Home » Prodotti »Prodotti »Progetti » Da rifiuto a risorsa: a Capannori si sperimenta la seconda vita del caffè:

Da rifiuto a risorsa: a Capannori si sperimenta la seconda vita del caffè

marzo 25, 2013 Prodotti, Prodotti, Progetti

La strada verso i rifiuti zero imboccata dal comune di Capannori, in provincia di Lucca, ha raggiunto una nuova tappa: il riciclo e il riuso delle capsule del caffè, parte importante di ciò che resta indifferenziato nei nostri rifiuti, visto che ogni anno in Italia se ne consumano circa 1 miliardo, il 10% del totale mondiale. Primo Comune italiano ad aver preso parte al progetto pilota ad hoc, promosso un anno fa dall’università di Napoli Federico II e dall’Aiifa, l’Associazione italiana Industrie prodotti alimentari, nel fine settimana ha ospitato lo showroom europeo “Separare il caffè dal suo contenitore si può: sempre!, in cui sono stati presentati i risultati di un anno di sperimentazione. “Nell’ambito della strategia Rifiuti Zero, abbiamo creato un centro di ricerca per capire cosa si potesse ancora riusare o riciclare dell’indifferenziato. Abbiamo visto così che le capsule di caffè erano di peso rispetto ai rifiuti. Abbiamo così scritto alla Lavazza, una delle maggiori aziende italiane nella produzione di caffè per sollecitare la modifica nella produzione di capsule, in modo da renderle riciclabili o riutilizzabili”, racconta il sindaco di Capannori, Giorgio Del Ghingaro.

Da qui nasce Tablì, una compressa monoporzione di macinato di caffè compattato e autosostenuto con un procedimento del tutto naturale, della società Caffemotive. Tablì una volta usata può essere gettata nel rifiuto organico permettendo di fare così la raccolta differenziata in casa. Tra le soluzioni alternative alle capsule non riciclabili c’è anche la capsula “pelabile” (come il coperchio di un barattolo di yogurt) di Coop Italia, di cui, fanno sapere dal Comune, almeno per ora si può riciclare solo la polvere di caffè e non la capsula e la linguetta di alluminio. Insomma, un altro passo verso i Rifiuti Zero: “E’ una piccola cosa ma per noi rappresenta una nuova frontiera nella riduzione del rifiuto. Abbiamo imboccato questa strada da cinque o sei anni e quando vado in giro per l’Italia e l’Europa a raccontarla porto un’esperienza già fatta, che realizziamo giorno dopo giorno”.

Ma Capannori ha già pronto un passo successivo a quello del riciclo delle capsule: il riuso dei fondi di caffè. “I fondi costituiscono un ottimo fertilizzante se uniti ad altre sostanze – spiega Del Ghingaro – e così abbiamo messo a punto un progetto proprio sul riuso dei fondi”. Il progetto sperimentale, presentato durante lo showroom, consiste nell’uso del caffè rimasto nelle capsule ma anche nella macchine industriali di bar e locali per la coltivazione di alcune specie di funghi. E’ stato realizzato da Concetta Vazzana e Giulio Lazzerini, rispettivamente docente e ricercatore della facoltà di Agraria dell’università di Firenze in collaborazione con il Comune di Capannori e del suo centro di ricerca Rifiuti Zero. L’uso dei fondi di caffè per la coltivazioni dei funghi è già stato sperimentato con successo in California e un altro progetto simile è in corso in Basilicata. “Stiamo mettendo a punto un programma da proporre ad Ascit (società dei servizi ambientali di Capannori, ndr), per il ritiro dedicato dei fondi del caffè provenienti dagli oltre 200 esercizi pubblici e di ristorazione, bar, pasticcerie, ristoranti e mense presenti sul territorio comunale”. Secondo una prima stima, sarebbe possibile raccogliere non meno di 500 tonnellate all’anno di fondi di caffè (considerando che al peso della polvere del caffè deve sommarsi circa il 50% di acqua) che attualmente finiscono nella raccolta differenziata dell’organico. Separando invece i fondi, non solo si risparmierebbe oltre il 50% dei costi di trattamento e di trasporto – i fondi per il caffè per la loro carica azotata sono da considerarsi “scarti verdi” come gli sfalci e potature – ma si otterrebbe dell’ottimo ammendante tal quale per la coltivazione di alcune specie di funghi che necessitano di spazi ridotti e sono tra l’altro molto richieste dal mercato.

Definiti gli ultimi dettagli, si passerà poi allo studio di fattibilità del sistema di “ritiro dedicato” e all’attuazione della sperimentazione. Allo showroom dei giorni scorsi è stata anche lanciata l’idea di istituire a Capannori un tavolo permanenteper promuovere e studiare soluzioni ecosostenibili per il caffè da utilizzarsi nelle macchine domestiche. Al suo interno saranno coinvolti il centro di ricerca Rifiuti Zero, il Comune, produttori, associazioni e mondo accademico”, spiegano dall’amministrazione. “Siamo fieri che proprio Capannori possa giocare un ruolo importante in quest’opera che sta portando i produttori a ripensare le modalità di progettazione del caffè per le moderne macchine che vengono utilizzate nelle case, in modo che quello che viene anche chiamato ‘oro nero’ diventi una risorsa per la comunità”, sintetizza Rossano Ercolini, coordinatore del centro di ricerca Rifiuti Zero della cittadina toscana.

Marta Rossi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

febbraio 21, 2019

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

Il Comitato ‘Liberi Cittadini di Certosa’ sostenuto dall’ONA (Osservatorio Nazionale Amianto) e assistito e difeso dal suo Presidente, Avv. Ezio Bonanni, ha presentato ieri mattina alla Procura della Repubblica di Genova un dettagliato esposto che fa riferimento al potenziale rischio amianto e presenza di polveri nocive in relazione al tragico crollo del ponte del 14 agosto 2018 che, oltre [...]

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

febbraio 20, 2019

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

Le infestazioni in magazzino sono uno dei problemi che più colpisce la filiera agroalimentare italiana. Dal campo alla tavola, il danno provocato durante lo stoccaggio rischia di compromettere intere produzioni. Per risolvere questa problematica l’azienda di San Marino Bioagrotech srl, specializzata nella produzione e commercializzazione di fertilizzanti e trattamenti organici per l’agricoltura biologica, ha introdotto sul [...]

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende