Home » Aziende »Pratiche »Prodotti »Prodotti » Breve storia del gelato: dal pop anni ’80 al ritorno alla natura:

Breve storia del gelato: dal pop anni ’80 al ritorno alla natura

agosto 27, 2013 Aziende, Pratiche, Prodotti, Prodotti

Colorato, sempre uguale e dolcissimo. Il gelato degli anni ’80 e ’90 per molti può essere una nostalgia d’infanzia (come le canzoni di Michael Jackson e il Monclair), ma non è certo un bel ricordo per lo stomaco. Rispetto ai decenni precedenti, quando era ancora vagamente artigianale e sapeva di latte, uova, e pochi altri semplici ingredienti, in quegli anni il dolce estivo per eccellenza è diventato artificiale e il gusto si è standardizzato. Le antiche ricette e un concetto di gelato più “naturale” sembravano allora dimenticati. Ma ecco che, all’inizio del nuovo millennio, si innesca, inaspettata, l’inversione di tendenza.

Un’idea nuova, che però arriva da lontano e che conquista, prima del pubblico, gli aspiranti gelatai, fino a quel momento impegnati a fare altro nella vita. Se gli ormai mitici Guido Martinetti e Federico Gromenologo il primo e manager di finanza il secondo – hanno lasciato il loro lavoro per dar vita, a Torino, all’omonimo gelato “come una volta” (così recita il claim), lo stesso hanno fatto i brianzoli Fabio e Monia Solighetto, anche loro manager in carriera che hanno abbandonato la scrivania conquistati dall’avventura dell’Albero dei Gelati (che a luglio ha aperto a Brooklin, NY). Simile il caso di  Niccolò Curto, che dopo una laurea in giurisprudenza e una specializzazione in business administration, fonda Sublime, attratto da un concetto di boutique artigianale, e dice definitivamente addio al mondo della finanza. Sono solo alcune delle tante storie italiane che si potrebbero raccontare.

L’anno esatto in cui qualcosa cambia, tra palette e carapine, è il 2003, quando Guido e Federico aprono la prima gelateria Grom a Torino. Allora, racconta il primo, “non si prestava attenzione ad aspetti, per noi invece importanti, come la selezione attenta delle materie prime o le ricadute in termini ambientali. Giorno dopo giorno abbiamo notato i cucchiaini di plastica accumularsi nei nostri cestini. Dovevamo fare qualcosa. Non c’erano strade battute da seguire e abbiamo dovuto costruire tutto da zero”. I progetti più concreti hanno preso corpo col tempo: “Nel 2007 abbiamo acquistato i primi 8 ettari – oggi sono 17 – della nostra azienda agricola Mura Mura, nella quale facciamo sperimentazione e coltiviamo frutta per i nostri sorbetti in modo biologico e rispettoso della natura e della biodiversità. E dal 2009 abbiamo eliminato la plastica dalle gelaterie a favore del Mater-Bi, un materiale totalmente biodegradabile e compostabile, ricavato da fonti rinnovabili di origine agricola, come amido di mais e oli vegetali. Ma siamo sicuri che in futuro faremo ancora molto”. Oggi i punti vendita sono più di 60, in molte città italiane e anche all’estero, da Malibù a Osaka.

Sulla scelta di materie prime sostenibili punta anche LAlbero dei Gelati, marchio “nato nell’oasi” che comprende due gelaterie in Brianza e una con caffetteria annessa da poco aperta a New York. Nata come gelateria tradizionale nel 1985, dopo il passaggio del testimone dai genitori ai figli l’attenzione si è spostata sulla sostenibilità ambientale: la qualità dei prodotti, la filiera corta, adottando il modello della co-produzione con gli agricoltori.  “Un accordo tra “chi utilizza” e “chi produce”, le materie prime. Dà la possibilità di essere parte integrante del processo produttivo, di conoscere in prima persona i metodi di coltivazione, rigorosamente bio, ma anche di condividere responsabilità e problematiche quotidiane”, racconta Fabio, che oggi gestisce le gelaterie insieme alla sorella Monia e al cognato Alessandro. Per adesso il modello è limitato a uova e fragole, ma anche nel caso degli altri prodotti c’è un confronto costante con gli agricoltori: “Trattandosi di aziende molto piccole, non sempre possono sostenere i costi della certificazione biologica. Noi però andiamo a vedere come lavorano, li conosciamo, e instauriamo con loro un rapporto di fiducia”. E se nella Brianza il verde è stato spesso soppiantato dai capannoni, nelle gelaterie c’è il tentativo di riportare i bambini a un contatto diretto con la natura, attraverso piccoli orti coltivati con piante autoctone.

Niccolò Curto, fondatore del marchio torinese di cioccolato e gelato Sublime, si è invece concentrato sul packaging: “Il nostro gelato, che per adesso distribuiamo solo nel Nord Italia, è confezionato in barattoli di vetro, il materiale più ecologico ed efficace per la conservazione. Nel nostro locale in via Nizza, a cui presto potrebbero aggiungersene altri due, uno a Torino e uno a Legnano, utilizziamo solo stoviglie riciclabili e compostabili: la ceramica è bandita per limitare il consumo di acqua”. Altro aspetto su cui sta puntando Niccolo è quello della distribuzione: “Abbiamo inaugurato questa estate la vendita ambulante di gelato con un piccolo mezzo elettrico che gira in città. Quest’estate ha funzionato solo a Torino, ma vorremmo fare lo stesso anche a Milano e a Forte dei Marmi”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

marzo 8, 2019

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

Dell Technologies, tra i maggiori produttori mondiali di soluzioni tecnologiche, ha lanciato nei giorni scorsi un appello ai Governi europei e all’intero settore IT per stimolare un maggiore impegno congiunto verso la sostenibilità, con particolare attenzione all’ambito del public procurement dei servizi IT. Si calcola infatti che, nell’Unione Europea, la spesa pubblica si aggiri intorno a [...]

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

marzo 7, 2019

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

“L’Italia produce ogni anno oltre 4.720 miliardi di bottiglie di acqua minerale in PET e ne rilascia oltre 132.000 tonnellate nelle acque costiere, che in termini di CO2 prodotta corrispondono a 472.000 tonnellate emesse per la loro produzione e 925.000 tonnellate emesse per il loro trasporto, per un totale di 1.397.000 tonnellate di CO2 emesse!”. [...]

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

marzo 1, 2019

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

Da area industriale a enorme quartiere dell’innovazione: NOI Techpark è il nuovo polo culturale e tecnologico di Bolzano nato per ospitare aziende, start up, centri di ricerca e università.  Nature Of Innovation: è questo il significato dell’acronimo NOI Techpark. Un’opera di rigenerazione urbana che già nel nome rivela la sua natura inclusiva, destinata a trasformare [...]

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

marzo 1, 2019

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

Il prossimo 12 aprile 2019 a Firenze, il Museo Salvatore Ferragamo inaugura “Sustainable Thinking“, un percorso narrativo che si snoda tra le pionieristiche intuizioni del fondatore Salvatore Ferragamo nella ricerca sui materiali naturali, di riciclo e innovativi, e le più recenti sperimentazioni in ambito “ecofashion”. Il progetto espositivo, ideato da Stefania Ricci, Direttore del Museo [...]

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

febbraio 21, 2019

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

Il Comitato ‘Liberi Cittadini di Certosa’ sostenuto dall’ONA (Osservatorio Nazionale Amianto) e assistito e difeso dal suo Presidente, Avv. Ezio Bonanni, ha presentato ieri mattina alla Procura della Repubblica di Genova un dettagliato esposto che fa riferimento al potenziale rischio amianto e presenza di polveri nocive in relazione al tragico crollo del ponte del 14 agosto 2018 che, oltre [...]

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

febbraio 20, 2019

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

Le infestazioni in magazzino sono uno dei problemi che più colpisce la filiera agroalimentare italiana. Dal campo alla tavola, il danno provocato durante lo stoccaggio rischia di compromettere intere produzioni. Per risolvere questa problematica l’azienda di San Marino Bioagrotech srl, specializzata nella produzione e commercializzazione di fertilizzanti e trattamenti organici per l’agricoltura biologica, ha introdotto sul [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende