Home » Nazionali »Politiche »Pratiche »Pubblica Amministrazione » Rivoluzione a Roma: dal 3 agosto Fori Imperiali chiusi al traffico:

Rivoluzione a Roma: dal 3 agosto Fori Imperiali chiusi al traffico

Una rivoluzione copernicana per realizzare il più grande parco archeologico del mondo e liberare cittadini e turisti dal traffico soffocante che arriva fin sotto il Colosseo: dalle 5.30 del 3 agosto  l’area dei Fori Imperiali di Roma verrà pedonalizzata, così come aveva annunciato il nuovo sindaco di Roma, Ignazio Marino, in campagna elettorale.

Il cantiere in via Labicana – che con via di San Gregorio, via Cavour e via Merulana rappresenta la zona oggetto della rivoluzione – è partito il 13 luglio e porterà la chiusura totale del traffico privato (sono salvi mezzi pubblici e trasporto di emergenza) da largo Corrado Ricci a piazza del Colosseo. L’area, per diventare un parco archeologico, sarà soggetta poi a una riqualificazione.

La decisione, però, non ha mancato di alimentare polemiche su uno dei mali endemici della Capitale, ovvero il traffico. “A Roma si rischia più che nel resto d’Europa di ammalarsi e morire di cancro ai polmoni: la giunta Marino deve mettere subito in atto una nuova politica. Le ricette ci sono: nuove Ztl e pedonalizzazioni in tutta la città, a partire dai Fori imperiali estendendo il provvedimento a tutta la strada, nuova sosta tariffata progressiva e parcheggi di scambio, piano del trasporto pubblico e nuova rete tranviaria, spazi ciclabili e per bike sharing, car pooling e car sharing”. L’allarme, lanciato da Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio, si basa sullo studio MEDparticles pubblicato da Lancet Oncology, per il quale a Roma il rischio di tumore ai polmoni è del 35% contro una media europea del 22%, a causa dei 10 microgrammi di PM10 in più ogni anno. Il lavoro dello studio MEDparticles  ha riguardato un totale di 9.105 tra uomini e donne, di età media 44 anni, seguite dai medici per un periodo di circa 6 anni, tra il 2003 e il 2010. Hanno sviluppato un cancro ai polmoni in 53. Le cause principali dell’innalzamento delle polveri sottili sono le emissioni dei motori a scoppio e gli impianti di riscaldamento. D’altronde, negli ultimi nove anni, un’analisi delle performance ambientali di Roma secondo gli ultimi Rapporti di Ecosistema Urbano, evidenzia che, per quanto riguarda le PM10, la situazione resta difficile nonostante i piccoli miglioramenti.

Legambiente, proprio in occasione della pedonalizzazione, ha messo in campo una squadra nazionale guidata da Maurizio Gubbiotti, coordinatore della segreteria nazionale. “L’area deve essere riconsegnata alla sostenibilità, alla pedonalizzazione perché tra le più importanti al mondo e solo da noi si è potuto trasformare il Colosseo in uno spartitraffico!”, commenta Gubbiotti. “L’area archeologica, unica al mondo, va riconsegnata alla dignità che gli spetta ma deve essere una pedonalizzazione vera e non una limitazione”.

Legambiente, con le associazioni dei ciclisti, presenterà una serie di indicazioni al sindaco Marino, che hanno già incontrato. “Va messa in campo una viabilità diversa per evitare che il traffico si concentri in altre zone della città, spostando, di fatto, il problema”. Insomma, ciò che chiede Legambiente è un piano di mobilità complessivo con il potenziamento dei mezzi pubblici per tutta la città, in base anche ai dati prodotti dallo studio MEDparticles: “A Roma un bambino su tre sotto i due anni soffre di malattie respiratorie e ha difficoltà nell’iniziare a parlare, sintomo che deriva dal troppo rumore in cui siamo immersi”.

Anche FIAB, la Federazione Italiana Amici della Bicicletta chiede che il provvedimento della pedonalizzazione di Fori venga incrementato con altri interventi. “Avere un sindaco di una città come Roma che usa quotidianamente la bicicletta sia come mezzo di trasporto personale che per gli spostamenti ufficiali è qualcosa di importante – dice Marco Gemignani, vicepresidente nazionale Fiab – che apprezziamo molto. Ma forse proprio per questo, sul progetto di pedonalizzazione dei Fori Imperiali, i cui lavori stanno per iniziare, ci aspettavamo di più”. Gli amici della bici contestano il mancato coinvolgimento nello sviluppo del progetto, vale a dire “di coloro che ogni giorno usano la bicicletta per spostarsi a Roma da un capo all’altro e che in base alle loro competenze ed esperienze possono portare un apporto positivo”.

Anche dal punto di vista tecnico, però, per la Fiab qualcosa da ritoccare c’è. “Il progetto di chiusura al traffico di via dei Fori Imperiali prevede il senso unico su via Labicana verso via Merulana – spiega Gemignani – e l’introduzione del limite di velocità di 30 km/h. Va benissimo. Ma senza alcun elemento di moderazione del traffico, vale a dire di modifica della carreggiata tale da indurre gli automobilisti a rallentare la velocità e a guidare con più attenzione verso gli altri utenti non motorizzati l’uso promiscuo della strada non potrà avvenire in condizioni di sicurezza. Altrimenti è necessaria una pista ciclabile vera e propria”. Quindi, o si interviene per moderare la velocità degli automobilisti oppure si facciano delle piste ciclabili in entrambi i sensi di marcia: “Forse si è ancora in tempo per modificare il progetto? – si chiede Gemignani – Da un sindaco ciclista la Fiab si aspetta di sì”.

A chi proprio non va giù un provvedimento del genere sono commercianti e residenti, che si stanno organizzando per raccogliere firme: “Già è un caos così, figurarsi con la chiusura al traffico dei Fori Imperiali. Questa è un’arteria fondamentale per la città e non può essere soggetta a limitazioni di questo tipo”, commenta Umberto Nardinocchi, presidente del comitato di via Cavour e dei rioni Monti ed Esquilino. Sempre all’Esquilino l’associazione dei negozianti è sul piede di guerra: annunciano una causa nei confronti del Comune di Roma perché, sostengono, in due settimane di lavori hanno perso l’80% dei clienti. A loro risponde ancora Gubbiotti di Legambiente: “Fa fede quello che accadde con la pedonalizzazione di Piazza di Spagna: i commercianti fecero ricorso e dopo due anni vinsero. Chiesero però di lasciare l’area pedonalizzata: è chiaro che un provvedimento come questo aiuti il commercio”.

Marta Rossi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende