Home » Idee »Non-Profit »Pratiche »Smart City » Our Secret Garden: un orto urbano nascosto in città:

Our Secret Garden: un orto urbano nascosto in città

maggio 30, 2012 Idee, Non-Profit, Pratiche, Smart City

La Torino grigia e postindustriale, fittamente abitata e ad alta densità edilizia non è del tutto scomparsa, ma sicuramente sta nascendo, da alcuni anni, una città dentro la città che cerca una riqualificazione verde, con l’obiettivo di una maggiore vivibilità. La possibilità di intervenire sui cortili interni degli edifici e inverdirli con orti può rappresentare un passo importante, non solo da un punto di vista ambientale ma anche sociale. Ne abbiamo parlato con l’Arch. Elena Carmagnani dello STUDIO999, artefice, con i colleghi, della di un progetto pilota di orto urbano, che costituisce oggi un interessante caso di studio nazionale.

D) Come nasce l’idea di Our Secret Garden?

R) L’idea è nata dal nostro Studio, in un edificio dell’Ottocento appartenente al quartiere di San Salvario, proprio in un momento di forti contrasti sociali. Abbiamo riqualificato l’edificio storico e nel 2010 abbiamo fatto partire il progetto pilota Orto assieme agli abitanti del condominio: è così che è stato realizzato l’orto sul tetto, con dieci piccoli appezzamenti coltivati. Da oltre dieci anni il nostro Studio è così diventato luogo di incontro e motore della trasformazione di un quartiere difficile, dove c’è spazio tuttavia per attività condivise.

D) Quali sono i vantaggi, dal punto di vista energetico e ambientale, oltre l’evidente valore estetico?

R) L’orto garantisce vantaggi a tutti i livelli: realizzato con isolante e terra, produce un miglioramento energetico in grado di abbassare anche del 30% i costi di riscaldamento e di condizionamento. Vi è poi il vantaggio di un ottimo isolamento e lo sfruttamento della terra come inerte naturale. L’acqua meteorica viene in buona parte assorbita dal terreno e quindi utilizzata in modo cosciente e non sprecata. L’idea sarebbe quella di creare una rete di orti, nelle città e quindi nei relativi cortili, in cui la produzione alimentare potrebbe essere messa a disposizione del quartiere. Ci si potrebbe accordare con i proprietari dei negozi, tramite la vendita e la distribuzione di alcuni prodotti, e si potrebbe pensare ad una vera e propria linea, un brand per questo tipo di prodotto a km 0 , in modo da diffondere questo processo con maggior facilità. San Salvario è un quartiere che si presta molto a questo genere di iniziative, che però richiedono risorse umane e soprattutto competenze tecniche.

D) Come è stata accolta quest’iniziativa dai condomini? Avete riscontrato opposizioni? Magnani sostiene che  ”le buone pratiche non bastano se non sono socialmente condivise”

R) La situazione di partenza qui era ottimale ed è stata, da subito, approcciata in modo favorevole: tutti hanno contribuito, tutti oggi coltivano e raccolgono. Nel caso di privati, la situazione è più facile poiché non si deve chiedere il permesso di nessun altro. Più problematica è la situazione condominiale, in quanto si deve raggiungere un accordo con gli altri condomini. Abbiamo provato, in seguito all’eco che quest’esperienza ha avuto, a fare cose analoghe in altri cortili su richiesta dei cittadini.  Ma ci siamo trovati di fronte a diverse difficoltà perché, anche in situazioni che si presentavano ideali – quali edifici con tetto piano, facilità di accesso, ecc – era quasi un’impresa impossibile convincere gli abitanti che ci sarebbe stato un miglioramento energetico e nei costi. E’ perciò necessario che questo tipo di pratiche sia accompagnato in modo consapevole fin dalla nascita, in modo da far capire a tutti quali siano i reali vantaggi e le tecnologie utilizzate.

D) In che modo il vostro Studio offre consulenza a chi voglia replicare questa esperienza nel proprio quartiere e più in generale in città? Avete già ricevuto delle richieste?

R) Quando è partita quest’esperienza abbiamo avuto da subito molte richieste, abbiamo studiato insieme agli abitanti diverse situazioni e in alcuni casi siamo anche riusciti a fare qualche intervento. Si trattava però sempre di situazioni private: replicare una situazione favorevole come questa, in cui tutti prima si mettono d’accordo e innescano le pratiche di condivisione degli spazi, risulta, come dicevo, molto complicato. E’ proprio su questo che stiamo lavorando ora per cercare di rendere le cose più facili. Ci servirebbe forse un appoggio dalle Amministrazioni, perché una pratica del genere possa essere maggiormente diffusa. Bolzano è un ottimo esempio italiano: ci sono degli incentivi per chi innesca progetti sostenibili e sono stati definiti incentivi fiscali per facilitare e convincere la gente a intraprendere la strada del verde.

D) Per quanto riguarda i costi di realizzazione e manutenzione come si rapporta il progetto pilota Orto rispetto ad un comune tetto verde?

R) Per un tetto con una semplice guaina (sempre che sia già in buone condizioni e non debba esser sostituita)  con 15- 20 cm di profondità – dimensione ideale per coltivare patate, pomodori ecc – si possono considerare 45 euro al mq. Chiaro che i costi aumentano nel caso in cui si debbano fare particolari pavimentazioni, come abbiamo fatto noi, in legno. Si tratta comunque di una spesa assolutamente accessibili per tutti.

D) Quali sono le coltivazioni possibili?

R) Noi coltiviamo pomodori, patate, insalate di varie tipologie, fave, finocchi e a volte anche zucchine. Su questo tipo di profondità è il massimo che si può piantare.

D) Torino si candiderà come Capitale del Paesaggio, nel 2016; ma già il 4 giugno in città si svolgerà il convegno Nutrirsi di Paesaggio all’interno del Festival dell’Architettura. La Città sta facendo molti progressi da un punto di vista ambientale. Come si pone la vostra iniziativa in questo contesto?

R) Sicuramente questo piccolo esempio può esser ritenuto un tassello che dovrebbe innescare una rete di iniziative analoghe: proprio per questo motivo è stato premiato da Legambiente come Innovazione Amica dell’Ambiente nel 2010. Nell’ambito di un ragionamento allargato sul territorio sarebbe interessante inserirsi nel contesto del paesaggio urbano. Il nostro intento sarebbe quello di contribuire alla trasformazione di queste superfici in orti e giardini, creando una rete di piccoli interventi a basso costo e realizzabili con facilità da tutti in poco tempo; è proprio grazie a frammenti verdi come questi che si può immaginare un progetto più globale, che potrebbe andare a interessare tutto il territorio italiano.

Valentina Burgassi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende