Home » Internazionali »Politiche »Prodotti »Servizi » Investimenti nelle rinnovabili: nel 2012 calo di 20 miliardi. E ora si attende il voto USA:

Investimenti nelle rinnovabili: nel 2012 calo di 20 miliardi. E ora si attende il voto USA

 

Nell’ultimo report del Worldwatch InstituteContinued Growth in Renewable Energy Investments” si fa il punto sullo stato degli investimenti nelle rinnovabili. Nel 2011, mentre in Europa divampa la crisi finanziaria, gli investimenti privati nelle rinnovabili appaiono ancora in forte crescita: il totale è di ben 257 miliardi, con un +17% rispetto all’anno precedente; erano 220 miliardi di Euro nel 2010. Inoltre, gli investimenti netti in nuova capacità produttiva per le rinnovabili hanno superato quelli per la produzione fossile, dimostrando ulteriormente l’importanza che giocheranno nel mix energetico del futuro.

Le rinnovabili si stanno “cementificando rapidamente come nuovo pilastro dello sviluppo del settore energetico”, si legge nell‘introduzione online del Worldwatch Institute. Per il 65% questi investimenti sono andati ai Paesi industrializzati, con un aumento del 21% tra il 2010 e il 2011; mentre solo 89 miliardi hanno raggiunto i Paesi emergenti, con un più modesto aumento del 10% rispetto all’anno precedente. Di questi, Cina, India e Brasile da soli hanno incamerato 71 miliardi: l’India in particolare risulta essere lo stato con maggior tasso di crescita: +62% in un solo anno. Ma è la Cina a confermare il primato per investimenti per le fonti pulite di energia per singolo paese: ben 52 miliardi. Da sottolineare l’avanzamento degli Stati Uniti, che con un +57% si classifica al secondo posto, con 51 miliardi.

Nel 2011 alcuni trend hanno contribuito allo sviluppo dei mercati dell’energia rinnovabile: innanzitutto, come già ricordato in un altro nostro articolo, l’anno passato verrà ricordato come quello in cui i costi per la componentistica del fotovoltaico sono crollati. Ma, mentre non è il primo anno che gli investimenti nel fotovoltaico superano quelli nell’eolico, è la prima volta che il margine è così ampio e che l’aumento degli investimenti è trainato dal fotovoltaico: 147 miliardi a fronte di 84 miliardi all’eolico. Al terzo posto si classificano biomassa e tecnologie di recupero di energia da rifiuti, con 11 miliardi, seguiti da 6 miliardi per il mini idroelettrico e solo 3 per la geotermia.

Quali prospettive, dunque, per il 2012? Nella prima metà del 2012 gli investimenti si sono fermati a 108 miliardi, 18 miliardi in meno dell’anno precedente: un segno che il tasso di crescita del 2011 difficilmente sarà mantenuto per l’anno in corso. “La IEA stima che l’investimento annuo medio in energie rinnovabili necessario a contenere il riscaldamento globale a 2° centigradi è di 235 miliardi all’anno fino al 2020. Similmente, la stima per fornire l’accesso all’energia universale è di 48 miliardi all’anno fino al 2030.” La stima totale degli investimenti sulle rinnovabili nel 2012 è difficile da pronosticare: da una parte la crisi finanziaria dei Paesi occidentali ha ristretto l’accesso al credito, ma l’uscita dal nucleare di Germania e Giappone, seguita da altri stati, potrebbe invece dare una forte sterzata. Inoltre, sarà decisivo l’esito delle elezioni statunitensi, dove si scontrano due visioni del futuro energetico: Romney si schiera chiaramente a favore dello sfruttamento intensivo delle fonti fossili, mentre Obama prospetta una trasformazione sulla linea della green economy e delle tecnologie energetiche pulite. La scelta degli elettori americani, ancora una volta, condizionerà il mercato mondiale.

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

marzo 24, 2017

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

Alla vigilia delle celebrazioni per il Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, un gruppo di attivisti di Greenpeace è entrato in azione nella capitale aprendo uno striscione di 100 metri quadri dalla terrazza del Pincio, con il messaggio “After 60 years: a better Europe to save the climate” rivolto ai leader europei, nei prossimi giorni [...]

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

marzo 24, 2017

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

«L’Italia è il quarto Paese al mondo dietro a Germania, Stati Uniti e Cina e secondo in Europa per numero di impianti di biogas nelle aziende agricole, che sono più di 1.250 realizzati e dagli attuali 2 miliardi di metri cubi abbiamo la potenzialità per arrivare a 8 miliardi di metri cubi di biometano entro [...]

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

marzo 20, 2017

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua del 22 marzo, InSinkErator, multinazionale americana leader mondiale nel settore dei dissipatori alimentari, presenta sul mercato italiano il nuovo erogatore antispreco 3N1, in grado di far risparmiare una risorsa sempre più preziosa come l’acqua. L’utilizzo casalingo, con cucina e bagno in testa, è infatti tra le principali cause dello spreco di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende