Home » Aziende »Pratiche » Lo zen e l’arte di coltivare l’orto…in azienda:

Lo zen e l’arte di coltivare l’orto…in azienda

agosto 23, 2010 Aziende, Pratiche

Un giardino aziendale, Courtesy of West Michigan BusinessLe ferie stanno per finire e per molti si avvicina il temuto distacco – fisico e psicologico – dal mare, dai monti, dai boschi e dai paradisi tropicali, per rientrare in azienda. Per rendere meno traumatico il passaggio dagli spazi naturali ai più angusti ”recinti” aziendali alcune major americane hanno perciò pensato di introdurre una novità destinata a rivoluzionare la concezione stessa del ”posto di lavoro”. Si chiama corporate garden (giardino aziendale) ed è l’ultima tendenza dei benefit aziendali in tempi di green economy (e di crisi).

Hanno iniziato Google, Toyota, PepsiCo e altri colossi multinazionali (il New York Times a maggio ne ha contati una dozzina), ma è prevedibile che presto altri seguiranno e la pratica si diffonda ben oltre gli headquarters americani.

Il concetto è semplice, ma rivoluzionario: gli ampi spazi esterni e le terrazze di cui dispongono le aziende vengono trasformati in orti metropolitani, coltivati – su iniziativa volontaria - dai dipendenti che, oltre a scaricare la tensione lavorativa e lo stress nell’attività di giardinaggio (e fare team building), ne possono portare a casa i frutti, risparmiando sulla spesa e godendo di prodotti sani e genuini. Una parte del raccolto viene invece utilizzata per rifornire le mense aziendali di prodotti sempre freschi e di stagione, migliorando l’alimentazione – che, come noto, negli Stati Uniti non è eccellente, dal punto di vista nutrizionale.

Secondo Legambiente questa tendenza potrebbe prendere piede anche da noi. “Ritengo che l’idea di realizzare dei corporate gardens sia utile, interessante e in linea con alcune politiche che le imprese mettono già in atto“, sostiene il vicepresidente dell’associazione, Sebastiano Venneri, per il quale questa esigenza è “la spia della mancanza di un aspetto naturale del vivere, che soprattutto nei contesti urbani rappresenta un handicap”.

Anche Coldiretti valuta il fenomeno positivamente, ricordando come in Italia ci siano già buone basi per l’attecchire di questa pratica. La passione per la coltivazione casalinga dell’orto coinvolgerebbe infatti nel nostro paese, secondo le stime, un giovane su quattro tra i 25 e i 34 anni, per arrivare al 50% degli uomini e delle donne over 65.

Benedetta Musso

Leggi anche: Andrea Rossi, “Orti e giardini tra i palazzi. Così Torino imiterà Parigi“, La Stampa, 19 agosto 2010

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende