Home » Aziende »Pratiche » Non solo online. Le modalità di stampa a basso impatto ambientale:

Non solo online. Le modalità di stampa a basso impatto ambientale

luglio 20, 2015 Aziende, Pratiche

Immersi in un mondo sempre più virtuale con una crescente tendenza alla dematerializzazione, grazie alle tecnologie digitali, non possiamo comunque fare a  meno degli stampati. Oggi è però possibile stampare ed usare prodotti di stampa a basso impatto ambientale.

Ridurre le emissioni di CO2 e rallentare  i consumi energetici ha infatti conquistato anche la filiera delle arti grafiche: dal packaging alla stampa. Una pratica eco-sostenibile che si traduce in realtà grazie alla misurazione delle emissioni di CO2 dell’intero processo  produttivo, il tentativo di riduzione attraverso processi e materiali e l’azione di  compensazione delle “emissioni incomprimibili”.

Uno dei punti chiave è il risparmio energetico. Il colosso tedesco Flyeralarm, una delle tipografie online leader in Europa, ha ideato, progettato e realizzato, ad esempio, il processo di stampa cumulato. Si tratta dell’impaginazione, su un unico, foglio di stampa, del maggior numero possibile di prodotti. Una tecnologia che garantisce una forte riduzione delle emissioni di CO2 rispetto alla tradizionale stampa commerciale. Per le aziende che utilizzano la sensibilità ambientale anche come strumento di marketing, questo consente di migliorare  il proprio bilancio energetico e ampliare l’informazione del proprio impegno verso i clienti, i partner e i dipendenti stessi. Comunicazione possibile grazie al bollino “CO2 – Neutral”, che certifica la “neutralità dal punto di vista delle emissioni di CO2”.

Nel caso di Flyeralarm è l’ente terzo Bundesverband Druck & Medien a garantire un procedimento che parte dalla misurazione delle emissioni di CO2 di tutti i prodotti che entrano nel processo di stampa offset e che si estende anche alla consegna dei materiali alla stamperia, all’utilizzo dei macchinari e addirittura ai trasferimenti dei dipendenti verso e dal luogo di lavoro. Un indice che cerca dunque di restituire l’immagine più completa possibile de “peso ecologico” di tutta l’attività d’impresa.

Una volta radiografato il sistema è poi possibile compensare l’attività produttiva “incomprimbile” attraverso i certificati ambientali, titoli che possono essere acquistati e supportano progetti per la tutela del clima o la produzione di energia pulita da fonte rinnovabile.

Redazione Greenews.info

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende