Home » Aziende »Pratiche » Leroy Merlin: in cammino verso la sostenibilità, da Al Gore ai pioppeti PEFC:

Leroy Merlin: in cammino verso la sostenibilità, da Al Gore ai pioppeti PEFC

giugno 18, 2013 Aziende, Pratiche

Mentre si fa un gran parlare di chilometro zero, economia delle relazioni e dei piccoli produttori, e il consumo diventa pian piano più critico, la grande distribuzione ha capito, da qualche anno, che per tornare a crescere deve cambiare pelle. Dimostrarsi, nei fatti – e non solo più nel marketing – più sensibile all’impatto ambientale, sociale, etico delle proprie attività. Essere un punto di riferimento per le iniziative sul territorio, trasformare il punto vendita in un piccolo hub di relazioni, assecondare le tendenze del consumo “ecocompatibile”. Una lenta trasformazione che, negli ultimi anni, sta coinvolgendo numerose catene italiane e straniere, da Coop a Leroy Merlin.

Per il marchio francese di bricolage e oggetti per la casa e il giardino, che in questi giorni ha presentato il suo Bilancio di Sostenibilità 2012, tutto è iniziato nel 2007, quando, durante una convention internazionale, dal gruppo-madre Adeo è arrivato il cambio di passo. L’anno successivo, i dipendenti italiani di Leroy Merlin si sono visti recapitare il DVD del film “Una scomoda verità” di Al Gore, insieme a una lettera che li informava della nuova strategia.

In cinque anni sono stati avviati diversi progetti e, mentre il gruppo cresceva, si è cercato di ridurne l’impronta ambientale. Oggi il 75% dell’energia utilizzata nei punti vendita è rinnovabile, proveniente da centrali idroelettriche. Nella logistica, si cerca progressivamente di sostituire la gomma con la rotaia: “Da Genova a Rivalta (dove ha sede il deposito centrale della società, NdR) il 35% dei container è trasportato in questo modo e il 100% della merce in arrivo dal deposito di Anversa è consegnata per via intermodale (treno + camion). “ Il 51% dei trasporti logistici verso i negozi di Lazio, Campania e Puglia avviene secondo questa modalità. Grazie a tutte queste azioni siamo riusciti a ridurre la CO2 per pallet consegnato da 9 a 6,6 chili, per un risparmio totale stimato del 9%, pari a 1.350 tonnellate di anidride carbonica”, spiega il responsabile Sostenibilità Luca Pereno.

Anche dall’“eco-gestione dei rifiuti” sono arrivati risultati positivi: “In alcuni negozi, come Rimini e Rozzano, siamo arrivati al 100% di raccolta differenziata. A maggio 2013, i costi relativi alla gestione dei rifiuti sono stati il 48% in meno rispetto al 2012. In questo ambito, stiamo anche presentando all’Unione Europea, in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente, un progetto Life per la raccolta dei rifiuti pericolosi: i cittadini potrebbero conferirli a noi”. A fine anno partirà poi l’analisi della carbon footprint dei primi prodotti: “Su questo non possiamo obbligare i fornitori. Inizieremo dalle linee principali”.

E il cambio di strategia coinvolgerà sempre più da vicino anche i punti vendita: “In ognuno c’è già un green group che organizza iniziative a carattere ambientali, ospitando associazioni e stringendo legami sul territorio. Il nostro obiettivo è che, tra il 2014 e il 2017 ogni negozio arrivi ad avere un proprio progetto annuale di sostenibilità ambientale”.

Inoltre, entro la fine del 2015 tutto il legno venduto dovrà essere proveniente da foreste gestite in modo sostenibile e certificato. Un primo passo in questa direzione è l‘accordo tra Leroy Merlin e alcune associazioni di pioppicoltori della provincia di Alessandria certificati PEFC. “Da tempo cercavamo un progetto per compensare le emissioni derivanti dalla logistica. Ci avevano proposto piantagioni nei Paesi del Sud del mondo, ma questo andava contro la nostra strategia di base, che vuole azioni di sostenibilità fatti sui territori in cui ci troviamo con i punti vendita”, continua Pereno. Quest’anno, dalle piantagioni di pioppi piemontesi arriveranno circa 2.800 alberi, pari a 1.000 metri cubi di laminato. E sono in corso contatti con la Regione Lombardia per un progetto simile su un’area sulle sponde del Ticino coltivata a robinie: “Potrebbero fornire legno per gli arredi da giardino. I tempi in questo caso sarebbero lunghi, perché per adesso non c’è nessuna certificazione”. Le prossime sfide, iniziate ma ancora in corso, saranno un coinvolgimento più profondo dei dipendenti, e soprattutto dei quasi 900 fornitori: convincerli a investire sulla sostenibilità, in tempi simili, non sarà semplice. Ma se non ci prova la grande distribuzione chi altro ha la forza per farlo?

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende