Home » Politiche »Pratiche » Olimpiadi a Roma? La capitale lancia la progettazione partecipata per aggiudicarsi i Giochi 2024:

Olimpiadi a Roma? La capitale lancia la progettazione partecipata per aggiudicarsi i Giochi 2024

maggio 8, 2015 Politiche, Pratiche

Dopo il ritiro della candidatura alle Olimpiadi del 2020, Roma ci riprova e inizia a mettere insieme il dossier che dovrà convincere il CIO ad assegnare alla città eterna i Giochi del 2024. Sui dettagli ancora poco si sa, ma c’è una novità: nella progettazione saranno coinvolte anche le associazioni ambientaliste.

La storia delle relazioni tra Ong ecologiste e Olimpiadi è notoriamente piena di conflitti, proteste, denunce di disastri ambientali consumati in nome dell’evento sportivo. Prendiamo le Olimpiadi invernali 2014 di Sochi, in Russia: la città sorge in un’area protetta dall’UNESCO, ma per costruire lo stadio e le infrastrutture sciistiche sono stati danneggiati diversi ettari di parco naturale. Le critiche degli ambientalisti sono rimaste completamente inascoltate. Andando un po’ più indietro nel tempo, si arriva ad Atene 2004. Quattro anni prima si erano tenuti i Giochi di Sydney, i primi della storia con delle “aspirazioni verdi”, ma la capitale greca, denunciò prontamente Greenpeace, non fece tesoro dell’esperienza australiana: “Il Comitato (organizzatore, ndr) ha tenuto una linea di politica ambientale piuttosto chiara, ma in concreto ha potuto solo fare pressione affinché fossero rispettati certi standard ambientali in determinati progetti, monitorando la situazione. Avrebbe tuttavia potuto fare molto di più per stimolare il Governo e le autorità pubbliche a rispettare le promesse ambientali fatte”. E mentre il conto alla rovescia per i Giochi di Rio segna ancora più di 400 giorni, le notizie che arrivano dal Brasile non sono buone: un campo da golf realizzato mettendo a rischio una riserva naturale, e propositi di pulitura delle acque della baia di Guanaraba già ridimensionati. Un film già visto.

Tuttavia, riflette Francesco Ferrante, ex senatore PD, ci sono anche storie positive: “Per i Giochi di Sydney, il Comitato Organizzatore collaborò con Greenpeace, con buoni risultati soprattutto nell’ambito delle scelte energetiche. Per le Olimpiadi di Londra, c’è stato un confronto tra gli organizzatori e il WWF, che poi ha stilato un report per spiegare aspetti positivi e negativi dei Giochi inglesi”. L’ex parlamentare Ecodem, poi fondatore del movimento Green Italia, ha da poco dato vita, con il collega Roberto Della Seta, alla società di public affairs Italia Green, che nel percorso di preparazione della candidatura romana per il 2024 si sta occupando di coinvolgere le associazioni ambientaliste, in modo che le loro osservazioni e istanze entrino nel dossier olimpico. “Fino ad oggi in Italia i grandi eventi sono stati un’occasione per costruire cattedrali nel deserto e cementificare le aree verdi. Ma è possibile adottare un modo diverso di operare: per questo abbiamo proposto al CONI di inserire già nella candidatura delle linee che la connotino in chiave sostenibile”. Non solo perché Roma e l’Italia non necessitano certo di altro cemento e scempi ambientali, ma anche perché “i criteri di sostenibilità sono l’unico aspetto che potrebbero garantire a Roma una candidatura competitiva. La Capitale non può certo competere sul gigantismo di altre città straniere, ma deve puntare sulla sua storia millenaria e sul rispetto dell’ambiente”, continua Ferrante.

In questa “procedura di ascolto e inclusione, che per l’Italia rappresenta un elemento di totale novità”, Italia Green farà la parte del facilitatore. “Puntiamo a mettere in contatto il mondo dello sport e quello della tutela dell’ambiente, facendoli dialogare direttamente tra loro, per superare le principali criticità di carattere ambientale che spesso, in passato, hanno caratterizzato la preparazione e lo svolgimento dei grandi eventi sportivi”. Alla società “spetta il compito di istituire un Osservatorio, composto da tecnici ed esperti del mondo sportivo da una parte e da membri di associazioni di tutela ambientale dall’altra parte, il cui primo step operativo sarà quello di definire una proposta di standard organizzativi e criteri progettuali a supporto della candidatura olimpica della città di Roma, in grado di aggiungere alla stessa, oltre ai noti asset della Capitale, anche il segno della qualità ambientale, urbanistica e sociale”. A fine aprile si è svolto il primo incontro tra il Presidente del Coni e Legambiente, WWF, Italia Nostra, Greenpeace, Lipu e FAI. Le associazioni hanno apprezzato l’approccio del CONI, ma per valutazioni più precise attendono di vedere i fatti. Intanto si lavora per la costituzione dell’Osservatorio, che dovrebbe avvenire entro l’inizio dell’estate.

La definizione delle linee guida spetterà ai membri del nuovo organo: “Uno dei temi su cui ci si concentrerà di più – spiega Ferrante – sarà sicuramente quello del consumo di suolo: bisognerà puntare sulla riqualificazione dell’esistente e nei casi in cui sarà necessario costruire edifici ex novo, bisognerà collocarli in aree scelte con attenzione e realizzarli secondo criteri di sostenibilità”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende