Home » Prodotti »Prodotti » La prova del nove in edilizia. GBC Quartieri e la misura della sostenibilità:

La prova del nove in edilizia. GBC Quartieri e la misura della sostenibilità

marzo 31, 2014 Prodotti, Prodotti

Cercare di convincere qualcuno che un’idea nuova sia valida o migliore di quelle tradizionali non è banale. Per questo dimostrare, anche matematicamente – quando possibile - il beneficio che la novità può creare, può essere utile.

“La nostra mission – spiega Laura Pighi, architetto Responsabile del Programma Aree e Quartieri Sostenibili per Habitech, ospite lo scorso 19 marzo della Facoltà di Architettura del Politecnico di Torino per discutere di Sustainable Urban Forms- è la trasformazione del mercato dell’edilizia e dell’energia nella direzione della sostenibilità, quale leva strategica per l’innovazione e lo sviluppo”.

La sostenibilità, quindi, come chiave di lettura della trasformazione e ristrutturazione dei modelli, dei mercati e dei prodotti: una trasformazione che si fa sempre più necessaria di fronte ad un modello, quello attuale, che va verso la rottura. “Non è una novità se parliamo di collasso del sistema, che vede un continuo aumento dei consumi e una diminuzione delle risorse. Anche graficamente ci appare chiaro che se la parabola dei consumi si alza e quello delle risorse si abbassa, non si trovano più punti di contatto. Per questo la sostenibilità è l’unico strumento di qualità e la priorità nel nuovo approccio allo sviluppo”.

E’dunque opportuno scegliere la sostenibilità, prosegue l’architetto, per produrre innovazione e nel caso di processi e prodotti “è importante essere attenti, osservare, studiare, condividere e diffondere. Ma per fare tutto questo bisogna creare gli strumenti opportuni”.

Quali strumenti? GBC Quartieri, ad esempio, è il sistema di rating sviluppato da GBC Italia per la valutazione di progetti di area (con un minimo di due edifici), sia per interventi ex novo, che di riqualificazione dell’esistente.

Ma a cosa serve un protocollo di certificazione? I sistemi di rating sono strumenti di misurazione di specifici indicatori individuati in base agli obiettivi di qualità definiti e da raggiungere. Quindi in caso di interventi (o di gruppi di interventi della stessa tipologia) si fissano alcuni indici (obiettivi), si elaborano gli indicatori specifici e si costruiscono gli strumenti per la misurazione dei relativi dati; poi si pensano le strategie per il raggiungimento delle prestazioni stabilite.

L’obiettivo di un intervento è la qualità, che per noi equivale a sostenibilità e green; la qualità è misurabile attraverso lo strumento specifico che si sceglie e solo una volta che si hanno i dati e i  calcoli alla mano è possibile comunicare, diffondere e promuovere l’intervento che si è progettato e così essere più convincenti nella proposta”. Un po’ come una prova del nove.

E un buon sistema di certificazione deve essere usabile, trasparente e soprattutto open source, cioè accessibile. “Solo in questo caso diventa un sistema di qualità; un sistema di misurazione della sostenibilità, della qualità e del valore; uno strumento che facilita il project management e un pretesto per reingegnerizzare il processo di innovazione di prodotti e servizi”.

GBC Quartieri promuove tra gli obiettivi primari le prestazioni di sostenibilità ambientale del territorio, delle infrastrutture, delle dotazioni e degli edifici sostenibili, riconoscendo e valorizzando gli interventi che abbracciano un approccio integrato alla qualità della vita, alla salute pubblica e al rispetto per l’ambiente.

Questo protocollo - conosciuto come sistema LEED for Neighborhood Development (LEED® ND), sistema di certificazione internazionale sviluppato da USGBC con il Congress for the New Urbanism e il Natural Resources Defence Council, di cui mantiene la struttura, e allineato con le normative italiane - ha la forma di una check list divisa in cinque categorie: Localizzazione e Collegamenti del Sito (LCS), Organizzazione e Programmazione del Quartiere (OPQ), Infrastrutture ed Edifici Sostenibili (IES), Innovazione nella Progettazione (IP) e Priorità Regionali (PR).

Per ognuno di questi aspetti si aprono una serie di prestazioni e caratteristiche che vanno “spillate” nel caso in cui corrispondano all’idea di progetto e, a seconda dei crediti “guadagnati”, l’intervento può essere certificato come Base (40-49 crediti), Argento (50-59), Oro (60-79) o Platino (80 e più).

È evidente che prenderanno più punti quei progetti che prevedono una buona connessione con le reti di trasporto pubblico, edilizia green, aree verdi e di socialità o relazioni di area con le strutture preesistenti. È valutata la qualità della vita, dei servizi offerti agli abitanti e dell’abitare”, e anche se non nasce come strumento di pianificazione urbanistica, è certa la sua utilità per le municipalità che potrebbero adottarlo per la promozione, l’incentivazione e la riqualificazione sostenibile del territorio urbano, o per la stesura di linee guida di sviluppo.

Il protocollo, lanciato nella sua versione breve il 22 marzo in occasione di Expoedilizia a Roma, è oggi consultabile on line e in primavera partiranno gli accreditamenti per i professionisti del settore.

Alfonsa Sabatino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

settembre 18, 2019

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

Il costo di utilizzo è uno dei principali fattori di convenienza nell’usare un’auto elettrica, da preferire a una con motore a scoppio, benzina o Diesel. Questo è solo uno degli aspetti che emerge dallo Smart Mobility Report 2019, l’analisi che l’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano ha dedicato alla mobilità elettrica e che sarà presentata nella [...]

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende