Home » Prodotti »Prodotti » Ginkgo: da una start up l’ombrello 100% riciclabile:

Ginkgo: da una start up l’ombrello 100% riciclabile

febbraio 5, 2013 Prodotti, Prodotti

“Ma perché non hanno ancora inventato un ombrello di gomma?”, ha detto la sua fidanzata davanti all’ennesimo parapioggia rotto. Ed è così che, circa tre anni fa, Federico Venturi, designer, ha iniziato a pensare di creare un ombrello semplice, leggero, resistente e, al contrario di tutti gli altri in commercio, riciclabile. Un’idea poi diventata progetto grazie al coinvolgimento dell’ingegnere, laureando al Politecnico di Milano, Gianluca Savalli, che è stato capace di individuare le soluzioni tecniche e ingegneristiche più adatte per realizzare il prototipo, per la verità all’inizio abbastanza utopistico.

Gli ombrelli hanno una vita molto breve e, considerato che ogni anno ne vengono persi o rotti più di 900 milioni, non è difficile stimarne il danno ambientale, oltre che economico: il poliestere e il ferro sono materiali difficilmente smaltibili; il poliestere della copertura ha un tempo di degrado di oltre 1.000 anni e calcolando circa 240 grammi di ferro a ombrello, con la quantità totale del metallo del miliardo di ombrelli che ogni anno si rompono o vengono persi (pari a 240.000 tonnellate), sarebbe possibile costruire oltre 25 torri Eiffel ogni 12 mesi.

Così, dalle competenze in meccanica ed estetica dei due soci, è nato Ginkgo, il primo ombrello realizzato interamente in polipropilene, che grazie alle sue caratteristiche rende il parapioggia leggero, flessibile e robusto, in grado di sopportare urti e vento senza deformarsi o rompersi. L’utilizzo di questo materiale, infatti, garantisce l’elasticità degli elementi (braccetti, pulsante di sblocco, etc.) maggiormente sollecitati e che risultano essere i punti di maggiore debolezza negli ombrelli classici (i materiali utilizzati tradizionalmente rendono l’ombrello leggero ma non flessibile, quindi più facilmente rompibile). Il progetto poi prevede un’importante razionalizzazione del numero di componenti, ridotti dell’80%, che determina una maggiore affidabilità e resistenza (sono meno i punti di potenziale rottura). Inoltre, la semplificazione delle fasi di produzione e assemblaggio riduce di molto l’impatto sull’ambiente – contro i lunghi processi produttivi dei modelli tradizionali che hanno un forte impatto in termini di emissioni di CO2 – e consente il riciclo di Ginkgo al 100%.

Stiloso nel design e personalizzabile nelle combinazioni di colore, questo modello ha vinto la sezione italiana della Idea to Product Competition 2011, competizione interna al Politecnico di Milano organizzata dall’Acceleratore d’Impresa e dalla Fondazione Politecnico di Milano, da cui ha ricevuto un premio economico di 2.000 euro utilizzati per la progettazione ultima, la realizzazione  del prototipo e il deposito del brevetto. È stato poi l’incontro con Marco Righi, ingegnere gestionale e imprenditore,  che, ancora sotto l’ala dell’Acceleratore, ha definitivamente reso l’idea un vero e proprio processo di produzione e sviluppo. “Lo scorso marzo tramite alcuni amici sono venuto a conoscenza del progetto. Mi sono appassionato e ho deciso di abbracciare e finanziare l’idea. Il 19 dicembre abbiamo fondato l’azienda (che per il momento propone l’ombrello come suo unico prodotto e cavallo di battaglia) e siamo in fase di start up, con la produzione che inizierà in queste settimane e le prime consegne previste per il mese di settembre”, spiega Righi. L’ombrello sarà sul mercato a partire dal prossimo gennaio e sono già diversi gli accordi presi per la distribuzione sia a livello nazionale, con la grande distribuzione e vendita al dettaglio, sia a livello internazionale, in collaborazione con importanti brand. In tutto questo l’Acceleratore del Politecnico di Milano garantirà per ancora un anno supporto, tutoraggio, assistenza e monitoraggio in tutte le fasi di produzione e promozione del prodotto.

Una semplice idea che promette di cambiare il nostro quotidiano e che lo scorso 20 settembre ha ottenuto un altro riconoscimento, superando la prima selezione internazionale del James Dyson Award, prestigioso premio di design che cerca innovazioni brillanti nella vita di tutti i giorni. “Tra due settimane – continua Righi –  sarà lanciata una campagna di crowd funding, tramite piattaforme in cui le start up innovative presentano le proprie idee, sulle quali il pubblico stesso può investire. Sul sito ginkgoumbrella.com l’utenza potrà sostenere la nostra idea con un’offerta in cambio della quale riceverà in anteprima esclusiva un ombrello Ginkgo”.

Alfonsa Sabatino

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende