Home » Aziende »Eventi »Idee »Pratiche » Summa 2017: l’atmosfera unica del “fuori salone” della famiglia Lageder:

Summa 2017: l’atmosfera unica del “fuori salone” della famiglia Lageder

aprile 10, 2017 Aziende, Eventi, Idee, Pratiche

Vent’anni fa Alois Lageder decise di “abbandonare” il Vinitaly. Senza polemica, ma per poter dedicare più tempo e attenzione ai propri clienti e amici – un’esperienza quasi impossibile nella frenesia di una fiera che ospita migliaia di espositori assediati da decine di migliaia di visitatori. Era l’ordine di grandezza che non gli piaceva. Per questo nacque Quintett, la decisione di ospitare cinque vignaioli di diversa provenienza nelle tenute storiche della famiglia a Magrè sulla Strada del Vino, in Alto Adige, a poco più di un’ora da Verona. Un progetto che, negli anni, prende il nome di Summa e che ieri ha festeggiato la 20°edizione con 83 produttori provenienti da tutto il mondo, dalla Francia alla Nuova Zelanda, dalla Germania al Kazakistan.

Summa è la dimostrazione concreta dell’efficacia dell’approccio “olistico”. Non solo quello praticato da Lageder in vigna e in cantina, secondo il metodo biodinamico, ma anche negli eventi (coordinati dalla figlia Anna): un gruppo selezionato di produttori – quasi sempre presenti in persona – ospitati negli spazi di palazzi storici ristrutturati con i materiali della tradizione architettonica locale, nel contesto di un antico borgo altoatesino in mezzo alle vigne e alle montagne, che si popola, per l’occasione, di appassionati, giornalisti e professionisti del vino, liberi di muoversi all’aria aperta, tra un cortile e l’altro, come in un “festival diffuso. E’ evidente quanto la suggestione e il coinvolgimento, anche estetico ed emotivo, dei partecipanti, possano essere diversi rispetto alle anonime corsie delle fiere ospitate in capannoni di cemento armato.

Non tutti i produttori presenti sono biologici o biodinamici, ma questa “apertura” fa parte dello spirito di accoglienza e condivisione dell’evento, che non vuole essere il ritrovo di “una setta” di fanatici con la verità in tasca, ma un momento di confronto anche con chi, per il momento, opera diversamente, ma forse proprio qui troverà gli stimoli e le ragioni per la “conversione” (al bio). Alois Clemens Lageder, il figlio trentenne, che ha debuttato in azienda a Summa 2016, non ha problemi a riconoscere il criterio, anche umano, della selezione: “qualcuno ha condiviso un percorso, altri sono amici…”. Come dire: quello che conta è l’autenticità delle persone che fanno il vino e dei rapporti sociali, non tanto il “bollino”.

Nonostante Lageder sia stato nominato, nel 2016, presidente di Demeter (l’unico ente che certifica il biodinamico) non c’è infatti alcuna “discriminazione” nei confronti dei “convenzionali”. A ciascuno è riservato un tavolo sul quale poter esporre e far degustare le proprie bottiglie, raccontando la propria filosofia. A distanza di poche sale si possono trovare aziende come la Tenuta Mara di San Clemente (RN) – che diffonde la musica classica nelle vigne e i canti gregoriani in cantina – e OT l’azienda del dissacratorio Oliviero Toscani, che seppur in conversione non ha esaurito i suoi dubbi sulla possibilità di fare veramente biologico in alcune zone d’Italia: “come puoi fare il vino bio vicino all’autostrada – sbotta – dove passano migliaia di camion tutti i giorni?!“. Il riferimento ad una pregiata DOCG lombarda è piuttosto chiaro…

Parlare con gli espositori, qui a Summa, è sicuramente più facile che altrove e ti arricchisce non solo di nozioni tecniche, ma anche di storie umane. Incontriamo Zaure Rozmat, la fondatrice del magazine kazako The Steppe, che ci racconta del titanico progetto di recupero delle vigne abbandonate durante la disgregazione dell’Unione Sovietica, da parte di Zeinulla Kakimzhanov, il fondatore di Arba Wine, che, con l’aiuto di enologi italiani, vuole fare “uno dei migliori vini al mondo”, grazie alle caratteristiche climatiche e morfologiche uniche della zona pedemontana di Almaty. Parliamo anche con Roland Velich, il titolare dell’austriaca Weingut Moric, che il Wine & Spirit Magazine ha nominato per la quinta volta tra i 100 migliori produttori al mondo e che alla richiesta di raccontarci il suo “Burgenland“, risponde semplice con un sorriso: “è vino rosso“. Il resto lo devi sentire nel calice, senza tante parole. E poi ci sono tanti tedeschi innamorati dell’Italia e venuti a vivere e produrre vino nel nostro paese, non solo in Toscana. Uno di loro, Schubert, è invece andato a farlo in Nuova Zelanda, dove, mi spiega la responsabile marketing, “il biologico non è ancora capito”. Infine visito le cantine della tenuta Löwengang di Lageder, dove si sperimentano le “comete“, tecniche arcaiche o nuovissime, vendemmie in periodi non convenzionali, macerazioni degli interi grappoli in botte, tutto per capire come migliorare continuamente la qualità contrastando il problematico fenomeno dei “cambiamenti climatici“, che i viticoltori patiscono già oggi sul proprio business più che altre categorie.

Nelle descrizioni delle aziende sul book della manifestazione è abbastanza comune trovare definizioni come “anticonformista”, “pioniere”, “futurista“. Forse la cifra che unisce questi produttori, prima ancora del “bio” è quella di non accontentarsi del presente e di ciò che è main stream, ma voler continuare a cercare, a capire, a migliorare.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

marzo 8, 2019

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

Dell Technologies, tra i maggiori produttori mondiali di soluzioni tecnologiche, ha lanciato nei giorni scorsi un appello ai Governi europei e all’intero settore IT per stimolare un maggiore impegno congiunto verso la sostenibilità, con particolare attenzione all’ambito del public procurement dei servizi IT. Si calcola infatti che, nell’Unione Europea, la spesa pubblica si aggiri intorno a [...]

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

marzo 7, 2019

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

“L’Italia produce ogni anno oltre 4.720 miliardi di bottiglie di acqua minerale in PET e ne rilascia oltre 132.000 tonnellate nelle acque costiere, che in termini di CO2 prodotta corrispondono a 472.000 tonnellate emesse per la loro produzione e 925.000 tonnellate emesse per il loro trasporto, per un totale di 1.397.000 tonnellate di CO2 emesse!”. [...]

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

marzo 1, 2019

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

Da area industriale a enorme quartiere dell’innovazione: NOI Techpark è il nuovo polo culturale e tecnologico di Bolzano nato per ospitare aziende, start up, centri di ricerca e università.  Nature Of Innovation: è questo il significato dell’acronimo NOI Techpark. Un’opera di rigenerazione urbana che già nel nome rivela la sua natura inclusiva, destinata a trasformare [...]

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

marzo 1, 2019

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

Il prossimo 12 aprile 2019 a Firenze, il Museo Salvatore Ferragamo inaugura “Sustainable Thinking“, un percorso narrativo che si snoda tra le pionieristiche intuizioni del fondatore Salvatore Ferragamo nella ricerca sui materiali naturali, di riciclo e innovativi, e le più recenti sperimentazioni in ambito “ecofashion”. Il progetto espositivo, ideato da Stefania Ricci, Direttore del Museo [...]

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

febbraio 21, 2019

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

Il Comitato ‘Liberi Cittadini di Certosa’ sostenuto dall’ONA (Osservatorio Nazionale Amianto) e assistito e difeso dal suo Presidente, Avv. Ezio Bonanni, ha presentato ieri mattina alla Procura della Repubblica di Genova un dettagliato esposto che fa riferimento al potenziale rischio amianto e presenza di polveri nocive in relazione al tragico crollo del ponte del 14 agosto 2018 che, oltre [...]

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

febbraio 20, 2019

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

Le infestazioni in magazzino sono uno dei problemi che più colpisce la filiera agroalimentare italiana. Dal campo alla tavola, il danno provocato durante lo stoccaggio rischia di compromettere intere produzioni. Per risolvere questa problematica l’azienda di San Marino Bioagrotech srl, specializzata nella produzione e commercializzazione di fertilizzanti e trattamenti organici per l’agricoltura biologica, ha introdotto sul [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende