Home » Aziende »Pratiche »Recensioni » Sardegna, terra di “sapere della mano” ed ecotessitrici:

Sardegna, terra di “sapere della mano” ed ecotessitrici

aprile 1, 2015 Aziende, Pratiche, Recensioni

Artigianato batte industria.  Il tessile  in Sardegna è in agonia – così come la petrolchimica e altri settori  industriali –  gli operai sopravvissuti, ormai in  via di estinzione,  vivacchiano in cassa integrazione e la gran parte degli stabilimenti sono chiusi. Cattedrali nel deserto e un sogno d’industrializzazione ormai evaporato. Resistono, invece, i telai  della tradizione e il “sapere della mano” (quello studiato dall’antropologo sardo Giulio Angioni) con memoria ancestrale e millenaria. Donne, ma recentemente pure uomini, che tessono in modo sostenibile e nonostante la crisi economica riescono a sopravvivere e conservare un artigianato che affonda le sue radici nella notte dei tempi. Anche se non si tratta di un vero e proprio business.

Una mappa ben documentata  di questi antichi mestieri con visione da green economy  è visibile in “Janas. Storie di donne, telai e tesori”, il documentario dei registi Giorgia Boldrini, Giulio Filippo Giunti, Stefano Massari nato dal progetto della designer Stefania Bandinu. La creativa sarda con residenza tra l’isola, Bologna e la Francia che si è messa alla guida del suo  pulmino Volkswagen per un tour d’indagine conoscitivo tra donne e telai della Sardegna, accompagnata dalle musiche di Paolo Fresu, Paolo Angeli e Sonia Peana.

‘’Il Bisso è e deve rimanere Bene di Tutti come il mare’’: un manifesto per il bene comune, quindi per la sostenibilità,  quello che leggiamo nelle parole di Chiara Vigo. Nata in una fredda sera del 1 febbraio 1955 a Calasetta, paese dell’isola di Sant’Antioco, in una famiglia di maestri dell’arte della sartoria. Nonni e  bisnonni da cui ha ereditato la passione per la tessitura. Nonna Leonilde le ha trasmesso tutti i segreti per lavorare il Bisso – una fibra tessile conosciuta come la seta del mare che si ottiene dalla lavorazione dei filamenti del mollusco Pinna Nobilis – con un vero e proprio rito ancestrale: ‘’Il Giuramento dell’Acqua, i formulari che permettono le estrazioni di colore dalle piante e la lavorazione della fibra di Bisso’’. Quasi magia. Ma il lavoro del Maestro Vigo – preferisce essere definita  al maschile l’unica tessitrice del Bisso oggi sopravvissuta – non è solo tradizione; ha studiato biologia marina e lavorato in un impianto di acquacoltura per acquisire le maggiori informazioni possibili sulla Pinna Nobilis Setacea. Massima dedizione per salvare una tradizione  millenaria, tenace lotta ambientalista  a tutela del Bisso dall’estinzione, minacciato dall’inquinamento e dalla pesca non regolamentata del mollusco da cui si estrae.  I filamenti della Pinna Nobilis possiedono proprietà terapeutiche e  vengono utilizzati dai pescatori per curare le ferite. Insomma un bene prezioso, a rischio di estinzione,  tutto da tutelare. E per chi vuole saperne di più Chiara apre le porte del suo museo (a ingresso volutamente gratuito), dove racconta l’affascinante storia del Bisso.

Se Chiara Vigo tesse la seta del mare, Maria Corda quella di montagna. Stefania e Giorgia, le due ideatrici del documentario, l’hanno raggiunta nel suo laboratorio-museo-negozio di Orgosolo – il paese dipinto dai murales al centro dell’isola – nel forziere di ‘’Su Lionzu’’, il copricapo tradizionale che rende unico e originale il costume femminile del paese barbaricino.  Come Chiara anche Maria trae un’utilità economica quasi insignificante dalla vendita del prodotto, ma dona alla comunità un fondamentale contributo alla tutela della biodiversità locale. La tessitrice, infatti,  non si occupa solo di confezionare il velo ma di tutta la filiera, ad iniziare dall’allevamento dei bachi. Una tradizione importata ad Orgosolo nel 1600 grazie ai gesuiti ma con l’invasione dei prodotti industriali ormai quasi abbondata. Maria resiste, anche se negli ultimi due anni di copricapo “non ne ha venduto uno”.

Le biografie di Chiara Vigo e Maria Corda ci parlano dunque di sostenibilità ambientale, culturale e sociale, ma nelle loro esperienze manca però quella economica. Quel nesso che non ci permette di parlare di green economy in riferimento alle loro esperienze.

Ma altre tessitrici riescono a creare reddito con le loro produzioni. Il documentario Janas accompagna alla scoperta di  numerosi casi. A iniziare dalla storia della cooperativa ‘’Su Marmuri’’ di Ulassai – borgo di soli 1.500 abitanti nella regione storica dell’Ogliastra – che da 40 anni offre una preziosa fonte di reddito alle donne del paese. Le industrie tessili hanno chiuso, mentre i telai della cooperativa sono sempre in azione. Puro artigianato con piccole innovazioni meccaniche, dove il lavoro è soprattutto quello del ‘’sapere della mano’’. In queste donne c’è la conservazione della memoria storica della tessitura tradizionale sarda, ma con l’apertura nello stile, nei segni e nei disegni alle esperienze artistiche contemporanee (hanno collaborato con l’artista Maria Lai e con la designer Carolina Melis). Come racconta la tessitrice Maria Serrau ‘’ vogliamo far venire qui i nostri clienti’’. E’ la filosofia del “tappeto a chilometri zero”, come confermano i dati: il 60% della produzione è venduta in loco. Ovvero la tessitura come attrattore per le altre risorse del paese e volano di un turismo sostenibile che si nutre di artigianato, gastronomia, monumenti culturali e paesaggio.

Abbiamo isolato tre storie, ma nel documentario sono molti di più i personaggi che svelano il loro approccio sostenibile alla tessitura e che oltre alla tutela della tradizione si aprono all’ innovazione per catturare ed offrire il gusto contemporaneo ai clienti. C’è Tonello Mulas, che prepara tinture naturali per colorare le sue creazioni; c’è Luciano Bonino che recupera stoffe e abiti antichi per rielaborare la tradizione; c’è Vilda Scanu specializzata in arazzi; c’è Isabella Frongia e la madre ultraottantenne Susanna con il loro antico telaio di famiglia. E c’è Stefania Bandinu che non solo ha ispirato il progetto realizzato da Giorgia Boldrini, ma nel suo viaggio tra donne, uomini e telai ha chiesto ed ottenuto dagli artigiani scampoli e campioni di tessuto. Una raccolta che lei ha ‘’riciclato’’ per la composizione dei suoi  Bijoux, gioielli ecosostenibili.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende