Home » Non-Profit »Normative »Politiche »Pratiche »Pubblica Amministrazione » Prosegue la battaglia OGM in Friuli. La regione: “il mais locale di qualità vale di più”:

Prosegue la battaglia OGM in Friuli. La regione: “il mais locale di qualità vale di più”

Courtesy of Coordinamento Tutela Biodiversità FVGÈ un luglio bollente sotto il profilo OGM quello del Friuli Venezia Giulia. Mentre il maltempo dei giorni scorsi ha smorzato le temperature atmosferiche, a infiammare gli animi è stata, per l’ennesima volta, la battaglia che vede contrapporsi alcuni imprenditori pro-biotech, la Regione e movimenti di ambientalisti insieme ad agricoltori no OGM.

La bomba era stata innescata, mesi fa, dall’agricoltore Giorgio Fidenato, portavoce di Futuragra, che aveva caparbiamente annunciato la semina (illegale) in alcuni suoi campi a Vivaro, Mereto di Tomba e Colloredo di Monte Albano di mais MON810, vietato in Italia dal decreto interministeriale del luglio 2013 e in Friuli Venezia Giulia dalla moratoria regionale dello scorso marzo.

Il 9 luglio scorso il Corpo Forestale regionale ha poi distrutto (legalmente) il campo di mais OGM di Mereto. Ma a Colloredo la mietitrebbia della forestale viene bloccata dalla resistenza passiva di Fidenato, sostenuto da un gruppo di imprenditori vicini a Futuragra. Eppure pochi giorni prima, il TAR del Friuli aveva chiaramente respinto la richiesta di sospensiva dell’ordinanza regionale di rimozione delle colture OGM presentata da Fidenato. «Siamo in una fase di impasse – spiegano dalla segreteria del vicepresidente e assessore alle risorse agricole Sergio Bolzonello – Il procuratore, la dottoressa Del Tedesco, ha smentito lunedì sera le notizie apparse sulla stampa relative al fatto che la Procura di Udine avrebbe deciso di non fare alcun sequestro dei campi di Colloredo. Di certo, per entrarvi e far rispettare le normi vigenti, dobbiamo attendere il sequestro».

Attesa che potrebbe essere dovuta anche alla situazione normativa “fluida” di questi giorni. Se il recente Decreto legge n. 91 del 24 giugno 2014 (che ha previsto sanzioni a carico di chi semina OGM, che vanno dalla reclusione da sei mesi a tre anni con una multa fino a trentamila euro, oltre all’obbligo di rimuovere a proprie spese le coltivazioni vietate), è un assist alla lotta al biotech, va detto che, pur essendo entrato in vigore, sulla carta, dal giorno seguente l’emanazione, prevede un termine di sessanta giorni per la conversione in legge. Sul fronte locale, è scattato invece il silenzio-assenso al disegno di legge regionale 5/2014 di marzo scorso che disponeva il divieto di OGM sul territorio regionale per un anno. Né l’Unione europea, né gli Stati membri hanno infatti sollevato osservazioni in merito alle “Linee di coesistenza” e alla moratoria collegate alla norma regionale.

In risposta a quanti, nei mesi scorsi, l’avevano tacciata di avere una linea “troppo morbida” sugli OGM favorendo la coesistenza, la Regione guidata dalla presidente Serracchiani sembra aver adottato una strategia normativa molto “sottile”. In pratica, il documento tecnico delle “Linee di coesistenza” elaborato dall’ERSA, l’agenzia regionale per lo sviluppo rurale, ha dimostrato, simulazioni numeriche alla mano, le conseguenze negative di un’eventuale coesistenza, tenendo conto della frammentazione aziendale (una media di superficie seminativa inferiore ai 5 ettari ad azienda e 22mila imprese per metà in zona montana) e dei vincoli ambientali che caratterizzano il Friuli Venezia Giulia. «Le nostre valutazioni economiche hanno dimostrato che la coesistenza nel nostro territorio non è possibile, ovvero non è possibile produrre OGM che potrebbero essere controproducenti per le filiere produttive locali di qualità»,  chiosa Carlo Frausin, direttore del Servizio fitosanitario e chimico di ERSA. In altre parole, la si è buttata intelligentemente sulle ragioni di mercato: un mais OGM che diventa prodotto commodity indifferenziato non può competere a livello commerciale con un mais locale che si diversifica sul mercato. Un esempio tra tutti: un carico di farine di mais italiane OGM Free, ottenute in impianti molitori in cui si lavoravano anche farine OGM provenienti dall’estero, è stato rispedito dalla Turchia al porto di Trieste per la presenza di tracce di organismi biotech. Segno evidente che il mercato globale è, in realtà, sempre più propenso a prodotti agroalimentari di comprovata qualità.

«L’impegno dell’Amministrazione regionale – ha ricordato recentemente l’assessore Bolzonello in occasione del Festival Vegetariano di Gorizia – sarà quello di creare intere filiere OGM free, per esempio nella maiscoltura e nella coltivazione della soia, attraverso un programma di interventi di medio e lungo termine che consenta di pervenire alla realizzazione di prodotti appositamente certificati».

E l’ERSA è impegnata anche sul fronte dei controlli: oltre mille campioni di mais, su circa 90mila ettari di superficie destinata a maiscoltura in regione, e 200 di soia esaminati dal proprio laboratorio, tra i primi in Italia a essere accreditato per le analisi sul biotech . «Stiamo facendo monitoraggi territoriali per verificare se il mais OGM dichiarato in semina sia MON810 e se ci sono altri mais OGM non dichiarati in altri campi – spiega Frausin – I campionamenti sono in fase conclusiva e le analisi in corso, al momento non abbiamo riscontri di altri campi coltivati a OGM oltre a quelli di Fidenato».

La distruzione del campo dell’imprenditore ha in ogni caso catalizzato l’attenzione dei media, complice una reazione a catena di commenti di vari portatori di interesse. La Task Force Regionale No OGM, che comprende anche Aiab, Aprobio, Isde, Legambiente, Wwf, Coldiretti FVG, ha evidenziato come nel superstite campetto di Colloredo di Montalbano “le piante vanno velocemente incontro alla fioritura, rendendo concreto il rischio di contaminazione dei campi vicini. Un rischio reale e comprovato, dichiarato anche dai sostenitori del Mon810”. Non sorprende invece l’apertura agli OGM di Confagricoltura FVG, da sempre favorevole alla coesistenza, che ha commentato che “l’approvazione delle recenti norme regionali sull’assoluto divieto di coltivazione delle sementi OGM consentite a livello europeo e la totale mancanza di iniziative di ricerca rappresentano altrettante occasioni perse”, focalizzandosi sul rischio di “comportamenti contrari al pensiero scientifico”. Stupisce invece il battibecco a distanza tutto interno alla CIA, con il direttore regionale bollato da parte del presidente nazionale per aver rilasciato ai giornali locali “affermazioni a favore delle coltivazioni OGM destituite di ogni fondamento”, che non rispecchiano le posizioni ufficiali della Confederazione. Determinati anche il Coordinamento Tutela biodiversità FVG e il Coordinamento ZeroOGMVeneto, che in una nota congiunta hanno fatto sapere che “la battaglia non è finita” e hanno tirato in ballo anche gli accordi europei: “per di più siamo prossimi alla stipula degli accordi del TTIP (Transatlantic Trade and Investment Partnership) e con questi alla perdita della sovranità agricola, alimentare e commerciale dei Paesi che firmeranno”. “Un’altra questione – ricordano ancora i due coordinamenti locali – è la mangimistica: se la normativa vigente vieta la coltivazione di colture transgeniche in Italia, dal 2004 non è vietata nel nostro paese l’importazione di soia e mais OGM destinate alla produzione di mangimi”. Occhio quindi a non far rientrare dalla finestra ciò che si fa uscire dalla porta.

Alessandra Sgarbossa

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende