Home » Aziende »Pratiche » Non solo online. Le modalità di stampa a basso impatto ambientale:

Non solo online. Le modalità di stampa a basso impatto ambientale

luglio 20, 2015 Aziende, Pratiche

Immersi in un mondo sempre più virtuale con una crescente tendenza alla dematerializzazione, grazie alle tecnologie digitali, non possiamo comunque fare a  meno degli stampati. Oggi è però possibile stampare ed usare prodotti di stampa a basso impatto ambientale.

Ridurre le emissioni di CO2 e rallentare  i consumi energetici ha infatti conquistato anche la filiera delle arti grafiche: dal packaging alla stampa. Una pratica eco-sostenibile che si traduce in realtà grazie alla misurazione delle emissioni di CO2 dell’intero processo  produttivo, il tentativo di riduzione attraverso processi e materiali e l’azione di  compensazione delle “emissioni incomprimibili”.

Uno dei punti chiave è il risparmio energetico. Il colosso tedesco Flyeralarm, una delle tipografie online leader in Europa, ha ideato, progettato e realizzato, ad esempio, il processo di stampa cumulato. Si tratta dell’impaginazione, su un unico, foglio di stampa, del maggior numero possibile di prodotti. Una tecnologia che garantisce una forte riduzione delle emissioni di CO2 rispetto alla tradizionale stampa commerciale. Per le aziende che utilizzano la sensibilità ambientale anche come strumento di marketing, questo consente di migliorare  il proprio bilancio energetico e ampliare l’informazione del proprio impegno verso i clienti, i partner e i dipendenti stessi. Comunicazione possibile grazie al bollino “CO2 – Neutral”, che certifica la “neutralità dal punto di vista delle emissioni di CO2”.

Nel caso di Flyeralarm è l’ente terzo Bundesverband Druck & Medien a garantire un procedimento che parte dalla misurazione delle emissioni di CO2 di tutti i prodotti che entrano nel processo di stampa offset e che si estende anche alla consegna dei materiali alla stamperia, all’utilizzo dei macchinari e addirittura ai trasferimenti dei dipendenti verso e dal luogo di lavoro. Un indice che cerca dunque di restituire l’immagine più completa possibile de “peso ecologico” di tutta l’attività d’impresa.

Una volta radiografato il sistema è poi possibile compensare l’attività produttiva “incomprimbile” attraverso i certificati ambientali, titoli che possono essere acquistati e supportano progetti per la tutela del clima o la produzione di energia pulita da fonte rinnovabile.

Redazione Greenews.info

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Sole 24 Ore: apre il bando “Leader della Sostenibilità 2021″

dicembre 4, 2020

Sole 24 Ore: apre il bando “Leader della Sostenibilità 2021″

La sostenibilità e l’attenzione alle tematiche ambientali e sociali si sta confermando tema chiave per le aziende, in quanto strumento importante di competitività e di attrattività verso gli investitori e il mercato, come dimostra il sondaggio Ipsos sul tema dell’economia circolare, presentato all’EcoForum di Legambiente lo scorso ottobre, secondo il quale un’impresa su quattro investe [...]

FCA e Engie alla conquista della e-mobility

novembre 12, 2020

FCA e Engie alla conquista della e-mobility

FCA Italy S.p.A., società interamente controllata dal gruppo Fiat Chrysler Automobiles N.V., ed ENGIE EPS, player tecnologico dell’energy storage e della mobilità elettrica, hanno stipulato un Memorandum d’Intesa per costituire una joint venture che dia vita ad un’azienda leader nel panorama europeo della e-Mobility e che potrà avvalersi delle risorse finanziarie e della consolidata esperienza [...]

“A qualcuno piace green”. Nuovo appuntamento su LaF

ottobre 28, 2020

“A qualcuno piace green”. Nuovo appuntamento su LaF

La salvaguardia dell’ambiente dagli elementi inquinanti è il tema del quarto appuntamento con “A qualcuno piace Green”, il viaggio in un’Italia sorprendentemente sensibile e innovativa sui temi ambientali con il biologo marino e divulgatore Raffaele Di Placido, in onda giovedì 29 ottobre alle ore 21.10 su laF (Sky 135, on Demand su Sky e su Sky Go). “Salute e benessere” [...]

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

ottobre 20, 2020

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

Pochi sanno che la parola “Ambiente” è stata utilizzata come sostantivo per la prima volta nel trattato “Il Saggiatore” di Galileo Galilei, pubblicato il 20 ottobre 1623. Nel dettaglio al cap. 21, pag. 98, riga 4 dell’edizione originale, come visibile dall’immagine della pagina qui accanto. Dobbiamo dunque al genio italiano, fondatore della scienza moderna, la paternità [...]

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

ottobre 15, 2020

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

“Green Talk”, seconda edizione del convegno firmato 1000 Miglia Green, torna mercoledì 21 ottobre 2020 alle 10.30, in collaborazione con Symbola, Fondazione per le qualità italiane, che da diversi anni stila il rapporto italiano sulle eccellenze del settore e-mobility. Il Green Talk nasce allo scopo di approfondire le tematiche della sostenibilità, con particolare attenzione e riferimento [...]

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

ottobre 9, 2020

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

L’edizione 2020 di IMAG-E tour non poteva che prendere avvio dai messaggi per la “ripartenza” dopo l’onda lunga del lockdown: più attenzione alla salute e all’ambiente, transizione concreta alla green economy, solidarietà tra i vari settori produttivi e collaborazione tra il pubblico e il privato. Tutte missioni che oggi, grazie anche ai fondi europei previsti [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende