Home » Non-Profit »Pratiche »Rubriche »Top Contributors » Verso un ecosistema della conoscenza:

Verso un ecosistema della conoscenza Top Contributors

In occasione della sua partecipazione al Festival della Scienza di Genova, nell’ambito del dialogo Biodiversità e biodiversità nascosta (venerdì 5 novembre, ore 18.30), pubblichiamo in esclusiva l’intervento di Xavier Le Roux, direttore della Fondazione Francese per la Ricerca sulla Biodiversità.

Courtesy of FFB.frTradizionalmente, la biodiversità è rappresentata da specie emblematiche o da habitat particolari che è necessario proteggere.

Oggi giorno, tuttavia, è sempre maggiore il numero di esperti che riconosce che la biodiversità non si limita a questo. La definizione di “biodiversità” è associata sia al concetto di biodiversità ordinaria sia ai servizi ecosistemici, ossia le funzionalità e le interazioni degli organismi viventi: l’impollinazione da parte degli insetti, la fertilizzazione dei terreni eccetera. La biodiversità è un concetto globalizzante, del quale fanno anche parte l’uomo e tutte le sue attività. Non è un campo riservato alle scienze della vita, ma interessa numerose discipline come l’ecologia, la microbiologia o l’ecofisiologia; anche le scienze umane, l’economia, la filosofia, la sociologia e il diritto, per non citarne che alcune, partecipano agli sforzi della ricerca. Per vocazione, la biodiversità è votata all’interdisciplinarietà.

I progressi scientifici avvenuti negli ultimi anni hanno migliorato considerevolmente la nostra conoscenza del mondo vivente: nel mondo ogni anno, per quanto riguarda la tassonomia, sono scoperte più di 10.000 nuove specie; in aggiunta gli avanzamenti della filogenesi, lo studio dei legami parentali tra gli organismi, hanno permesso di comprendere sempre meglio le dinamiche della biodiversità e dell’evoluzione. Studiando la diversità biologica gli scienziati sono stati in grado di fornire elementi che guidano la conservazione delle specie tramite, per esempio, la definizione di “punti caldi” o hotspot di biodiversità [regioni biogeografiche in cui vive la maggior parte della biodiversità; attualmente al mondo ne sono state classificate 34, N.d.T.].

Uno dei maggiori contributi della ricerca scientifica consiste nell’aver evidenziato i servizi forniti dagli ecosistemi: grazie a una visione funzionale, è stato possibile sottolineare le relazioni molto vincolanti che esistono con le attività dell’uomo; i ricercatori, inoltre, hanno gettato le basi per un’analisi e una quantificazione della biodiversità. Sta iniziando una nuova riflessione sulle nostre relazioni con la natura, e non è più possibile, oggi, tenere distinti il futuro dell’uomo da quello della biodiversità.

E’ importante a questo punto affrontare un’altra questione nodale: quella delle biotecnologie e dello sfruttamento delle cosiddette “risorse genetiche”. Oggigiorno infatti esistono tecnologie ispirate dagli studi sulla biodiversità che si sviluppano nella ricerca genetica ma anche nella manipolazione di organismi e di ecosistemi; l’imitazione della natura, o biomimesi, ha portato a molti risultati, tra cui quello ben noto del velcro [ispirato dai piccoli uncini dei fiori di bardana, N.d.T.]. La biodiversità è una sorgente di innovazione incredibile, e ancora molto resta da scoprire.

La Francia ha creato una struttura innovativa, la Fondazione per la Ricerca sulla Biodiversità (FRB), che ha come missione la promozione della ricerca sulla biodiversità e la diffusione delle conoscenze in merito. E’ un punto di convergenza tra i diversi attori scientifici (gli istituti di ricerca pubblici) e quelli sociali. Oggi ne fanno parte 120 strutture: associazioni per la protezione della natura, aziende e altri organismi che si sono riuniti per sviluppare insieme strumenti che valorizzino e preservino la biodiversità. Alcuni hanno una visione piuttosto lineare di questa relazione tra scienza e società: gli attori sociali formulano una domanda e la scienza, “nella sua grande saggezza”, dovrebbe essere pronta a fornire una risposta. In realtà le cose non funzionano in questo modo. La Fondazione ha adottato procedure interattive e iterative addirittura nel caso dei programmi scientifici, in cui gli attori sociali e scientifici trovano il modo di accordarsi: nel corso dei progetti, i ricercatori beneficiano dell’esperienza di chi viene dal mondo delle imprese e questi scambi favoriscono la diffusione delle conoscenze. Potremmo proprio affermare che si tratta di un ecosistema della conoscenza.

Xavier Le Roux

Traduzione e adattamento dal francese di Eva Filoramo

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende