Home » Aziende »Pratiche » Lo stato economico dell’agricoltura nel Rapporto INEA:

Lo stato economico dell’agricoltura nel Rapporto INEA

agosto 5, 2013 Aziende, Pratiche

Per la prima volta dal 2008, l’agricoltura mostra segnali di crisi in termini di produzione, occupazione e consumi: è questa la fotografia scattata dall’Inea nel decimo rapporto sullo stato dell’agricoltura.

È nel 2012 infatti, che si registra una caduta del 3,3% della produzione e del valore aggiunto (-4,4%), la cui flessione nell’anno passato è quasi il doppio del Pil (-2,4%). E anche se, di fatto, l’agricoltura ha assorbito meglio la recessione in atto, almeno nei primi anni, e la produzione ai prezzi di base in valore reale dal 2008 è cresciuta, questo dato è andato riducendosi dal 2011. “Anche l’agricoltura, diversamente da quanto accaduto per altri settori dell’economia, inizia a risentire di difficoltà e di alcuni problemi che hanno prodotto effetti negativi sulla crescita economica del Paese”, spiega Tiziano Zigiotto, presidente dell’Inea. “La ripercussione diretta del fenomeno – aggiunge – è inevitabilmente anche la contrazione dell’occupazione”: nel 2012 le imprese agricole in Italia sono 809.745, con una riduzione di circa 101.000 unità, l’11%, dal 2007 quando se ne registrarono 901.952, con un drastico calo delle imprese indipendenti, visto che la maggior parte di quelle familiari sono diventate inattive.

Conseguenza diretta di questo dato è stata la perdita di posti di lavoro, come spiega ancora il presidente: “La contrazione dell’occupazione registra un calo da 870.000 occupati nel 2007 a 849.000 nel 2012”.

Segnali positivi arrivano dall‘industria alimentare che, nonostante la battuta d’arresto dell’economia, registra nel 2012 un lieve miglioramento del valore aggiunto, +0,8%, con una crescita di fatturato del 2,3% rispetto all’anno precedente. Nel 2012, poi, la spesa per i consumi intermedi dell’agricoltura, inclusa la silvicoltura e la pesca, è stata pari a 25.040 milioni di euro correnti, +2,9% rispetto al 2011 dovuto all’aumento dei prezzi (+5,1%) e alla diminuzione delle quantità utilizzate (-2,1%). Ed è proprio sul fronte della domanda interna che il settore evidenzia le maggiori difficoltà. I consumi alimentari nel 2012 registrano una contrazione della spesa per generi alimentari a valori correnti dello 0,7% – 137,8 miliardi di euro – e una contrazione maggiore per il valori costanti (-3%).

“In questo contesto critico è degno di nota l’andamento del commercio internazionale, vero traino dell’economia nazionale – dice Zigiotto – . Si è evidenziato infatti un contante miglioramento della bilancia commerciale alimentare, registrato dal positivo andamento del saldo normalizzato, passato dal -15% del 2007 al -9% del 2012”. Il commercio internazionale, insomma, rappresenta la nota positiva con una crescita del 1,2% in cinque anni: a un incremento in valori correnti di soli 5,1 miliardi  di consumi alimentari interni, si contrappone una crescita di 7,3 miliardi  a prezzi correnti di esportazioni di generi alimentari. “La componente più significativa delle esportazioni agroalimentari dell’Italia è quella degli alimenti trasformati (19 miliardi di euro), seguita a distanza dalle bevande (6,2 miliardi di euro) e dal settore primario (12,3 miliardi)”, aggiunge Zigiotto che poi sottolinea come  il credito e le sofferenze bancarie abbiano messo in difficoltà le aziende.

“Il comportamento dell’agricoltura è stato meno negativo rispetto agli altri settori dell’economia nazionale e comunque concentrato nel 2012. Il tema della ripresa degli investimenti necessari a controbilanciare la fase recessiva  mostra segnali positivi in agricoltura. L’agricoltura, infatti, aumenta i propri impieghi, quindi il credito per investimenti e attività di produzione, anche se solo dell’1% circa tra il 2011 e il 2012, fatto decisamente rilevante in considerazione della forte compressione degli impiaghi registrata nel complesso dall’economia: -3,5% in un solo anno”. Non solo, anche “dal lato delle sofferenze il settore agricolo si comporta meglio. Per quanto riguarda gli investimenti, calati in maniera drastica nel 2008, si è assistito a una ripresa tra il 2009 e il 2012 ha consentito di raggiungere i livelli del 2007″, una tendenza probabilmente favorita dalla “messa a regime degli aiuti previsti dalle Politiche di sviluppo rurale”.

Bene anche la produzione di energia rinnovabile elettrica, che ha già quasi raggiunto l’obiettivo europeo 20-20-20 (circa 93TWh prodotti nel 2012 rispetto a un obiettivo per il 2020 di 100TWh) per la crescita delle installazioni, in particolare degli impianti fotovoltaici: dal 2010 l’Italia ha incrementato la capacità installata di circa 13 W raggiungendo quasi 17GW complessivi con costi significativi per la collettività – oltre 10 miliardi di euro/anno sulla bolletta energetica dei consumatori – ma anche benefici ambientali (riduzione di 18 milioni di tonnellate di Co2), occupazionali ed economici (tra cui la riduzione di importazioni di combustibili fossili per 2,5 miliardi l’anno) e di sicurezza energetica.

“Il rapporto sullo stato dell’agricoltura – conclude Zigiotto – rimarca ombre e luci di un settore che merita sempre più attenzione, perché uno dei pilastri su cui poggia la forza del Made in Italy nel mondo. L’agricoltura e il sistema alimentare infatti rappresentano un patrimonio da tutelare e promuovere”.

Marta Rossi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Mutui verdi”: tassi d’interesse più bassi per i “green building”

giugno 15, 2018

“Mutui verdi”: tassi d’interesse più bassi per i “green building”

La rete europea del World Green Building Council (WorldGBC) e le principali banche europee hanno lanciato ieri un nuovo schema pilota di mutui per l’efficienza energetica. Un segnale importante da parte degli investitori, che dimostra come “l’edilizia sostenibile” stia diventando un mercato chiave per la crescita dell’Europa. Lo schema pilota è finalizzato alla sperimentazione di [...]

“Microinquinanti emergenti”: il lato oscuro delle sostanze chimiche quotidiane

giugno 14, 2018

“Microinquinanti emergenti”: il lato oscuro delle sostanze chimiche quotidiane

Si sono conclusi con una tavola rotonda al Politecnico di Milano i due giorni di convegno promossi da Lombardy Energy Cleantech Cluster (LE2C) sul tema “Microinquinanti emergenti”, che ha visto un’ampia partecipazione di rappresentanti delle imprese, degli enti pubblici e dell’università, attirati da un tema di grande importanza, ma ancora poco noto al pubblico e poco trattato [...]

Il roadshow sulle rinnovabili di Elettricità Futura parte da Pescara

giugno 14, 2018

Il roadshow sulle rinnovabili di Elettricità Futura parte da Pescara

E’ partita da Pescara la prima tappa del roadshow “Le opportunità di sviluppo delle fonti rinnovabili nel settore elettrico – Incontri con il territorio” organizzato da Elettricità Futura. Un’occasione di confronto tra istituzioni e aziende del settore elettrico con un particolare focus sullo sviluppo delle rinnovabili e le opportunità di finanziamento. Questa prima tappa, organizzata in [...]

“The Milk System”: Legambiente premia il documentario sulle storture della produzione del latte

giugno 6, 2018

“The Milk System”: Legambiente premia il documentario sulle storture della produzione del latte

Si è conclusa ieri, nella Giornata Mondiale dell’Ambiente, la XXI edizione di Cinemambiente, il Festival internazionale di cinema e cultura ambientale organizzato a Torino dall’omonima associazione, in collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema. Legambiente, che con i propri educatori ambientali supporta Cinemambiente Junior, la sezione del Festival dedicata ai ragazzi, e che ogni anno assegna un riconoscimento [...]

PMI e cambiamenti climatici: a Torino un progetto di adattamento

giugno 5, 2018

PMI e cambiamenti climatici: a Torino un progetto di adattamento

Le città del mondo si attrezzano per affrontare i mutamenti climatici e Torino, tra le italiane, è una delle più attive nel percorso finalizzato alla predisposizione di un piano di adattamento. In particolare attraverso il progetto europeo Life DERRIS, nato tre anni fa per favorire la creazione di una partnership pubblico-privato nella definizione di una strategia [...]

Elettricità Futura e ANIE Rinnovabili: “bene la piattaforma GSE per monitorare la produzione fotovoltaica”

giugno 4, 2018

Elettricità Futura e ANIE Rinnovabili: “bene la piattaforma GSE per monitorare la produzione fotovoltaica”

La nuova Piattaforma per il monitoraggio degli impianti fotovoltaici di grande taglia rappresenta un primo passo del GSE per favorire il raggiungimento dell’obiettivo di 72 TWh di produzione fotovoltaica al 2030. Per proiettare il Paese verso la decarbonizzazione e garantire uno sviluppo che sia davvero sostenibile, sarà infatti importante non solo realizzare nuovi impianti FER, [...]

21° Cinemambiente: dall’arca di Anote al nulla di Iggy Pop

giugno 1, 2018

21° Cinemambiente: dall’arca di Anote al nulla di Iggy Pop

La 21°edizione del Festival Cinemambiente è stata inaugurata ufficialmente giovedì 31 maggio al Cinema Massimo di Torino, dove si è esibito dal vivo, in apertura, il meteorologo Luca Mercalli, nel suo ormai tradizionale appuntamento con “Il punto“, l’annuale rapporto  sullo stato del Pianeta stilato appositamente per il pubblico del Festival. Mercalli si è soffermato, in [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende