Home » Idee »Prodotti »Prodotti »Progetti »Smart City » Come orientarsi nella bioedilizia. Intervista a Mario Veronese, ANAB:

Come orientarsi nella bioedilizia. Intervista a Mario Veronese, ANAB

novembre 15, 2012 Idee, Prodotti, Prodotti, Progetti, Smart City

Mentre si moltiplicano in Italia gli eventi e le fiere dedicati alla bioedilizia – proprio in questi giorni è in corso a Modena la Settimana della Bioarchitettura e della Domotica – sull’argomento rimane una certa confusione. Dei cittadini, in primo luogo, che vorrebbero ristrutturare la propria casa o costruirne una nuova secondo criteri “ecologici” e di efficienza energetica, ma anche di molti professionisti, che vedono ancora la bioedilizia come uno sfizio da ambientalisti. Sembra dunque non essersi ancora radicata una piena consapevolezza sui principi di cui tenere conto in fase di progettazione, su quali materiali possano essere considerati effettivamente conformi, sulla normativa e le certificazioni.

Anab è l’Associazione Nazionale dell’Architettura Bioecologica, che dal 1989 si occupa di formare i professionisti e sensibilizzare le imprese, ma anche di certificare i materiali e misurare la sostenibilità degli edifici. Abbiamo intervistato Mario Veronese, bioarchitetto e segretario dell’associazione, che ci ha aiutato a fare maggiore chiarezza in una materia difficile, dove il dibattito su quali pratiche e materiali includere o meno è ancora in corso.

D) Architetto, quali sono i principi basilari della bioarchitettura, contenuti anche nel Manifesto di Anab?

R) Si tratta di principi abbastanza semplici da riassumere, ma difficili da rispettare, stante il mondo produttivo attuale e la sensibilità di cittadini, progettisti, costruttori. In primo luogo, tutti i materiali da costruzione devono avere un ciclo di vita che danneggi il meno possibile l’ambiente: parliamo soprattutto di materiali naturali, non trattati con sostanze chimiche di sintesi, che alla fine della loro vita possono tornare nell’ambiente naturale senza particolari problemi. Bisogna poi conservare un’alta presenza dell’uomo nei processi costruttivi: è giusto trovare un corretto incrocio tra sistemi artigianali e industrializzati, che di solito hanno un impatto maggiore sull’ambiente. Ma una costruzione non può definirsi veramente sostenibile se non usa l’energia in modo consapevole. Valorizziamo i sistemi conservativi, che tendono a conservare l’energia più che a utilizzarla.

D) Dunque il modello della casa passiva?

R) Sì, ma facendo attenzione a come viene ottenuta la passività. Molti produttori parlano di casa passiva, ma isolano l’edificio con pannelli di polistirene e polietilene, senza considerare la traspirabilità dell’abitazione e le emissioni interne date da questi materiali. Il nostro modello è piuttosto una costruzione in cui si toglie dall’involucro tutto ciò che è impianto, per aggiungere le strutture che possono aiutare a compensare i cambiamenti stagionali, come masse naturali isolanti, ma anche elementi come l’orientamento e l’esposizione alla luce solare.

D) Parliamo di materiali. Quali si possono utilizzare in bioarchitettura?

R) Nella misura del possibile, usiamo materiali realizzati solo con componenti naturali. Dove non è possibile, per esempio nel caso delle fondazioni, ci orientiamo verso materiali certificati per il loro basso impatto ambientale. Anab collabora con Icea per rilasciare una certificazione che garantisce prodotti il cui ciclo di vita non è dannoso per l’ambiente.

D) Quanto si spende in più, in media, se si decide di costruire la propria casa in bioedilizia piuttosto che con metodi e materiali convenzionali?

R) Premetto che in diversi casi la bioedilizia si sposa con finiture degli ambienti più sobrie ed essenziali, che comportano minori costi. In realtà, poi, se per la costruzione la spesa è maggiore, facendo due conti sulla gestione della casa, si vede che c’è un risparmio in termini di consumo energetico. Bisognerebbe che la normativa stessa facesse proprio questo criterio, andando a finanziare la differenza di costi iniziale che la bioedilizia comporta, visto che poi a lungo termine tutta la collettività si avvantaggia di edifici più efficienti. La detrazione del 55% è ancora troppo poco per la gravità della situazione energetica.

D) Oltre al decreto sulle detrazioni, ci sono altre leggi di riferimento per chi vuole costruire in bioedilizia?

R) No. Ci sono solo dei protocolli che non sono stati ancora armonizzati. Uno è il protocollo ITACA, che misura la sostenibilità dell’edificio. Anche Anab ha un suo sistema di misura: SB100 è un software di supporto alla progettazione, che calcola l’impatto di ogni intervento sulla sostenibilità della costruzione.

D) Sono diversi anche i sistemi di certificazione per gli edifici in bioarchitettura, ma non tutti garantiscono una valutazione della casa nel suo complesso. Come muoversi?

R) In generale, non sono d’accordo con quei sistemi che hanno una soglia di accettazione troppo bassa. Molto spesso si utilizzano impropriamente nel nostro Paese sistemi di certificazione nati in altri contesti geografici e culturali, mentre sarebbe opportuno realizzarne altri pensati per i nostri territori. Non è la stessa cosa costruire a Bolzano o a Catania. Proprio per questo il sistema di Anab che citavo prima tiene conto delle variabili climatiche e geografiche.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende