Home » Aziende »Pratiche » Stampare a basso impatto ambientale: la rivoluzione corre online:

Stampare a basso impatto ambientale: la rivoluzione corre online

febbraio 23, 2015 Aziende, Pratiche

La tendenza generale, ormai da anni, è a digitalizzare e dematerializzare i documenti, spostando i files virtualmente, via posta elettronica, cloud o altri sistemi di trasferimento. Ma quando la stampa di materiali cartacei è necessaria e insostituibile, quali sono le modalità che consentono di conciliare l’efficienza e la qualità del servizio con la sostenibilità ambientale?

Innanzitutto si parte dai supporti di stampa, che dovrebbero essere in materiale rigorosamente riciclato oppure ad impatto ambientale certificato. Per quanto riguarda la carta, FSC e PEFC sono i due standard più diffusi. Forest Stewardship Council è l’ente (in Italia ha sede presso l’Università di Padova) che promuove, in tutto il mondo, una gestione delle foreste rispettosa dell’ambiente, socialmente utile ed economicamente sostenibile. La certificazione FSC verifica dunque che la raccolta dei prodotti legnosi e non legnosi del bosco mantenga la biodiversità, la produttività e i processi ecologici, dando lavoro e beneficio economico alla popolazione locale in un’ottica conservativa (e non speculativa) di lunga distanza. FSC promuove inoltre l’abbandono dell’uso di pesticidi altamente tossici, classificati secondo precisi standard, nella gestione delle foreste certificate. Analogamente anche il PEFCProgramme for the Endorsement of Forest Certification Schemes“, cioè il “Programma di valutazione degli schemi di certificazione forestale” garantisce la provenienza e tracciabilità della carta e dei prodotti di origine legnosa da piantagioni “sostenibili”, dove questo termine significa conservazione della foresta come habitat per animali e piante; mantenimento della funzione protettiva delle foreste nei confronti dell’acqua, del terreno e del clima; tutela della biodiversità degli ecosistemi forestali; un taglio delle piante che rispetti il naturale ritmo di crescita; rimboschimento obbligatorio o favorimento della rigenerazione naturale; promozione delle filiere corte; garanzia dei diritti delle popolazioni indigene e dei proprietari forestali.

Entrambi i sistemi prevedono non solo una certificazione della provenienza e delle caratteristiche della materia prima, ma anche una “catena di custodia” con determinate prescrizioni in tutte le fasi di produzione e distribuzione dei prodotti di stampa.

C’è poi il problema degli inchiostri e dei macchinari di stampa. In Italia è nato, a questo proposito, un protocollo indipendente, Eco Offset, che propone un “modello industriale sostenibile” in fase pre, di stampa e post. Il disciplinare Eco Offset, accertato da TÜV Italia, oltre alla verifica dei supporti, controlla la manutenzione e il monitoraggio di impiego ed uso delle diverse facilities, con l’obiettivo di effettuare interventi preventivi affinché si riduca l’aspetto inquinante delle macchine. Una maggiore resa e la riduzione degli sprechi contribuiscono infatti alla diminuzione degli impatti e quindi a migliorare le performance ambientali della tipografia. Gli inchiostri non risultano, al contrario, essere ancora oggetto di particolari attenzioni da parte degli stampatori, pur essendo disponibili prodotti provenienti da fonti rinnovabili, come oli vegetali, acetati di provenienza biologica e derivati della cellulosa.

La rivoluzione delle macchine ha interessato principalmente il settore della stampa online e ne ha determinato il successo e la crescita negli ultimi anni, rispetto alle stamperie più tradizionali, travolte dalla crisi. Un modello di business che si distingue, a livello europeo, per ampiezza dell’attenzione agli impatti ambientali ed efficienza è quello messo in atto dalla tedesca Onlineprinters GmbH, che ha diffuso i propri servizi online anche in Italia. Onlineprinters sfrutta il cosiddetto processo di stampa collettiva: più ordini di stampa da effettuare con lo stesso tipo di carta e la stessa grammatura vengono prodotti in forma collettiva, sfruttando al meglio le lastre di stampa e i fogli di carta e ottimizzando, al tempo stesso, i prezzi. Anche l’alimentazione dell’inchiostro è centralizzata, attraverso contenitori intercambiabili in metallo da 300 kg, che evitano di utilizzare barattoli o cartucce in eccesso, con conseguente accumulo di rifiuti in plastica. A monitorare e ridurre i consumi energetici della produzione interviene poi la domotica, che consente di recuperare il calore residuo da macchine, compressori e tubazioni dell’acqua calda tramite scambiatori di calore, riuscendo così a riscaldare una sala stampa completa senza bisogno di energia supplementare.

Consapevole che, tuttavia, stampare a impatto zero è impossibile anche per i più virtuosi, Onlineprinters offre ai propri clienti la modalità “climaneutral“, che consente la compensazione delle emissioni residue. La percentuale di CO2 dell’ordine di stampa viene calcolata in modo automatico e compensata attraverso un progetto di tutela del clima tra quelli offerti da ClimatePartner. I costi aggiuntivi medi sono contenuti entro lo 0,7% del valore dell’ordine e vengono indicati in modo chiaro e trasparente, limitando qualsiasi alibi a disinteressarsi di questa preziosa opzione.

Redazione Greenews.info

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

febbraio 1, 2018

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

Una nuova ricerca resa nota da Schneider Electric, leader mondiale dell’automazione e trasformazione digitale dell’energia, rivela che benché la gran parte delle grandi aziende si sentano pronte per affrontare un futuro decentralizzato, decarbonizzato e digitalizzato, molte, in realtà, non stanno ancora prendendo le necessarie misure per integrare e fare evolvere i loro programmi energetici e [...]

Greenpeace: “è criminale non agire contro lo smog”. Azione dimostrativa a Bruxelles

gennaio 30, 2018

Greenpeace: “è criminale non agire contro lo smog”. Azione dimostrativa a Bruxelles

Attivisti di Greenpeace sono entrati in azione stamattina a Bruxelles, scoprendo il loro petto e mostrando un lavoro di body art che ritrae i loro polmoni, per chiedere aria pulita e provvedimenti contro lo smog ai Paesi convocati d’urgenza oggi dal Commissario europeo per l’ambiente Karmenu Vella. Nel 2017 la Commissione europea aveva già messo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende