Home » Aziende »Pratiche »Prodotti »Prodotti » Edilizia sostenibile: anche il cemento cerca la via per ridurre l’impatto:

Edilizia sostenibile: anche il cemento cerca la via per ridurre l’impatto

ottobre 17, 2012 Aziende, Pratiche, Prodotti, Prodotti

Il cemento, grazie ad innovazione e ricerca, sembra avere oggi una chance di ristabilire un dialogo con l’edilizia sostenibile. Mentre sono sempre di più le iniziative informative dedicate agli edifici a ridotto impatto ambientale di ogni genere e tipo (le ultime, Smart Village e Green Home Design hanno aperto oggi a Milano, nell’ambito di MADE Expo), il fatto che Italcementi, quinto produttore di cemento a livello mondiale, ri-orienti una buona parte della propria attività secondo criteri di sostenibilità ambientale, è una notizia positiva. Il gruppo di Bergamo controllato dalla famiglia Pesenti ha infatti inaugurato, negli ultimi mesi, all’interno del polo scientifico-tecnologico Kilometro rosso, il nuovo centro di ricerca e innovazione i.lab, e il parco agricolo circostante i.land, entrambi improntati ad un’idea di responsabilità ambientale. Un investimento totale di 40 milioni di euro “da considerare nell’ottica – chiarisce Enrico Borgarello, direttore Ricerca e Innovazione di Italcementi – del continuo avanzamento della nostra ricerca per la realizzazione di prodotti sempre all’avanguardia per l’architettura sostenibile”.

La grande struttura dell’i.lab, progettata dall’architetto statunitense Richard Meier, è stata costruita rispettando gli standard LEED (Leadership in Energy and Environmental Design), e ha addirittura ottenuto la certificazione Platinum, il grado più alto di valutazione in materia energetica e ambientale degli edifici. “i.lab – spiega Borgarello – risponde a severi requisiti di efficienza energetica, che consentono di ottenere un risparmio di energia fino al 60% in più rispetto a un edificio tradizionale di pari dimensioni e destinazione d’uso, grazie alle modalità di costruzione adottate, ai materiali utilizzati nell’involucro e all’impiego di energie rinnovabili”. L’energia è fornita da 420 pannelli fotovoltaici, che permettono una produzione annuale pari a 96.000 kilowattora, con un risparmio annuo complessivo di 52 tonnellate di CO2; mentre i 50 metri quadrati di pannelli solari termici soddisfano il 65% del fabbisogno annuo di acqua calda. Un impianto geotermico contribuisce a riscaldamento e raffreddamento, con un risparmio energetico, rispettivamente, fino al 50% nel primo caso e fino al 25% nel secondo.

Ad alcuni mesi dall’apertura del mega laboratorio, il 31 agosto scorso è stato inaugurato anche i.land, un parco che abbina le aree ornamentali ad altre coltivate, secondo i criteri della sostenibilità e della salvaguardia delle varietà antiche. “Un noto paesaggista cinese – spiega Maurizio Vegini, agronomo e titolare dello studio bergamasco GPT, che ha realizzato il progetto – ha messo le risaie nel parco di un college universitario, utilizzando l’agricoltura a scopo ornamentale. L’idea è nata da lì, anche se noi abbiamo molto arricchito il concetto, integrandolo con il recupero di varietà tradizionali e la sostenibilità”. Accanto a un giardino pensile e a un’area a Sud, pensata per offrire un luogo accogliente per i dipendenti e ospitare eventi, ci sono gli spazi agricoli, coltivati con metodo biologico: il frutteto con varietà di meli, peri antichi e lamponi selezionati da Slow Food, che si occuperà anche della gestione, e l’area a seminativo, con varietà antiche di mais bergamasco, curata dall’Unità di Ricerca Nazionale per la Maiscoltura.

Nel laboratorio le ricerche si concentreranno su nuovi processi, come la riduzione delle emissioni degli impianti, e materiali, per esempio cementi realizzati usando materie prime rinnovabili. Alcuni prodotti innovativi dei laboratori Italcementi sono già stati utilizzati per i.lab e i.land, dal cemento fotocatalitico “mangiasmog” a quello drenante, formulato senza agenti inquinanti,  che restituisce al terreno le acque piovane.

Parte importante della politica di sostenibilità dell’azienda è poi la riqualificazione delle cave ormai esaurite: “L’obiettivo è arrivare al 100% delle cave, con un piano di riabilitazione entro il 2015. Il Gruppo – continua Borgarelli – vuole dare ‘nuova vita’ alle ex aree estrattive prendendo in considerazioni anche eventuali conversioni produttive all’insegna della sostenibilità. In questo senso, un esempio è la riqualificazione di un cava di oltre 20 ettari a Guiglia, in provincia di Modena, e la sua trasformazione in impianto fotovoltaico”. Ma la sperimentazione più curiosa è sicuramente quella in corso nella cementeria francese di Gargenville, dove si stanno coltivando microalghe in grado di catturare la CO2: la biomassa viene poi utilizzata per la produzione di biocarburante o di energia.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

maggio 30, 2017

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

“In Italia invece di valorizzare le figure che tutelano il territorio, si pensa ad affossarle. Alla Camera si sta consumando un vero attentato alla sopravvivenza dei Parchi, delle Aree Naturali, del Turismo Ambientale. I toni trionfalistici di alcuni deputati del PD non li comprendiamo dal momento in cui non ci sarà nulla da festeggiare qualora [...]

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende