Home » Prodotti »Prodotti » Ginkgo: da una start up l’ombrello 100% riciclabile:

Ginkgo: da una start up l’ombrello 100% riciclabile

febbraio 5, 2013 Prodotti, Prodotti

“Ma perché non hanno ancora inventato un ombrello di gomma?”, ha detto la sua fidanzata davanti all’ennesimo parapioggia rotto. Ed è così che, circa tre anni fa, Federico Venturi, designer, ha iniziato a pensare di creare un ombrello semplice, leggero, resistente e, al contrario di tutti gli altri in commercio, riciclabile. Un’idea poi diventata progetto grazie al coinvolgimento dell’ingegnere, laureando al Politecnico di Milano, Gianluca Savalli, che è stato capace di individuare le soluzioni tecniche e ingegneristiche più adatte per realizzare il prototipo, per la verità all’inizio abbastanza utopistico.

Gli ombrelli hanno una vita molto breve e, considerato che ogni anno ne vengono persi o rotti più di 900 milioni, non è difficile stimarne il danno ambientale, oltre che economico: il poliestere e il ferro sono materiali difficilmente smaltibili; il poliestere della copertura ha un tempo di degrado di oltre 1.000 anni e calcolando circa 240 grammi di ferro a ombrello, con la quantità totale del metallo del miliardo di ombrelli che ogni anno si rompono o vengono persi (pari a 240.000 tonnellate), sarebbe possibile costruire oltre 25 torri Eiffel ogni 12 mesi.

Così, dalle competenze in meccanica ed estetica dei due soci, è nato Ginkgo, il primo ombrello realizzato interamente in polipropilene, che grazie alle sue caratteristiche rende il parapioggia leggero, flessibile e robusto, in grado di sopportare urti e vento senza deformarsi o rompersi. L’utilizzo di questo materiale, infatti, garantisce l’elasticità degli elementi (braccetti, pulsante di sblocco, etc.) maggiormente sollecitati e che risultano essere i punti di maggiore debolezza negli ombrelli classici (i materiali utilizzati tradizionalmente rendono l’ombrello leggero ma non flessibile, quindi più facilmente rompibile). Il progetto poi prevede un’importante razionalizzazione del numero di componenti, ridotti dell’80%, che determina una maggiore affidabilità e resistenza (sono meno i punti di potenziale rottura). Inoltre, la semplificazione delle fasi di produzione e assemblaggio riduce di molto l’impatto sull’ambiente – contro i lunghi processi produttivi dei modelli tradizionali che hanno un forte impatto in termini di emissioni di CO2 – e consente il riciclo di Ginkgo al 100%.

Stiloso nel design e personalizzabile nelle combinazioni di colore, questo modello ha vinto la sezione italiana della Idea to Product Competition 2011, competizione interna al Politecnico di Milano organizzata dall’Acceleratore d’Impresa e dalla Fondazione Politecnico di Milano, da cui ha ricevuto un premio economico di 2.000 euro utilizzati per la progettazione ultima, la realizzazione  del prototipo e il deposito del brevetto. È stato poi l’incontro con Marco Righi, ingegnere gestionale e imprenditore,  che, ancora sotto l’ala dell’Acceleratore, ha definitivamente reso l’idea un vero e proprio processo di produzione e sviluppo. “Lo scorso marzo tramite alcuni amici sono venuto a conoscenza del progetto. Mi sono appassionato e ho deciso di abbracciare e finanziare l’idea. Il 19 dicembre abbiamo fondato l’azienda (che per il momento propone l’ombrello come suo unico prodotto e cavallo di battaglia) e siamo in fase di start up, con la produzione che inizierà in queste settimane e le prime consegne previste per il mese di settembre”, spiega Righi. L’ombrello sarà sul mercato a partire dal prossimo gennaio e sono già diversi gli accordi presi per la distribuzione sia a livello nazionale, con la grande distribuzione e vendita al dettaglio, sia a livello internazionale, in collaborazione con importanti brand. In tutto questo l’Acceleratore del Politecnico di Milano garantirà per ancora un anno supporto, tutoraggio, assistenza e monitoraggio in tutte le fasi di produzione e promozione del prodotto.

Una semplice idea che promette di cambiare il nostro quotidiano e che lo scorso 20 settembre ha ottenuto un altro riconoscimento, superando la prima selezione internazionale del James Dyson Award, prestigioso premio di design che cerca innovazioni brillanti nella vita di tutti i giorni. “Tra due settimane – continua Righi –  sarà lanciata una campagna di crowd funding, tramite piattaforme in cui le start up innovative presentano le proprie idee, sulle quali il pubblico stesso può investire. Sul sito ginkgoumbrella.com l’utenza potrà sostenere la nostra idea con un’offerta in cambio della quale riceverà in anteprima esclusiva un ombrello Ginkgo”.

Alfonsa Sabatino

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende