Home » Aziende »Pratiche » Leroy Merlin: in cammino verso la sostenibilità, da Al Gore ai pioppeti PEFC:

Leroy Merlin: in cammino verso la sostenibilità, da Al Gore ai pioppeti PEFC

giugno 18, 2013 Aziende, Pratiche

Mentre si fa un gran parlare di chilometro zero, economia delle relazioni e dei piccoli produttori, e il consumo diventa pian piano più critico, la grande distribuzione ha capito, da qualche anno, che per tornare a crescere deve cambiare pelle. Dimostrarsi, nei fatti – e non solo più nel marketing – più sensibile all’impatto ambientale, sociale, etico delle proprie attività. Essere un punto di riferimento per le iniziative sul territorio, trasformare il punto vendita in un piccolo hub di relazioni, assecondare le tendenze del consumo “ecocompatibile”. Una lenta trasformazione che, negli ultimi anni, sta coinvolgendo numerose catene italiane e straniere, da Coop a Leroy Merlin.

Per il marchio francese di bricolage e oggetti per la casa e il giardino, che in questi giorni ha presentato il suo Bilancio di Sostenibilità 2012, tutto è iniziato nel 2007, quando, durante una convention internazionale, dal gruppo-madre Adeo è arrivato il cambio di passo. L’anno successivo, i dipendenti italiani di Leroy Merlin si sono visti recapitare il DVD del film “Una scomoda verità” di Al Gore, insieme a una lettera che li informava della nuova strategia.

In cinque anni sono stati avviati diversi progetti e, mentre il gruppo cresceva, si è cercato di ridurne l’impronta ambientale. Oggi il 75% dell’energia utilizzata nei punti vendita è rinnovabile, proveniente da centrali idroelettriche. Nella logistica, si cerca progressivamente di sostituire la gomma con la rotaia: “Da Genova a Rivalta (dove ha sede il deposito centrale della società, NdR) il 35% dei container è trasportato in questo modo e il 100% della merce in arrivo dal deposito di Anversa è consegnata per via intermodale (treno + camion). “ Il 51% dei trasporti logistici verso i negozi di Lazio, Campania e Puglia avviene secondo questa modalità. Grazie a tutte queste azioni siamo riusciti a ridurre la CO2 per pallet consegnato da 9 a 6,6 chili, per un risparmio totale stimato del 9%, pari a 1.350 tonnellate di anidride carbonica”, spiega il responsabile Sostenibilità Luca Pereno.

Anche dall’“eco-gestione dei rifiuti” sono arrivati risultati positivi: “In alcuni negozi, come Rimini e Rozzano, siamo arrivati al 100% di raccolta differenziata. A maggio 2013, i costi relativi alla gestione dei rifiuti sono stati il 48% in meno rispetto al 2012. In questo ambito, stiamo anche presentando all’Unione Europea, in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente, un progetto Life per la raccolta dei rifiuti pericolosi: i cittadini potrebbero conferirli a noi”. A fine anno partirà poi l’analisi della carbon footprint dei primi prodotti: “Su questo non possiamo obbligare i fornitori. Inizieremo dalle linee principali”.

E il cambio di strategia coinvolgerà sempre più da vicino anche i punti vendita: “In ognuno c’è già un green group che organizza iniziative a carattere ambientali, ospitando associazioni e stringendo legami sul territorio. Il nostro obiettivo è che, tra il 2014 e il 2017 ogni negozio arrivi ad avere un proprio progetto annuale di sostenibilità ambientale”.

Inoltre, entro la fine del 2015 tutto il legno venduto dovrà essere proveniente da foreste gestite in modo sostenibile e certificato. Un primo passo in questa direzione è l‘accordo tra Leroy Merlin e alcune associazioni di pioppicoltori della provincia di Alessandria certificati PEFC. “Da tempo cercavamo un progetto per compensare le emissioni derivanti dalla logistica. Ci avevano proposto piantagioni nei Paesi del Sud del mondo, ma questo andava contro la nostra strategia di base, che vuole azioni di sostenibilità fatti sui territori in cui ci troviamo con i punti vendita”, continua Pereno. Quest’anno, dalle piantagioni di pioppi piemontesi arriveranno circa 2.800 alberi, pari a 1.000 metri cubi di laminato. E sono in corso contatti con la Regione Lombardia per un progetto simile su un’area sulle sponde del Ticino coltivata a robinie: “Potrebbero fornire legno per gli arredi da giardino. I tempi in questo caso sarebbero lunghi, perché per adesso non c’è nessuna certificazione”. Le prossime sfide, iniziate ma ancora in corso, saranno un coinvolgimento più profondo dei dipendenti, e soprattutto dei quasi 900 fornitori: convincerli a investire sulla sostenibilità, in tempi simili, non sarà semplice. Ma se non ci prova la grande distribuzione chi altro ha la forza per farlo?

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende