Home » Aziende »Pratiche » Lo stato economico dell’agricoltura nel Rapporto INEA:

Lo stato economico dell’agricoltura nel Rapporto INEA

agosto 5, 2013 Aziende, Pratiche

Per la prima volta dal 2008, l’agricoltura mostra segnali di crisi in termini di produzione, occupazione e consumi: è questa la fotografia scattata dall’Inea nel decimo rapporto sullo stato dell’agricoltura.

È nel 2012 infatti, che si registra una caduta del 3,3% della produzione e del valore aggiunto (-4,4%), la cui flessione nell’anno passato è quasi il doppio del Pil (-2,4%). E anche se, di fatto, l’agricoltura ha assorbito meglio la recessione in atto, almeno nei primi anni, e la produzione ai prezzi di base in valore reale dal 2008 è cresciuta, questo dato è andato riducendosi dal 2011. “Anche l’agricoltura, diversamente da quanto accaduto per altri settori dell’economia, inizia a risentire di difficoltà e di alcuni problemi che hanno prodotto effetti negativi sulla crescita economica del Paese”, spiega Tiziano Zigiotto, presidente dell’Inea. “La ripercussione diretta del fenomeno – aggiunge – è inevitabilmente anche la contrazione dell’occupazione”: nel 2012 le imprese agricole in Italia sono 809.745, con una riduzione di circa 101.000 unità, l’11%, dal 2007 quando se ne registrarono 901.952, con un drastico calo delle imprese indipendenti, visto che la maggior parte di quelle familiari sono diventate inattive.

Conseguenza diretta di questo dato è stata la perdita di posti di lavoro, come spiega ancora il presidente: “La contrazione dell’occupazione registra un calo da 870.000 occupati nel 2007 a 849.000 nel 2012”.

Segnali positivi arrivano dall‘industria alimentare che, nonostante la battuta d’arresto dell’economia, registra nel 2012 un lieve miglioramento del valore aggiunto, +0,8%, con una crescita di fatturato del 2,3% rispetto all’anno precedente. Nel 2012, poi, la spesa per i consumi intermedi dell’agricoltura, inclusa la silvicoltura e la pesca, è stata pari a 25.040 milioni di euro correnti, +2,9% rispetto al 2011 dovuto all’aumento dei prezzi (+5,1%) e alla diminuzione delle quantità utilizzate (-2,1%). Ed è proprio sul fronte della domanda interna che il settore evidenzia le maggiori difficoltà. I consumi alimentari nel 2012 registrano una contrazione della spesa per generi alimentari a valori correnti dello 0,7% – 137,8 miliardi di euro – e una contrazione maggiore per il valori costanti (-3%).

“In questo contesto critico è degno di nota l’andamento del commercio internazionale, vero traino dell’economia nazionale – dice Zigiotto – . Si è evidenziato infatti un contante miglioramento della bilancia commerciale alimentare, registrato dal positivo andamento del saldo normalizzato, passato dal -15% del 2007 al -9% del 2012”. Il commercio internazionale, insomma, rappresenta la nota positiva con una crescita del 1,2% in cinque anni: a un incremento in valori correnti di soli 5,1 miliardi  di consumi alimentari interni, si contrappone una crescita di 7,3 miliardi  a prezzi correnti di esportazioni di generi alimentari. “La componente più significativa delle esportazioni agroalimentari dell’Italia è quella degli alimenti trasformati (19 miliardi di euro), seguita a distanza dalle bevande (6,2 miliardi di euro) e dal settore primario (12,3 miliardi)”, aggiunge Zigiotto che poi sottolinea come  il credito e le sofferenze bancarie abbiano messo in difficoltà le aziende.

“Il comportamento dell’agricoltura è stato meno negativo rispetto agli altri settori dell’economia nazionale e comunque concentrato nel 2012. Il tema della ripresa degli investimenti necessari a controbilanciare la fase recessiva  mostra segnali positivi in agricoltura. L’agricoltura, infatti, aumenta i propri impieghi, quindi il credito per investimenti e attività di produzione, anche se solo dell’1% circa tra il 2011 e il 2012, fatto decisamente rilevante in considerazione della forte compressione degli impiaghi registrata nel complesso dall’economia: -3,5% in un solo anno”. Non solo, anche “dal lato delle sofferenze il settore agricolo si comporta meglio. Per quanto riguarda gli investimenti, calati in maniera drastica nel 2008, si è assistito a una ripresa tra il 2009 e il 2012 ha consentito di raggiungere i livelli del 2007″, una tendenza probabilmente favorita dalla “messa a regime degli aiuti previsti dalle Politiche di sviluppo rurale”.

Bene anche la produzione di energia rinnovabile elettrica, che ha già quasi raggiunto l’obiettivo europeo 20-20-20 (circa 93TWh prodotti nel 2012 rispetto a un obiettivo per il 2020 di 100TWh) per la crescita delle installazioni, in particolare degli impianti fotovoltaici: dal 2010 l’Italia ha incrementato la capacità installata di circa 13 W raggiungendo quasi 17GW complessivi con costi significativi per la collettività – oltre 10 miliardi di euro/anno sulla bolletta energetica dei consumatori – ma anche benefici ambientali (riduzione di 18 milioni di tonnellate di Co2), occupazionali ed economici (tra cui la riduzione di importazioni di combustibili fossili per 2,5 miliardi l’anno) e di sicurezza energetica.

“Il rapporto sullo stato dell’agricoltura – conclude Zigiotto – rimarca ombre e luci di un settore che merita sempre più attenzione, perché uno dei pilastri su cui poggia la forza del Made in Italy nel mondo. L’agricoltura e il sistema alimentare infatti rappresentano un patrimonio da tutelare e promuovere”.

Marta Rossi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende