Home » Eventi »Prodotti »Prodotti » Change Up: come il consumatore può cambiare le regole con acquisti responsabili:

Change Up: come il consumatore può cambiare le regole con acquisti responsabili

novembre 21, 2011 Eventi, Prodotti, Prodotti

Sostenibilità anche negli acquisti, come controparte di quella nella produzione. È la proposta di ‘Change up! Scelgo io, il primo salone e temporary shop del vivere sostenibile che, lo scorso week end, ha esposto a Milano nuove idee in vista delle prossime festività, con una selezione di marchi e aziende di vari settori: dalla moda sostenibile alla cosmesi naturale e cruelty free, dall’alimentazione sana al green design.

La strada della sostenibilità è una necessità per tutti, che noi non viviamo come una rinuncia, bensì come una continua scoperta di nuove possibilità – sostengono le organizzatrici – una strada che percorriamo ogni giorno con entusiasmo e curiosità, cercando di coinvolgere più persone possibili”. I numeri, del resto, confermano che il progetto va nel verso giusto: secondo i ricercatori dell’Icea (Istituto per la Certificazione Etica e Ambientale), dal 2009 al 2010 i consumi ‘green’ hanno registrato un incremento del 35%, con una crescita superiore a qualsiasi altro settore e la moda sostenibile, nello stesso periodo, ha generato un giro d’affari di circa 370 milioni di euro in Italia e in Europa. Soltanto in Italia, inoltre, il settore della bio-ecocosmesi registra nel 2011 impennate verso l’alto: + 23 % per i prodotti, + 20 % per le aziende, + 5% per il fatturato con stime di crescita del +5,4% per il secondo semestre 2011, a fronte di un valore totale del mercato che toccherà i 385 milioni di euro (dati Unipro, luglio 2011).

Ques’anno, la manifestazione ha avuto come main partner Banca Popolare di Milano che ha promosso, assieme a Centrale di Mobilità di Legambiente, spostamenti più agili, meno inquinanti e meno cari, offrendo ai visitatori milanesi sconti su bikesharing e carsharing. Sempre a cura di BPM, consulenze gratuite per incentivare l’uso di fonti rinnovabili. Durante la manifestazione, Biosophia - caterer che opera anche nel mondo della medicina naturale, ayurvedica e antroposofica – ha promosso un incontro sul Menù di Natale secondo i nuovi canoni del benessere: appagante, cruelty free e senza sprechi. Sempre incentrato sul food, l’incontro con la ecofoodblogger Lisa Casali, autrice dei libri “La cucina a impatto (quasi) zero” e Cucinare in lavastoviglie, che ha presentato le sue originali ricette a basso consumo.

Spazio, naturalmente, anche per la moda, con una selezione di eco-ethic fashion brand di abbigliamento e accessori di alta qualità e ricerca, creatività e attenzione alla filiera produttiva, con riutilizzo di materiali di recupero o valorizzazione di tecniche artigianali per promuovere la condizione femminile di paesi del Sud del Mondo. Appuntamento clou è stato il workshop dal titolo “Moda responsabile tra etica ed estetica” coordinato da Francesca Romana Rinaldi, docente Bocconi e titolare del blog Bio-Fashion, che ha realizato un’intervista a Gabriella Ghidoni per parlare di Royah e delle sue collezioni realizzate in un atelier di Kabul. Per la prima volta a Milano, sono state esposte, inoltre, le borse artigianali Light for New Life Foundation, provenienti dalla Tanzania. “Le aziende di moda – spiega a Greenews.info Francesca Rinaldi – stanno cambiando i loro obiettivi: al primo posto, non è più il profitto, ma la ricerca dello spirito del territorio in cui l’azienda è inserita. In questo modo, il fine ultimo della produzione non è più solo il design, ma il perfetto equilibrio tra etica ed estetica, perché ormai il guadagno deve essere considerato a lungo termine: il consumatore è sempre più informato e cerca prodotti non soltanto belli, ma anche sostenibili. L’azienda, per essere competitiva, deve risultare credibile, soltanto così può fidelizzare la propria clientela”. Un concetto ribadito anche dall’Associazione Greencommerce, tra i partner dell’iniziativa fin dalla prima edizione.

Nella tre giorni milanese sono stati offerti anche trattamenti e consigli utili sulle ultime tendenze del make up, come prodotti per viso, capelli e corpo, anche ”alla spina” grazie ai distributori di Ricaricando, presenti nell’oasi benessere e bellezza Dr. Hauschka; a fianco, le nuovissime fragranze interamente naturali firmate Centro Botanico e la linea OM Officinali di Montauto, direttamente dalle colture biologiche della Toscana.

In un periodo dell’anno in cui la casa diventa centrale nella vita di ognuno, ampio spazio è stato infine dedicato all’abitare: al “Village del Negozio Sostenibile”, Best Up - circuito per la promozione dell’abitare sostenibile – ha raccolto realtà del settore arredo note per una progettazione in chiave ecologica. A conclusione dell’evento, Milano Metropoli Agenzia di Sviluppo ha premiato – assieme alle organizzatrici - i prodotti delle imprese espositrici che meglio hanno saputo rispondere ai principi del C2C (Cradle to Cradle, “dalla Culla alla Culla”), un metodo per la riduzione dei rifiuti nella produzione, alla valorizzazione delle risorse locali, all’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili e al rispetto della diversità biologica e culturale. A vincere il primo premio, Rivaviva produttore di arredi naturali; menzione speciale per Vipot (vasi realizzati con materiali vegetali di risulta) e La Bolsina (borse e borsoni da materiale reciclato).

Agnese Pellegrini

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

maggio 5, 2017

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

ANARF (Associazione Nazionale delle Attività Regionali Forestali), presieduta da Alberto Negro, Direttore di Veneto Agricoltura, e FederForeste, con a capo il trentino Gabriele Calliari, hanno siglato nei giorni scorsi a Mestre, presso la sede di Coldiretti Veneto, un protocollo per la gestione del patrimonio forestale improntato, tra l’altro, al dialogo tra realtà pubbliche e private. [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende