Home » Aziende »Eventi »Pratiche »Prodotti »Prodotti » BMW e Fiat nel Dow Jones Sustainability Index. La sostenibilità si fa strada nel settore auto:

BMW e Fiat nel Dow Jones Sustainability Index. La sostenibilità si fa strada nel settore auto

dicembre 10, 2012 Aziende, Eventi, Pratiche, Prodotti, Prodotti

Nonostante, nella UE, gli spostamenti in automobile coprano il 72% dei chilometri percorsi e i tre quarti dei beni, all’interno del vecchio continente, viaggino su gomma, il mercato dell’auto sta vivendo uno dei suoi momenti peggiori degli ultimi 60 anni. Eppure al Motor Show 2012, chiusosi ieri a Bologna, 400 mila visitatori hanno manifestato il proprio interesse verso un settore che continua ad appassionare gli italiani. Forse anche perché sta dimostrando (seppur lentamente) di volersi adeguare alle nuove e improrogabili esigenze di mobilità sostenibile.

Per questo, nella storica manifestazione bolognese, accanto ai motori tradizionali hanno fatto la loro comparsa, per il terzo anno consecutivo, anche le silenziosissime auto elettriche, a cui è stato dedicato un intero padiglione, con area espositiva e pista  per i test drive.

Ma anche nell’ambito delle motorizzazioni tradizionali le novità sono interessanti. A confermarlo sono i Dow Jones Sustainability Indexes, gli indici che valutano centinaia di grandi aziende nel mondo, per stilare le graduatorie di chi meglio gestisce il proprio business secondo criteri di sostenibilità, sia dal punto di vista economico-finanziario, sia da quello sociale e ambientale. In particolare, per quanto riguarda le politiche ambientali, vengono prese in considerazione la strategia aziendale per la riduzione delle emissioni, le politiche ambientali e la gestione dei prodotti; mentre sul piano sociale si valutano la sicurezza dei luoghi di lavoro, lo sviluppo del capitale umano, il coinvolgimento degli stakeholder e le azioni
filantropiche.

Le classifiche Dow Jones sono, in sostanza, concepite come un incentivo – anche economico – ai grandi gruppi, perché continuino a migliorare le loro politiche di sostenibilità. I destinatari ultimi di questa graduatoria, infatti, sono i potenziali investitori, che considerano l’approccio eco-sostenibile di un’azienda come uno dei criteri da mettere sul piatto della bilancia prima di affrontare un investimento di potenziale successo.

Per l’ottavo anno consecutivo, il Gruppo BMW ha ricevuto il riconoscimento quale azienda automobilistica più sostenibile nella classifica dei DJSI. “Nel 2001, il Gruppo ha partecipato al Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente (UNEP), allo UN Global Compact e alla Cleaner Production Declaration. È stata anche la prima azienda automobilistica a nominare un funzionario addetto alla protezione dell’ambiente nel lontano 1973. Oggi, il Sustainability Board, che include tutti i membri del Consiglio di Amministrazione, definisce l’allineamento strategico attraverso obiettivi vincolanti”, spiega la casa tedesca, che compare, con 99 punti su 100, anche nel Global 500 Leadership Index del Carbon Disclosure Project (CDP), la Ong internazionale che si batte per la riduzione delle emissioni delle grandi corporation. “Il BMW Group non è solo leader di settore, ma è anche tra le tre prime aziende di tutti i settori al mondo”, commentano soddisfatti dalla Germania.

Da quattro anni, però, anche Fiat ha fatto il suo ingresso nella classica internazionale, e nel 2012 è stata confermata nei Dow Jones Sustainability Indexes World e Europe con un punteggio di  91 su 100, rispetto a una media di 74 su 100 delle aziende del settore. Merito forse della nuova generazione di compatte, che ha visto schierate a Bologna, tra gli altri modelli “tradizionali”, anche la nuova Panda Trekking con motorizzazione TwinAir Turbo Natural Power e – sempre tra i modelli a metano – la Panda TwinAir Natural Power, che ha emissioni di soli 86g/Km di CO2.

Redazione Greenews.info

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

novembre 28, 2018

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

Con la siccità che, ogni anno, coinvolge anche il nostro Paese, a causa dei cambiamenti climatici, il mare potrebbe diventare la principale risorsa idrica disponibile. La dissalazione dell’acqua marina può dunque rappresentare una valida soluzione alla crisi idrica che quasi sicuramente ci troveremo ad affrontare. Serve però una normativa specifica sul funzionamento degli impianti e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende