Home » Aziende »Idee »Pratiche » Piccole imprese “green” crescono. Tre metri più delle altre:

Piccole imprese “green” crescono. Tre metri più delle altre

aprile 18, 2012 Aziende, Idee, Pratiche

Fiducia nel settore, propensione a investire in innovazione, fatturati ed export invariati e una prudente attesa di ripresa, da qui a giugno. È quanto pensano le piccole imprese che operano nel variegato mondo della green economy monitorate dalla Fondazione Impresa di Mestre. Ed è anche ciò che contraddistingue le “eco-aziende” rispetto a quelle tradizionali.

Nella seconda indagine dell’Osservatorio Congiunturale sulla Piccola Impresa Green in Italia, pubblicato in questi giorni dalla fondazione veneziana, sono state intervistate telefonicamente 400 aziende con meno di venti addetti che operano nei settori green per eccellenza, come le energie rinnovabili (fotovoltaico ed eolico in primis), il riciclaggio dei rifiuti, la tutela ambientale, la certificazione di prodotti e processi produttivi e la consulenza in materia di ambiente. Ai piccoli imprenditori italiani è stato chiesto di raccontare lo stato di salute delle loro aziende nel 2011 e di ipotizzare come andrà quest’anno, attraverso l’analisi di indicatori economici precisi, come la produzione, il volume di fatturato e di ordini, la percentuale di esportazioni, i prezzi dei loro fornitori, il livello di occupazione e di investimenti da loro operati. Se in questo contesto di recessione economica il futuro non è del tutto roseo, le imprese green sono comunque convinte di aver fatto un passo in avanti verso l’uscita dal tunnel della crisi e mantengono una discreta fiducia nel settore, che si traduce con un boom di investimenti, per un quarto in innovazione.

«Nonostante la crisi recessiva – si legge nel rapporto – nel secondo semestre del 2011, rispetto al primo dello stesso anno, le piccole imprese green hanno registrato una diminuzione della produzione di appena lo 0,1%, mentre il fatturato non ha conosciuto variazioni. Gli ordini hanno registrato un meno 0,4%, tuttavia ha tenuto l’export, registrando aumenti dello 0,6%. L’unico dato poco confortante registrato nel secondo semestre del 2011, rispetto a quello precedente, è rappresentato da una flessione dell’occupazione dello 0,8%. A livello previsionale, gli operatori del settore manifestano una certa prudenza, ipotizzando andamenti per la produzione e per il fatturato rispettivamente del meno 0,1% e del più 0,1%. Per i primi sei mesi del 2012, tuttavia, è prevista una ripresa degli ordinativi (più 0,5%) e delle esportazioni (più 0,8%), dovrebbe stabilizzarsi positivamente l’occupazione (più 0,3%) e aumentare l’incidenza degli investitori, attestandosi intorno al 16 %».

Insomma, se son rose fioriranno. Quello che si capisce dai dati congiunturali del rapporto nel loro insieme è però che l’economia sostenibile, pur nel contesto generalizzato di crisi dei mercati interni ed esteri, “tiene” molto più di altri settori e gli operatori si dimostrano tendenzialmente fiduciosi.

La domanda nel secondo semestre del 2011, ad esempio, ha sì avuto una flessione dello 0,1% ma gli operatori, pur ammettendo risultati negativi rispetto ai primi sei mesi dell’anno, ipotizzano andamenti col “più” davanti nel 2012, con un saldo di opinione positivo di 1,9.

Se per il fatturato siamo alla cosiddetta “crescita zero”, la previsione nei primi sei mesi del 2012 è di un aumento dello 0,1%, mentre il saldo di opinione degli operatori che stimano un fatturato in ascesa nel primo semestre 2012 è più 3,2. E ancora, se il 2011 si è chiuso con un meno 0,4% anche per gli ordinativi, tuttavia molte imprese ipotizzano per il primo semestre del 2012 un aumento dello 0,5%.

Poco incoraggianti, come anticipato, i dati del primo semestre del 2011 relativi ai prezzi dei fornitori e al personale assunto. I primi sono aumentati del 2% e secondo gli imprenditori cresceranno ancora fino al 2,4% (l’incremento dovuto per gli intervistati a un aumento dei costi diretti e indiretti della produzione, influendo anche sui costi finali dei propri prodotti, si riflette anche su domanda e produzione). Il secondo è invece diminuito, con una perdita di posti di lavoro dello 0,8%, che dovrebbe però arrestarsi nel primo semestre di quest’anno, attestandosi a più 0,3%.

Una boccata d’ossigeno alle imprese la danno i mercati esteri. A differenza di quello nazionale, stagnante, il fatturato dalle esportazioni registra un più 0,6% negli ultimi sei mesi del 2011 rispetto ai primi sei, mentre la previsione per la prima metà di quest’anno è addirittura del più 0,8%.

A differenziare le piccole imprese green sono soprattutto la capacità di investire e la tipologia degli investimenti. «Nonostante la crisi, le piccole imprese green dimostrano di continuare a credere nel settore, manifestando una buona propensione all’investimento – spiegano i ricercatori di Fondazione Impresa -. L’11,6% degli operatori, infatti, ha operato investimenti nel secondo semestre del 2011 e il 16% intende farlo nei primi sei mesi del 2012».

Un piccolo imprenditore su tre (37,7% degli intervistati) negli ultimi sei mesi del 2011 ha investito per un valore superiore ai 50mila euro e, rispetto ai primi sei mesi del 2011, gli investimenti superiori ai 200mila euro sono passati dall’11,4% al 16 %.

Se le piccole imprese tradizionali investono in innovazione e automazione il 9,5% dei loro investimenti, le loro alter ego green innovano per più di un quarto dei loro investimenti (26,5%) e una su due (52%) ricorre preferibilmente a risorse finanziarie proprie, anche se nel secondo semestre del 2011 rispetto alla prima metà dell’anno chi ha fatto ricorso alle banche è passato dal 27,5% al 43,6%.

I ricercatori hanno pure misurato, in termini metrici, la percezione di uscita dal “tunnel della crisi” degli operatori della green economy. «Negli ultimi sei mesi del 2011, le piccole imprese green hanno dichiarato di aver compiuto quasi “un metro” in avanti rispetto ai primi sei mesi dello stesso anno, passando da 68,7 metri a 69,6 metri”, spiegano. “Le piccole imprese green sono più avanti rispetto alle piccole imprese in generale, che nel secondo semestre del 2011 si sono fermate a 66,8 metri».

Alessandra Sgarbossa

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende