Home » Internazionali »Non-Profit »Politiche » Presentato il Rapporto Energy[R]evolution:

Presentato il Rapporto Energy[R]evolution

ottobre 7, 2009 Internazionali, Non-Profit, Politiche

francesco tedescoGreenpeace è approdata oggi ad “Uniamo le Energie“ rappresentata da Francesco Tedesco, Responsabile Campagna Energia e Clima, per presentare il Rapporto Energy[R]evolution Italia.

Il progetto si colloca nell’ambito di un contesto ampio e ambizioso, sviluppato con EREC (European Renewable Energy Council), che mira a suggerire una strategia globale per ristrutturare il sistema energetico del pianeta.

L’escalation di pronostici allarmanti dalla comunità scientifica, comprovati da sempre più frequenti disastri ambientali, ha iniziato a smuovere l’opinione pubblica. L’Himalaya, terzo polo ghiacciato della Terra, minaccia di ridursi dell’80% entro il 2040, con il rischio di esporre ad una devastante crisi idrica un quinto della popolazione mondiale. Nel frattempo i ghiacciai dell’Artico, soggetti per natura ad una riduzione ciclica, registrano ogni anno un record negativo relativo al punto di minimo: se, come previsto, la superficie bianca lasciasse spazio all’oceano blu scuro, i raggi solari sarebbero assorbiti causando un aumento delle temperature. Così, alla vigilia della Conferenza Onu sul clima di Copenaghen, il mondo politico risponde con preoccupazione. Da Ban Ki-Moon a  Barroso e Obama il messaggio sembra essere univoco: “Bisogna agire e occorre farlo in fretta”.

La questione resta se sia possibile fermare questa escalation e, soprattutto, come.

Greenpeace sottolinea la necessità di contenere l’aumento delle temperature al di sotto dei 2°C (ad oggi l’aumento è dello 0.8°C). Occorre, in base al rapporto Energy[R]evolutions puntare ad una riduzione del 40% delle emissioni di gas serra al 2020 per arrivare alle emissioni zero nel 2050.

Il problema che simili obiettivi sollevano è se, dalla lettera dei progetti, si possa effettivamente arrivare a risultati concreti. Una rivoluzione energetica ha, infatti, costi enormi che non sempre i Paesi sono disposti, o capaci, di affrontare. Nel caso dei paesi in via di sviluppo, le spese per adeguare il sistema produttivo agli standard del protocollo di Kyoto non sono sostenibili, anche se è esattamente in queste aree che i danni di un progresso incauto lasciano maggiormente il segno. Per mettere in atto misure di adattamento occorrerebbero 110 miliardi di euro l’anno fino al 2020, ipotesi che subisce una battuta d’arresto di fronte all’offerta da parte dell’UE di 10-15 miliardi l’anno. Cifre tanto elevate assumono tuttavia una dimensione più tangibile se poste nei dovuti rapporti di paragone: considerando che l’evasione fiscale italiana si aggira attorno ai 100 miliardi annui sembra del tutto irrisoria la richiesta di 60 avanzata dal continente africano.

Questione economica a parte il rapporto Energy[R]evolution stima come traguardi possibili per l’Europa la riduzione delle emissioni di Co2 del 30% al 2020 (e dell’80% al 2050), il passaggio da 7,9 a 2 tonnellate di Co2 procapite, l’eliminazione del nucleare entro il 2040 e la progressiva diminuzione dell’utilizzo di carbone e altre fonti fossili. Perché questo sia possibile occorre necessariamente ridurre i consumi e puntare sull’efficienza energetica, che permetterebbe un risparmio del 53% dell’energia primaria. Ai costi richiesti dall’utilizzo di fonti rinnovabili risponderebbero risparmi sul medio-lungo periodo: uno sviluppo pulito libera risorse economiche, crea maggiore occupazione, libera dai rischi del nucleare e, soprattutto, svincolerebbe l’Europa dalla dipendenza energetica da altri paesi.

L’eolico e il solare fotovoltaico sono le rinnovabili più conosciute, ma la vera regina delle rinnovabili è il solare a concentrazione. In poche parole, questo sistema di specchi, veicola l’energia solare in celle e il vapore prodotto, azionando le turbine, genera energia pulita. Il sistema proposto dal nobel Carlo Rubbia, invece, prevede di sostituire gli oli usati come vettori nel modello classico con un composto salino che funge da volano termico, ovvero immagazzina il calore per poi restituirlo secondo necessità. Il fatto che Rubbia abbia portato i suoi progetti dallo stivale alla ben più lungimirante penisola Iberica, la dice lunga. Spagna e California, capofila nell’utilizzo del solare a concentrazione, sembrano averne compreso i vantaggi. Questo sistema, prescindendo dal sistema “diffuso” che caratterizza gli altri impianti di energia rinnovabile, funziona come una vera e propria centrale energetica, ma senza rischi ed emissioni nocive.

Energy[R]evolution presenta due possibili scenari di crescita. Il primo, moderato, auspica una produzione di 800 GW entro il 2050; il secondo, detto “spinto” con la produzione di 1500 GW farebbe risparmiare almeno 6 tonnellate di emissioni (pari a quelle prodotte dalla Cina in un anno). Il problema, però, deriva ancora una volta dalla concretezza di queste previsioni: mentre la Spagna e la California si muovono nella direzione giusta, paesi come l’Italia sembrano arretrare. Non solo non vengono rispettati i parametri comunitari e il Protocollo di Kyoto, ma addirittura si registra un ritorno al carbone, con relativo aumento delle emissioni.

In conclusione, una Rivoluzione energetica è possibile secondo Greenpeace - o, quantomeno, auspicabile –  ma ad oggi gli scenari di sviluppo poggiano su un fragile sistema di doppie fondamenta. I pilastri della sostenibilità aspettano di essere supportati da solide basi politiche, senza le quali non possono reggere. Il presidente Obama, nel suo discorso di apertura ha dichiarato: “non possiamo consumare le risorse del mondo senza pensare agli effetti, perché il mondo è cambiato e dobbiamo cambiare con lui.” Non resta che aspettare Copenhagen.

Ilaria Burgassi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende