Home » Aziende »Pratiche » Ricerca Symbola: in Veneto sempre più green economy:

Ricerca Symbola: in Veneto sempre più green economy

gennaio 16, 2013 Aziende, Pratiche

Per viaggiare lungo il “Veneto delle qualità” – parafrasando il titolo della ricerca presentata nei giorni scorsi a Padova - si passa inevitabilmente per la green economy. O meglio, per le quasi 34mila imprese venete che nell’ultimo triennio hanno investito nei settori green (il 24% di quelle della regione, il 10% rispetto alle italiane). Un dato, sugli investimenti in prodotti e tecnologie ecosostenibili, che fa salire il Veneto al secondo gradino del podio, dopo la Lombardia, nella classifica nazionale delle aziende che puntano a coniugare sviluppo e ambiente.

Curato da Fondazione Symbola e Federparchi in collaborazione con eAmbiente e con il contributo della Fondazione Monte dei Paschi di Siena, lo studio traccia una panoramica dei principali settori dove è in atto la rivoluzione verde, fotografando in primo piano venti aziende modello. Se non stupisce che a farla da padrona siano i settori più direttamente legati alla gestione ambientale, fonti rinnovabili, risparmio energetico e trattamento dei rifiuti, colpisce che in quella regione (un tempo definita locomotiva del Nordest, spesso incurante del proprio paesaggio naturale e della salubrità dell’ambiente), a convertirsi in chiave ecologica siano anche moltissime piccole e medie imprese manifatturiere. «Protagonisti di questo processo di riqualificazione – ha commentato il presidente di Symbola Ermete Realacci presentando la ricerca – sono, tra gli altri, i settori del Made in Italy, in cui la regione è più specializzata: dal legno-arredo alla concia, dall’agricoltura alla meccanica. Da questo punto di vista, il Veneto ben rappresenta la trasversalità della green economy».

È il caso del distretto vicentino della concia, caratterizzato in passato da un forte impatto ambientale. Nella Valle del Chiampo, nel Vicentino – 130 km di distretto in cui si lavora il 50% della produzione italiana di pellame – le imprese si sono messe in rete per fare ricerca nel settore delle biotecnologie e dei sottoprodotti della concia, limitando le criticità tradizionali del settore, come la gestione delle acque, le emissioni in atmosfera e la produzione dei rifiuti. I risultati si vedono. Non è un caso che, ad esempio, negli ultimi dieci anni la quantità di cromo, principale sostanza conciante, nell’acqua si sia dimezzata, arrivando a valori dieci volte sotto il limite di legge.

A distinguersi anche il distretto del condizionamento e della refrigerazione industriale. La sua capacità produttiva sfiora il 60% di quella europea, con grandi gruppi come Riello o Climaveneta,punta all’efficienza energetica attraverso impianti capaci di funzionare con il 15% di fluido refrigerante in meno e il 20% in meno di energia. Oltre alla sostituzione del fluido sintetico con fluidi naturali.

Altri esempi virtuosi si trovano anche nella filiera del legno-arredo, 12mila aziende e 70mila addetti. Nuovi materiali messi a punto dalle aziende sono in grado di ridurre gli inquinanti, come il paperstone della vicentina Sbabo Cucine. Il nuovo materiale è composto da fibre riciclate e resine non derivanti dal petrolio a base di acqua e gusci di anacardi, è durissimo, lavabile e resistente al calore. Design e processi ecocompatibili sono stati protagonisti anche di 15 progetti per produrre materiali lignei innovativi, come novo legno, composto da cellulosa e lignina in grado di adattarsi all’uso in ambienti acquatici. Una prima sperimentazione del suo utilizzo è stata fatta a Venezia, nella costruzione dei pontili di alcuni vaporetti di linea.

Anche i parchi naturali e l’agricoltura sono stati oggetto dell’indagine di Symbola. Grazie al Programma di Sviluppo Rurale della Regione, tra 2008 e 2011, 2.300 aziende agricole hanno investito in energie rinnovabili, risparmio energetico e riconversione di impianti e sistemi di irrigazione, mentre 5.400 imprese hanno introdotto pratiche agricole ecocompatibili, come il biologico, l’agricoltura “blu”, l’ottimizzazione della fertilizzazione organica. Tra i casi analizzati, si possono citare il primo impianto a biogas realizzato in Veneto da un’azienda zootecnica veneziana, i laboratori di trasformazione gestiti da piccoli imprenditori anche “casari” e affinatori di formaggi nel vicentino, la produzione agroalimentare a km zero non solo dei farmer’s market ma anche industriale. Ne è esempio la trevigiana Jolly Sgambaro, unico pastificio italiano certificato che produce pasta con grano duro coltivato nel territorio, riducendo i trasporti dal campo all’impianto di lavorazione, e adottando fasce boschive tampone.

Nel seminario di presentazione del quaderno di Symbola, Giampiero Sammuri, presidente di Federparchi, ha sottolineato come questi esempi testimonino come la tutela ambientale sia prima di tutto volano di sviluppo e chiave di volta per uscire dalla crisi. «Si percepisce fortemente che gli stessi consumatori e i turisti guardano sempre di più a questi elementi di ecocompatibilità – ha detto – Gli stessi parchi naturali non devono più essere visti come mera conservazione museale della biodiversità, non perché la biodiversità non sia importante ma perché sulla valorizzazione di questa si può costruire lo sviluppo economico di un territorio, basti pensare alle reintroduzione di molti prodotti tipici che rischiavano di scomparire».

Puntare sulle tecnologie verdi significa, in altre parole, rialzare la testa e rimettersi in moto per contrastare la recessione economica che, anche in Veneto, nell’ultimo triennio non ha risparmiato imprenditori e lavoratori. Su questa linea d’onda, ai primi di gennaio, a Vicenza si è riunita la Rete GreeNordEst. Spinti della consultazione pubblica sulla “Strategia energetica nazionale” (SEN), proposta dal Ministero dello Sviluppo Economico, una ventina di imprenditori del Triveneto che operano nel campo delle energie alternative, dell’efficienza energetica e della gestione delle reti hanno sottoscritto un documento condiviso che getta le basi per una pianificazione sostenibile a livello nazionale da qui al 2050. Tra le priorità su cui puntare suggerite al ministero, ci sono il progressivo processo di decarbonizzazione e abbandono delle fonti fossili, la riduzione dei costi dell’energia grazie alla maggiore indipendenza energetica del Paese, lo sviluppo del sistema produttivo con la conseguente creazione di posti di lavoro grazie a innovazione tecnologica e sviluppo di nuove filiere e la valorizzazione del sistema delle smart city.

Alessandra Sgarbossa

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende