Home » Pratiche »Pubblica Amministrazione »Smart City » WalkTO, una mappa per camminare in città:

WalkTO, una mappa per camminare in città

Il mondo rivela di più a chi viaggia a piedi. L’ha capito l’amministrazione torinese che, dal 2012 in occasione della giornata nazionale del camminare, ha dato corso al progetto “Torino città camminabile”. Il frutto che mette a sistema il lavoro svolto fin qui si chiama WALKTO, ed è la mappa per scoprire a piedi la “Bellezza di Torino”.

WALKTO è stata presentata lunedì in conferenza stampa a Palazzo Civico, con maestri di cerimonia Enrico Bayma (Direzione del Territorio e dell’Ambiente), Enzo Lavolta (Assessore all’Ambiente e all’Innovazione), Danilo Bessone (Comitato direttivo Turismo Torino e Provincia) e il Sindaco Piero Fassino, a rimarcare l’importanza “strategica” attribuita all’’iniziativa.

Sì, strategica. Per una città che vanta 21 milioni di metri quadrati di parchi e giardini, la più ampia superficie di vie porticate d’Europa e dati di affluenza turistica in costante crescita – laddove il turismo sembra essere in ordine decrescente, la quarta causa di produzione d’emissioni di CO2 – è fondamentale conferire a WALK TO non solo il ruolo di strumento critico per i cittadini che ogni giorno si spostano in Torino in maniera leggera, ma sopratutto quello di volano per un turismo sostenibile, rivolto a tutti quei visitatori che vogliono visitare una città storica a piedi, ammirarne la bellezza, scoprire scorci nascosti, godere delle sue opportunità. Insomma, pedestrian is more!

E così ecco la mappa WALKTO, stampata grazie al contributo scientifico di Turismo Torino e Provincia e a quello economico-produttivo di Seat Pagine Gialle (ricordate  quando ancora si teneva in auto una copia di Tutto Città?) e di GTT (Gruppo Trasporti Torinesi). Dove c’è una offerta ragionata di pedonalità ci sarà anche l’esigenza di collegamento efficace e possibilmente eco-sostenibile tra itinerari pedonali e zone aperte al traffico.

Realizzata in quadricromia, verrà distribuita gratuitamente nei punti informativi e negli uffici del turismo. Ma è possibile che con tutta l’attenzione profusa sul tema dei comportamenti ecologici non sia venuto in mente a nessuno di stampare le ben 50.000 copie (tranquilli, è solo la prima tiratura) su carta riciclata?

Le cose che fanno di WALKTO davvero la mappa di una geografia urbana camminabile sono i rilievi di tutte le vie pedonali, ciclo-pedonali e porticate della città, di tutte le modalità di collegamento da una zona all’altra attraverso mezzi di trasporto ispirati alle buone pratiche ambientali (TO-bike, car-sharing elettrico, Metro, autobus ecologici), e ancora la segnalazione di tutte le vie d’accesso a piedi alla città, come la via Francigena e la recente Superga-Vezzolano-Crea. Ci sono poi tavole specifiche dedicate alle aree verdi, come quella del Valentino, delle Maddalene, del Parco Dora, etc.

Infine la proposta di 12 itinerari individuati attraverso la suddivisione della mappa in cerchi concentrici, secondo le zone dalla più centrale alle più periferiche. Tutti gli itinerari vengono descritti in maniera parametrica e suddivisi in numero di chilometriminuti di percorrenza (a seconda dell’andatura lenta o veloce), calorie consumaterisparmio di grammi di CO2. In questo la mappa riesce ad armonizzare la precisione del dato tecnico all’attenzione al tratto locale, con la tipica ironia sabauda. Due esempi: in quella che dovrebbe essere la parte d’interfaccia smart di WalkTo è presente la App di SMAT (municipalizzata dell’acqua) con la mappa dei turet, inconfondibili fontane cittadine con l’apice a foggia di torello, simbolo della città. E ancora, tra i parametri di valutazione degli itinerari pedonali c’è anche il consumo consentito di gianduiotti in relazione alle calorie consumate!

Il ritorno a una mobilità lenta è oggi così sentito perché nessuno vede in esso alcuna contraddizione con un indirizzo smart delle città. In questo senso, c’è la parte App che consente di incrociare ancora più contenuti e piani di lettura, dagli itinerari turistici nel centro di Torino di ToTo4all, alla geografia dell’acqua potabile di SMAT, alle indicazioni più generali di Torino App, tutte applicazioni scaricabili gratuitamente.

Una considerazione finale. Se prima di essere comunicata e veicolata una rete infrastrutturale non esiste per un pubblico, ora che l’infrastruttura è nota bisognerebbe farla vivere del suo potenziale narrativo. La rete e i dispositivi mobili possono generare interazioni e narrazioni: innumerevoli punti di vista in grado di dirci qualcosa sul territorio, i suoi itinerari e i suoi visitatori. Quando c’è di mezzo l’uomo un territorio può morire o vivere. Molto dipende dalla sua narrazione…

Orlando Manfredi



 

 

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende