Home » Eventi »Prodotti »Prodotti » H2Roma: industria e ricerca a fianco, per costruire la mobilità del futuro:

H2Roma: industria e ricerca a fianco, per costruire la mobilità del futuro

novembre 8, 2012 Eventi, Prodotti, Prodotti

“Un’energia che porti il più lontano possibile è sicuramente fondata sulle rinnovabili, perché deve essere pulita, sicura e per tutti”. Ha le idee chiare Fabio Orecchini, presidente del comitato scientifico di H2Roma Energy&Mobility, nell’indicare una possibile strategia di sviluppo per la mobilità sostenibile.

E infatti “il futuro che vogliamo” è il messaggio della manifestazione che, giunta alla sua XI edizione, è riuscita nell’intento, per nulla banale, di far dialogare ricerca e industria. Nata nel 2002 dall’intuizione dei ricercatori del Cirps (Centro Interuniversitario di Ricerca per lo Sviluppo Sostenibile) della Sapienza, dell’Enea e dell’Itae (Istituto tecnologie avanzate per l’energia) del Cnr, H2Roma è stata presentata alla stampa ieri sera, presso il Salone delle Fontane all’Eur.

La tre giorni, che si apre oggi e andrà avanti fino a sabato 10 novembre, proporrà spazi di approfondimento aperti al pubblico (anche più giovane) – tavole rotonde, workshop e dibattiti con ricercatori e tecnici – accanto a prove su strada di veicoli a basso impatto ambientale e, naturalmente, aree dedicate agli espositori.

I visitatori, addetti ai lavori o semplici appassionati, potranno ammirare e provare vetture elettriche, ibride, a metano e a Gpl ma anche un prototipo a celle a combustibile in esclusiva per l’Italia accanto ad altre sei novità assolute, alcune già disponibili per il test drive.

Nell’area espositiva saranno presenti tutte le tecnologie disponibili sul mercato. Ci saranno, tra le altre, la Zic, piccola autovettura elettrica cinese, sottoposta per la prima volta al giudizio del pubblico, la DS5 di Citroen, una ibrida plug-in Diesel, la nuova Panda alimentata a metano di Fiat, il prototipo di Suv a idrogeno e celle a combustibile “TeRRA” di Nissan, l’elettrica Twizy di Renault e la Prius ibrida plug-in di Toyota e, ancora, in anteprima Volkswagen presenterà la sua Up, prototipo di motore alimentato a metano.

Non solo mobilità: all’evento – insignito per il quarto anno consecutivo della medaglia del presidente della Repubblica e patrocinato dalla Commissione italiana Unesco – parteciperanno anche Enel – che ad H2Roma proporrà la sua nuova stazione di ricarica compatta da 43 KW (in 30 secondi, è capace di ricaricare fino all’80% un pacco batterie) – e Bosch che presenterà il suo bagaglio di tecnologia in grado di coniugare sviluppo tecnologico sicuro e rispetto dell’ambiente.

Motori fuel neutral e fonti rinnovabili” è il tema tecnico intorno a cui si confronteranno esperti e manager: “un’applicazione”, spiega Orecchini, “capace di ottenere il lavoro che vogliamo a prescindere dalla fonte scelta in partenza”. Vale a dire: sistemi ibridi-elettrici, auto a idrogeno con celle a combustibile, auto a metano e a biometano, colonnine a ricarica standard e veloce.

“L’energia che vogliamo”, prosegue Orecchini che insegna Sistemi Energetici alla Sapienza, “non può fare a meno di cinque pilastri che sono la rinnovabilità delle fonti, l’efficienza di conversione, distribuzione e utilizzo, il basso impatto ambientale, l’accessibilità e l’appropriatezza, che si misura sulla base delle condizioni socio-economiche-ambientali locali”. Così come la “mobilità che vogliamo” include automobili che siano “crocevia di innovazione e motore di sviluppo”, integrazione tra le reti di “mobilità, energia e informazione”; ma deve mettere a tema, necessariamente, la “questione ambientale, la tassazione come strumento di finanziamento e una strategia di sviluppo socio-economico che sia elemento guida per il Legislatore”.

Insomma, “il futuro che vogliamo”, completa il quadro Orecchini, “noi possiamo già costruirlo perché industria e ricerca hanno la forza di trainare le istituzioni e la società”. Con quali leve? Orecchini ne cita almeno quattro: formazione, ricerca, industria e mercato. “Ognuna è in grado di spingere l’altra: lo chiamiamo metodo push”. Un cerchio che si chiude perfettamente.

“In un momento come questo, puntare sulla formazione dei giovani (quest’anno parteciperanno ad H2Roma oltre duemila studenti) e sui ricercatori (a fine serata, in tre hanno ricevuto un premio per il miglior lavoro scientifico in tema di energia e mobilità) significa iniziare a costruire un futuro diverso”. E anche città diverse: “perché se noi immaginiamo le città di domani come quelle di oggi, non cambierà mai nulla”.

Ilaria Donatio

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

ARCA: nelle Marche rinasce un progetto visionario, tra biologico e agricoltura conservativa

agosto 20, 2018

ARCA: nelle Marche rinasce un progetto visionario, tra biologico e agricoltura conservativa

Cresce il numero di imprenditori agricoli che vogliono aderire al progetto promosso dalle aziende Garbini, Loccioni e Fileni con l’obiettivo di preservare la fertilità e la bellezza delle valli marchigiane recuperando antichi saperi, da unire a nuove tecnologie, per creare filiere sostenibili e un’economia circolare a vantaggio delle aziende, delle comunità locali e dei consumatori. La [...]

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende