Home » Aziende »Green Economy »Idee »Pratiche »Prodotti »Prodotti » Fotovoltaico a spina: quando l’energia rinnovabile diventa un elettrodomestico. La battaglia di Massimo Berti:

Fotovoltaico a spina: quando l’energia rinnovabile diventa un elettrodomestico. La battaglia di Massimo Berti

Energie rinnovabili in formato elettrodomestico: facili da usare, spostare e programmare. E’ la nuova frontiera, ancora tutta da conquistare, che sta muovendo i primi passi nonostante il sentiero arduo e tortuoso della burocrazia, che rallenta questo cammino verso una tecnologia dal volto umano e a misura di famiglia. Uno dei più convinti sostenitori di questa rivoluzione – ricorda quella dei computer che prima occupavano intere stanze mentre oggi si portano in tasca - è Massimo Berti, fondatore di One Way, con cui abbiamo parlato del  microfotovoltaico a spina. “Si tratta di un prodotto che genera elettricità per le esigenze energetiche quotidiane e deve essere usato come un elettrodomestico, quindi removibile e con un costo interessante rispetto al piano di ammortamento”.

Un processo, quindi, di autoproduzione “dal basso”, svincolato dalle logiche degli incentivi del passato che hanno portato alla produzione per la produzione, oltre le necessità della famiglia o dell’azienda. ”Il fotovoltaico è stato gestito malissimo, sin dal suo inizio, perché ha prevalso il fattore economico rispetto a quello etico – spiega Berti -. Si è inculcata a forza la dinamica del conto energia con la logica dell’investimento che poi si è trasformata in una vera e propria rendita. Gli incentivi sono stati troppo elevati. Se l’idea di partenza era lodevole (fare leva sul fattore finanziario per far decollare il fotovoltaico in Italia), oggi ci sono da gestire gli effetti perversi di questa politica energetica. “Persone che non conoscevano il fotovoltaico ci hanno investito dei soldi solo in funzione del ritorno economico. Oggi il mercato è frenato perché viene meno l’incentivo. Se la logica precedente era produciamo energia al massimo, ora con il micro fotovoltaico produco quanto e quando mi serve”.

Il micro fotovoltaico potrebbe avere una diffusione capillare nel territorio nazionale e conquistare nuovi utenti. A iniziare da tutte le persone e le famiglie in affitto che non possono investire su un impianto tradizionale, senza dimenticare chi abita in condominio e non ha piena libertà di scelta per quanto riguarda gli impianti. In altri termini il fotovoltaico a spina potrebbe abbattere le barriere del contesto edilizio residenziale e permettere anche alle classi sociali più deboli di poter compensare la produzione domestica di energiaIl micro fotovoltaico è entrato con forza nel mercato quando è caduto il conto energia. – spiega Berti - Eliminato lo scenario incentivante, semplificato tecnicamente con il nuovo sistema mobile, abbiamo un elemento che produce energia e con un piano di ammortamento su 10 anni si ripaga l’investimento – e poi va in utile”.

Il percorso per l’affermazione del micro fotovoltaico non è però in discesa: c’è da battere la burocrazia. Per questo Berti, da vero “Campione d’Italia”, ha preso carta e penna e scritto al Ministero per lo Sviluppo Economico (MISE) al quale chiede una identificazione merceologica del micro fotovoltaico a spina. In altri termini questo dispositivo “pur rientrando nel comparto dei generatori fotovoltaici” ha una destinazione “prettamente domestica” e il suo utilizzo è “intermittente, per una compensazione esclusiva dei carichi attivi” quindi svincolato “dalla contemporanea tecnologia fotovoltaica e dalle sue specifiche interazione con la rete”. Si deve, quindi, parlare di “compensatore di consumo elettrico per contestuale autoconsumo per energia auto prodotta da fonte rinnovabile“. Non è un lessico semplice e per spiegare il suo obiettivo Berti fa ricorso – si legge in un articolo del suo sito – alla comparazione tra bicicletta con pedalata assistita e ciclo elettrico a pedali. Sono due prodotti diversi e nel secondo caso bisogna rispettare una serie di norme dettate dal Codice della Strada: assicurazione, patente, targa, casco. La gestione dei due cicli dal punto di vista economico è di conseguenza profondamente diversa: “Una differenza molto sottile quella della bicicletta a.pedalata assistita e del ciclo elettrico con pedali” quindi serve chiarezza legislativa per svincolare le tecnologie fotovoltaiche tradizionali da quelle a spina.

Si tratta di una vera e propria battaglia sul filo dei termini tecnici e giuridici per far avanzare la cultura della auto produzione energetica casalinga. Massimo Berti non si risparmia su questo fronte e per compensare le esigenze del sistema nazionale non esita a proporre una tassazione, attraverso l’aumento dell’IVA per esempio”. Quando si produce più energia del necessario sarà poi possibile ”inserire un accumulatore” oppure “staccare la spina”. Un vero e proprio elettrodomestico, in definitiva, per soddisfare le proprie esigenze e non per creare solamente una rendita economica “all’antica”.

Gian Basilio Nieddu

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

marzo 8, 2019

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

Dell Technologies, tra i maggiori produttori mondiali di soluzioni tecnologiche, ha lanciato nei giorni scorsi un appello ai Governi europei e all’intero settore IT per stimolare un maggiore impegno congiunto verso la sostenibilità, con particolare attenzione all’ambito del public procurement dei servizi IT. Si calcola infatti che, nell’Unione Europea, la spesa pubblica si aggiri intorno a [...]

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

marzo 7, 2019

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

“L’Italia produce ogni anno oltre 4.720 miliardi di bottiglie di acqua minerale in PET e ne rilascia oltre 132.000 tonnellate nelle acque costiere, che in termini di CO2 prodotta corrispondono a 472.000 tonnellate emesse per la loro produzione e 925.000 tonnellate emesse per il loro trasporto, per un totale di 1.397.000 tonnellate di CO2 emesse!”. [...]

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

marzo 1, 2019

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

Da area industriale a enorme quartiere dell’innovazione: NOI Techpark è il nuovo polo culturale e tecnologico di Bolzano nato per ospitare aziende, start up, centri di ricerca e università.  Nature Of Innovation: è questo il significato dell’acronimo NOI Techpark. Un’opera di rigenerazione urbana che già nel nome rivela la sua natura inclusiva, destinata a trasformare [...]

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

marzo 1, 2019

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

Il prossimo 12 aprile 2019 a Firenze, il Museo Salvatore Ferragamo inaugura “Sustainable Thinking“, un percorso narrativo che si snoda tra le pionieristiche intuizioni del fondatore Salvatore Ferragamo nella ricerca sui materiali naturali, di riciclo e innovativi, e le più recenti sperimentazioni in ambito “ecofashion”. Il progetto espositivo, ideato da Stefania Ricci, Direttore del Museo [...]

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

febbraio 21, 2019

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

Il Comitato ‘Liberi Cittadini di Certosa’ sostenuto dall’ONA (Osservatorio Nazionale Amianto) e assistito e difeso dal suo Presidente, Avv. Ezio Bonanni, ha presentato ieri mattina alla Procura della Repubblica di Genova un dettagliato esposto che fa riferimento al potenziale rischio amianto e presenza di polveri nocive in relazione al tragico crollo del ponte del 14 agosto 2018 che, oltre [...]

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

febbraio 20, 2019

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

Le infestazioni in magazzino sono uno dei problemi che più colpisce la filiera agroalimentare italiana. Dal campo alla tavola, il danno provocato durante lo stoccaggio rischia di compromettere intere produzioni. Per risolvere questa problematica l’azienda di San Marino Bioagrotech srl, specializzata nella produzione e commercializzazione di fertilizzanti e trattamenti organici per l’agricoltura biologica, ha introdotto sul [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende