Home » Aziende »Pratiche »Prodotti »Servizi » Corrieri addio. Le consegne viaggiano su due ruote:

Corrieri addio. Le consegne viaggiano su due ruote

dicembre 4, 2012 Aziende, Pratiche, Prodotti, Servizi

Se dovessimo iniziare a trarre un bilancio di fine anno, il 2012 è stato indubbiamente l’anno delle due ruote, grazie anche agli Stati Generali della Bicicletta e della Mobilità Nuova e a movimenti come Salva i Ciclisti. In Italia già nel 2011, del resto, le vendite di biciclette hanno superato (anche se di poco) quelle di automobili: per l’esattezza le vetture immatricolate sono state 1.748.143, contro  1.750.000 biciclette vendute. E tutto l’indotto legato alle due ruote è in forte crescita: non solo le scatto-fisso o le personalizzate di fascia alta, ma anche  il recupero e il restyling delle vecchie biciclette tirate fuori da soffitte e cantine, le riparazioni e il mercato dei pezzi di ricambio. Senza contare le bici a pedalata assistita e le “customizzate” per il trasporto di bambini e oggetti.

Ma accanto alla sempre maggiore diffusione delle bici per fare una passeggiata o andare al lavoro, c’è un altro fenomeno che si è ormai diffuso in tutta Italia, da Bolzano a Catania: i bike messenger o corrieri in bicicletta, diventati una realtà consolidata nelle maggiori città italiane, complice anche una nuova coscienza ambientale e l’imbattibilità sulle tratte brevi rispetto a qualsiasi altro mezzo.

Sono tre, in sintesi, i maggiori vantaggi competitivi dei ciclo-corrieri: la velocità di consegna, i bassi costi di gestione del mezzo e i prezzi contenuti. Partiamo dai tempi, che non vengono penalizzati dalla “propulsione” umana, ma anzi si accorciano e diventano inferiori a quelli dei pony in moto, grazie alla possibilità per i bike messengers di attraversare zone a traffico limitato o pedonali, usufruire (quando esistono) di piste ciclabili e al fatto di non dover cercare parcheggio anche per soste brevi. Il risultato sono tariffe molto competitive: una consegna in bici costa in media 5 euro, a fronte dei 12 per le consegne in motorino e di 7/8 euro con altri mezzi a motore. Prezzi più bassi dovuti soprattutto al fatto che  il bike messenger non ha praticamente costi fissi per carburante, bollo e assicurazione e parcheggio, senza contare che non è soggetto a limiti di velocità e dunque a multe. Ma i benefici, oltre che economici, sono anche ambientali:  le consegne sulle due ruote non producono anidride carbonica, contribuiscono a decongestionare il traffico e, indirettamente, promuovono l’uso della bicicletta.

Un piccolo sondaggio sui corrieri in bicicletta italiani ci restituisce la fotografia del settore. La media di una società di consegna in bici è di tre addetti, con riserve pronte per eventuali surplus di lavoro. Si arriva fino a picchi di 12 addetti come nel caso di Roma. L’età media è di 30 anni. Per quanto riguarda il raggio di consegna, tutti i corrieri garantiscono la copertura dell’intera città e alcuni anche la provincia, come a Catania, o si spingono almeno in un raggio di 15 km fino ai comuni limitrofi come a Bologna. A Torino si sta pensando di coprire l’intera cintura entro il prossimo anno, concedendo il marchio in licensing ad altri giovani velocisti e creando così una rete allargata.

I tempi di consegna medi variano da città a città a seconda delle caratteristiche, si va dai 15 minuti dalla presa alle 3 ore, e quasi tutti i bike messengers offrono servizi per spedizioni urgenti. Al variare dei tempi di consegna in base all’urgenza e alla distanza, ovviamente variano anche i prezzi. Ci sono servizi tarati su ogni esigenza, come i “cargo” per i pacchi superiori a 10 kg, e in tutti i casi sono disponibili abbonamenti personalizzati che permettono di risparmiare sensibilmente. Per una consegna singola in Italia si spende da 3 a 7 euro, a fronte, dicevamo, dei 12 euro per le consegne in motorino, tra l’altro più lente. ”Qualunque peso, qualunque dimensione, ancora non abbiamo trovato cosa è troppo grande o troppo pesante da consegnare”, rispondono i bike messenger modenesi alla domanda su peso e dimensioni massime trasportabili. La media è di 8-10 kg nello zaino e 50 kg massimo – con picchi di 250 kg come a Roma e Torino – per gli ingombranti con bici cargo.

Il problema principale che accomuna molti ciclo-corrieri è la difficoltà di trovare un’assicurazione che copra la merce trasportata. A Modena, spiegano i bike messengers emiliani, “nessuna assicurazione ha voluto anche solo provare a farci assicurare i pacchi che consegniamo. E’ in corso un’azione collettiva in questo senso che speriamo porti i suoi frutti”.

I suoi frutti, intanto, li sta portando l’unione del servizio di bike messengers con la consegna a domicilio di verdura, frutta, prodotti da agricoltura biologica e non. Tutti i corrieri collaborano attivamente con Gruppi di Acquisto Solidale, mercati rionali, imprese agricole locali, organizzazioni come Coldiretti o associazioni come Greencommerce. A Bologna, il servizio è stato scelto dall’amministrazione comunale sperando che altre ne seguano l’esempio, mentre a Torino si sta trattando per consegnare in bicicletta anche gli abbonamenti del bike-sharing. A Roma, invece, lamentano alcuni, paradossalmente, “le grandi Ong come Greenpeace e Amnesty sembra che snobbino ancora il servizio”.

Se poi ai bike messenger si chiede quale sia la cosa più strana consegnata, le risposte sono le più divertenti: si va dalla dentiera dei corrieri di Bolzano ai 4 litri di urina portata a destinazione a Catania, passando per lombrichi per il compostaggio, toner, tavoli, assegni, animali vivi e imbalsamati, incenso, attrezzature da bar e anche un portafoglio smarrito per strada, riconsegnato al legittimo proprietario da un bike messenger di Napoli.

Alessio Sciurpa

Mercoledì 5 dicembre 2012, alle ore 18.00, al Circolo dei Lettori di Torino, Greenews.info presenterà al pubblico, l’Agenda Greenews 2013 che, grazie ad un accordo con “Pony 0 Emissioni” , vedrà consegnate in bicicletta tutte le copie acquistate in città, attraverso l’e-commerce Greencommerce. Qui sotto la nuova campagna di comunicazione 2013 dell’Associazione Greencommerce, incentrata proprio sulle consegne “a zero emissioni”.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende