Home » Pratiche »Pubblica Amministrazione » Più bici in città, ma gli “utenti deboli” della strada continuano a morire di traffico:

Più bici in città, ma gli “utenti deboli” della strada continuano a morire di traffico

Domenica 30 giugno sono stato vittima di un gesto di pirateria stradale a bordo della mia bicicletta. Stavo scendendo sulla strada che da San Mauro di Saline (in provincia di Verona, ndr) porta a Mezzane, intorno alle 11,30, quando prima del bivio per Tregnago, su strada rettilinea a due corsie , un SUV (…) ha sorpassato prima un’auto e poi anche le successive due, invadendo completamente la mia corsia. Dietro di me avevo altri tre ciclisti, che non conosco, per cui saremmo diventati inconsapevoli compagni di morte, se non fosse stato per la nostra prontezza di riflessi che ci ha spinto, a non meno di 15 metri dall’impatto, a gettarci fuori strada, nel campo alla nostra destra. (…) Se oggi non ci sono vedove e orfani, se non abbiamo occupato una pagina de l’Arena, è merito nostro”.

Emanuele Turri è un ciclista veronese. Sul sito della Fiab (Federazione Italiana Amici della Bicicletta) racconta sbigottito l’episodio che avrebbe potuto costargli la vita. Gli incidenti, con le dovute differenze, spesso di assomigliano: l’automobilista non vede il ciclista, fa un sorpasso azzardato, esce dalla rotonda senza guardare, svolta senza fare attenzione.  In molti casi chi è in sella alle due ruote non sopravvive, soprattutto se la velocità è oltre i 30 chilometri orari. E le cose vanno addirittura peggio per i pedoni.

Per richiamare l’attenzione su questo stillicidio silenzioso, questa sera a Torino, davanti al palazzo del Comune, l’associazione Bike Pride ha organizzato una manifestazione: “Nel giorno dalla scomparsa di Gianmatteo Gerlando, il ragazzo di 28 anni investito e ucciso su un attraversamento ciclabile mentre si recava al lavoro, scendiamo di nuovo in piazza per ricordare tutte le vittime innocenti della strada che ogni giorno pagano sulla propria pelle il prezzo di una città a misura di auto ma non ancora di persona”. Proprio nel capoluogo piemontese, solo pochi giorni fa un ragazzo di 24 anni, Christian Ascolese, è stato falciato su un marciapiede da un coetaneo ubriaco al volante. Un episodio che “testimonia come la sicurezza di pedoni e ciclisti sia ancora un tema sottovalutato. La velocità e una cultura che privilegia le auto come uniche utenti della strada, continuano a mettere a repentaglio la vita di chi si muove con altri mezzi”, commentano i membri dell’associazione.

I dati dell’ultimo Rapporto ACI-Istat sugli incidenti stradali, pubblicato lo scorso ottobre, danno l’idea della gravità del fenomeno. Nel 2011 sono morti 282 ciclisti, quasi uno al giorno, e ne sono rimasti feriti più di 16.000. Non va meglio per i pedoni, l’altro “soggetto debole” della strada: in un anno i morti sono 589, i feriti oltre 21.000. “Con qualche anno di ritardo, ci si sta avvicinando al dimezzamento delle morti rispetto al 2001 (-45%) chiesto dall’Unione Europea. Questo dato è però sempre più sbilanciato verso le quattro ruote (-56%, dimezzamento abbondantemente superato) a scapito dell’utenza debole (-37% pedoni, -13% ciclisti, – 30% motociclisti)”, fa notare Edoardo Galatola, responsabile Sicurezza di Fiab. Per il terzo anno consecutivo, caso unico in Europa, nel 2011 i morti nell’utenza debole hanno superano quelli delle auto. In particolare, “i ciclisti sono l’unico segmento che ha visto un incremento seppur minimo di morti rispetto al 2010 (282 contro 263), ma anche per pedoni e motociclisti la riduzione è stata minima”. Nell’insieme, però, c’è una nota positiva: “Questo dato non va letto in valore assoluto, ma rapportato agli spostamenti. Poiché questi sono aumentati, l’incidentalità per chilometro percorso è diminuita”.

Nonostante da un paio d’anni sia aumentata l’attenzione verso la bicicletta, e sia cresciuta per la crisi, ma anche per un’evoluzione degli stili di vita, la percentuale di chi utilizza questo mezzo, sul fronte degli interventi per la sicurezza nei centri urbani c’è ancora molto da fare. “Le ricerche dimostrano che all’aumentare dei ciclisti diminuiscono i rischi, perché la percezione dell’automobilista cambia, e il traffico si modifica di conseguenza”, continua Galatola. Tuttavia, se in Emilia Romagna, Trentino e Puglia si è fatto molto, così come in cittadine come Lodi, in altre aree d’Italia sono pochi gli interventi a misura di ciclista e pedone. “Spesso si pensa alle piste ciclabili, che però sono indispensabili solo sulle strade extraurbane o sulle grandi arterie urbane. All’interno delle città è possibile attuare misure più economiche, ma risolutive, come le zone 30 e la riorganizzazione dello spazio, riducendo per esempio la carreggiata riservata alle auto nel caso di strade a tre o quattro corsie”.

A Roma, intanto, è partito il conto alla rovescia per un evento epocale: la pedonalizzazione dei Fori Imperiali, dove più di un “utente debole” ha perso la vita. Lo stop ai veicoli sulla strada che unisce Piazza Venezia al Colosseo scatterà a fine mese, ma intanto le associazioni di ciclisti urbani sono impegnate a migliorare l’intervento di Ignazio Marino: in particolare, si chiede al sindaco di adattare alla mobilità ciclistica anche la vicina via Labicana, con riduzione della carreggiata riservata alle auto e introduzione del doppio senso di marcia per le bici. In modo che la via monumentale non finisca per essere  solo una piccola oasi.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

novembre 28, 2018

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

Con la siccità che, ogni anno, coinvolge anche il nostro Paese, a causa dei cambiamenti climatici, il mare potrebbe diventare la principale risorsa idrica disponibile. La dissalazione dell’acqua marina può dunque rappresentare una valida soluzione alla crisi idrica che quasi sicuramente ci troveremo ad affrontare. Serve però una normativa specifica sul funzionamento degli impianti e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende