Home » Aziende »Pratiche » Lo zen e l’arte di coltivare l’orto…in azienda:

Lo zen e l’arte di coltivare l’orto…in azienda

agosto 23, 2010 Aziende, Pratiche

Un giardino aziendale, Courtesy of West Michigan BusinessLe ferie stanno per finire e per molti si avvicina il temuto distacco – fisico e psicologico – dal mare, dai monti, dai boschi e dai paradisi tropicali, per rientrare in azienda. Per rendere meno traumatico il passaggio dagli spazi naturali ai più angusti ”recinti” aziendali alcune major americane hanno perciò pensato di introdurre una novità destinata a rivoluzionare la concezione stessa del ”posto di lavoro”. Si chiama corporate garden (giardino aziendale) ed è l’ultima tendenza dei benefit aziendali in tempi di green economy (e di crisi).

Hanno iniziato Google, Toyota, PepsiCo e altri colossi multinazionali (il New York Times a maggio ne ha contati una dozzina), ma è prevedibile che presto altri seguiranno e la pratica si diffonda ben oltre gli headquarters americani.

Il concetto è semplice, ma rivoluzionario: gli ampi spazi esterni e le terrazze di cui dispongono le aziende vengono trasformati in orti metropolitani, coltivati – su iniziativa volontaria - dai dipendenti che, oltre a scaricare la tensione lavorativa e lo stress nell’attività di giardinaggio (e fare team building), ne possono portare a casa i frutti, risparmiando sulla spesa e godendo di prodotti sani e genuini. Una parte del raccolto viene invece utilizzata per rifornire le mense aziendali di prodotti sempre freschi e di stagione, migliorando l’alimentazione – che, come noto, negli Stati Uniti non è eccellente, dal punto di vista nutrizionale.

Secondo Legambiente questa tendenza potrebbe prendere piede anche da noi. “Ritengo che l’idea di realizzare dei corporate gardens sia utile, interessante e in linea con alcune politiche che le imprese mettono già in atto“, sostiene il vicepresidente dell’associazione, Sebastiano Venneri, per il quale questa esigenza è “la spia della mancanza di un aspetto naturale del vivere, che soprattutto nei contesti urbani rappresenta un handicap”.

Anche Coldiretti valuta il fenomeno positivamente, ricordando come in Italia ci siano già buone basi per l’attecchire di questa pratica. La passione per la coltivazione casalinga dell’orto coinvolgerebbe infatti nel nostro paese, secondo le stime, un giovane su quattro tra i 25 e i 34 anni, per arrivare al 50% degli uomini e delle donne over 65.

Benedetta Musso

Leggi anche: Andrea Rossi, “Orti e giardini tra i palazzi. Così Torino imiterà Parigi“, La Stampa, 19 agosto 2010

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

febbraio 21, 2019

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

Il Comitato ‘Liberi Cittadini di Certosa’ sostenuto dall’ONA (Osservatorio Nazionale Amianto) e assistito e difeso dal suo Presidente, Avv. Ezio Bonanni, ha presentato ieri mattina alla Procura della Repubblica di Genova un dettagliato esposto che fa riferimento al potenziale rischio amianto e presenza di polveri nocive in relazione al tragico crollo del ponte del 14 agosto 2018 che, oltre [...]

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

febbraio 20, 2019

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

Le infestazioni in magazzino sono uno dei problemi che più colpisce la filiera agroalimentare italiana. Dal campo alla tavola, il danno provocato durante lo stoccaggio rischia di compromettere intere produzioni. Per risolvere questa problematica l’azienda di San Marino Bioagrotech srl, specializzata nella produzione e commercializzazione di fertilizzanti e trattamenti organici per l’agricoltura biologica, ha introdotto sul [...]

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende