Home » Idee »Prodotti »Prodotti »Progetti »Smart City » Come orientarsi nella bioedilizia. Intervista a Mario Veronese, ANAB:

Come orientarsi nella bioedilizia. Intervista a Mario Veronese, ANAB

novembre 15, 2012 Idee, Prodotti, Prodotti, Progetti, Smart City

Mentre si moltiplicano in Italia gli eventi e le fiere dedicati alla bioedilizia – proprio in questi giorni è in corso a Modena la Settimana della Bioarchitettura e della Domotica – sull’argomento rimane una certa confusione. Dei cittadini, in primo luogo, che vorrebbero ristrutturare la propria casa o costruirne una nuova secondo criteri “ecologici” e di efficienza energetica, ma anche di molti professionisti, che vedono ancora la bioedilizia come uno sfizio da ambientalisti. Sembra dunque non essersi ancora radicata una piena consapevolezza sui principi di cui tenere conto in fase di progettazione, su quali materiali possano essere considerati effettivamente conformi, sulla normativa e le certificazioni.

Anab è l’Associazione Nazionale dell’Architettura Bioecologica, che dal 1989 si occupa di formare i professionisti e sensibilizzare le imprese, ma anche di certificare i materiali e misurare la sostenibilità degli edifici. Abbiamo intervistato Mario Veronese, bioarchitetto e segretario dell’associazione, che ci ha aiutato a fare maggiore chiarezza in una materia difficile, dove il dibattito su quali pratiche e materiali includere o meno è ancora in corso.

D) Architetto, quali sono i principi basilari della bioarchitettura, contenuti anche nel Manifesto di Anab?

R) Si tratta di principi abbastanza semplici da riassumere, ma difficili da rispettare, stante il mondo produttivo attuale e la sensibilità di cittadini, progettisti, costruttori. In primo luogo, tutti i materiali da costruzione devono avere un ciclo di vita che danneggi il meno possibile l’ambiente: parliamo soprattutto di materiali naturali, non trattati con sostanze chimiche di sintesi, che alla fine della loro vita possono tornare nell’ambiente naturale senza particolari problemi. Bisogna poi conservare un’alta presenza dell’uomo nei processi costruttivi: è giusto trovare un corretto incrocio tra sistemi artigianali e industrializzati, che di solito hanno un impatto maggiore sull’ambiente. Ma una costruzione non può definirsi veramente sostenibile se non usa l’energia in modo consapevole. Valorizziamo i sistemi conservativi, che tendono a conservare l’energia più che a utilizzarla.

D) Dunque il modello della casa passiva?

R) Sì, ma facendo attenzione a come viene ottenuta la passività. Molti produttori parlano di casa passiva, ma isolano l’edificio con pannelli di polistirene e polietilene, senza considerare la traspirabilità dell’abitazione e le emissioni interne date da questi materiali. Il nostro modello è piuttosto una costruzione in cui si toglie dall’involucro tutto ciò che è impianto, per aggiungere le strutture che possono aiutare a compensare i cambiamenti stagionali, come masse naturali isolanti, ma anche elementi come l’orientamento e l’esposizione alla luce solare.

D) Parliamo di materiali. Quali si possono utilizzare in bioarchitettura?

R) Nella misura del possibile, usiamo materiali realizzati solo con componenti naturali. Dove non è possibile, per esempio nel caso delle fondazioni, ci orientiamo verso materiali certificati per il loro basso impatto ambientale. Anab collabora con Icea per rilasciare una certificazione che garantisce prodotti il cui ciclo di vita non è dannoso per l’ambiente.

D) Quanto si spende in più, in media, se si decide di costruire la propria casa in bioedilizia piuttosto che con metodi e materiali convenzionali?

R) Premetto che in diversi casi la bioedilizia si sposa con finiture degli ambienti più sobrie ed essenziali, che comportano minori costi. In realtà, poi, se per la costruzione la spesa è maggiore, facendo due conti sulla gestione della casa, si vede che c’è un risparmio in termini di consumo energetico. Bisognerebbe che la normativa stessa facesse proprio questo criterio, andando a finanziare la differenza di costi iniziale che la bioedilizia comporta, visto che poi a lungo termine tutta la collettività si avvantaggia di edifici più efficienti. La detrazione del 55% è ancora troppo poco per la gravità della situazione energetica.

D) Oltre al decreto sulle detrazioni, ci sono altre leggi di riferimento per chi vuole costruire in bioedilizia?

R) No. Ci sono solo dei protocolli che non sono stati ancora armonizzati. Uno è il protocollo ITACA, che misura la sostenibilità dell’edificio. Anche Anab ha un suo sistema di misura: SB100 è un software di supporto alla progettazione, che calcola l’impatto di ogni intervento sulla sostenibilità della costruzione.

D) Sono diversi anche i sistemi di certificazione per gli edifici in bioarchitettura, ma non tutti garantiscono una valutazione della casa nel suo complesso. Come muoversi?

R) In generale, non sono d’accordo con quei sistemi che hanno una soglia di accettazione troppo bassa. Molto spesso si utilizzano impropriamente nel nostro Paese sistemi di certificazione nati in altri contesti geografici e culturali, mentre sarebbe opportuno realizzarne altri pensati per i nostri territori. Non è la stessa cosa costruire a Bolzano o a Catania. Proprio per questo il sistema di Anab che citavo prima tiene conto delle variabili climatiche e geografiche.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Quale scegliere? Piccola guida alla lettura delle etichette energetiche degli elettrodomestici

aprile 28, 2017

Quale scegliere? Piccola guida alla lettura delle etichette energetiche degli elettrodomestici

Di recente il Parlamento Europeo ha annunciato di aver raggiunto un accordo su un nuovo tipo di etichetta energetica per gli elettrodomestici con l’obiettivo di creare un sistema che sia realmente “2.0″. L’intenzione è fare in modo che, grazie alla presenza di QR code e link, entro la fine del 2019 ogni etichetta rimandi ad [...]

“Fare i conti con l’ambiente” verso la decima edizione

aprile 27, 2017

“Fare i conti con l’ambiente” verso la decima edizione

“Fare i conti con l’ambiente” il festival formativo ravennate, che si terrà da mercoledì 17 a venerdì 19 maggio 2017, si appresta a tagliare il traguardo dei dieci anni con un programma ricco di iniziative. Grande spazio sarà previsto sulle tematiche connesse alla mobilità sostenibile con la presentazione di due progetti europei. Il primo, Low Carbon Transport [...]

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

aprile 27, 2017

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

Decongestionare il traffico, ottenere una maggiore efficienza energetica, ridurre le emissioni inquinanti: sono obiettivi sempre più stringenti che le amministrazioni locali devono perseguire per concorrere alla tutela ambientale e contrastare i cambiamenti climatici, in linea con le indicazioni dell’UE. Per questo il progetto europeo SIMPLA (Sustainable Integrated Multi-sector PLAnning) ha aperto un bando dedicato ai [...]

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

aprile 26, 2017

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

In occasione della Giornata della Terra del 22 aprile Legambiente si è mobilitata in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare europea People4Soil. Nelle piazze i volontari del cigno verde hanno raccolto le firme per chiedere all’Unione Europea di introdurre una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come patrimonio comune. Il traguardo da [...]

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende