Home » Aziende »Non-Profit »Pratiche » Second hand economy: un settore da 19 miliardi di euro:

Second hand economy: un settore da 19 miliardi di euro

marzo 30, 2017 Aziende, Non-Profit, Pratiche

Quando si parla di economia circolare si pensa solitamente al riciclo, inteso come il processo industriale che parte dalla raccolta differenziata dei rifiuti per recuperare materia prima e renderla nuovamente disponibile alla produzione di nuovi beni. Ma c’è un settore della circular economy, il riuso, ancora meno impattante sull’ambiente (come riconosce la stessa “gerarchia dei rifiuti” di emanazione europea), in quanto non implica alcuna lavorazione post-consumo e consente agli oggetti di passare semplicemente di mano, allungandone il ciclo di vita. La cosiddetta second hand economy non è più solo mercatini della domenica, ma vale oggi, in Italia, 19 miliardi di euro l’anno, più di un punto del PIL nazionale.

L’ha calcolato Doxa per Subito, il leader della compravendita online, che lunedì 27 marzo ha presentato a Milano i dati della ricerca 2016 – un anno che ha segnato una crescita di +1 miliardo di euro nel volume generale di affari rispetto al precedente, con +330 milioni generati su internet.

L’economia circolare non è il futuro, ma è già il presente di un nuovo modo di intendere il rapporto tra economia e società. Non è una moda passeggera, ma una radicale trasformazione del nostro modo di intendere produzione, consumo e, conseguentemente, benessere. Serve un nuovo approccio, anche empirico, alla misurazione del valore prodotto dall’economia circolare e del contributo che essa apporta alla crescita economica”, commenta Luciano Canova, economista dell’Università di Pavia.

La fascia di popolazione che non ha mai acquistato usato (perché preferisce comprare oggetti nuovi) nell’ultimo anno è calata dell’8% (il 45% verso il 53% del 2015), segno che il seconda-mano non è più qualcosa di “sfigato”, ma è un’abitudine che cresce trasversalmente alle varie categorie sociali e di reddito. Le motivazioni di questa maturazione del mercato dell’usato sono varie. La crisi economica di questi anni ha indubbiamente contribuito, ma più ancora ha fatto la diffusione di nuovi stili di vita, riassunti nei profili dei consumatori di second hand:  non solo più, dunque, gli “Ideologici” – che lo fanno per salvare l’ambiente  –  e i “Concreti” dall’approccio razionale basato sul bisogno, ma anche quelli che amano la leggerezza del superfluo a basso costo e senza impegno, i millenials dell’Economia 2.0 (abituati a comprare e vendere online sia nuovo che usato) e gli Smart Chic appassionati del vintage.

L’altra notizia è che sempre di più anche gli Italiani acquistano e vendono online - come avviene da tempo in altri paesi europei. Si tratta del 15% della popolazione, che scambia oggetti di seconda mano, su internet, per 7,1 miliardi di euro l’anno, creandosi un guadagno integrativo mediamente di € 900 euro/anno (quasi una piccola “quindicesima”).

Il settore dei motori (auto, moto, scooter ecc.) guida ancora la classifica delle vendite online, con 5 miliardi di euro, seguito dai prodotti per la casa e la persona (984 milioni), dall’elettronica (647 milioni) esport & hobby (465 milioni).

“La progressiva digitalizzazione del Paese e un uso sempre maggiore di smartphone e tablet stanno progressivamente riducendo l’acquisto e la vendita di beni in mercati e negozi dell’usato a favore delle piattaforme digitali generaliste e verticali”, spiega Guido Argieri, Head of Department Customer Interaction & Monitoring di Doxa.

 

Ma un altro effetto interessante, emerso durante la presentazione dei dati a Milano, è che questa economia del second hand non sembra entrare in competizione con la produzione industriale e artigianale tradizionale. Anzi, secondo il CEO di Subito Melany Libraro, “stimola l’investimento in qualità”. In effetti l’oggetto che, potenzialmente, può avere la vita più lunga non è certo l’usa e getta di fascia bassa, ma  ci sarebbe un ulteriore incentivo a lavorare sulla qualità e la durabilità delle produzioni.

Andrea Gandiglio


 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende