Home » Aziende »Pratiche »Prodotti »Prodotti » Birra Peroni, una matrice per misurare la sostenibilità della bionda italiana:

Birra Peroni, una matrice per misurare la sostenibilità della bionda italiana

novembre 28, 2012 Aziende, Pratiche, Prodotti, Prodotti

I padiglioni dello stabilimento di Roma del gruppo Birra Peroni – in zona industriale Tor Sapienza – sono annunciati da un’enorme insegna a sfondo rosso con la scritta Peroni in bianco, che gli automobilisti proprio non possono fare a meno di vedere. Una superficie di 210.000 mq dotata di una capacità produttiva pari a quasi 5 milioni di ettolitri l’anno: una struttura gigantesca dotata oggi di un impianto di cogenerazione da 3 MW che produce energia elettrica per tutto lo stabilimento e un impianto di depurazione delle acque reflue equivalente a quello di una cittadina di 95.000 abitanti. Gli altri stabilimenti italiani sono a Padova e Bari.

Ma i numeri di Peroni sono anche altri e riguardano la sostenibilità. Per presentarli alla stampa la fabbrica romana ha aperto le proprie porte, in occasione dell’iniziativa, promossa da Federalimentare insieme al Ministero dell’Istruzione, “Apertamente 2012, il gusto fa scuola”. I dati sulla riduzione del consumo idrico, sulle percentuali di rifiuti riciclati, sulla promozione del consumo responsabile sono, dunque, contenuti nel secondo Bilancio di Sostenibilità, sia ambientale che sociale.

Oggi parte del colosso sudafricano SABMiller, il secondo produttore di birra al mondo, Peroni – con una storia italiana alle spalle, lunga 160 anni – conta anche su marchi come Nastro Azzurro e Pilsner Urquell, a cui si sono aggiunti Miller Genuine Draft, Peroni Gran Riserva, Raffo e Wuhrer.

Chi non ricorda lo slogan “Chiamami Peroni, sarò la tua birra”, che ha attraversato tutto il Novecento, entrando nell’immaginario collettivo italiano? Un secolo fa. Quando ancora la questione, oggi centrale, della produzione sostenibile era lontana dal porsi.

Per noi che crediamo nell’Italia” è il titolo del Rapporto che individua ben dieci “priorità per lo sviluppo sostenibile”: consumo responsabile, acqua, energia ed emissioni, packaging, rifiuti, sviluppo dell’imprenditorialità, comunità. “Per monitorare le performance raggiunte rispetto ai prinicipi indicati nelle dieci priorità”, spiega il capo delle relazioni esterne di Peroni, Federico Sannella, “SABMiller ha ideato il Sustainability Assestment Matrix, un modello di misurazione che consente di tenere sotto controllo i progressi e sintetizzare i risultati raggiunti dalle aziende che fanno parte del gruppo”. In pratica, una “scala di cinque livelli indica il grado di aderenza ad ogni priorità”: si passa da uno standard minimo a un “leading edge”, un livello di leadership globale su una determinata tematica. “I criteri di valutazione”, spiega Sannella, “per raggiungere ciascun livello, sono suscettibili di misurazione tanto quantitativa quanto qualitativa”. Un’autovalutazione che “l’azienda compie ogni sei mesi” e il ritardo al raggiungimento del livello più basso da parte di un’azienda implica l’obbligo di questa a dotarsi di un piano d’azione per colmare il ritardo. Naturalmente, il “modello di valutazione è unico per tutti i paesi”, dotati di team che mettono in comune dati e best practices, verificandosi a vicenda. Nella massima trasparenza: ogni scheda, compilata dall’azienda è caricata sul sito di SABMiller.

Non solo parole dunque, ma dati. Sulla base di risultati misurabili, Peroni è in grado di provare i miglioramenti ottenuti dall’azienda negli ultimi tre anni nelle aree del consumo responsabile (“per aver condiviso politiche aziendali e iniziative di sensibilizzazione dei consumatori con le associazioni di settore”); nell’ambito della “comunità” (“oltre l’80% degli investimenti sono andati in progetti e a favore della comunità di riferimento”, come quelli rivolti alla Comunità di Sant’Egidio che opera per favorire l’inclusione sociale, soprattutto nel territorio romano); in trasparenza ed eticità (“per aver coinvolto gli stackholder per verificare la coerenza delle attività svolte dall’azienda in linea con le dieci priorità per lo sviluppo sostenibile”).

Ancora, Peroni è riuscita ad abbattere i propri consumi di acqua – risorsa preziosissima per la produzione della birra – del 7,4% durante il processo produttivo: circa 140 milioni di litri in meno rispetto al 2011, riduzione resa possibile grazie all’introduzione di nuove tecnologie. Un risultato che, sottolinea Sannella, “centra l’obiettivo di ridurre del 37% il rapporto tra l’acqua e la birra prodotta nel periodo 2008-2015”.

Anche nel risparmio energetico, grazie all’introduzione dell’“ebollizione dinamica” del mosto, che utilizza meno vapore, Peroni è riuscita ottimizzare i processi produttivi e con l’impianto di cogenerazione a metano per la produzione di energia elettrica e termica, è stata capace di recuperare oltre il 30% di energia, sotto forma di acqua calda e vapore. Il 10% del fabbisogno energetico totale, inoltre, è soddisfatto grazie alla produzione interna di biogas.

Altre voci, sotto il capitolo della sostenibilità, sono state individuate nel “packaging e nella gestione dei rifiuti”: “Oltre un terzo dei componenti è tratto da materiali riciclati: l’80% della carta e del cartone delle confezioni, il 57% di alluminio delle lattine, il 72% del metallo dei tappi, il 67% del vetro delle bottiglie”. Il ciclo virtuoso dei rifiuti, poi, nel biennio 2011-2012, ha permesso di recuperare il 97% delle oltre 5mila tonnellate di scarti di produzione.

La visita all’interno del birrificio romano – attraverso le odorose sale cottura e i padiglioni che ospitano enormi caldaie da miscela e serbatoi di fermentazione – termina al Museo Peroni: un viaggio nella storia della birra italiana più bevuta. Filmati d’epoca, materiali di confezionamento e promozionali, fotografie, manifesti e antichi macchinari compongono una sorta di “archivio storico” della memoria Peroni. Una curiosità: negli anni, il marchio si è modificato, come sono cambiate – per esigenze di marketing – la forma delle bottiglie e il colore del vetro (lo sapevate che la lattina conserva meglio della bottiglia il gusto della birra?): l’unico a non aver subito trasformazioni è il tappo Peroni. Rosso e dorato.

Ilaria Donatio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende