Home » Aziende »Pratiche » Lo stato economico dell’agricoltura nel Rapporto INEA:

Lo stato economico dell’agricoltura nel Rapporto INEA

agosto 5, 2013 Aziende, Pratiche

Per la prima volta dal 2008, l’agricoltura mostra segnali di crisi in termini di produzione, occupazione e consumi: è questa la fotografia scattata dall’Inea nel decimo rapporto sullo stato dell’agricoltura.

È nel 2012 infatti, che si registra una caduta del 3,3% della produzione e del valore aggiunto (-4,4%), la cui flessione nell’anno passato è quasi il doppio del Pil (-2,4%). E anche se, di fatto, l’agricoltura ha assorbito meglio la recessione in atto, almeno nei primi anni, e la produzione ai prezzi di base in valore reale dal 2008 è cresciuta, questo dato è andato riducendosi dal 2011. “Anche l’agricoltura, diversamente da quanto accaduto per altri settori dell’economia, inizia a risentire di difficoltà e di alcuni problemi che hanno prodotto effetti negativi sulla crescita economica del Paese”, spiega Tiziano Zigiotto, presidente dell’Inea. “La ripercussione diretta del fenomeno – aggiunge – è inevitabilmente anche la contrazione dell’occupazione”: nel 2012 le imprese agricole in Italia sono 809.745, con una riduzione di circa 101.000 unità, l’11%, dal 2007 quando se ne registrarono 901.952, con un drastico calo delle imprese indipendenti, visto che la maggior parte di quelle familiari sono diventate inattive.

Conseguenza diretta di questo dato è stata la perdita di posti di lavoro, come spiega ancora il presidente: “La contrazione dell’occupazione registra un calo da 870.000 occupati nel 2007 a 849.000 nel 2012”.

Segnali positivi arrivano dall‘industria alimentare che, nonostante la battuta d’arresto dell’economia, registra nel 2012 un lieve miglioramento del valore aggiunto, +0,8%, con una crescita di fatturato del 2,3% rispetto all’anno precedente. Nel 2012, poi, la spesa per i consumi intermedi dell’agricoltura, inclusa la silvicoltura e la pesca, è stata pari a 25.040 milioni di euro correnti, +2,9% rispetto al 2011 dovuto all’aumento dei prezzi (+5,1%) e alla diminuzione delle quantità utilizzate (-2,1%). Ed è proprio sul fronte della domanda interna che il settore evidenzia le maggiori difficoltà. I consumi alimentari nel 2012 registrano una contrazione della spesa per generi alimentari a valori correnti dello 0,7% – 137,8 miliardi di euro – e una contrazione maggiore per il valori costanti (-3%).

“In questo contesto critico è degno di nota l’andamento del commercio internazionale, vero traino dell’economia nazionale – dice Zigiotto – . Si è evidenziato infatti un contante miglioramento della bilancia commerciale alimentare, registrato dal positivo andamento del saldo normalizzato, passato dal -15% del 2007 al -9% del 2012”. Il commercio internazionale, insomma, rappresenta la nota positiva con una crescita del 1,2% in cinque anni: a un incremento in valori correnti di soli 5,1 miliardi  di consumi alimentari interni, si contrappone una crescita di 7,3 miliardi  a prezzi correnti di esportazioni di generi alimentari. “La componente più significativa delle esportazioni agroalimentari dell’Italia è quella degli alimenti trasformati (19 miliardi di euro), seguita a distanza dalle bevande (6,2 miliardi di euro) e dal settore primario (12,3 miliardi)”, aggiunge Zigiotto che poi sottolinea come  il credito e le sofferenze bancarie abbiano messo in difficoltà le aziende.

“Il comportamento dell’agricoltura è stato meno negativo rispetto agli altri settori dell’economia nazionale e comunque concentrato nel 2012. Il tema della ripresa degli investimenti necessari a controbilanciare la fase recessiva  mostra segnali positivi in agricoltura. L’agricoltura, infatti, aumenta i propri impieghi, quindi il credito per investimenti e attività di produzione, anche se solo dell’1% circa tra il 2011 e il 2012, fatto decisamente rilevante in considerazione della forte compressione degli impiaghi registrata nel complesso dall’economia: -3,5% in un solo anno”. Non solo, anche “dal lato delle sofferenze il settore agricolo si comporta meglio. Per quanto riguarda gli investimenti, calati in maniera drastica nel 2008, si è assistito a una ripresa tra il 2009 e il 2012 ha consentito di raggiungere i livelli del 2007″, una tendenza probabilmente favorita dalla “messa a regime degli aiuti previsti dalle Politiche di sviluppo rurale”.

Bene anche la produzione di energia rinnovabile elettrica, che ha già quasi raggiunto l’obiettivo europeo 20-20-20 (circa 93TWh prodotti nel 2012 rispetto a un obiettivo per il 2020 di 100TWh) per la crescita delle installazioni, in particolare degli impianti fotovoltaici: dal 2010 l’Italia ha incrementato la capacità installata di circa 13 W raggiungendo quasi 17GW complessivi con costi significativi per la collettività – oltre 10 miliardi di euro/anno sulla bolletta energetica dei consumatori – ma anche benefici ambientali (riduzione di 18 milioni di tonnellate di Co2), occupazionali ed economici (tra cui la riduzione di importazioni di combustibili fossili per 2,5 miliardi l’anno) e di sicurezza energetica.

“Il rapporto sullo stato dell’agricoltura – conclude Zigiotto – rimarca ombre e luci di un settore che merita sempre più attenzione, perché uno dei pilastri su cui poggia la forza del Made in Italy nel mondo. L’agricoltura e il sistema alimentare infatti rappresentano un patrimonio da tutelare e promuovere”.

Marta Rossi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende