Home » Aziende »Politiche »Pubblica Amministrazione » Corepla: la seconda vita della plastica, dopo il riciclo:

Corepla: la seconda vita della plastica, dopo il riciclo

La plastica è un materiale resistente, ma come molte invenzioni umane, deve essere utilizzata, e poi smaltita, con cura. Proprio per la sua durabilità, gli oggetti in plastica hanno assolutamente bisogno di essere opportunamente separati per essere avviati alla raccolta differenziata. Cosa avvenga però a quella plastica dopo che l’impresa di rifiuti urbana l’ha raccolta, è un processo ignoto a molti di noi: ce lo ha spiegato Gianluca Bertazzoli, Responsabile Comunicazione e Relazioni Esterne del Consorzio Nazionale per le Filiera degli Imballaggi in Plastica (Corepla) nell’appuntamento online “Gocce di sostenibilità“, ideato dal Kyoto Club.

La raccolta dei materiali è una realtà piuttosto sviluppata in Italia: si stima che la raccolta di plastiche raggiungerà un obiettivo di 700.000 tonnellate nel 2012.”La raccolta differenziata, ma soprattutto quello che viene dopo – spiega Bertazzoli – è una realtà che produce ricchezza: un vero e proprio sistema industriale.”  Le materie plastiche vengono infatti lavorate per tornare ad essere una nuova materia prima (“materia prima seconda“, per la precisione).

Dopo la raccolta effettuata dai comuni, avviene una selezione e una separazione delle plastica più pregiata. Nella selezione, che si svolge in 35 impianti sparsi in Italia, la plastica è selezionata per polimero e, in alcuni casi, per colore: in realtà dovremmo parlare di plastiche, al plurale, perché esistono diversi tipi di plastica, ovvero polimeri, di cui quelli maggiormente utilizzati sono il PET, il polistirolo, l’HDPE.

Il materiale prodotto dalle plastiche più pregiate viene venduto in aste, il cui accesso è consentito ad aziende europee, in modo da garantire la tracciabilità dei rifiuti; il resto può essere utilizzato come combustibile, per esempio in cementifici. In Italia attualmente circa il 61% della plastica avviata al riciclo è recuperata, circa il 35% viene utilizzata invece come carburante e solo il 4% finisce in discarica.

A questo punto avviene il lavaggio e la macinazione, e successivamente la rigranulazione. Alla fine di questo processo abbiamo granuli o scaglie di plastica, che quindi non sono più classificati come un rifiuto, ma materia prima secondaCon la plastica riciclata si fa di tutto: dalle bottiglie ai bauletti degli scooter, è ormai possibile utilizzare la plastica riciclata per qualsiasi oggetto.

Questa filiera industriale assicura inoltre preziosi fondi ai Comuni, che vengono pagati in base al costo del servizio, come differenziale con il servizio di raccolta differenziata: il prezzo è in media di 250 Euro a tonnellata, ma con un materiale pulito si arriva a 300 Euro. Una bottiglia di plastica avviata al riciclo vale circa 5 millesimi di Euro.

Al momento è possibile riciclare solo gli imballaggi (con l’eccezione dei piatti e bicchieri usa e getta), che dal 1 maggio scorso possono essere avviati al riciclo in tutti i comuni d’Italia (anche se alcuni non hanno ancora modificato il materiale informativo). Gli unici piatti in plastica riciclabili sono quelli senza “materiali estranei” e relativamente puliti, il che complica la raccolta.

Dal 2007 il consumo di plastica è comunque in calo, un po’ a seguito della crisi economica, un po’ grazie a una riduzione del materiale utilizzato e a politiche di ecodesign, che permettono di avere gli stessi prodotti e imballaggi, ma con meno contenuto di plastica; poche, purtroppo, le iniziative per ridurre l’ammontare di rifiuti che produciamo. Quando ero piccola l’acqua, ad esempio, era in bottiglie di vetro, con il vuoto a rendere, come tutt’ora avviene in Germania e altri Paesi del Nord Europa. Sembra un ricordo di un passato lontano, che includeva un uso attento delle risorse. Adesso sembra anche un’utopia per un futuro più sostenibile.

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

ARCA: nelle Marche rinasce un progetto visionario, tra biologico e agricoltura conservativa

agosto 20, 2018

ARCA: nelle Marche rinasce un progetto visionario, tra biologico e agricoltura conservativa

Cresce il numero di imprenditori agricoli che vogliono aderire al progetto promosso dalle aziende Garbini, Loccioni e Fileni con l’obiettivo di preservare la fertilità e la bellezza delle valli marchigiane recuperando antichi saperi, da unire a nuove tecnologie, per creare filiere sostenibili e un’economia circolare a vantaggio delle aziende, delle comunità locali e dei consumatori. La [...]

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende