Home » Aziende »Eventi »Idee »Pratiche » Summa 2017: l’atmosfera unica del “fuori salone” della famiglia Lageder:

Summa 2017: l’atmosfera unica del “fuori salone” della famiglia Lageder

aprile 10, 2017 Aziende, Eventi, Idee, Pratiche

Vent’anni fa Alois Lageder decise di “abbandonare” il Vinitaly. Senza polemica, ma per poter dedicare più tempo e attenzione ai propri clienti e amici – un’esperienza quasi impossibile nella frenesia di una fiera che ospita migliaia di espositori assediati da decine di migliaia di visitatori. Era l’ordine di grandezza che non gli piaceva. Per questo nacque Quintett, la decisione di ospitare cinque vignaioli di diversa provenienza nelle tenute storiche della famiglia a Magrè sulla Strada del Vino, in Alto Adige, a poco più di un’ora da Verona. Un progetto che, negli anni, prende il nome di Summa e che ieri ha festeggiato la 20°edizione con 83 produttori provenienti da tutto il mondo, dalla Francia alla Nuova Zelanda, dalla Germania al Kazakistan.

Summa è la dimostrazione concreta dell’efficacia dell’approccio “olistico”. Non solo quello praticato da Lageder in vigna e in cantina, secondo il metodo biodinamico, ma anche negli eventi (coordinati dalla figlia Anna): un gruppo selezionato di produttori – quasi sempre presenti in persona – ospitati negli spazi di palazzi storici ristrutturati con i materiali della tradizione architettonica locale, nel contesto di un antico borgo altoatesino in mezzo alle vigne e alle montagne, che si popola, per l’occasione, di appassionati, giornalisti e professionisti del vino, liberi di muoversi all’aria aperta, tra un cortile e l’altro, come in un “festival diffuso. E’ evidente quanto la suggestione e il coinvolgimento, anche estetico ed emotivo, dei partecipanti, possano essere diversi rispetto alle anonime corsie delle fiere ospitate in capannoni di cemento armato.

Non tutti i produttori presenti sono biologici o biodinamici, ma questa “apertura” fa parte dello spirito di accoglienza e condivisione dell’evento, che non vuole essere il ritrovo di “una setta” di fanatici con la verità in tasca, ma un momento di confronto anche con chi, per il momento, opera diversamente, ma forse proprio qui troverà gli stimoli e le ragioni per la “conversione” (al bio). Alois Clemens Lageder, il figlio trentenne, che ha debuttato in azienda a Summa 2016, non ha problemi a riconoscere il criterio, anche umano, della selezione: “qualcuno ha condiviso un percorso, altri sono amici…”. Come dire: quello che conta è l’autenticità delle persone che fanno il vino e dei rapporti sociali, non tanto il “bollino”.

Nonostante Lageder sia stato nominato, nel 2016, presidente di Demeter (l’unico ente che certifica il biodinamico) non c’è infatti alcuna “discriminazione” nei confronti dei “convenzionali”. A ciascuno è riservato un tavolo sul quale poter esporre e far degustare le proprie bottiglie, raccontando la propria filosofia. A distanza di poche sale si possono trovare aziende come la Tenuta Mara di San Clemente (RN) – che diffonde la musica classica nelle vigne e i canti gregoriani in cantina – e OT l’azienda del dissacratorio Oliviero Toscani, che seppur in conversione non ha esaurito i suoi dubbi sulla possibilità di fare veramente biologico in alcune zone d’Italia: “come puoi fare il vino bio vicino all’autostrada – sbotta – dove passano migliaia di camion tutti i giorni?!“. Il riferimento ad una pregiata DOCG lombarda è piuttosto chiaro…

Parlare con gli espositori, qui a Summa, è sicuramente più facile che altrove e ti arricchisce non solo di nozioni tecniche, ma anche di storie umane. Incontriamo Zaure Rozmat, la fondatrice del magazine kazako The Steppe, che ci racconta del titanico progetto di recupero delle vigne abbandonate durante la disgregazione dell’Unione Sovietica, da parte di Zeinulla Kakimzhanov, il fondatore di Arba Wine, che, con l’aiuto di enologi italiani, vuole fare “uno dei migliori vini al mondo”, grazie alle caratteristiche climatiche e morfologiche uniche della zona pedemontana di Almaty. Parliamo anche con Roland Velich, il titolare dell’austriaca Weingut Moric, che il Wine & Spirit Magazine ha nominato per la quinta volta tra i 100 migliori produttori al mondo e che alla richiesta di raccontarci il suo “Burgenland“, risponde semplice con un sorriso: “è vino rosso“. Il resto lo devi sentire nel calice, senza tante parole. E poi ci sono tanti tedeschi innamorati dell’Italia e venuti a vivere e produrre vino nel nostro paese, non solo in Toscana. Uno di loro, Schubert, è invece andato a farlo in Nuova Zelanda, dove, mi spiega la responsabile marketing, “il biologico non è ancora capito”. Infine visito le cantine della tenuta Löwengang di Lageder, dove si sperimentano le “comete“, tecniche arcaiche o nuovissime, vendemmie in periodi non convenzionali, macerazioni degli interi grappoli in botte, tutto per capire come migliorare continuamente la qualità contrastando il problematico fenomeno dei “cambiamenti climatici“, che i viticoltori patiscono già oggi sul proprio business più che altre categorie.

Nelle descrizioni delle aziende sul book della manifestazione è abbastanza comune trovare definizioni come “anticonformista”, “pioniere”, “futurista“. Forse la cifra che unisce questi produttori, prima ancora del “bio” è quella di non accontentarsi del presente e di ciò che è main stream, ma voler continuare a cercare, a capire, a migliorare.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende