Home » Aziende »Pratiche » Stampare a basso impatto ambientale: la rivoluzione corre online:

Stampare a basso impatto ambientale: la rivoluzione corre online

febbraio 23, 2015 Aziende, Pratiche

La tendenza generale, ormai da anni, è a digitalizzare e dematerializzare i documenti, spostando i files virtualmente, via posta elettronica, cloud o altri sistemi di trasferimento. Ma quando la stampa di materiali cartacei è necessaria e insostituibile, quali sono le modalità che consentono di conciliare l’efficienza e la qualità del servizio con la sostenibilità ambientale?

Innanzitutto si parte dai supporti di stampa, che dovrebbero essere in materiale rigorosamente riciclato oppure ad impatto ambientale certificato. Per quanto riguarda la carta, FSC e PEFC sono i due standard più diffusi. Forest Stewardship Council è l’ente (in Italia ha sede presso l’Università di Padova) che promuove, in tutto il mondo, una gestione delle foreste rispettosa dell’ambiente, socialmente utile ed economicamente sostenibile. La certificazione FSC verifica dunque che la raccolta dei prodotti legnosi e non legnosi del bosco mantenga la biodiversità, la produttività e i processi ecologici, dando lavoro e beneficio economico alla popolazione locale in un’ottica conservativa (e non speculativa) di lunga distanza. FSC promuove inoltre l’abbandono dell’uso di pesticidi altamente tossici, classificati secondo precisi standard, nella gestione delle foreste certificate. Analogamente anche il PEFCProgramme for the Endorsement of Forest Certification Schemes“, cioè il “Programma di valutazione degli schemi di certificazione forestale” garantisce la provenienza e tracciabilità della carta e dei prodotti di origine legnosa da piantagioni “sostenibili”, dove questo termine significa conservazione della foresta come habitat per animali e piante; mantenimento della funzione protettiva delle foreste nei confronti dell’acqua, del terreno e del clima; tutela della biodiversità degli ecosistemi forestali; un taglio delle piante che rispetti il naturale ritmo di crescita; rimboschimento obbligatorio o favorimento della rigenerazione naturale; promozione delle filiere corte; garanzia dei diritti delle popolazioni indigene e dei proprietari forestali.

Entrambi i sistemi prevedono non solo una certificazione della provenienza e delle caratteristiche della materia prima, ma anche una “catena di custodia” con determinate prescrizioni in tutte le fasi di produzione e distribuzione dei prodotti di stampa.

C’è poi il problema degli inchiostri e dei macchinari di stampa. In Italia è nato, a questo proposito, un protocollo indipendente, Eco Offset, che propone un “modello industriale sostenibile” in fase pre, di stampa e post. Il disciplinare Eco Offset, accertato da TÜV Italia, oltre alla verifica dei supporti, controlla la manutenzione e il monitoraggio di impiego ed uso delle diverse facilities, con l’obiettivo di effettuare interventi preventivi affinché si riduca l’aspetto inquinante delle macchine. Una maggiore resa e la riduzione degli sprechi contribuiscono infatti alla diminuzione degli impatti e quindi a migliorare le performance ambientali della tipografia. Gli inchiostri non risultano, al contrario, essere ancora oggetto di particolari attenzioni da parte degli stampatori, pur essendo disponibili prodotti provenienti da fonti rinnovabili, come oli vegetali, acetati di provenienza biologica e derivati della cellulosa.

La rivoluzione delle macchine ha interessato principalmente il settore della stampa online e ne ha determinato il successo e la crescita negli ultimi anni, rispetto alle stamperie più tradizionali, travolte dalla crisi. Un modello di business che si distingue, a livello europeo, per ampiezza dell’attenzione agli impatti ambientali ed efficienza è quello messo in atto dalla tedesca Onlineprinters GmbH, che ha diffuso i propri servizi online anche in Italia. Onlineprinters sfrutta il cosiddetto processo di stampa collettiva: più ordini di stampa da effettuare con lo stesso tipo di carta e la stessa grammatura vengono prodotti in forma collettiva, sfruttando al meglio le lastre di stampa e i fogli di carta e ottimizzando, al tempo stesso, i prezzi. Anche l’alimentazione dell’inchiostro è centralizzata, attraverso contenitori intercambiabili in metallo da 300 kg, che evitano di utilizzare barattoli o cartucce in eccesso, con conseguente accumulo di rifiuti in plastica. A monitorare e ridurre i consumi energetici della produzione interviene poi la domotica, che consente di recuperare il calore residuo da macchine, compressori e tubazioni dell’acqua calda tramite scambiatori di calore, riuscendo così a riscaldare una sala stampa completa senza bisogno di energia supplementare.

Consapevole che, tuttavia, stampare a impatto zero è impossibile anche per i più virtuosi, Onlineprinters offre ai propri clienti la modalità “climaneutral“, che consente la compensazione delle emissioni residue. La percentuale di CO2 dell’ordine di stampa viene calcolata in modo automatico e compensata attraverso un progetto di tutela del clima tra quelli offerti da ClimatePartner. I costi aggiuntivi medi sono contenuti entro lo 0,7% del valore dell’ordine e vengono indicati in modo chiaro e trasparente, limitando qualsiasi alibi a disinteressarsi di questa preziosa opzione.

Redazione Greenews.info

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende