Home » Prodotti »Prodotti »Provati per voi »Recensioni » Consigli per eco-mamme, terza puntata: i pannolini:

Consigli per eco-mamme, terza puntata: i pannolini

Ecco la terza puntata dei “consigli per eco-mamme“, il viaggio della nostra corrispondente (e mamma) Cristina Gentile tra i prodotti e i servizi per l’infanzia. Il tema di oggi è: i pannolini.

La fase delle nausee è finita da un pezzo, ma l’afrore dei pannolini sporchi rischia di riprecipitare la mamma in quel fosco periodo di sofferenza olfattiva. Odori a parte, chi non ha guardato, con preoccupazione, alla mole di pannolini gettati via ogni giorno? Quanto inquinano, gli ignari pargoletti, con gli attuali sistemi per il cambio e l’igiene?

Tornare ad anacronistici lembi di lino e cotone, da lavare e smacchiare a fatica, non è però necessario. Soluzioni praticabili sono state già sperimentate a Forlì , Reggio Emilia, Padova e presto saranno introdotte anche a Bologna . Queste città, partendo dalla considerazione che tutta la comunità trae beneficio dall’impegno per la riduzione dei rifiuti, stanno promuovendo l’uso di pannolini lavabili e compostabili. Si tratta di pannolini composti da una mutandina impermeabile esterna e strati assorbenti di tessuto, perciò lavabili anche in lavatrice e riutilizzabili.

Secondo stime del Comune di Forlì, infatti, i pannolini usa e getta necessari per un figlio (se ne fa uso fino ai 2 – 3 anni) sono circa tremila, pari a una tonnellata di rifiuti non biodegrabili, e costano alle famiglie fino a duemila euro. Il loro smaltimento costa circa 200 euro a tonnellata. Con i pannolini lavabili una famiglia potrebbe risparmiare dai duecento agli ottocento euro, e con un secondo figlio la spesa sarebbe ancor meglio ammortizzata. A Forlì, dove i pannolini costituiscono il 15 per cento dei rifiuti indifferenziati, dal 2009 è attivo un protocollo d’intesa con cui numerosi soggetti pubblici e privati si sono impegnati a utilizzare, per tre anni, pannolini lavabili e compostabili.

Il testo prevede campagne informative, l’uso dei nuovi pannolini nei nidi aderenti e nei servizi sanitari, l’erogazione di buoni-acquisto per i genitori e il monitoraggio dei risultati. Si è generato un circolo virtuoso che ha coinvolto cinque Amministrazioni – da ultimo il Comune di Modigliana -  l’Ausl (consultori, pediatria di comunità), e altri 18 aderenti tra Forlifarma, cooperative di servizi per l’infanzia, negozi e associazioni. “Passato lo scetticismo iniziale – spiega Nadia Bertozzi, responsabile del Centro per le Famiglie del Comune di Forlì – aver fatto “sistema” invece di erogare semplicemente dei buoni-acquisto ha creato valore aggiunto: il coinvolgimento di più soggetti ha aiutato a diffondere la tematica, a parlarne, creando cultura”.

Chi accetta il buono-acquisto riceve un questionario, per esprimere il proprio parere sul progetto, e sottoscrive una lettera con la quale dichiara d’impegnarsi a utilizzare i pannolini lavabili o a restituire il buono-acquisto, per renderlo disponibile ad altri interessati. Come ha risposto la cittadinanza? “Da novembre 2009 ad oggi sono stati erogati 172 buoni acquisto per un totale di 8.350 euro” riferisce Elena Balzani, del servizio Ambiente del Comune di Forlì: solo quest’anno sono già cinquanta i buoni ritirati, del valore di 50 euro ciascuno, ed un budget di cinquemila euro è stato già deliberato anche per i prossimi due anni. Il protocollo forlivese, inoltre, è stato premiato dal WWF nell’ambito di Earth Hour 2012 e ha ricevuto la menzione speciale fra le buone pratiche del concorso “Oscar della Salute 2011, Premio Nazionale Rete Città Sane – OMS”.

Un aspetto pratico a favore dei pannolini lavabili è la capacità d’assorbimento, che varia a seconda del tessuto e dell’usura, ma può essere regolata con l’aggiunta di inserti assorbenti. Si potrà così “potenziare” l’assetto a seconda del momento della giornata o dei ritmi del bambino. I pannolini lavabili sono disponibili anche negli iperpermercati, come la linea Vivi Verde Coop , venduti in kit (dai 49 ai 69 euro) o confezioni “prova” di pochi ricambi (dai 29 euro), ma si trovano anche sul web , dove peraltro pullulano scambi di informazioni e consigli su modelli e metodi di lavaggio per un effettivo risparmio. Non sono comodi come gli usa e getta, ovviamente, e richiedono un minimo di tempo e impegno. Ma un compromesso è possibile tra le esigenze di praticità della famiglia e la salvaguardia dell’ambiente: salvo i primi mesi, in cui un bimbo richiede di essere cambiato anche una decina di volte al giorno, si può provare a far uso dei pannolini lavabili appena il ritmo di urine/feci si renda affrontabile per i genitori. Calibrare dunque le proprie possibilità e provare questa strada più responsabile, con benefici per il nostro ambiente e per i figli a cui lo lasceremo, effettivamente si può.

Cristina Gentile

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende