Home » Aziende »Pratiche » Non solo online. Le modalità di stampa a basso impatto ambientale:

Non solo online. Le modalità di stampa a basso impatto ambientale

luglio 20, 2015 Aziende, Pratiche

Immersi in un mondo sempre più virtuale con una crescente tendenza alla dematerializzazione, grazie alle tecnologie digitali, non possiamo comunque fare a  meno degli stampati. Oggi è però possibile stampare ed usare prodotti di stampa a basso impatto ambientale.

Ridurre le emissioni di CO2 e rallentare  i consumi energetici ha infatti conquistato anche la filiera delle arti grafiche: dal packaging alla stampa. Una pratica eco-sostenibile che si traduce in realtà grazie alla misurazione delle emissioni di CO2 dell’intero processo  produttivo, il tentativo di riduzione attraverso processi e materiali e l’azione di  compensazione delle “emissioni incomprimibili”.

Uno dei punti chiave è il risparmio energetico. Il colosso tedesco Flyeralarm, una delle tipografie online leader in Europa, ha ideato, progettato e realizzato, ad esempio, il processo di stampa cumulato. Si tratta dell’impaginazione, su un unico, foglio di stampa, del maggior numero possibile di prodotti. Una tecnologia che garantisce una forte riduzione delle emissioni di CO2 rispetto alla tradizionale stampa commerciale. Per le aziende che utilizzano la sensibilità ambientale anche come strumento di marketing, questo consente di migliorare  il proprio bilancio energetico e ampliare l’informazione del proprio impegno verso i clienti, i partner e i dipendenti stessi. Comunicazione possibile grazie al bollino “CO2 – Neutral”, che certifica la “neutralità dal punto di vista delle emissioni di CO2”.

Nel caso di Flyeralarm è l’ente terzo Bundesverband Druck & Medien a garantire un procedimento che parte dalla misurazione delle emissioni di CO2 di tutti i prodotti che entrano nel processo di stampa offset e che si estende anche alla consegna dei materiali alla stamperia, all’utilizzo dei macchinari e addirittura ai trasferimenti dei dipendenti verso e dal luogo di lavoro. Un indice che cerca dunque di restituire l’immagine più completa possibile de “peso ecologico” di tutta l’attività d’impresa.

Una volta radiografato il sistema è poi possibile compensare l’attività produttiva “incomprimbile” attraverso i certificati ambientali, titoli che possono essere acquistati e supportano progetti per la tutela del clima o la produzione di energia pulita da fonte rinnovabile.

Redazione Greenews.info

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende