Home » Aziende »Pratiche » L’edilizia in legno alla conquista del Centro-Sud:

L’edilizia in legno alla conquista del Centro-Sud

aprile 11, 2014 Aziende, Pratiche

L’Italia del Centro-Sud si apre all’edilizia in legno. E’ un cambiamento lento, di maggiore curiosità e apertura a un materiale che in queste zone, fino a poco tempo fa, era considerato adatto solo per costruire la casetta degli attrezzi. Gli ultimi dati disponibili sulle quote di mercato dell’edilizia in legno sono del 2010, quando uno studio commissionato da Promolegno ha fotografato una situazione di forte vantaggio del Nord Italia, dove si trova il 71% delle costruzioni, ma con premesse incoraggianti al centro (22%) e al Sud e Isole (7%).

In questo scenario, la ricostruzione post-sisma in Abruzzo ha fatto da spartiacque. Qui a partire dal 2009 il legno è stato utilizzato in più del 70% delle nuove costruzioni, scelto per il suo buon comportamento in caso di terremoto e per i veloci tempi di cantiere. Un’esperienza che ha sensibilizzato molti progettisti, tecnici e imprese di costruzioni, consentendo loro di testare concretamente le qualità di un materiale fino a quel momento poco conosciuto.

E’ quello che è accaduto ad Antonio Vigilante, oggi direttore generale di Ewe Wood: “La mia famiglia opera nel settore edile da generazioni. L’idea di lasciar perdere il mattone in favore del legno l’avevo già da molti anni, ma il passaggio fondamentale è stata la ricostruzione post-sisma in Abruzzo”. Lì, accanto agli edifici tradizionali, l’azienda ha avuto modo di realizzare alcuni progetti in legno, capendone i vantaggi. “Anche in Italia, così come avviene in molti altri Paesi – spiegano da Promolegno – si è finalmente aperto il dibattito sulle molteplici potenzialità del legno. Il legno infatti “stocca” la CO2 riducendo l’effetto serra, richiede pochissima energia durante il processo di lavorazione che porta dal tronco al cosiddetto “legno ingegnerizzato” (pannelli di vario tipo, lamellare, XLAM, etc), ha notevoli proprietà isolanti dal caldo, dal freddo e dal rumore, si mimetizza perfettamente anche in contesti metropolitani, dove le facciate possono essere intonacate e affiancarsi agli edifici circostanti senza soluzione di continuità. Inoltre, costruire in legno, in un’ottica di costi generalizzata, risulta più economico: le tempistiche di cantiere si riducono, grazie a procedimenti ingegnerizzati, perché le varie componenti dell’edificio possono essere preassemblate in stabilimento e poi posate in cantiere a secco in modo rapido e da personale altamente specializzato. Il cantiere rimane aperto per pochissimi giorni e con qualunque condizione atmosferica, con notevoli risparmi sui costi di realizzazione”.

Dopo il ritorno da L’Aquila, tra la fine del 2011 e l’inizio del 2012 la famiglia Vigilante cambia strada e fonda Ewe Wood: “Non è stata tanto una scelta dettata dalla crisi, ma la decisione di adottare una nuova strategia. Abbiamo capito che l’edilizia del futuro va in quella direzione, e in Abruzzo abbiamo potuto constatare che anche progettisti e privati apprezzano sempre di più le potenzialità del legno”. I tecnici di Arca, agenzia che gestisce il primo sistema di certificazione per edifici in legno creata dalla Provincia di Trento, stanno assistendo a un aumento di interesse: “L’edificio più a Sud per adesso certificato è l’auditorium di Renzo Piano a L’Aquila, ma stiamo facendo attività di sensibilizzazione e formazione anche nel Meridione, con l’obiettivo di spiegare le potenzialità del legno e dissolvere alcuni luoghi comuni”, spiega Nicola Carlin, responsabile del processo di certificazione. Ci sono la paura della scarsa resistenza al fuoco, i pregiudizi sul basso potere isolante. In realtà, spiegano da Arca, “durante l’incendio la superficie bruciata del legno protegge la struttura interna, che non collassa improvvisamente e dà modo agli occupanti di evacuare nei tempi necessari”. E anche in un clima mediterraneo, un edificio in legno è in grado di svolgere con efficacia l’attività termoisolante: “Se ben progettato e correttamente isolato, l’edificio in legno mantiene una temperatura costante in tutte le stagioni. Lavorando allo stesso tempo sull’involucro e sulla massa, si ottiene un edificio confortevole, in grado di isolare anche dal calore estivo”.

Se ancora c’è da fare sul fronte della sensibilizzazione, è cambiato però l’approccio delle persone: “Due anni fa quando parlavamo di legno le persone ci guardavano storto e non ci ascoltavano. Oggi quell’atteggiamento non c’è più: non tutti sono pronti a costruirsi una casa in legno, ma è nata la curiosità di capire”, continua Vigilante. Basta dare uno sguardo ai numeri dei partecipanti al convegno organizzato il 3 aprile scorso a Fara Sabina (Rieti) da Ewe Wood in collaborazione con Arca: circa 400 iscritti, soprattutto architetti (67%), seguiti da geometri (16%) e ingegneri (9%), provenienti per oltre la metà da Roma e provincia (55%), in larga parte dal territorio reatino (32%) e alcuni addirittura da fuori regione.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende