Home » Politiche »Pratiche » Olimpiadi a Roma? La capitale lancia la progettazione partecipata per aggiudicarsi i Giochi 2024:

Olimpiadi a Roma? La capitale lancia la progettazione partecipata per aggiudicarsi i Giochi 2024

maggio 8, 2015 Politiche, Pratiche

Dopo il ritiro della candidatura alle Olimpiadi del 2020, Roma ci riprova e inizia a mettere insieme il dossier che dovrà convincere il CIO ad assegnare alla città eterna i Giochi del 2024. Sui dettagli ancora poco si sa, ma c’è una novità: nella progettazione saranno coinvolte anche le associazioni ambientaliste.

La storia delle relazioni tra Ong ecologiste e Olimpiadi è notoriamente piena di conflitti, proteste, denunce di disastri ambientali consumati in nome dell’evento sportivo. Prendiamo le Olimpiadi invernali 2014 di Sochi, in Russia: la città sorge in un’area protetta dall’UNESCO, ma per costruire lo stadio e le infrastrutture sciistiche sono stati danneggiati diversi ettari di parco naturale. Le critiche degli ambientalisti sono rimaste completamente inascoltate. Andando un po’ più indietro nel tempo, si arriva ad Atene 2004. Quattro anni prima si erano tenuti i Giochi di Sydney, i primi della storia con delle “aspirazioni verdi”, ma la capitale greca, denunciò prontamente Greenpeace, non fece tesoro dell’esperienza australiana: “Il Comitato (organizzatore, ndr) ha tenuto una linea di politica ambientale piuttosto chiara, ma in concreto ha potuto solo fare pressione affinché fossero rispettati certi standard ambientali in determinati progetti, monitorando la situazione. Avrebbe tuttavia potuto fare molto di più per stimolare il Governo e le autorità pubbliche a rispettare le promesse ambientali fatte”. E mentre il conto alla rovescia per i Giochi di Rio segna ancora più di 400 giorni, le notizie che arrivano dal Brasile non sono buone: un campo da golf realizzato mettendo a rischio una riserva naturale, e propositi di pulitura delle acque della baia di Guanaraba già ridimensionati. Un film già visto.

Tuttavia, riflette Francesco Ferrante, ex senatore PD, ci sono anche storie positive: “Per i Giochi di Sydney, il Comitato Organizzatore collaborò con Greenpeace, con buoni risultati soprattutto nell’ambito delle scelte energetiche. Per le Olimpiadi di Londra, c’è stato un confronto tra gli organizzatori e il WWF, che poi ha stilato un report per spiegare aspetti positivi e negativi dei Giochi inglesi”. L’ex parlamentare Ecodem, poi fondatore del movimento Green Italia, ha da poco dato vita, con il collega Roberto Della Seta, alla società di public affairs Italia Green, che nel percorso di preparazione della candidatura romana per il 2024 si sta occupando di coinvolgere le associazioni ambientaliste, in modo che le loro osservazioni e istanze entrino nel dossier olimpico. “Fino ad oggi in Italia i grandi eventi sono stati un’occasione per costruire cattedrali nel deserto e cementificare le aree verdi. Ma è possibile adottare un modo diverso di operare: per questo abbiamo proposto al CONI di inserire già nella candidatura delle linee che la connotino in chiave sostenibile”. Non solo perché Roma e l’Italia non necessitano certo di altro cemento e scempi ambientali, ma anche perché “i criteri di sostenibilità sono l’unico aspetto che potrebbero garantire a Roma una candidatura competitiva. La Capitale non può certo competere sul gigantismo di altre città straniere, ma deve puntare sulla sua storia millenaria e sul rispetto dell’ambiente”, continua Ferrante.

In questa “procedura di ascolto e inclusione, che per l’Italia rappresenta un elemento di totale novità”, Italia Green farà la parte del facilitatore. “Puntiamo a mettere in contatto il mondo dello sport e quello della tutela dell’ambiente, facendoli dialogare direttamente tra loro, per superare le principali criticità di carattere ambientale che spesso, in passato, hanno caratterizzato la preparazione e lo svolgimento dei grandi eventi sportivi”. Alla società “spetta il compito di istituire un Osservatorio, composto da tecnici ed esperti del mondo sportivo da una parte e da membri di associazioni di tutela ambientale dall’altra parte, il cui primo step operativo sarà quello di definire una proposta di standard organizzativi e criteri progettuali a supporto della candidatura olimpica della città di Roma, in grado di aggiungere alla stessa, oltre ai noti asset della Capitale, anche il segno della qualità ambientale, urbanistica e sociale”. A fine aprile si è svolto il primo incontro tra il Presidente del Coni e Legambiente, WWF, Italia Nostra, Greenpeace, Lipu e FAI. Le associazioni hanno apprezzato l’approccio del CONI, ma per valutazioni più precise attendono di vedere i fatti. Intanto si lavora per la costituzione dell’Osservatorio, che dovrebbe avvenire entro l’inizio dell’estate.

La definizione delle linee guida spetterà ai membri del nuovo organo: “Uno dei temi su cui ci si concentrerà di più – spiega Ferrante – sarà sicuramente quello del consumo di suolo: bisognerà puntare sulla riqualificazione dell’esistente e nei casi in cui sarà necessario costruire edifici ex novo, bisognerà collocarli in aree scelte con attenzione e realizzarli secondo criteri di sostenibilità”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

luglio 28, 2017

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

Attraverso un accordo sulla mobilità elettrica sottoscritto con Nissan e l’acquisto di quattro veicoli 100% elettrici LEAF- attraverso il concessionario Nissan CFL di Lucca – Sofidel, società produttrice di carta per uso igienico e domestico (nota per il brand “Regina“), ha introdotto un importante novità nella gestione del proprio parco auto. Sofidel è infatti la prima azienda [...]

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende