Home » Aziende »Pratiche » Ricerca Symbola: in Veneto sempre più green economy:

Ricerca Symbola: in Veneto sempre più green economy

gennaio 16, 2013 Aziende, Pratiche

Per viaggiare lungo il “Veneto delle qualità” – parafrasando il titolo della ricerca presentata nei giorni scorsi a Padova - si passa inevitabilmente per la green economy. O meglio, per le quasi 34mila imprese venete che nell’ultimo triennio hanno investito nei settori green (il 24% di quelle della regione, il 10% rispetto alle italiane). Un dato, sugli investimenti in prodotti e tecnologie ecosostenibili, che fa salire il Veneto al secondo gradino del podio, dopo la Lombardia, nella classifica nazionale delle aziende che puntano a coniugare sviluppo e ambiente.

Curato da Fondazione Symbola e Federparchi in collaborazione con eAmbiente e con il contributo della Fondazione Monte dei Paschi di Siena, lo studio traccia una panoramica dei principali settori dove è in atto la rivoluzione verde, fotografando in primo piano venti aziende modello. Se non stupisce che a farla da padrona siano i settori più direttamente legati alla gestione ambientale, fonti rinnovabili, risparmio energetico e trattamento dei rifiuti, colpisce che in quella regione (un tempo definita locomotiva del Nordest, spesso incurante del proprio paesaggio naturale e della salubrità dell’ambiente), a convertirsi in chiave ecologica siano anche moltissime piccole e medie imprese manifatturiere. «Protagonisti di questo processo di riqualificazione – ha commentato il presidente di Symbola Ermete Realacci presentando la ricerca – sono, tra gli altri, i settori del Made in Italy, in cui la regione è più specializzata: dal legno-arredo alla concia, dall’agricoltura alla meccanica. Da questo punto di vista, il Veneto ben rappresenta la trasversalità della green economy».

È il caso del distretto vicentino della concia, caratterizzato in passato da un forte impatto ambientale. Nella Valle del Chiampo, nel Vicentino – 130 km di distretto in cui si lavora il 50% della produzione italiana di pellame – le imprese si sono messe in rete per fare ricerca nel settore delle biotecnologie e dei sottoprodotti della concia, limitando le criticità tradizionali del settore, come la gestione delle acque, le emissioni in atmosfera e la produzione dei rifiuti. I risultati si vedono. Non è un caso che, ad esempio, negli ultimi dieci anni la quantità di cromo, principale sostanza conciante, nell’acqua si sia dimezzata, arrivando a valori dieci volte sotto il limite di legge.

A distinguersi anche il distretto del condizionamento e della refrigerazione industriale. La sua capacità produttiva sfiora il 60% di quella europea, con grandi gruppi come Riello o Climaveneta,punta all’efficienza energetica attraverso impianti capaci di funzionare con il 15% di fluido refrigerante in meno e il 20% in meno di energia. Oltre alla sostituzione del fluido sintetico con fluidi naturali.

Altri esempi virtuosi si trovano anche nella filiera del legno-arredo, 12mila aziende e 70mila addetti. Nuovi materiali messi a punto dalle aziende sono in grado di ridurre gli inquinanti, come il paperstone della vicentina Sbabo Cucine. Il nuovo materiale è composto da fibre riciclate e resine non derivanti dal petrolio a base di acqua e gusci di anacardi, è durissimo, lavabile e resistente al calore. Design e processi ecocompatibili sono stati protagonisti anche di 15 progetti per produrre materiali lignei innovativi, come novo legno, composto da cellulosa e lignina in grado di adattarsi all’uso in ambienti acquatici. Una prima sperimentazione del suo utilizzo è stata fatta a Venezia, nella costruzione dei pontili di alcuni vaporetti di linea.

Anche i parchi naturali e l’agricoltura sono stati oggetto dell’indagine di Symbola. Grazie al Programma di Sviluppo Rurale della Regione, tra 2008 e 2011, 2.300 aziende agricole hanno investito in energie rinnovabili, risparmio energetico e riconversione di impianti e sistemi di irrigazione, mentre 5.400 imprese hanno introdotto pratiche agricole ecocompatibili, come il biologico, l’agricoltura “blu”, l’ottimizzazione della fertilizzazione organica. Tra i casi analizzati, si possono citare il primo impianto a biogas realizzato in Veneto da un’azienda zootecnica veneziana, i laboratori di trasformazione gestiti da piccoli imprenditori anche “casari” e affinatori di formaggi nel vicentino, la produzione agroalimentare a km zero non solo dei farmer’s market ma anche industriale. Ne è esempio la trevigiana Jolly Sgambaro, unico pastificio italiano certificato che produce pasta con grano duro coltivato nel territorio, riducendo i trasporti dal campo all’impianto di lavorazione, e adottando fasce boschive tampone.

Nel seminario di presentazione del quaderno di Symbola, Giampiero Sammuri, presidente di Federparchi, ha sottolineato come questi esempi testimonino come la tutela ambientale sia prima di tutto volano di sviluppo e chiave di volta per uscire dalla crisi. «Si percepisce fortemente che gli stessi consumatori e i turisti guardano sempre di più a questi elementi di ecocompatibilità – ha detto – Gli stessi parchi naturali non devono più essere visti come mera conservazione museale della biodiversità, non perché la biodiversità non sia importante ma perché sulla valorizzazione di questa si può costruire lo sviluppo economico di un territorio, basti pensare alle reintroduzione di molti prodotti tipici che rischiavano di scomparire».

Puntare sulle tecnologie verdi significa, in altre parole, rialzare la testa e rimettersi in moto per contrastare la recessione economica che, anche in Veneto, nell’ultimo triennio non ha risparmiato imprenditori e lavoratori. Su questa linea d’onda, ai primi di gennaio, a Vicenza si è riunita la Rete GreeNordEst. Spinti della consultazione pubblica sulla “Strategia energetica nazionale” (SEN), proposta dal Ministero dello Sviluppo Economico, una ventina di imprenditori del Triveneto che operano nel campo delle energie alternative, dell’efficienza energetica e della gestione delle reti hanno sottoscritto un documento condiviso che getta le basi per una pianificazione sostenibile a livello nazionale da qui al 2050. Tra le priorità su cui puntare suggerite al ministero, ci sono il progressivo processo di decarbonizzazione e abbandono delle fonti fossili, la riduzione dei costi dell’energia grazie alla maggiore indipendenza energetica del Paese, lo sviluppo del sistema produttivo con la conseguente creazione di posti di lavoro grazie a innovazione tecnologica e sviluppo di nuove filiere e la valorizzazione del sistema delle smart city.

Alessandra Sgarbossa

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende