Home » Aziende »Pratiche »Prodotti »Pubblica Amministrazione »Servizi » Car City Club: 10 anni di car sharing nella città dell’auto:

Car City Club: 10 anni di car sharing nella città dell’auto

Io Guido, Il car sharing di Torino, uno dei primi in Italia ad essere avviato, ha compiuto dieci anni. Partito a novembre 2002 con 85 abbonati e 14 auto, oggi conta 2.650 utenti e 120 mezzi. È un servizio completamente automatizzato, che utilizza le tecnologie più avanzate e ha riscosso un alto livello di soddisfazione tra gli utilizzatori. Da Torino si è gradualmente diffuso nell’area metropolitana e nelle province di Biella e Cuneo, toccando in tutto 11 comuni.

Abbiamo chiesto a Flaminio Orazzini, responsabile operativo del car sharing di Car City Club (la società a capitale misto che gestisce il servizio), di tracciare un bilancio del primo decennio di attività. Tra le prospettive future, oltre a un accordo con Lavazza, spunta anche l’introduzione delle auto elettriche.

D) Ingegner Orazzini, com’è cambiato il servizio dal 2002 ad oggi?

R) Siamo partiti con 14 auto e 14 parcheggi, oggi, tra Torino, area metropolitana e Piemonte abbiamo 81 posti e 120 veicoli, di cui 102 mezzi e 12 veicoli commerciali, e presto arriveranno sette nuove 500L. In dieci anni, sono state effettuate 300.000 corse e percorsi oltre 11 milioni di chilometri, per circa 2 milioni di ore di utilizzo. I numeri dimostrano il grande utilizzo del servizio, che ha riscosso alti livelli di soddisfazione: secondo un sondaggio effettuato a settembre 2012, gran parte dei punteggi attribuiti al servizio si concentrano tra 7 e 9, mentre a livello nazionale abbiamo ottenuto un 8 abbondante, il punteggio più alto tra i diversi car sharing, a pari merito con Parma, che però ha dimensioni molto più piccole. Questo penso sia dovuto anche agli standard di qualità che ci siamo dati: la soddisfazione almeno del 90% delle prenotazioni e la presenza di una vettura ogni 22 utenti.

D) Siete riusciti a cambiare le abitudini di utilizzo dell’auto dei cittadini?

R) Assolutamente sì. Il 70% degli utenti non ha più un’auto. Il servizio è partito dal centro e lì, complici le agevolazioni alla circolazione in Ztl e per il parcheggio gratuito, si svolge ancora gran parte del nostro servizio. Mentre in zone semi centrali o periferiche abbiamo riscontrato ancora l’atteggiamento di chi considera l’auto come uno status symbol, nella circoscrizione 1 abbiamo visto che molti utilizzatori hanno fatto scelte razionali e rinunciato alla macchina. Non è una questione di  voler risparmiare. Anzi, a fare queste scelte sono persone con redditi più alti e un elevato livello di istruzione: il 55% dei nostri utenti ha una laurea, contro il 15% di media nazionale. Qui, l’uso del car sharing è diventato qualificante: le persone ne parlano agli amici come una buona prassi, e il servizio si è diffuso soprattutto grazie al passaparola. Oggi si abbonano circa 60 persone al mese: tutti arrivano qui già informati sul servizio. La prova di un cambiamento nell’approccio all’auto, c’è stata questa estate: abbiamo ricevuto tante richieste di auto più grandi da parte di chi, avendo rinunciato all’auto di proprietà, andava in vacanza con il car sharing.

D) Avete calcolato i benefici ambientali del servizio?

R) Stando ai dati europei, un’auto condivisa sostituisce in media 10 macchine di proprietà. Nel nostro caso fa 1.200 auto che abbiamo contribuito a togliere dalle strade e, molto spesso dai parcheggi, visto che in media in città un veicolo viene usato per non più di un’ora e mezza al giorno e da una sola persona. Si tratta in gran parte di auto vecchie e molto inquinanti: nell’ultimo anno, il car sharing ha permesso di risparmiare 268 tonnellate di emissioni di Co2 in atmosfera. Inoltre, utilizzando l’auto in comune si tende a razionalizzare il percorso, e a utilizzare di più anche i mezzi pubblici e il bike sharing. I nostri posti sono quasi sempre vicini a stazioni di bici in comune.

D) Oltre ai privati, tra i vostri clienti ci sono anche imprese ed enti pubblici. Può darci qualche numero?

R) Le aziende rappresentano oltre il 15% dei nostri clienti, a cui si aggiunge un altro 7% di liberi professionisti. Lavoriamo con banche, studi medici, e stiamo concludendo un accordo con Lavazza. Le imprese utilizzano il car sharing per integrare il proprio parco auto che in certi casi viene ridotto non rimpiazzando tutte le vetture dismesse. Tra gli utilizzatori del servizio ci sono anche diversi enti pubblici: Comuni, Province, Asl, municipalizzate come la Smat. Il Comune di Torino, per esempio, ha 1 contratto con 72 tessere distribuite nei diversi uffici, per un totale di 300 dipendenti che utilizzano le nostre auto per gli spostamenti.

D) Per quanto riguarda i costi, c’è chi sostiene che siano troppo alti. Avete in programma una riduzione dei prezzi?

R) I nostri prezzi rappresentano un punto di equilibrio tra convenienza per i cittadini e sostenibilità economica del servizio. In questi dieci anni, il prezzo dell’abbonamento è rimasto invariato, sono aumentati solo i costi orari e chilometrici in base all’inflazione. Utilizzando il car sharing in realtà si risparmia: rispetto a una city car con cui si percorrono 5.000 km all’anno, l’auto condivisa consente una riduzione delle spese di circa il 30%, pari a 1.600 euro. Inoltre, con un’aggiunta una tantum di 25 euro, la tessera del car sharing torinese permette di poter usufruire del servizio in tutte le altre città italiane in cui esso è presente: Roma, Milano, Bologna, Genova, Palermo, Firenze, Venezia, Parma, Padova, Brescia, Biella e Savona. Il 25 ottobre scorso abbiamo presentato l’accordo con Trenitalia, che prevede uno sconto su un abbonamento valido in tutta Italia per tutti i possessori della Carta Freccia.

D) Torino ha presentato al Miur 17 progetti per il bando Smart Cities and Communities e Social Innovation? Car City Club è partner di qualche sperimentazione?

R) Siamo in contatto con il Politecnico e il Comune. Ci hanno chiesto di ospitare progetti pilota sull’auto elettrica. Stiamo valutando, siamo in fase avanzata di studio. L’anno prossimo è probabile che su questo fronte qualche novità esca fuori.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende