Home » Aziende »Pratiche »Prodotti »Prodotti » Edilizia sostenibile: anche il cemento cerca la via per ridurre l’impatto:

Edilizia sostenibile: anche il cemento cerca la via per ridurre l’impatto

ottobre 17, 2012 Aziende, Pratiche, Prodotti, Prodotti

Il cemento, grazie ad innovazione e ricerca, sembra avere oggi una chance di ristabilire un dialogo con l’edilizia sostenibile. Mentre sono sempre di più le iniziative informative dedicate agli edifici a ridotto impatto ambientale di ogni genere e tipo (le ultime, Smart Village e Green Home Design hanno aperto oggi a Milano, nell’ambito di MADE Expo), il fatto che Italcementi, quinto produttore di cemento a livello mondiale, ri-orienti una buona parte della propria attività secondo criteri di sostenibilità ambientale, è una notizia positiva. Il gruppo di Bergamo controllato dalla famiglia Pesenti ha infatti inaugurato, negli ultimi mesi, all’interno del polo scientifico-tecnologico Kilometro rosso, il nuovo centro di ricerca e innovazione i.lab, e il parco agricolo circostante i.land, entrambi improntati ad un’idea di responsabilità ambientale. Un investimento totale di 40 milioni di euro “da considerare nell’ottica – chiarisce Enrico Borgarello, direttore Ricerca e Innovazione di Italcementi – del continuo avanzamento della nostra ricerca per la realizzazione di prodotti sempre all’avanguardia per l’architettura sostenibile”.

La grande struttura dell’i.lab, progettata dall’architetto statunitense Richard Meier, è stata costruita rispettando gli standard LEED (Leadership in Energy and Environmental Design), e ha addirittura ottenuto la certificazione Platinum, il grado più alto di valutazione in materia energetica e ambientale degli edifici. “i.lab – spiega Borgarello – risponde a severi requisiti di efficienza energetica, che consentono di ottenere un risparmio di energia fino al 60% in più rispetto a un edificio tradizionale di pari dimensioni e destinazione d’uso, grazie alle modalità di costruzione adottate, ai materiali utilizzati nell’involucro e all’impiego di energie rinnovabili”. L’energia è fornita da 420 pannelli fotovoltaici, che permettono una produzione annuale pari a 96.000 kilowattora, con un risparmio annuo complessivo di 52 tonnellate di CO2; mentre i 50 metri quadrati di pannelli solari termici soddisfano il 65% del fabbisogno annuo di acqua calda. Un impianto geotermico contribuisce a riscaldamento e raffreddamento, con un risparmio energetico, rispettivamente, fino al 50% nel primo caso e fino al 25% nel secondo.

Ad alcuni mesi dall’apertura del mega laboratorio, il 31 agosto scorso è stato inaugurato anche i.land, un parco che abbina le aree ornamentali ad altre coltivate, secondo i criteri della sostenibilità e della salvaguardia delle varietà antiche. “Un noto paesaggista cinese – spiega Maurizio Vegini, agronomo e titolare dello studio bergamasco GPT, che ha realizzato il progetto – ha messo le risaie nel parco di un college universitario, utilizzando l’agricoltura a scopo ornamentale. L’idea è nata da lì, anche se noi abbiamo molto arricchito il concetto, integrandolo con il recupero di varietà tradizionali e la sostenibilità”. Accanto a un giardino pensile e a un’area a Sud, pensata per offrire un luogo accogliente per i dipendenti e ospitare eventi, ci sono gli spazi agricoli, coltivati con metodo biologico: il frutteto con varietà di meli, peri antichi e lamponi selezionati da Slow Food, che si occuperà anche della gestione, e l’area a seminativo, con varietà antiche di mais bergamasco, curata dall’Unità di Ricerca Nazionale per la Maiscoltura.

Nel laboratorio le ricerche si concentreranno su nuovi processi, come la riduzione delle emissioni degli impianti, e materiali, per esempio cementi realizzati usando materie prime rinnovabili. Alcuni prodotti innovativi dei laboratori Italcementi sono già stati utilizzati per i.lab e i.land, dal cemento fotocatalitico “mangiasmog” a quello drenante, formulato senza agenti inquinanti,  che restituisce al terreno le acque piovane.

Parte importante della politica di sostenibilità dell’azienda è poi la riqualificazione delle cave ormai esaurite: “L’obiettivo è arrivare al 100% delle cave, con un piano di riabilitazione entro il 2015. Il Gruppo – continua Borgarelli – vuole dare ‘nuova vita’ alle ex aree estrattive prendendo in considerazioni anche eventuali conversioni produttive all’insegna della sostenibilità. In questo senso, un esempio è la riqualificazione di un cava di oltre 20 ettari a Guiglia, in provincia di Modena, e la sua trasformazione in impianto fotovoltaico”. Ma la sperimentazione più curiosa è sicuramente quella in corso nella cementeria francese di Gargenville, dove si stanno coltivando microalghe in grado di catturare la CO2: la biomassa viene poi utilizzata per la produzione di biocarburante o di energia.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende