Home » Aziende »Pratiche »Prodotti »Servizi » Cuiles: da architettura rurale a nuova risorsa del turismo sostenibile in Sardegna:

Cuiles: da architettura rurale a nuova risorsa del turismo sostenibile in Sardegna

aprile 10, 2015 Aziende, Pratiche, Prodotti, Servizi

I pastori sardi fino agli anni Cinquanta e Sessanta del secolo scorso stavano lontano da casa per dei mesi, abitavano in capanne di pietra –  in calcare  o in basalto – con tetto conico di ginepro, un legno molto resistente  che garantisce l’impermeabilità della struttura, e frasche.  Una vita difficile. Con la motorizzazione, le bonifiche, la valorizzazione dei terreni, la riforma fondiaria e la nascita dei primi caseifici sociali  i pastori abbandonarono i luoghi  più impervi e lontani dai centri abitati e costruirono case rurali moderne  e stalle in cemento. I cuiles –  nome sardo degli ovili –  restarono senza padroni e iniziò  il loro lento e progressivo degrado. Per decenni  disabitati, non utilizzati, non curati e preda di vandali che in alcuni casi li bruciarono.

All’inizio degli anni Novanta l’interesse economico verso le escursioni e una differente sensibilità culturale, orientata alla valorizzazione della memoria storica, ha  permesso il recupero di questi originali monumenti di architettura rurale della civiltà pastorale. Una storia interessante e ad alto tasso di impegno civico, che prende il via una quindicina di anni fa a Dorgali (uno dei paesi che con Baunei, Oliena, Orgosolo ed Urzulei fanno parte del Supramonte dove c’è una maggiore presenza di cuiles) dove un gruppo di cittadini con un duro  lavoro (per raggiungere alcuni ovili  è necessario camminare per due o tre ore) ha ristrutturato le  capanne: rialzando e rafforzando la base in pietra e recuperando per il tetto  il ginepro. La pianta tra l’altro è una specie protetta, e infatti la ristrutturazione  è stata fatta in collaborazione con il Corpo Forestale. E’ cambiata naturalmente la loro funzione, ora sono utilizzati dagli appassionati di trekking, in particolare quelli più esperti, che organizzano escursioni di più giorni e che nei cuiles pernottano. Spesso all’interno vengono lasciate posate, attrezzature e anche cibo – sale, zucchero, caffè – utili per chi intende ‘’bivaccare’’ all’interno delle antiche capanne dei pastori.  Ormai diventate dei veri attrattori per il turismo escursionistico nel Supramonte, anche in quello marino che si affaccia nella costa di Cala Gonone e Baunei e dove ci sono sentieri molto impegnativi come il ‘’Selvaggio  Blu’’.

Solidarietà, beni comuni e naturalmente  green economy sono i punti chiave delle numerose offerte delle cooperative e società di servizi turistici che hanno confezionato pacchetti con visita ai cuiles. “Abbiamo diverse proposte di escursione che prevedono soste negli ovili  sia con pranzo al sacco portato in spalla dentro lo zaino o organizzato direttamente dal pastore”. Marco Canu della Cooperativa Ghivine, che dai primi anni Novanta ha scommesso sul turismo naturalistico e culturale, spiega le diverse modalità del ‘’Cuile Tour’’ dove sono coinvolti anche i pastori, che in questo modo riescono ad integrare il reddito dell’allevamento.

Ma l’offerta non è riservata solo a chi ha fiato e  gambe buone: “Per chi non è un gran camminatore – pensiamo anche ad anziani o persone con difficoltà motorie – organizziamo il tour in fuoristrada.  E’ prevista anche una tappa al villaggio nuragico (parliamo dell’età del  bronzo), dove  attraverso l’osservazione delle capanne preistoriche sottolineiamo  le affinità con quelle utilizzate dai pastori fino a qualche decennio fa”. Filo millenario tra civiltà della pietra e del legno e trama narrativa e antropologica  molto avvincente, come ha scritto Leo Fancello -  autore di ‘’Trekking dei Cuiles. Guida pratica ai sentieri del Supramonte’’ per l’editore Archivio Fotografico Sardo –   che descrive un vero spazio sociale dove il pastore “coltivava l’orto, lavorava il formaggio, custodiva le arnie per il miele”.

Insomma non solo un rifugio ma un microsistema economico autostostenibile,  almeno per le esigenze primarie.  Fancello ha studiato ha fondo questa organizzazione e come si legge nel sito della sua società, la Gennargentu, offre il Trekking del Supramonte : “In due giorni e si dorme nei vecchi ovili dei caprai”. Servizio che offre anche la Green Best di Maria Lucia Cossu e Paolo Insolera che nei loro servizi prevedono notte in ovile e giornata con il pastore. Un successo: “Sta diventando uno dei servizi più richiesti“. Il menù di proposte è ricco e vario, ma queste piccole realtà imprenditoriali devono molto al ‘’Comitato per il ripristino de Sos Cuiles’’. I volontari di Dorgali  che hanno permesso il ‘’Rinascimento’’ del simbolo più noto della civiltà pastorale del Supramonte.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende