Home » Idee »Prodotti »Servizi »Smart City » Cieli bui? No, cieli efficienti. La parola a Maximo, il software di IBM:

Cieli bui? No, cieli efficienti. La parola a Maximo, il software di IBM

novembre 26, 2012 Idee, Prodotti, Servizi, Smart City

Il governo ci aveva provato: con la proposta di norma chiamata infelicemente “Cieli bui”, inserita nella legge di stabilità, si cercava di raggiungere un obiettivo di maggiore efficienza energetica nell’illuminazione pubblica. La norma stabiliva che entro 120 giorni dall’approvazione da parte del Parlamento, il Presidente del Consiglio avrebbe dovuto emanare un decreto per ridurre i costi dell’illuminazione. Come? Per lo più spegnendo o affievolendo l’illuminazione pubblica e stradale. La norma non è stata poi approvata, anzi in Commissione Bilancio è stato votato all’unanimità un emendamento per sopprimerla.

Resta però la necessità per i comuni italiani, per i quali il costo relativo a consumi elettrici costituisce la seconda o terza voce di spesa, di rendere più efficienti la gestione e la manutenzione dell’illuminazione pubblica, che al momento richiede la movimentazione di molto personale e denaro.

In questo può essere di aiuto lo sviluppo di nuove tecnologie e software: immaginate che invece di vedere i consumi energetici scritti su una bolletta a fine mese, sia possibile visualizzare i consumi live su uno schermo, ripartiti su base di singolo palo della luce e in tempo reale. Non solo, dallo stesso schermo è possibile visualizzare quali pali della luce necessitano di manutenzione, o quali sono gli incroci che hanno bisogno di maggiore luce. A questo e ad altre necessità risponde il software  Maximo della IBM: attraverso un quadro di gestione è possibile monitorale in modo integrato tutti i consumi di un comune, non solo i consumi elettrici, ma anche i contratti di gas, acqua, leasing, locazioni. In definitiva, tutte le utenze e i servizi.

I vantaggi sono molti: dall’ottimizzazione della manutenzione alla possibilità di gestire le accensioni in maniera più efficiente, senza lasciare zone buie ma magari con la possibilità di definire affievolimenti laddove sia possibile, e la possibilità di monitorare eventuali perdite. Dai trasporti, all’energia elettrica, all’acqua. Ma anche per quanto riguarda il traffico. “Questo nuovo software permette infatti di poter avere una amministrazione pubblica più efficiente e con costi che non vadano fuori controllo, attraverso il monitoraggio degli asset e proiezioni di costi futuri,” ci ha raccontato Francesco Pappalardo, commerciale di IBM per soluzioni e progetti software.

Il monitoraggio avverrebbe attraverso l’installazione di centraline, da inserire in vari punti del tessuto urbano, ad esempio sui pali della luce. Queste centraline avrebbero quindi molte funzionalità, tra cui rilevare i dati. Le centraline potrebbero poi essere utilizzate anche per altre funzioni, come per impianti wifi, come punti di ricarica di bici elettriche o per il controllo del traffico: la smart city diventa così semplice da gestire. Con Maximo, i dati vengono inviati a una centrale di controllo di sistema, dove sono visualizzati su un dashboard di gestione. Ad esempio ci sono delle soluzioni sensitive per monitorare gli orari di punta di traffico: possono costituire un modo avanzato di sostituire la telecamera, con un sensore in grado di contare automaticamente le macchine per minuto. E’ un sistema basato sul ricevere i dati in maniera istantanea e allertare chi di dovere in tempi rapidi, ma anche un database di informazioni sul quale programmare i trasporti cittadini: per gestire in modo efficiente le strade già esistenti invece di doverne realizzare di nuove.

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende