Home » Aziende »Idee »Pratiche » Turismo sostenibile: storia di un fenomeno da 10 miliardi:

Turismo sostenibile: storia di un fenomeno da 10 miliardi

agosto 24, 2011 Aziende, Idee, Pratiche

Il turismo ambientale, anche detto turismo ecosostenibile, rappresenta una delle nuove tendenze italiane. Finalmente anche il popolo del Bel Paese sta scoprendo questa modalità più rispettosa di trascorrere le proprie vacanze ed insegue il trend già in atto, da alcuni anni, negli altri paesi europei, in particolare Germania e Austria, particolarmente sensibili alle problematiche ambientali.

La Coldiretti stima che questa tendenza “green” sia in crescita, nel 2011, del 3%, per un totale di turisti ecosostenibili pari a quasi il 12% dei vacanzieri, con un valore di 10 miliardi di euro annui.

La definizione di ecoturismo, coniata nel 2002 durante il Summit Mondiale dell’Ecoturismo tenutosi nel Quebec, in Canada, vede il superamento dell’originario concetto di viaggio dedicato alle aree naturali incontaminate al fine di studiarne fauna, flora e manifestazioni culturali, per allargarne il significato anche al riguardo della zona di destinazione ed al suo sviluppo economico rispettoso dell’ambiente.

In quest’ottica l’ecoturismo si pone come obiettivo lo sviluppo economico locale sostenibile, una gestione razionale delle risorse per minimizzare l’impatto ambientale e una valorizzazione biocentrica e non antropocentrica delle risorse naturali; per richiamare la definizione dell’Associazione Ecoturismo Italia esso è “un modo di viaggiare responsabile in aree naturali, conservando l’ambiente in cui la comunità locale ospitante è direttamente coinvolta nel suo sviluppo e nella sua gestione ed in cui la maggior parte dei suoi benefici restano ad essa”.

Questo impegno ambientalista e sociale viene riconosciuto a livello comunitario dai premi Eden - European Destination of Exellence, indetti dall’Unione Europea nel 2006, finalizzati a premiare le località turistiche che più si impegnano e si contraddistinguono nei termini di sostenibilità ambientale, sociale ed economica.

A livello istituzionale, anche in Italia si registra un crescente impegno a promuovere questa tipologia di vacanza attraverso iniziative come la Parchi card, una tessera gratuita distribuita dalle Regioni per agevolare servizi per i turisti che rivolgono la loro attenzione alle aree protette. Oppure la Guida ai Servizi, un progetto istituito nel 2006 dal Ministero della Solidarietà Sociale (oggi del Welfare) al fine di fornire informazioni sulle aree protette e sulle facilitazioni per i possessori della card.

Questa forma di turismo richiede infatti, sempre, una buona progettazione a monte: sia che si decida di rivolgersi ad un’agenzia specializzata, sia che si opti per il fai da te, il momento preliminare è dato dalla componente programmatica. Si può scegliere di affidarsi ad un’agenzia affiliata all’Associazione Italiana per il Turismo Responsabile oppure scegliere strutture che hanno conseguito l’Ecolabel, la certificazione dedicata alle strutture che sono in grado di soddisfare principi di ecosostenibilità. O ancora seguire le segnalazioni di Legambiente Turismo. Tutti questi criteri riguardano il contenimento delle varie tipologie di inquinamento, un corretto comportamento riguardo alla differenziazione dei rifiuti, una riduzione degli sprechi energetici, la proposta di alimenti sani di produzione biologica o locale e la salvaguardia della biodiversità delle aree limitrofe. Chi predilige la ricezione in una struttura alberghiera può scegliere la formula dell’albergo diffuso ovvero un vero e proprio hotel che distribuisca la sua struttura in componenti distinte già esistenti, in modo da limitare al massimo l’impatto ambientale recuperando l’esistente. Ma rientrano nella definizione di strutture ecosostenibili anche le fattorie didattiche e le oasi del WWf.

Un’interessante iniziativa vede la regione Sicilia in primo piano: alcune decine di volontari denominati rangers, a Bronte offrono il loro lavoro part time per garantire la sicurezza e la tutela dell’ambiente tramite la divulgazione dei concetti di salvaguardia ambientale e protezione degli animali, così da attuare una diffusa sensibilizzazione delle Istituzioni e dei cittadini. I rangers organizzano escursioni nel Parco dell’Etna con guide autorizzate e promuovono il lavoro in Sicilia tramite l’inserimento dei giovani in occupazioni riferite alla creazione di mercatini a chilometri zero di prodotti provenienti da coltivatori ed allevatori locali.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Borse di studio VASS 2016: 1.000 euro per tesi di laurea sui sistemi costruttivi in legno

luglio 22, 2016

Borse di studio VASS 2016: 1.000 euro per tesi di laurea sui sistemi costruttivi in legno

Martedì 19 Luglio è stata presentata, con un evento nella cantine Ceretto di Alba, in Piemonte, l’edizione 2016 del bando VASS, per 3 nuove borse di studio, in collaborazione con l’azienda altoatesina Rotho Blaas e con il patrocinio del Dipartimento di Architettura e Design del Politecnico di Torino. Le borse (2 offerte da VASS e 1 da [...]

Milkman, il servizio di consegna personalizzato per ridurre l’impatto ambientale

luglio 22, 2016

Milkman, il servizio di consegna personalizzato per ridurre l’impatto ambientale

Milkman, la startup italiana che permette agli e-shopper di decidere giorno ed ora nei quali ricevere le proprie spedizioni, tramite l’omonima App (gratuita per iOS e Android), promuove ora la logistica “verde”. E-commerce e shopping online rappresentano infatti uno dei più significativi cambi di abitudini degli ultimi anni: 120 milioni i pacchi consegnati in Italia, [...]

“1 contro 0″: il nuovo decreto che regola il ritiro degli elettrodomestici

luglio 21, 2016

“1 contro 0″: il nuovo decreto che regola il ritiro degli elettrodomestici

A pochi giorni dall’entrata in vigore del cosiddetto decreto “1 contro o“, AIRES, l’associazione di Confcommercio che rappresenta i retailer di elettrodomestici specializzati, ha avviato un dialogo con il Ministero dell’Ambiente per definire i passi successivi dell’applicazione. L’”1 contro 0″ disciplina infatti le modalità di ritiro dei RAEE (i Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) [...]

Bioreval: un metodo brevettato per produrre biometano con minore biomassa

luglio 21, 2016

Bioreval: un metodo brevettato per produrre biometano con minore biomassa

Le biotecnologie possono migliorare l’efficienza degli impianti di biogas che producono energia elettrica. E’ quello che dimostra l’esperienza di Biovalene, startup pordenonese nata nel 2015, che ha messo a punto un metodo brevettato di attivazione di consorzi di batteri più idonei a produrre metano. Il risultato è una sensibile diminuzione del carico di biomassa utilizzata [...]

“Cittadino Albero”: il bando di Compagnia di Sanpaolo per finanziare il verde in città

luglio 20, 2016

“Cittadino Albero”: il bando di Compagnia di Sanpaolo per finanziare il verde in città

La Compagnia di San Paolo ha lanciato lo scorso aprile il bando “Cittadino Albero. Spazio pubblico, spazio verde, spazio sociale” e invita a presentare, entro il 31 agosto 2016, proposte per incrementare il patrimonio arboreo e per favorirne la cura da parte dei cittadini e dell’associazionismo. Obiettivo di questa azione, a favore della quale la [...]

Compostaggio di comunità: l’innovativo esperimento del comune salentino di Melpignano

luglio 19, 2016

Compostaggio di comunità: l’innovativo esperimento del comune salentino di Melpignano

A Melpignano, in Puglia, sta per partire il primo esperimento in Italia di gestione sostenibile del rifiuto organico che coniuga il compostaggio di comunità con il sistema della lombricoltura. Dopo l’avvio della prima cooperativa di comunità italiana, il piccolo comune salentino conferma la propria vocazione di innovazione in termini di sostenibilità ambientale e sociale con [...]

Spiagge smart: una “fiscalità di scopo” per rilanciare il turismo marino e combattere l’erosione

luglio 19, 2016

Spiagge smart: una “fiscalità di scopo” per rilanciare il turismo marino e combattere l’erosione

Gli interventi occasionali di difesa delle spiagge italiane, scogliere e ripascimenti non sono serviti ad arginare l’erosione delle coste italiane che sta diventando un peso insostenibile per l’economia turistica dell’Italia. Solo interventi di manutenzione costante che leghino il rilascio delle concessioni demaniali a un’ attività di manutenzione costante delle spiagge, determinando un utilizzo virtuoso dei [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende

VIDEO DEL GIORNO