Home » Eventi »Pratiche »Prodotti » La via verso la dematerializzazione dei documenti:

La via verso la dematerializzazione dei documenti

aprile 2, 2010 Eventi, Pratiche, Prodotti

matrix, Courtesy of filetransit.comSono tanti i nomi usati per indicarli: documenti, informazioni, testi, contenuti, dati… Il nome non è tanto importante quanto il fatto che altro non sono che una forma di energia: un’energia “digitale”, fatta di bit e byte, di 0 e di 1, di circuiti elettronici e microchip, di enormi server e di elementi di computer che sempre più tendono alla miniaturizzazione proprio mentre la quantità di byte prodotti aumenta vertiginosamente – dai 12 miliardi di miliardi di byte del 2002 ai quasi 1000 previsti per il 2010.

La dematerializzazione e la digitalizzazione dei documenti – sia essa tramite scansione di oggetti cartacei o simili, piuttosto che inserimento a mano dei dati  ex novo – è diventata ormai da alcuni anni la croce e la delizia di imprese, privati e pubbliche amministrazioni.

Che si tratti del creare un archivio on line della propria collezione di ricette oppure di creare un database che faccia dialogare i cittadini con l’anagrafe del proprio luogo di residenza, la digitalizzazione di quello che un tempo era un “semplice” documento cartaceo è ormai imprescindibile – e, soprattutto nel caso delle Pubbliche Amministrazioni, tali processi vanno incentivati e regolamentati.

Il Consiglio dei Ministri, recentemente, ha approvato le ultime modifiche al Codice dell’Amministrazione Digitale richieste dalla Legge 69/2009, uno dei pilastri su cui poggia il disegno di modernizzazione e digitalizzazione della Pubblica Amministrazione. Le principali novità riguardano l’istituzione di un ufficio unico responsabile delle attività ICT di tutte le PA del territorio nazionale, con l’introduzione di un protocollo informatico che uniformi le attività delle PA italiane; la semplificazione dei rapporti con i cittadini e le imprese attraverso l’introduzione di forme di pagamento via computer, l’utilizzo della firma digitale, la dematerializzazione dei documenti eccetera. Non da ultimo, il Consiglio dei Ministri ha sottolineato l’importanza della sicurezza nello scambio e nella conservazione dei dati, predisponendo inoltre dei piani d’emergenza che possano garantire la continuità dello scambio di dati e della fornitura di servizi nel caso di calamità.

Di questa fondamentale novità – ma non soltanto – si è discusso a OMAT 2010, che si è tenuta nei giorni scorsi a Milano (il 30 e il 31 marzo) con l’obiettivo di istruire una fetta sempre più grande del mercato e avvicinare il maggior numero possibile di attori con poteri decisionali alle soluzioni di information management.

Le sessioni della parte convegnistica sono state infatti studiate per soddisfare le esigenze delle diverse figure professionali partecipanti, e si sono sviluppate attraverso diversi temi: la dematerializzazione e la successiva conservazione dei dati digitali, le possibili evoluzioni di metodi e mezzi operativi, gli aspetti legati alle normative italiane a cui si è accennato sopra, e in particolare la fatturazione elettronica.

L’evento si è concluso, nel pomeriggio del 31, con la presentazione dell’Award Ecohitech, che si svolgerà a Roma il 10 e l’11 novembre 2010  in occasione dell’edizione romana di OMAT. Organizzato dal Consorzio Ecoqual’It, l’Award Ecohitech è il più importante riconoscimento ambientale per le imprese del settore hi-tech per i risultati di eco-compatibilità, efficienza energetica e gestione rifiuti raggiunti mediante lo sviluppo di prodotti, soluzioni e processi rispettosi dell’ambiente – giunto ormai alla sua dodicesima edizione.

E’ ben noto infatti che anche i computer consumano energia e producono gas a effetto serra; ma dal momento che, secondo le fonti ufficiali, ogni ricerca su Google produce 0.2 grammi di CO2, si tratta comunque di una quantità tale da essere meno di un millesimo di quella prodotta in media da un automobile ogni chilometro. Un bel risparmio, dunque, che permette di comprendere come la dematerializzazione delle informazioni, oltre a limitare la produzione di carta (e la relativa deforestazione), sia un grande passo avanti verso una gestione più sostenibile delle attività produttive.

Eva Filoramo


Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende