Home » Aziende »Pratiche » Lo stato economico dell’agricoltura nel Rapporto INEA:

Lo stato economico dell’agricoltura nel Rapporto INEA

agosto 5, 2013 Aziende, Pratiche

Per la prima volta dal 2008, l’agricoltura mostra segnali di crisi in termini di produzione, occupazione e consumi: è questa la fotografia scattata dall’Inea nel decimo rapporto sullo stato dell’agricoltura.

È nel 2012 infatti, che si registra una caduta del 3,3% della produzione e del valore aggiunto (-4,4%), la cui flessione nell’anno passato è quasi il doppio del Pil (-2,4%). E anche se, di fatto, l’agricoltura ha assorbito meglio la recessione in atto, almeno nei primi anni, e la produzione ai prezzi di base in valore reale dal 2008 è cresciuta, questo dato è andato riducendosi dal 2011. “Anche l’agricoltura, diversamente da quanto accaduto per altri settori dell’economia, inizia a risentire di difficoltà e di alcuni problemi che hanno prodotto effetti negativi sulla crescita economica del Paese”, spiega Tiziano Zigiotto, presidente dell’Inea. “La ripercussione diretta del fenomeno – aggiunge – è inevitabilmente anche la contrazione dell’occupazione”: nel 2012 le imprese agricole in Italia sono 809.745, con una riduzione di circa 101.000 unità, l’11%, dal 2007 quando se ne registrarono 901.952, con un drastico calo delle imprese indipendenti, visto che la maggior parte di quelle familiari sono diventate inattive.

Conseguenza diretta di questo dato è stata la perdita di posti di lavoro, come spiega ancora il presidente: “La contrazione dell’occupazione registra un calo da 870.000 occupati nel 2007 a 849.000 nel 2012”.

Segnali positivi arrivano dall‘industria alimentare che, nonostante la battuta d’arresto dell’economia, registra nel 2012 un lieve miglioramento del valore aggiunto, +0,8%, con una crescita di fatturato del 2,3% rispetto all’anno precedente. Nel 2012, poi, la spesa per i consumi intermedi dell’agricoltura, inclusa la silvicoltura e la pesca, è stata pari a 25.040 milioni di euro correnti, +2,9% rispetto al 2011 dovuto all’aumento dei prezzi (+5,1%) e alla diminuzione delle quantità utilizzate (-2,1%). Ed è proprio sul fronte della domanda interna che il settore evidenzia le maggiori difficoltà. I consumi alimentari nel 2012 registrano una contrazione della spesa per generi alimentari a valori correnti dello 0,7% – 137,8 miliardi di euro – e una contrazione maggiore per il valori costanti (-3%).

“In questo contesto critico è degno di nota l’andamento del commercio internazionale, vero traino dell’economia nazionale – dice Zigiotto – . Si è evidenziato infatti un contante miglioramento della bilancia commerciale alimentare, registrato dal positivo andamento del saldo normalizzato, passato dal -15% del 2007 al -9% del 2012”. Il commercio internazionale, insomma, rappresenta la nota positiva con una crescita del 1,2% in cinque anni: a un incremento in valori correnti di soli 5,1 miliardi  di consumi alimentari interni, si contrappone una crescita di 7,3 miliardi  a prezzi correnti di esportazioni di generi alimentari. “La componente più significativa delle esportazioni agroalimentari dell’Italia è quella degli alimenti trasformati (19 miliardi di euro), seguita a distanza dalle bevande (6,2 miliardi di euro) e dal settore primario (12,3 miliardi)”, aggiunge Zigiotto che poi sottolinea come  il credito e le sofferenze bancarie abbiano messo in difficoltà le aziende.

“Il comportamento dell’agricoltura è stato meno negativo rispetto agli altri settori dell’economia nazionale e comunque concentrato nel 2012. Il tema della ripresa degli investimenti necessari a controbilanciare la fase recessiva  mostra segnali positivi in agricoltura. L’agricoltura, infatti, aumenta i propri impieghi, quindi il credito per investimenti e attività di produzione, anche se solo dell’1% circa tra il 2011 e il 2012, fatto decisamente rilevante in considerazione della forte compressione degli impiaghi registrata nel complesso dall’economia: -3,5% in un solo anno”. Non solo, anche “dal lato delle sofferenze il settore agricolo si comporta meglio. Per quanto riguarda gli investimenti, calati in maniera drastica nel 2008, si è assistito a una ripresa tra il 2009 e il 2012 ha consentito di raggiungere i livelli del 2007″, una tendenza probabilmente favorita dalla “messa a regime degli aiuti previsti dalle Politiche di sviluppo rurale”.

Bene anche la produzione di energia rinnovabile elettrica, che ha già quasi raggiunto l’obiettivo europeo 20-20-20 (circa 93TWh prodotti nel 2012 rispetto a un obiettivo per il 2020 di 100TWh) per la crescita delle installazioni, in particolare degli impianti fotovoltaici: dal 2010 l’Italia ha incrementato la capacità installata di circa 13 W raggiungendo quasi 17GW complessivi con costi significativi per la collettività – oltre 10 miliardi di euro/anno sulla bolletta energetica dei consumatori – ma anche benefici ambientali (riduzione di 18 milioni di tonnellate di Co2), occupazionali ed economici (tra cui la riduzione di importazioni di combustibili fossili per 2,5 miliardi l’anno) e di sicurezza energetica.

“Il rapporto sullo stato dell’agricoltura – conclude Zigiotto – rimarca ombre e luci di un settore che merita sempre più attenzione, perché uno dei pilastri su cui poggia la forza del Made in Italy nel mondo. L’agricoltura e il sistema alimentare infatti rappresentano un patrimonio da tutelare e promuovere”.

Marta Rossi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

giugno 20, 2018

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

Come dare nuova vita agli spazi dismessi delle città? Come riempire i vuoti urbani non solo attraverso una riqualificazione fisica ma anche culturale, sociale e ambientale? Quale futuro collettivo immaginare per le aree abbandonate? Come creare rete tra istituzioni e associazioni cittadine per intervenire in modo partecipato nei processi di riattivazione degli immobili inutilizzati, come [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende