Home » Prodotti »Prodotti »Provati per voi »Recensioni » Consigli per eco-mamme, terza puntata: i pannolini:

Consigli per eco-mamme, terza puntata: i pannolini

Ecco la terza puntata dei “consigli per eco-mamme“, il viaggio della nostra corrispondente (e mamma) Cristina Gentile tra i prodotti e i servizi per l’infanzia. Il tema di oggi è: i pannolini.

La fase delle nausee è finita da un pezzo, ma l’afrore dei pannolini sporchi rischia di riprecipitare la mamma in quel fosco periodo di sofferenza olfattiva. Odori a parte, chi non ha guardato, con preoccupazione, alla mole di pannolini gettati via ogni giorno? Quanto inquinano, gli ignari pargoletti, con gli attuali sistemi per il cambio e l’igiene?

Tornare ad anacronistici lembi di lino e cotone, da lavare e smacchiare a fatica, non è però necessario. Soluzioni praticabili sono state già sperimentate a Forlì , Reggio Emilia, Padova e presto saranno introdotte anche a Bologna . Queste città, partendo dalla considerazione che tutta la comunità trae beneficio dall’impegno per la riduzione dei rifiuti, stanno promuovendo l’uso di pannolini lavabili e compostabili. Si tratta di pannolini composti da una mutandina impermeabile esterna e strati assorbenti di tessuto, perciò lavabili anche in lavatrice e riutilizzabili.

Secondo stime del Comune di Forlì, infatti, i pannolini usa e getta necessari per un figlio (se ne fa uso fino ai 2 – 3 anni) sono circa tremila, pari a una tonnellata di rifiuti non biodegrabili, e costano alle famiglie fino a duemila euro. Il loro smaltimento costa circa 200 euro a tonnellata. Con i pannolini lavabili una famiglia potrebbe risparmiare dai duecento agli ottocento euro, e con un secondo figlio la spesa sarebbe ancor meglio ammortizzata. A Forlì, dove i pannolini costituiscono il 15 per cento dei rifiuti indifferenziati, dal 2009 è attivo un protocollo d’intesa con cui numerosi soggetti pubblici e privati si sono impegnati a utilizzare, per tre anni, pannolini lavabili e compostabili.

Il testo prevede campagne informative, l’uso dei nuovi pannolini nei nidi aderenti e nei servizi sanitari, l’erogazione di buoni-acquisto per i genitori e il monitoraggio dei risultati. Si è generato un circolo virtuoso che ha coinvolto cinque Amministrazioni – da ultimo il Comune di Modigliana -  l’Ausl (consultori, pediatria di comunità), e altri 18 aderenti tra Forlifarma, cooperative di servizi per l’infanzia, negozi e associazioni. “Passato lo scetticismo iniziale – spiega Nadia Bertozzi, responsabile del Centro per le Famiglie del Comune di Forlì – aver fatto “sistema” invece di erogare semplicemente dei buoni-acquisto ha creato valore aggiunto: il coinvolgimento di più soggetti ha aiutato a diffondere la tematica, a parlarne, creando cultura”.

Chi accetta il buono-acquisto riceve un questionario, per esprimere il proprio parere sul progetto, e sottoscrive una lettera con la quale dichiara d’impegnarsi a utilizzare i pannolini lavabili o a restituire il buono-acquisto, per renderlo disponibile ad altri interessati. Come ha risposto la cittadinanza? “Da novembre 2009 ad oggi sono stati erogati 172 buoni acquisto per un totale di 8.350 euro” riferisce Elena Balzani, del servizio Ambiente del Comune di Forlì: solo quest’anno sono già cinquanta i buoni ritirati, del valore di 50 euro ciascuno, ed un budget di cinquemila euro è stato già deliberato anche per i prossimi due anni. Il protocollo forlivese, inoltre, è stato premiato dal WWF nell’ambito di Earth Hour 2012 e ha ricevuto la menzione speciale fra le buone pratiche del concorso “Oscar della Salute 2011, Premio Nazionale Rete Città Sane – OMS”.

Un aspetto pratico a favore dei pannolini lavabili è la capacità d’assorbimento, che varia a seconda del tessuto e dell’usura, ma può essere regolata con l’aggiunta di inserti assorbenti. Si potrà così “potenziare” l’assetto a seconda del momento della giornata o dei ritmi del bambino. I pannolini lavabili sono disponibili anche negli iperpermercati, come la linea Vivi Verde Coop , venduti in kit (dai 49 ai 69 euro) o confezioni “prova” di pochi ricambi (dai 29 euro), ma si trovano anche sul web , dove peraltro pullulano scambi di informazioni e consigli su modelli e metodi di lavaggio per un effettivo risparmio. Non sono comodi come gli usa e getta, ovviamente, e richiedono un minimo di tempo e impegno. Ma un compromesso è possibile tra le esigenze di praticità della famiglia e la salvaguardia dell’ambiente: salvo i primi mesi, in cui un bimbo richiede di essere cambiato anche una decina di volte al giorno, si può provare a far uso dei pannolini lavabili appena il ritmo di urine/feci si renda affrontabile per i genitori. Calibrare dunque le proprie possibilità e provare questa strada più responsabile, con benefici per il nostro ambiente e per i figli a cui lo lasceremo, effettivamente si può.

Cristina Gentile

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Fare i conti con l’ambiente” verso la decima edizione

aprile 27, 2017

“Fare i conti con l’ambiente” verso la decima edizione

“Fare i conti con l’ambiente” il festival formativo ravennate, che si terrà da mercoledì 17 a venerdì 19 maggio 2017, si appresta a tagliare il traguardo dei dieci anni con un programma ricco di iniziative. Grande spazio sarà previsto sulle tematiche connesse alla mobilità sostenibile con la presentazione di due progetti europei. Il primo, Low Carbon Transport [...]

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

aprile 27, 2017

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

Decongestionare il traffico, ottenere una maggiore efficienza energetica, ridurre le emissioni inquinanti: sono obiettivi sempre più stringenti che le amministrazioni locali devono perseguire per concorrere alla tutela ambientale e contrastare i cambiamenti climatici, in linea con le indicazioni dell’UE. Per questo il progetto europeo SIMPLA (Sustainable Integrated Multi-sector PLAnning) ha aperto un bando dedicato ai [...]

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

aprile 26, 2017

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

In occasione della Giornata della Terra del 22 aprile Legambiente si è mobilitata in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare europea People4Soil. Nelle piazze i volontari del cigno verde hanno raccolto le firme per chiedere all’Unione Europea di introdurre una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come patrimonio comune. Il traguardo da [...]

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende