Home » Internazionali »Politiche »Prodotti »Servizi » Investimenti nelle rinnovabili: nel 2012 calo di 20 miliardi. E ora si attende il voto USA:

Investimenti nelle rinnovabili: nel 2012 calo di 20 miliardi. E ora si attende il voto USA

 

Nell’ultimo report del Worldwatch InstituteContinued Growth in Renewable Energy Investments” si fa il punto sullo stato degli investimenti nelle rinnovabili. Nel 2011, mentre in Europa divampa la crisi finanziaria, gli investimenti privati nelle rinnovabili appaiono ancora in forte crescita: il totale è di ben 257 miliardi, con un +17% rispetto all’anno precedente; erano 220 miliardi di Euro nel 2010. Inoltre, gli investimenti netti in nuova capacità produttiva per le rinnovabili hanno superato quelli per la produzione fossile, dimostrando ulteriormente l’importanza che giocheranno nel mix energetico del futuro.

Le rinnovabili si stanno “cementificando rapidamente come nuovo pilastro dello sviluppo del settore energetico”, si legge nell‘introduzione online del Worldwatch Institute. Per il 65% questi investimenti sono andati ai Paesi industrializzati, con un aumento del 21% tra il 2010 e il 2011; mentre solo 89 miliardi hanno raggiunto i Paesi emergenti, con un più modesto aumento del 10% rispetto all’anno precedente. Di questi, Cina, India e Brasile da soli hanno incamerato 71 miliardi: l’India in particolare risulta essere lo stato con maggior tasso di crescita: +62% in un solo anno. Ma è la Cina a confermare il primato per investimenti per le fonti pulite di energia per singolo paese: ben 52 miliardi. Da sottolineare l’avanzamento degli Stati Uniti, che con un +57% si classifica al secondo posto, con 51 miliardi.

Nel 2011 alcuni trend hanno contribuito allo sviluppo dei mercati dell’energia rinnovabile: innanzitutto, come già ricordato in un altro nostro articolo, l’anno passato verrà ricordato come quello in cui i costi per la componentistica del fotovoltaico sono crollati. Ma, mentre non è il primo anno che gli investimenti nel fotovoltaico superano quelli nell’eolico, è la prima volta che il margine è così ampio e che l’aumento degli investimenti è trainato dal fotovoltaico: 147 miliardi a fronte di 84 miliardi all’eolico. Al terzo posto si classificano biomassa e tecnologie di recupero di energia da rifiuti, con 11 miliardi, seguiti da 6 miliardi per il mini idroelettrico e solo 3 per la geotermia.

Quali prospettive, dunque, per il 2012? Nella prima metà del 2012 gli investimenti si sono fermati a 108 miliardi, 18 miliardi in meno dell’anno precedente: un segno che il tasso di crescita del 2011 difficilmente sarà mantenuto per l’anno in corso. “La IEA stima che l’investimento annuo medio in energie rinnovabili necessario a contenere il riscaldamento globale a 2° centigradi è di 235 miliardi all’anno fino al 2020. Similmente, la stima per fornire l’accesso all’energia universale è di 48 miliardi all’anno fino al 2030.” La stima totale degli investimenti sulle rinnovabili nel 2012 è difficile da pronosticare: da una parte la crisi finanziaria dei Paesi occidentali ha ristretto l’accesso al credito, ma l’uscita dal nucleare di Germania e Giappone, seguita da altri stati, potrebbe invece dare una forte sterzata. Inoltre, sarà decisivo l’esito delle elezioni statunitensi, dove si scontrano due visioni del futuro energetico: Romney si schiera chiaramente a favore dello sfruttamento intensivo delle fonti fossili, mentre Obama prospetta una trasformazione sulla linea della green economy e delle tecnologie energetiche pulite. La scelta degli elettori americani, ancora una volta, condizionerà il mercato mondiale.

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende