Home » Aziende »Eventi »Pratiche »Prodotti »Prodotti » BMW e Fiat nel Dow Jones Sustainability Index. La sostenibilità si fa strada nel settore auto:

BMW e Fiat nel Dow Jones Sustainability Index. La sostenibilità si fa strada nel settore auto

dicembre 10, 2012 Aziende, Eventi, Pratiche, Prodotti, Prodotti

Nonostante, nella UE, gli spostamenti in automobile coprano il 72% dei chilometri percorsi e i tre quarti dei beni, all’interno del vecchio continente, viaggino su gomma, il mercato dell’auto sta vivendo uno dei suoi momenti peggiori degli ultimi 60 anni. Eppure al Motor Show 2012, chiusosi ieri a Bologna, 400 mila visitatori hanno manifestato il proprio interesse verso un settore che continua ad appassionare gli italiani. Forse anche perché sta dimostrando (seppur lentamente) di volersi adeguare alle nuove e improrogabili esigenze di mobilità sostenibile.

Per questo, nella storica manifestazione bolognese, accanto ai motori tradizionali hanno fatto la loro comparsa, per il terzo anno consecutivo, anche le silenziosissime auto elettriche, a cui è stato dedicato un intero padiglione, con area espositiva e pista  per i test drive.

Ma anche nell’ambito delle motorizzazioni tradizionali le novità sono interessanti. A confermarlo sono i Dow Jones Sustainability Indexes, gli indici che valutano centinaia di grandi aziende nel mondo, per stilare le graduatorie di chi meglio gestisce il proprio business secondo criteri di sostenibilità, sia dal punto di vista economico-finanziario, sia da quello sociale e ambientale. In particolare, per quanto riguarda le politiche ambientali, vengono prese in considerazione la strategia aziendale per la riduzione delle emissioni, le politiche ambientali e la gestione dei prodotti; mentre sul piano sociale si valutano la sicurezza dei luoghi di lavoro, lo sviluppo del capitale umano, il coinvolgimento degli stakeholder e le azioni
filantropiche.

Le classifiche Dow Jones sono, in sostanza, concepite come un incentivo – anche economico – ai grandi gruppi, perché continuino a migliorare le loro politiche di sostenibilità. I destinatari ultimi di questa graduatoria, infatti, sono i potenziali investitori, che considerano l’approccio eco-sostenibile di un’azienda come uno dei criteri da mettere sul piatto della bilancia prima di affrontare un investimento di potenziale successo.

Per l’ottavo anno consecutivo, il Gruppo BMW ha ricevuto il riconoscimento quale azienda automobilistica più sostenibile nella classifica dei DJSI. “Nel 2001, il Gruppo ha partecipato al Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente (UNEP), allo UN Global Compact e alla Cleaner Production Declaration. È stata anche la prima azienda automobilistica a nominare un funzionario addetto alla protezione dell’ambiente nel lontano 1973. Oggi, il Sustainability Board, che include tutti i membri del Consiglio di Amministrazione, definisce l’allineamento strategico attraverso obiettivi vincolanti”, spiega la casa tedesca, che compare, con 99 punti su 100, anche nel Global 500 Leadership Index del Carbon Disclosure Project (CDP), la Ong internazionale che si batte per la riduzione delle emissioni delle grandi corporation. “Il BMW Group non è solo leader di settore, ma è anche tra le tre prime aziende di tutti i settori al mondo”, commentano soddisfatti dalla Germania.

Da quattro anni, però, anche Fiat ha fatto il suo ingresso nella classica internazionale, e nel 2012 è stata confermata nei Dow Jones Sustainability Indexes World e Europe con un punteggio di  91 su 100, rispetto a una media di 74 su 100 delle aziende del settore. Merito forse della nuova generazione di compatte, che ha visto schierate a Bologna, tra gli altri modelli “tradizionali”, anche la nuova Panda Trekking con motorizzazione TwinAir Turbo Natural Power e – sempre tra i modelli a metano – la Panda TwinAir Natural Power, che ha emissioni di soli 86g/Km di CO2.

Redazione Greenews.info

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende