Home » Idee »Pratiche »Prodotti »Pubblica Amministrazione »Servizi » Indice di Funzionalità Fluviale: il fiume come ecosistema olistico. Un corso di formazione a Trento:

Indice di Funzionalità Fluviale: il fiume come ecosistema olistico. Un corso di formazione a Trento

Courtesy of www.parcoalcantara.eu Il fiume come un ecosistema da studiare nella sua interezza. È la filosofia che sta alla base del metodo IFF, acronimo di Indice di Funzionalità Fluviale, un sistema integrato di valutazione dei corsi d’acqua tutto italiano. Dall’8 al 12 settembre si terrà a Trento il tredicesimo corso nazionale di formazione per l’applicazione del metodo IFF (iscrizioni entro il 20 agosto, 24 posti) organizzato dall’Appa, l’Agenzia Provinciale per la Protezione dell’Ambiente della Provincia Autonoma di Trento e dal Centro Italiano Studi di Biologia Ambientale (Cisba). In chiusura, il 12 settembre, un seminario gratuito sulle applicazioni innovative del metodo per la gestione dei corsi d’acqua (iscrizioni entro l’8 agosto).

L’ambizione del metodo è di offrire, grazie a una robusta valutazione della funzionalità fluviale del corso d’acqua, strumenti pratici per la gestione, la pianificazione e il miglioramento degli ambienti fluviali, orientando i corsisti – principalmente operatori di agenzie per l’ambiente e centri di ricerca, ma anche chi fa consulenze private – tra gli aspetti normativi ed ecologici.

«IFF ha un approccio olistico rispetto al corso d’acqua – racconta Paolo Negri funzionario ambientale dell’Appa Trentino e docente al corso – In genere il monitoraggio fluviale è legato alla qualità chimico-fisica delle acque fatta con il classico campione portato in laboratorio, o all’analisi delle componenti biotiche, cioè agli animali e alle piante che vivono nel corso d’acqua. IFF supera questo approccio attraverso uno sguardo integrato, andando cioè ad analizzare le varie componenti del sistema fluviale. L’obiettivo è monitorare tutti i processi funzionali del corso d’acqua. Vediamo in sostanza se il fiume assolve alle funzioni per cui è deputato: la diluzione degli inquinanti, la presenza di vita, la capacità di fare da filtro, di essere un corridoio ecologico, di avere biodiversità al suo interno».

Il corposo manuale di 340 pagine scaricabile on line richiede una conoscenza approfondita dei processi ecosistemici, preferibilmente con formazione in scienze ambientali e biologiche. Perché l’impostazione del metodo – ed è questa la principale peculiarità di IFF – si basa molto sulla capacità dell’operatore di leggere il fiume e sulla sua sensibilità ecologica per rispondere alle 14 domande del metodo su altrettante componenti fluviali (tra queste, lo stato del territorio circostante, la vegetazione nella fascia perifluviale primaria, l’efficienza di esondazione, il substrato dell’alveo, l’erosione, l’idoneità ittica, l’idromorfologia, i detriti). Poiché il fiume cambia nel suo correre da monte a fondo valle, il metodo non si applica in un solo punto del corso d’acqua ma in “stazioni” diverse lungo il suo letto.

Dalla prima edizione del 2000 è andato aumentando l’interesse per questo metodo, che si è diffuso rapidamente su parecchi corsi d’acqua italiani. Si stima che siano stati valutati con IFF 4.000 km di fiumi nostrani, tanto che nel 2007 si è reso necessario adeguare la metodologia a più tipologie fluviali. Il metodo è applicabile oggi a qualsiasi realtà fluviale, dal Po al torrente alpino, fino ai fiumi temporanei della Calabria.

Ma cosa trovano gli addetti ai lavori in un sistema di indagine ecologica dei fiumi di questo tipo? «La possibilità di vedere il corso d’acqua in maniera integrata – commenta Negri – Dal punto di vista culturale ciò significa, come tecnico, di essere in grado di dare risposte, senza limitarsi a dire se il fiume sta bene o male dal punto di vista ecologico. In altre parole IFF ha molte applicazioni pratiche in termini di pianificazione, così come di valutazione della necessità di tutela o recupero in caso di antropizzazioni pesanti o problemi legati alla vegetazione o all’inquinamento».

Tra gli ambiti di applicazione si possono citare le indagini su grandi progetti sottoposti a VIA, la valutazione di impatto ambientale; in pratica si valuta la funzionalità fluviale esistente e gli eventuali effetti sul corso d’acqua di quella determinata opera. O ancora l’impatto sul sistema fiume nel caso di concessioni idroelettriche, di invasi e dighe. In Trentino IFF viene utilizzato nell’ambito del Piano Generale di Utilizzazione delle Acque Pubbliche (PGUAP) che prevede fasce di tutela ecologica determinate utilizzando questo metodo. Molto spesso si usa in progetti di riqualificazione fluviale, ossia progetti di recupero morfologico del corso d’acqua del quale si sono analizzati gli aspetti più critici. È il caso della campagna di rilevazione dell’indice di funzionalità fluviale dell’Alcantara, in Sicilia, all’interno del Parco fluviale omonimo. Il seminario di approfondimento gratuito del 12 settembre verterà proprio sulle novità di utilizzo del metodo e presenterà i risultati di un lavoro congiunto tra Appa Trentino, Centro di ricerca ENEA di Saluggia e Arpa Valle d’Aosta sulla valutazione degli habitat fluviali tramite IFF.

Anche se non si può parlare di un vero e proprio copyright trentino, IFF è nato sotto l’impulso dell’APPA di Trento ma poi la metodologia è stata sviluppata da un gruppo di lavoro a livello nazionale. Un metodo di indagine tutto italiano dunque che si è steso oltre confine, in Austria e Germania, nell’ambito di applicazioni in progetti europei ed è stato esportato su richiesta anche in Cile. Nel corso di una collaborazione tra Università di Trento e un ateneo cileno per un progetto di idraulica, l’Appa è stata chiamata per una valutazione ecosistemica. Il metodo è stato tradotto e adattato alla regione di Araucanía, nel Cile centro meridionale.

Il manuale parla anche di andamento pulsante delle esondazioni. Nessuna correlazione diretta con il fenomeno del dissesto idrogeologico del Bel Paese, bensì uno dei principi ecologici dei corsi d’acqua. «Durante la sua normale vita, il fiume ha momenti di piena, le cosiddette piene formative che avvengono ogni 3-5 anni e lo modellano – commenta il docente – Il corso d’acqua tende naturalmente a espandersi. Non parliamo di piene catastrofiche che avvengono ogni 40-50 anni e che determinano quelle che si definiscono calamità naturali. Per inciso, va detto che i disastri non sono naturali, la natura non fa disastri. È l’uomo semmai che sceglie di costruire opere che ricadono all’interno di determinate dinamiche naturali. Certo, alcuni eventi ci colgono inaspettatamente, però restringere corsi d’acqua dentro argini per poter recuperare territorio o controllare un canale è sempre un rischio, perché prima o poi quelle aree il fiume se le vorrà riprendere. Di fatto se ne parla sia a livello europeo che nazionale: dare spazio al fiume è il futuro della difesa idrogeologica, non più argini più alti ma spazi dove il fiume possa espandersi in modo controllato, in questo modo la sua forza distruttiva viene ridotta».

Alessandra Sgarbossa

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

aprile 20, 2017

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

  I viaggiatori italiani sembrano sempre più attenti all’impatto ambientale delle strutture in cui soggiornano e dei tour e attrazioni che prenotano durante il loro viaggio. È quanto emerge da un’indagine condotta da TripAdvisor, il sito per la pianificazione e prenotazione dei viaggi, su oltre 1.800 viaggiatori italiani in occasione dell’Earth Day del 22 aprile, la [...]

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

aprile 19, 2017

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

Il Ministero dell’Economia e dell’Energia della Germania ha scelto l’italiana Acea Pinerolese con il suo Polo ecologico di trattamento del rifiuto organico da raccolta differenziata come modello di best practice tra i progetti di energie rinnovabili di tutto l’Arco Alpino. Il rapporto analizza tutte le realtà dei Paesi che si affacciano sull’arco alpino che hanno [...]

Car sharing elettrico: con Share ‘ngo ora te lo paga il supermercato

aprile 19, 2017

Car sharing elettrico: con Share ‘ngo ora te lo paga il supermercato

Saranno le “destinazioni”, ossia gli esercizi commerciali che offrono prodotti e servizi (palestre, cinema, teatri, negozi ecc.) a pagare con sempre maggiore frequenza il costo dell’auto in car sharing? Ne è convinta Share’ngo, il primo operatore italiano di car sharing elettrico, che dopo le prime esperienze con Carrefour Express e Carrefour Market a Milano, renderà [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende