Home » Prodotti »Progetti »Servizi » BioPic, il kit per la verdura biologica da salotto:

BioPic, il kit per la verdura biologica da salotto

novembre 20, 2014 Prodotti, Progetti, Servizi

“Vuoi mettere quanto è più buono un piatto cucinato con insalate e erbette appena raccolte dall’orto in salotto?”, dice divertito Renato Reggiani, ideatore del prototipo BioPic, un sistema che unisce luce solare e Led per riportare un po’ di verde in città. “Me lo hanno confermato anche gli chef che alla fiera Ecomondo di Rimini, a cui abbiamo appena partecipato, hanno preparato piatti vegetariani con gli aromi dei nostri orti domestici”.

L’idea ha preso forma più concreta grazie ad uno studio tra Italia e Olanda (“loro sono all’avanguardia per quanto riguarda il germoplasma e l’illuminazione”, ci spiega) finanziato dal programma europeo Erasmus destinato agli imprenditori, “ma nasce all’incirca dieci anni fa quando  interessi personali mi hanno portato verso quella che oggi chiamiamo nuova botanica”. È bastato partire dai risultati di alcune ricerche elaborate negli anni, che scoprivano piante capaci di comportamenti sociali e di comunicare se in ambienti simili a quelli naturali e valorizzavano i benefici sulla salute e sull’umore di cui l’uomo gode se circondato da verde. E si è arrivati naturalmente all’esigenza di “inventare una nuova agricoltura per la città, che evidentemente ha condizioni molto diverse dalla campagna. Ma era necessario riconoscere nuovamente l’importanza del verde e creare uno strumento perché fosse possibile che persone con poco tempo e nessuna competenza specifica lo ricreassero anche tra i palazzi. Il motto era: più piante intorno a noi e un’agricoltura per tutti”.

Così le ricerche di Reggiani si fanno sempre più precise e le competenze più di dettaglio, fino al finanziamento europeo della fase di realizzazione del prototipo che applica la tecnologia Led per la coltivazione in casa. “L’illuminazione Led che abbiamo individuato per i nostri orti è ancora in fase di certificazione, motivo per cui il modello non può ancora essere messo in commercio – spiega. Per il momento stiamo utilizzando quella comune; ma per il riconoscimento è solo una questione di tempo e ci siamo quasi”. Di fatto la luce Led integra quella solare, o in alcuni casi la sostituisce, alimentando le piante che crescono dal seme. L’orto (o il giardino, visto che lo stesso sistema può essere applicato per la coltivazione, sempre secondo i principi dell’agricoltura biologica, di fiori e piante) ha la forma di un carrello a ripiani: ogni piano è costituito da una cassetta “preconfezionata” di torba biologica della grandezza di un foglio A3, con semi e microrganismi che aiutano l’alimentazione della pianta, fino a raggiungere una superficie complessiva coltivata di 1,20 mq.

“Gli orti sono molto produttivi e la semina facilitata garantisce un buon “raccolto”. I semi non sono casuali, ma legati alla stagione e all’esposizione e selezionati in base alle loro proprietà e caratteristiche”. Quindi a breve sarà possibile collegarsi ad un sito/catalogo, riconoscere la propria situazione e ordinare il proprio kit. Ad oggi questi orti “facilitati” sono pensati per i terrazzi, per i salotti delle case soleggiate, per la terra in esterno (e si sta lavorando ad una soluzione per l’interno poverissimo di luce e mal esposto). Gli utilizzi sono davvero svariati, per le erbe e spezie in cucina, per monitorare la crescita delle piante dal seme per poi trapiantarle in esterno, per proteggere le piante durante i periodi invernali, di freddo e poca luce. “Ci tengo a dire che l’orto in casa non sostituisce la spesa, ma la integra. Così sarà possibile raccogliere erbe fresche e coltivare quelle che non si trovano in commercio. È un modo per arricchire la nostra dieta alimentare, anche”.

Ma è necessario avere il pollice verde per tenere in vita questi fazzoletti di terra agricola cittadina? “È possibile anche farlo personalmente, ma noi consigliamo il sistema di irrigazione automatizzata, per un discorso di consumi più che altro. Si tratta infatti di subirrigazione che utilizza pochissima acqua (quasi il 50% di quella utilizzata in altre condizioni per le stesse piante) e la porta direttamente vicino alle radici, limitandone l’evaporazione. Tutto il modello è stato pensato per avere un’impronta dei consumi positiva: produce più di quello che consuma”.

Dunque: cosa manca? “Ad oggi il BioPic non è sul commercio. Abbiamo realizzato il prototipo che continuiamo a presentare in giro per l’Europa, che viene invitato alle principali fiere di settore e che continua a vincere premi (è stato presentato come una delle dieci idee innovative per il futuro del cibo e dell’alimentazione allo scorso Maker Faire di Roma; è stato invitato al prossimo Maker Faire di San Francisco e all’Expo 2015 di Milano, NdA); ma non abbiamo ancora trovato un investitore per partire con la produzione. Siamo in contatto con diverse realtà interessate, italiane ed estere, e il progetto sta avendo un grande riscontro: sono sicuro che a breve sarà possibile ordinare on line il proprio  kit”. E speriamo che la produzione sia italiana come l’ideazione, visto che sarebbe una beffa promuovere la sementa italiana, ancora riconosciuta in tutto il mondo per la sua qualità, con un marchio estero!

Alfonsa Sabatino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende