Home » Pratiche »Pubblica Amministrazione »Smart City » WalkTO, una mappa per camminare in città:

WalkTO, una mappa per camminare in città

Il mondo rivela di più a chi viaggia a piedi. L’ha capito l’amministrazione torinese che, dal 2012 in occasione della giornata nazionale del camminare, ha dato corso al progetto “Torino città camminabile”. Il frutto che mette a sistema il lavoro svolto fin qui si chiama WALKTO, ed è la mappa per scoprire a piedi la “Bellezza di Torino”.

WALKTO è stata presentata lunedì in conferenza stampa a Palazzo Civico, con maestri di cerimonia Enrico Bayma (Direzione del Territorio e dell’Ambiente), Enzo Lavolta (Assessore all’Ambiente e all’Innovazione), Danilo Bessone (Comitato direttivo Turismo Torino e Provincia) e il Sindaco Piero Fassino, a rimarcare l’importanza “strategica” attribuita all’’iniziativa.

Sì, strategica. Per una città che vanta 21 milioni di metri quadrati di parchi e giardini, la più ampia superficie di vie porticate d’Europa e dati di affluenza turistica in costante crescita – laddove il turismo sembra essere in ordine decrescente, la quarta causa di produzione d’emissioni di CO2 – è fondamentale conferire a WALK TO non solo il ruolo di strumento critico per i cittadini che ogni giorno si spostano in Torino in maniera leggera, ma sopratutto quello di volano per un turismo sostenibile, rivolto a tutti quei visitatori che vogliono visitare una città storica a piedi, ammirarne la bellezza, scoprire scorci nascosti, godere delle sue opportunità. Insomma, pedestrian is more!

E così ecco la mappa WALKTO, stampata grazie al contributo scientifico di Turismo Torino e Provincia e a quello economico-produttivo di Seat Pagine Gialle (ricordate  quando ancora si teneva in auto una copia di Tutto Città?) e di GTT (Gruppo Trasporti Torinesi). Dove c’è una offerta ragionata di pedonalità ci sarà anche l’esigenza di collegamento efficace e possibilmente eco-sostenibile tra itinerari pedonali e zone aperte al traffico.

Realizzata in quadricromia, verrà distribuita gratuitamente nei punti informativi e negli uffici del turismo. Ma è possibile che con tutta l’attenzione profusa sul tema dei comportamenti ecologici non sia venuto in mente a nessuno di stampare le ben 50.000 copie (tranquilli, è solo la prima tiratura) su carta riciclata?

Le cose che fanno di WALKTO davvero la mappa di una geografia urbana camminabile sono i rilievi di tutte le vie pedonali, ciclo-pedonali e porticate della città, di tutte le modalità di collegamento da una zona all’altra attraverso mezzi di trasporto ispirati alle buone pratiche ambientali (TO-bike, car-sharing elettrico, Metro, autobus ecologici), e ancora la segnalazione di tutte le vie d’accesso a piedi alla città, come la via Francigena e la recente Superga-Vezzolano-Crea. Ci sono poi tavole specifiche dedicate alle aree verdi, come quella del Valentino, delle Maddalene, del Parco Dora, etc.

Infine la proposta di 12 itinerari individuati attraverso la suddivisione della mappa in cerchi concentrici, secondo le zone dalla più centrale alle più periferiche. Tutti gli itinerari vengono descritti in maniera parametrica e suddivisi in numero di chilometriminuti di percorrenza (a seconda dell’andatura lenta o veloce), calorie consumaterisparmio di grammi di CO2. In questo la mappa riesce ad armonizzare la precisione del dato tecnico all’attenzione al tratto locale, con la tipica ironia sabauda. Due esempi: in quella che dovrebbe essere la parte d’interfaccia smart di WalkTo è presente la App di SMAT (municipalizzata dell’acqua) con la mappa dei turet, inconfondibili fontane cittadine con l’apice a foggia di torello, simbolo della città. E ancora, tra i parametri di valutazione degli itinerari pedonali c’è anche il consumo consentito di gianduiotti in relazione alle calorie consumate!

Il ritorno a una mobilità lenta è oggi così sentito perché nessuno vede in esso alcuna contraddizione con un indirizzo smart delle città. In questo senso, c’è la parte App che consente di incrociare ancora più contenuti e piani di lettura, dagli itinerari turistici nel centro di Torino di ToTo4all, alla geografia dell’acqua potabile di SMAT, alle indicazioni più generali di Torino App, tutte applicazioni scaricabili gratuitamente.

Una considerazione finale. Se prima di essere comunicata e veicolata una rete infrastrutturale non esiste per un pubblico, ora che l’infrastruttura è nota bisognerebbe farla vivere del suo potenziale narrativo. La rete e i dispositivi mobili possono generare interazioni e narrazioni: innumerevoli punti di vista in grado di dirci qualcosa sul territorio, i suoi itinerari e i suoi visitatori. Quando c’è di mezzo l’uomo un territorio può morire o vivere. Molto dipende dalla sua narrazione…

Orlando Manfredi



 

 

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

febbraio 1, 2018

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

Una nuova ricerca resa nota da Schneider Electric, leader mondiale dell’automazione e trasformazione digitale dell’energia, rivela che benché la gran parte delle grandi aziende si sentano pronte per affrontare un futuro decentralizzato, decarbonizzato e digitalizzato, molte, in realtà, non stanno ancora prendendo le necessarie misure per integrare e fare evolvere i loro programmi energetici e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende