Home » Aziende »Idee »Pratiche » Turismo sostenibile: storia di un fenomeno da 10 miliardi:

Turismo sostenibile: storia di un fenomeno da 10 miliardi

agosto 24, 2011 Aziende, Idee, Pratiche

Il turismo ambientale, anche detto turismo ecosostenibile, rappresenta una delle nuove tendenze italiane. Finalmente anche il popolo del Bel Paese sta scoprendo questa modalità più rispettosa di trascorrere le proprie vacanze ed insegue il trend già in atto, da alcuni anni, negli altri paesi europei, in particolare Germania e Austria, particolarmente sensibili alle problematiche ambientali.

La Coldiretti stima che questa tendenza “green” sia in crescita, nel 2011, del 3%, per un totale di turisti ecosostenibili pari a quasi il 12% dei vacanzieri, con un valore di 10 miliardi di euro annui.

La definizione di ecoturismo, coniata nel 2002 durante il Summit Mondiale dell’Ecoturismo tenutosi nel Quebec, in Canada, vede il superamento dell’originario concetto di viaggio dedicato alle aree naturali incontaminate al fine di studiarne fauna, flora e manifestazioni culturali, per allargarne il significato anche al riguardo della zona di destinazione ed al suo sviluppo economico rispettoso dell’ambiente.

In quest’ottica l’ecoturismo si pone come obiettivo lo sviluppo economico locale sostenibile, una gestione razionale delle risorse per minimizzare l’impatto ambientale e una valorizzazione biocentrica e non antropocentrica delle risorse naturali; per richiamare la definizione dell’Associazione Ecoturismo Italia esso è “un modo di viaggiare responsabile in aree naturali, conservando l’ambiente in cui la comunità locale ospitante è direttamente coinvolta nel suo sviluppo e nella sua gestione ed in cui la maggior parte dei suoi benefici restano ad essa”.

Questo impegno ambientalista e sociale viene riconosciuto a livello comunitario dai premi Eden - European Destination of Exellence, indetti dall’Unione Europea nel 2006, finalizzati a premiare le località turistiche che più si impegnano e si contraddistinguono nei termini di sostenibilità ambientale, sociale ed economica.

A livello istituzionale, anche in Italia si registra un crescente impegno a promuovere questa tipologia di vacanza attraverso iniziative come la Parchi card, una tessera gratuita distribuita dalle Regioni per agevolare servizi per i turisti che rivolgono la loro attenzione alle aree protette. Oppure la Guida ai Servizi, un progetto istituito nel 2006 dal Ministero della Solidarietà Sociale (oggi del Welfare) al fine di fornire informazioni sulle aree protette e sulle facilitazioni per i possessori della card.

Questa forma di turismo richiede infatti, sempre, una buona progettazione a monte: sia che si decida di rivolgersi ad un’agenzia specializzata, sia che si opti per il fai da te, il momento preliminare è dato dalla componente programmatica. Si può scegliere di affidarsi ad un’agenzia affiliata all’Associazione Italiana per il Turismo Responsabile oppure scegliere strutture che hanno conseguito l’Ecolabel, la certificazione dedicata alle strutture che sono in grado di soddisfare principi di ecosostenibilità. O ancora seguire le segnalazioni di Legambiente Turismo. Tutti questi criteri riguardano il contenimento delle varie tipologie di inquinamento, un corretto comportamento riguardo alla differenziazione dei rifiuti, una riduzione degli sprechi energetici, la proposta di alimenti sani di produzione biologica o locale e la salvaguardia della biodiversità delle aree limitrofe. Chi predilige la ricezione in una struttura alberghiera può scegliere la formula dell’albergo diffuso ovvero un vero e proprio hotel che distribuisca la sua struttura in componenti distinte già esistenti, in modo da limitare al massimo l’impatto ambientale recuperando l’esistente. Ma rientrano nella definizione di strutture ecosostenibili anche le fattorie didattiche e le oasi del WWf.

Un’interessante iniziativa vede la regione Sicilia in primo piano: alcune decine di volontari denominati rangers, a Bronte offrono il loro lavoro part time per garantire la sicurezza e la tutela dell’ambiente tramite la divulgazione dei concetti di salvaguardia ambientale e protezione degli animali, così da attuare una diffusa sensibilizzazione delle Istituzioni e dei cittadini. I rangers organizzano escursioni nel Parco dell’Etna con guide autorizzate e promuovono il lavoro in Sicilia tramite l’inserimento dei giovani in occupazioni riferite alla creazione di mercatini a chilometri zero di prodotti provenienti da coltivatori ed allevatori locali.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Gestione del suolo: un software per mostrare gli scenari alternativi alla cementificazione

luglio 31, 2014

Gestione del suolo: un software per mostrare gli scenari alternativi alla cementificazione

Ha preso il via in questi giorni Soil Administration Models 4 Community Profit (SAM4CP), progetto finanziato dal programma europeo LIFE+ il cui compito, nei prossimi quattro anni di attività, sarà quello di rendere disponibili ad amministratori e cittadini le simulazioni di scenari attesi e scenari alternativi al consumo di suolo. Grazie a un software, la [...]

“Ma il mare non vale una cicca?”: sulle spiagge torna l’iniziativa di Marevivo

luglio 31, 2014

“Ma il mare non vale una cicca?”: sulle spiagge torna l’iniziativa di Marevivo

Torna sulle spiagge italiane, per il sesto anno consecutivo, la campagna “Ma il mare non vale una cicca?”: il prossimo weekend del 2 e 3 agosto, lungo gli oltre 8.000 chilometri di coste italiane saranno in azione oltre mille volontari impegnati nella distribuzione di 120.000 posacenere tascabili, lavabili e quindi riutilizzabili (20.000 in più rispetto [...]

Turismo sostenibile: TripAdvisor lancia anche in Italia il programma EcoLeader

luglio 30, 2014

Turismo sostenibile: TripAdvisor lancia anche in Italia il programma EcoLeader

TripAdvisor, il sito di viaggi più grande al mondo, ha annunciato il lancio in Europa del programma “EcoLeader di TripAdvisor” per aiutare i viaggiatori nel mondo a pianificare viaggi più sostenibili evidenziando gli hotel e i B&B impegnati in pratiche eco-friendly. A oggi sono più di 6.000 le strutture nel mondo ad aver raggiunto lo [...]

Riduzione preventiva dei rifiuti: il Ministero avvia un programma nazionale

luglio 30, 2014

Riduzione preventiva dei rifiuti: il Ministero avvia un programma nazionale

Il Piano Nazionale di Prevenzione dei Rifiuti potrebbe avere una marcia in più e nuove risorse per la sua attuazione. Il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti ha infatti nominato un comitato scientifico per l’implementazione e lo sviluppo del Programma Nazionale. A presiederlo sarà il professor Andrea Segrè, docente presso la facoltà di Agraria dell’Università di [...]

All’università di Milano una summer school sulle ecomafie

luglio 29, 2014

All’università di Milano una summer school sulle ecomafie

Fino al 4 agosto 2014 sono aperte le candidature alla quarta edizione della Summer School in “Organized Crime: –Ecomafie. Come le mafie devastano l’ambiente e il territorio, e come è possibile fermarle”” che si terrà a Milano dall’8  al 12 settembre 2014 presso la  Facoltà di Scienze politiche, economiche e sociali. La quarta edizione della [...]

E’tempo per il Pianeta. OMEGA finanzia due progetti di sviluppo sostenibile in Indonesia

luglio 29, 2014

E’tempo per il Pianeta. OMEGA finanzia due progetti di sviluppo sostenibile in Indonesia

OMEGA ha annunciato il suo coinvolgimento in “Time for the Planet”, iniziativa che include i progetti di conservazione ambientale in Indonesia nell’isola di Tanakeke e a Bahoi. Con la partecipazione del documentarista Yann Arthus-Bertrand e della fondazione GoodPlanet, OMEGA opera per la salvaguardia degli oceani, degli eco-sistemi marini e per aiutare le popolazioni che maggiormente [...]

Animali al posto di trattori e diserbanti: i Consorzi di Bonifica toscani tornano alla natura

luglio 28, 2014

Animali al posto di trattori e diserbanti: i Consorzi di Bonifica toscani tornano alla natura

Il mondo agricolo è, sempre più, il punto di riferimento dei Consorzi di Bonifica della Toscana. Sono numerose, infatti, le iniziative in corso e in programma nei vari comprensori, dallo sfalcio dell’erba alta utilizzando capre e altri animali, in collaborazione con gli allevatori, fino alla partnership con le organizzazioni agricole per l’affidamento dei lavori a [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende

VIDEO DEL GIORNO