Home » Aziende »Pratiche » Leroy Merlin: in cammino verso la sostenibilità, da Al Gore ai pioppeti PEFC:

Leroy Merlin: in cammino verso la sostenibilità, da Al Gore ai pioppeti PEFC

giugno 18, 2013 Aziende, Pratiche

Mentre si fa un gran parlare di chilometro zero, economia delle relazioni e dei piccoli produttori, e il consumo diventa pian piano più critico, la grande distribuzione ha capito, da qualche anno, che per tornare a crescere deve cambiare pelle. Dimostrarsi, nei fatti – e non solo più nel marketing – più sensibile all’impatto ambientale, sociale, etico delle proprie attività. Essere un punto di riferimento per le iniziative sul territorio, trasformare il punto vendita in un piccolo hub di relazioni, assecondare le tendenze del consumo “ecocompatibile”. Una lenta trasformazione che, negli ultimi anni, sta coinvolgendo numerose catene italiane e straniere, da Coop a Leroy Merlin.

Per il marchio francese di bricolage e oggetti per la casa e il giardino, che in questi giorni ha presentato il suo Bilancio di Sostenibilità 2012, tutto è iniziato nel 2007, quando, durante una convention internazionale, dal gruppo-madre Adeo è arrivato il cambio di passo. L’anno successivo, i dipendenti italiani di Leroy Merlin si sono visti recapitare il DVD del film “Una scomoda verità” di Al Gore, insieme a una lettera che li informava della nuova strategia.

In cinque anni sono stati avviati diversi progetti e, mentre il gruppo cresceva, si è cercato di ridurne l’impronta ambientale. Oggi il 75% dell’energia utilizzata nei punti vendita è rinnovabile, proveniente da centrali idroelettriche. Nella logistica, si cerca progressivamente di sostituire la gomma con la rotaia: “Da Genova a Rivalta (dove ha sede il deposito centrale della società, NdR) il 35% dei container è trasportato in questo modo e il 100% della merce in arrivo dal deposito di Anversa è consegnata per via intermodale (treno + camion). “ Il 51% dei trasporti logistici verso i negozi di Lazio, Campania e Puglia avviene secondo questa modalità. Grazie a tutte queste azioni siamo riusciti a ridurre la CO2 per pallet consegnato da 9 a 6,6 chili, per un risparmio totale stimato del 9%, pari a 1.350 tonnellate di anidride carbonica”, spiega il responsabile Sostenibilità Luca Pereno.

Anche dall’“eco-gestione dei rifiuti” sono arrivati risultati positivi: “In alcuni negozi, come Rimini e Rozzano, siamo arrivati al 100% di raccolta differenziata. A maggio 2013, i costi relativi alla gestione dei rifiuti sono stati il 48% in meno rispetto al 2012. In questo ambito, stiamo anche presentando all’Unione Europea, in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente, un progetto Life per la raccolta dei rifiuti pericolosi: i cittadini potrebbero conferirli a noi”. A fine anno partirà poi l’analisi della carbon footprint dei primi prodotti: “Su questo non possiamo obbligare i fornitori. Inizieremo dalle linee principali”.

E il cambio di strategia coinvolgerà sempre più da vicino anche i punti vendita: “In ognuno c’è già un green group che organizza iniziative a carattere ambientali, ospitando associazioni e stringendo legami sul territorio. Il nostro obiettivo è che, tra il 2014 e il 2017 ogni negozio arrivi ad avere un proprio progetto annuale di sostenibilità ambientale”.

Inoltre, entro la fine del 2015 tutto il legno venduto dovrà essere proveniente da foreste gestite in modo sostenibile e certificato. Un primo passo in questa direzione è l‘accordo tra Leroy Merlin e alcune associazioni di pioppicoltori della provincia di Alessandria certificati PEFC. “Da tempo cercavamo un progetto per compensare le emissioni derivanti dalla logistica. Ci avevano proposto piantagioni nei Paesi del Sud del mondo, ma questo andava contro la nostra strategia di base, che vuole azioni di sostenibilità fatti sui territori in cui ci troviamo con i punti vendita”, continua Pereno. Quest’anno, dalle piantagioni di pioppi piemontesi arriveranno circa 2.800 alberi, pari a 1.000 metri cubi di laminato. E sono in corso contatti con la Regione Lombardia per un progetto simile su un’area sulle sponde del Ticino coltivata a robinie: “Potrebbero fornire legno per gli arredi da giardino. I tempi in questo caso sarebbero lunghi, perché per adesso non c’è nessuna certificazione”. Le prossime sfide, iniziate ma ancora in corso, saranno un coinvolgimento più profondo dei dipendenti, e soprattutto dei quasi 900 fornitori: convincerli a investire sulla sostenibilità, in tempi simili, non sarà semplice. Ma se non ci prova la grande distribuzione chi altro ha la forza per farlo?

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende