Home » Aziende »Idee »Pratiche » Turismo sostenibile: storia di un fenomeno da 10 miliardi:

Turismo sostenibile: storia di un fenomeno da 10 miliardi

agosto 24, 2011 Aziende, Idee, Pratiche

Il turismo ambientale, anche detto turismo ecosostenibile, rappresenta una delle nuove tendenze italiane. Finalmente anche il popolo del Bel Paese sta scoprendo questa modalità più rispettosa di trascorrere le proprie vacanze ed insegue il trend già in atto, da alcuni anni, negli altri paesi europei, in particolare Germania e Austria, particolarmente sensibili alle problematiche ambientali.

La Coldiretti stima che questa tendenza “green” sia in crescita, nel 2011, del 3%, per un totale di turisti ecosostenibili pari a quasi il 12% dei vacanzieri, con un valore di 10 miliardi di euro annui.

La definizione di ecoturismo, coniata nel 2002 durante il Summit Mondiale dell’Ecoturismo tenutosi nel Quebec, in Canada, vede il superamento dell’originario concetto di viaggio dedicato alle aree naturali incontaminate al fine di studiarne fauna, flora e manifestazioni culturali, per allargarne il significato anche al riguardo della zona di destinazione ed al suo sviluppo economico rispettoso dell’ambiente.

In quest’ottica l’ecoturismo si pone come obiettivo lo sviluppo economico locale sostenibile, una gestione razionale delle risorse per minimizzare l’impatto ambientale e una valorizzazione biocentrica e non antropocentrica delle risorse naturali; per richiamare la definizione dell’Associazione Ecoturismo Italia esso è “un modo di viaggiare responsabile in aree naturali, conservando l’ambiente in cui la comunità locale ospitante è direttamente coinvolta nel suo sviluppo e nella sua gestione ed in cui la maggior parte dei suoi benefici restano ad essa”.

Questo impegno ambientalista e sociale viene riconosciuto a livello comunitario dai premi Eden - European Destination of Exellence, indetti dall’Unione Europea nel 2006, finalizzati a premiare le località turistiche che più si impegnano e si contraddistinguono nei termini di sostenibilità ambientale, sociale ed economica.

A livello istituzionale, anche in Italia si registra un crescente impegno a promuovere questa tipologia di vacanza attraverso iniziative come la Parchi card, una tessera gratuita distribuita dalle Regioni per agevolare servizi per i turisti che rivolgono la loro attenzione alle aree protette. Oppure la Guida ai Servizi, un progetto istituito nel 2006 dal Ministero della Solidarietà Sociale (oggi del Welfare) al fine di fornire informazioni sulle aree protette e sulle facilitazioni per i possessori della card.

Questa forma di turismo richiede infatti, sempre, una buona progettazione a monte: sia che si decida di rivolgersi ad un’agenzia specializzata, sia che si opti per il fai da te, il momento preliminare è dato dalla componente programmatica. Si può scegliere di affidarsi ad un’agenzia affiliata all’Associazione Italiana per il Turismo Responsabile oppure scegliere strutture che hanno conseguito l’Ecolabel, la certificazione dedicata alle strutture che sono in grado di soddisfare principi di ecosostenibilità. O ancora seguire le segnalazioni di Legambiente Turismo. Tutti questi criteri riguardano il contenimento delle varie tipologie di inquinamento, un corretto comportamento riguardo alla differenziazione dei rifiuti, una riduzione degli sprechi energetici, la proposta di alimenti sani di produzione biologica o locale e la salvaguardia della biodiversità delle aree limitrofe. Chi predilige la ricezione in una struttura alberghiera può scegliere la formula dell’albergo diffuso ovvero un vero e proprio hotel che distribuisca la sua struttura in componenti distinte già esistenti, in modo da limitare al massimo l’impatto ambientale recuperando l’esistente. Ma rientrano nella definizione di strutture ecosostenibili anche le fattorie didattiche e le oasi del WWf.

Un’interessante iniziativa vede la regione Sicilia in primo piano: alcune decine di volontari denominati rangers, a Bronte offrono il loro lavoro part time per garantire la sicurezza e la tutela dell’ambiente tramite la divulgazione dei concetti di salvaguardia ambientale e protezione degli animali, così da attuare una diffusa sensibilizzazione delle Istituzioni e dei cittadini. I rangers organizzano escursioni nel Parco dell’Etna con guide autorizzate e promuovono il lavoro in Sicilia tramite l’inserimento dei giovani in occupazioni riferite alla creazione di mercatini a chilometri zero di prodotti provenienti da coltivatori ed allevatori locali.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Scienziati sul Monte Rosa per studiare la storia climatica degli ultimi secoli

ottobre 1, 2014

Scienziati sul Monte Rosa per studiare la storia climatica degli ultimi secoli

È partita il 29 settembre la spedizione “Perforazione Colle del Lys 2014” guidata dall’Università di Milano-Bicocca sul Ghiacciaio del Lys (Monte Rosa) a 4.250 metri di quota, con l’obiettivo di perforare l’intero spessore del ghiaccio, stimato circa 120 m. Si tratta della perforazione in ghiaccio più profonda mai tentata in Italia. Il gruppo di ricerca, coordinato [...]

“Per un pugno di semi”: la biodiversità vegetale al centro del concorso di Green Cross

ottobre 1, 2014

“Per un pugno di semi”: la biodiversità vegetale al centro del concorso di Green Cross

Adottare buone pratiche alimentari, scoprire come le nostre scelte quotidiane possono influenzare il benessere di Paesi lontani e individuare azioni per la protezione e la valorizzazione della biodiversità. Sono alcuni degli obiettivi per studenti e insegnanti che parteciperanno alla XXIII edizione del concorso nazionale “Immagini per la terra”, iniziativa di educazione ambientale promossa da Green [...]

Borneo 2014: la spedizione Nikon per indagare la deforestazione

settembre 30, 2014

Borneo 2014: la spedizione Nikon per indagare la deforestazione

Nikon School promuove il progetto “Borneo 2014”, partito ieri alla volta dell’isola. Ideata dal team di I AM EXPEDITION e patrocinata dal Forest Stewardship Council Italia, la spedizione si propone di avviare indagini conoscitive e indipendenti sul tema della deforestazione a livello globale; la documentazione fotografica e filmica raccolta sullo stato di conservazione della natura [...]

Il progetto Life Coornata riporta in Italia il camoscio appenninico

settembre 30, 2014

Il progetto Life Coornata riporta in Italia il camoscio appenninico

A quattro anni dall’avvio, si conclude con successo il progetto sul camoscio appenninico Life Coornata, co-finanziato dall’Unione Europea nell’ambito dello strumento Life+. Sono circa 2000, infatti, gli esemplari di camoscio appenninico presenti oggi nei parchi nazionali d’Abruzzo Lazio e Molise, del Gran Sasso Monti della Laga, della Majella, dei Monti Sibillini e in quello regionale [...]

I ricercatori alla scoperta delle Galapagos d’Africa: 27 nuove specie e una possibile candidatura UNESCO

settembre 29, 2014

I ricercatori alla scoperta delle Galapagos d’Africa: 27 nuove specie e una possibile candidatura UNESCO

Uno studio condotto da un team internazionale di ricercatori coordinato dal MUSE-Museo delle Scienze di Trento, pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica Diversity and Distributions, rivela la ricchezza faunistica delle foreste dell’Arco Orientale della Tanzania, note come le ‘Galapagos dell’Africa’. Il lavoro presenta la scoperta di 27 nuove specie per la scienza (di cui 23 sono [...]

REbuild 2014 premia la riqualificazione sostenibile che indirizza il mercato

settembre 29, 2014

REbuild 2014 premia la riqualificazione sostenibile che indirizza il mercato

«Questi progetti sono il meglio della riqualificazione italiana», così introduce il premio REbuild 2014 Julia Ratajczak dell’istituto Fraunhofer Innovation Engineering Center, l’ente ideatore insieme ad Habitech della prima competition europea tra edifici riqualificati in maniera sostenibile. Ad aggiudicarsi il “nobel” della riqualificazione per la sezione “Terziario” è l’architetto Anna di Girolamo con il progetto San Nicolao, [...]

Porto Tolle: Enel annuncia la rinuncia alla riconversione a carbone della centrale

settembre 26, 2014

Porto Tolle: Enel annuncia la rinuncia alla riconversione a carbone della centrale

L’annuncio della comunicazione ai sindacati della rinuncia da parte di Enel al progetto di riconvertire la centrale di Porto Tolle a carbone, spiegano Legambiente e WWF, “è un’ottima notizia non solo per le associazioni ambientaliste, ma per i cittadini, gli agricoltori, gli imprenditori  veneti e romagnoli che hanno sempre visto il progetto come una minaccia [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende

VIDEO DEL GIORNO