conquista del Centro-Sud:

L’edilizia in legno alla conquista del Centro-Sud

aprile 11, 2014 Aziende, Pratiche

L’Italia del Centro-Sud si apre all’edilizia in legno. E’ un cambiamento lento, di maggiore curiosità e apertura a un materiale che in queste zone, fino a poco tempo fa, era considerato adatto solo per costruire la casetta degli attrezzi. Gli ultimi dati disponibili sulle quote di mercato dell’edilizia in legno sono del 2010, quando uno studio commissionato da Promolegno ha fotografato una situazione di forte vantaggio del Nord Italia, dove si trova il 71% delle costruzioni, ma con premesse incoraggianti al centro (22%) e al Sud e Isole (7%).

In questo scenario, la ricostruzione post-sisma in Abruzzo ha fatto da spartiacque. Qui a partire dal 2009 il legno è stato utilizzato in più del 70% delle nuove costruzioni, scelto per il suo buon comportamento in caso di terremoto e per i veloci tempi di cantiere. Un’esperienza che ha sensibilizzato molti progettisti, tecnici e imprese di costruzioni, consentendo loro di testare concretamente le qualità di un materiale fino a quel momento poco conosciuto.

E’ quello che è accaduto ad Antonio Vigilante, oggi direttore generale di Ewe Wood: “La mia famiglia opera nel settore edile da generazioni. L’idea di lasciar perdere il mattone in favore del legno l’avevo già da molti anni, ma il passaggio fondamentale è stata la ricostruzione post-sisma in Abruzzo”. Lì, accanto agli edifici tradizionali, l’azienda ha avuto modo di realizzare alcuni progetti in legno, capendone i vantaggi. “Anche in Italia, così come avviene in molti altri Paesi – spiegano da Promolegno – si è finalmente aperto il dibattito sulle molteplici potenzialità del legno. Il legno infatti “stocca” la CO2 riducendo l’effetto serra, richiede pochissima energia durante il processo di lavorazione che porta dal tronco al cosiddetto “legno ingegnerizzato” (pannelli di vario tipo, lamellare, XLAM, etc), ha notevoli proprietà isolanti dal caldo, dal freddo e dal rumore, si mimetizza perfettamente anche in contesti metropolitani, dove le facciate possono essere intonacate e affiancarsi agli edifici circostanti senza soluzione di continuità. Inoltre, costruire in legno, in un’ottica di costi generalizzata, risulta più economico: le tempistiche di cantiere si riducono, grazie a procedimenti ingegnerizzati, perché le varie componenti dell’edificio possono essere preassemblate in stabilimento e poi posate in cantiere a secco in modo rapido e da personale altamente specializzato. Il cantiere rimane aperto per pochissimi giorni e con qualunque condizione atmosferica, con notevoli risparmi sui costi di realizzazione”.

Dopo il ritorno da L’Aquila, tra la fine del 2011 e l’inizio del 2012 la famiglia Vigilante cambia strada e fonda Ewe Wood: “Non è stata tanto una scelta dettata dalla crisi, ma la decisione di adottare una nuova strategia. Abbiamo capito che l’edilizia del futuro va in quella direzione, e in Abruzzo abbiamo potuto constatare che anche progettisti e privati apprezzano sempre di più le potenzialità del legno”. I tecnici di Arca, agenzia che gestisce il primo sistema di certificazione per edifici in legno creata dalla Provincia di Trento, stanno assistendo a un aumento di interesse: “L’edificio più a Sud per adesso certificato è l’auditorium di Renzo Piano a L’Aquila, ma stiamo facendo attività di sensibilizzazione e formazione anche nel Meridione, con l’obiettivo di spiegare le potenzialità del legno e dissolvere alcuni luoghi comuni”, spiega Nicola Carlin, responsabile del processo di certificazione. Ci sono la paura della scarsa resistenza al fuoco, i pregiudizi sul basso potere isolante. In realtà, spiegano da Arca, “durante l’incendio la superficie bruciata del legno protegge la struttura interna, che non collassa improvvisamente e dà modo agli occupanti di evacuare nei tempi necessari”. E anche in un clima mediterraneo, un edificio in legno è in grado di svolgere con efficacia l’attività termoisolante: “Se ben progettato e correttamente isolato, l’edificio in legno mantiene una temperatura costante in tutte le stagioni. Lavorando allo stesso tempo sull’involucro e sulla massa, si ottiene un edificio confortevole, in grado di isolare anche dal calore estivo”.

Se ancora c’è da fare sul fronte della sensibilizzazione, è cambiato però l’approccio delle persone: “Due anni fa quando parlavamo di legno le persone ci guardavano storto e non ci ascoltavano. Oggi quell’atteggiamento non c’è più: non tutti sono pronti a costruirsi una casa in legno, ma è nata la curiosità di capire”, continua Vigilante. Basta dare uno sguardo ai numeri dei partecipanti al convegno organizzato il 3 aprile scorso a Fara Sabina (Rieti) da Ewe Wood in collaborazione con Arca: circa 400 iscritti, soprattutto architetti (67%), seguiti da geometri (16%) e ingegneri (9%), provenienti per oltre la metà da Roma e provincia (55%), in larga parte dal territorio reatino (32%) e alcuni addirittura da fuori regione.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende