Home » Prodotti »Servizi » La raccolta automatica dei rifiuti approda in Italia:

La raccolta automatica dei rifiuti approda in Italia

luglio 14, 2010 Prodotti, Servizi

Oppent, Courtesy of ufficio stampa OppentUn sistema per raccogliere i rifiuti che elimina i cassonetti e l’immondizia dagli angoli delle strade e riduce l’impatto ambientale. Automatic Waste System (Sistema Automatico di Smaltimento Rifiuti) è una tecnologia già sperimentata con successo in vari paesi del mondo che sta ora per approdare anche in Italia grazie a due aziende concorrenti, Envac e Oppent.

Il primo progetto per l’edilizia residenziale, approvato il 28 maggio scorso, sarà realizzato dalla milanese Oppent per la torre Eurosky di Roma, ideata dall’architetto Franco Purini nell’ambito del progetto Business Park Europarco, e dovrebbe essere pronto nel settembre 2012.

L’impianto, prevede tre “bocchettoni” per la raccolta differenziata (carta, plastica e generico) che si trovano a ognuno dei 28 piani della torre. L’utente inserisce nell’apertura giusta il sacchetto con i rifiuti che, attraverso un sistema di tubazioni sotterranee e un impianto pneumatico, viene spinto fuori dall’area residenziale fino a una centrale di raccolta. Lì, un compattatore riduce i volumi di stoccaggio, elimina gli odori grazie alla presenza di filtri attivi e scarica i rifiuti in tre diversi container.

Un sistema simile è già attivo nella sede della Banca d’Italia di Frascati, dove lavorano 1.400 dipendenti, ma unicamente per la raccolta della carta. Il Comune di Venaria Reale, in provincia di Torino, ha anche promosso un bando integrato per la costruzione del sistema automatico di raccolta rifiuti, insieme alla realizzazione del teleriscaldamento e del nuovo sistema di illuminazione pubblica, ma la gara è andata deserta, a quanto pare, per mancanza di sufficienti garanzie per le aziende partecipanti.

Diversi sono invece i paesi europei in cui sono installate strutture per la raccolta automatica della Envac. Maximiliano Mutti, Country Manager per l’Italia della multinazionale svedese, che ha già installato oltre 600 impianti nel mondo, ci spiega: ”In Svezia abbiamo costruito 300 impianti, in Spagna 80: a Barcellona 500mila persone sono servite dalla raccolta automatizzata. L’investimento per un impianto del genere è tra i 7 e gli 8 milioni di euro, però visti i minori costi per la raccolta, si calcola il ritorno dell’investimento in quindici anni”. “L’Italia – prosegue Mutti – è ormai recettiva verso queste tecnologie, sia a livello pubblico che politico”.

I vantaggi di questi impianti sono del resto evidenti. In primo luogo, la riduzione del 90% dei mezzi di raccolta rifiuti sulle strade, il che comporta una diminuzione dell’inquinamento atmosferico e acustico; ma anche l’ottimizzazione e valorizzazione della raccolta differenziata e, last but not least, una migliore qualità dell’igiene e del decoro urbano, con l’eliminazione dei cassonetti. Tutti elementi che potrebbero contribuire al recupero e alla promozione turistica di molti centri storici italiani.

Ci sono infatti almeno un’altra settantina di progetti che attendono l’assegnazione e potrebbero partire presto, sia per singole unità abitative che per interi quartieri, come nelle zone City Life e Porta Nuova a Milano, nell’ex ospedale Umberto I di Mestre, a Bagnoli Futura a Napoli e nelle città di La Spezia e Borgaro Torinese.

Marco Bobbio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

L’invasione degli smartphones: 7 miliardi di pezzi in 10 anni e 968 TWh di energia consumata

febbraio 28, 2017

L’invasione degli smartphones: 7 miliardi di pezzi in 10 anni e 968 TWh di energia consumata

Negli ultimi dieci anni, la produzione e lo smaltimento di smartphone hanno avuto un impatto significativo sul nostro pianeta, secondo un rapporto diffuso ieri da Greenpeace USA, all’inaugurazione del “World Mobile Congress” di Barcellona. Il rapporto “From Smart to Senseless: The Global Impact of Ten Years of Smartphones” fornisce una panoramica dell’aumento dell’uso degli smartphone [...]

Resilienza: l’Ordine degli Architetti di Roma a convegno sul rischio sismico e idrogeologico

febbraio 28, 2017

Resilienza: l’Ordine degli Architetti di Roma a convegno sul rischio sismico e idrogeologico

Prevenire con efficacia i danni provocati dai terremoti e dalle catastrofi naturali comporta un cambiamento culturale, sociale e tecnico che coinvolge le istituzioni, i cittadini, le imprese e i professionisti. Un radicale cambiamento che dall’emergenza ci deve portare alla gestione ordinaria dei rischi naturali e a progettare e realizzare città capaci di adattarsi ai cambiamenti climatici e [...]

Consiglio Ambiente UE: le associazioni ambientaliste chiedono una riforma coraggiosa dell’ETS

febbraio 28, 2017

Consiglio Ambiente UE: le associazioni ambientaliste chiedono una riforma coraggiosa dell’ETS

L’appello è arrivato alla vigilia della riunione dei Ministri dell’Ambiente della UE, in programma oggi a Bruxelles. Un appuntamento importante perché al primo punto all’ordine del giorno, è prevista la revisione dell’Emission Trading Scheme (ETS), il meccanismo europeo di scambio delle emissioni il cui obiettivo dovrebbe essere quello di far pagare gli emettitori di CO2 per [...]

Botanica: musica e scienza per raccontare la vita delle piante

febbraio 27, 2017

Botanica: musica e scienza per raccontare la vita delle piante

Aboca, Stefano Mancuso e i DeProducers tornano insieme con lo spettacolo Botanica per continuare ad unire musica e scienza e raccontare le meraviglie del mondo vegetale. Un progetto innovativo e coinvolgente che vede la consulenza scientifica di uno dei più importanti ricercatori botanici internazionali, il Prof. Mancuso, tra le massime autorità mondiali nel campo della neurobiologia [...]

Progetto EVE: 325 colonnine di ricarica elettrica per la Toscana

febbraio 27, 2017

Progetto EVE: 325 colonnine di ricarica elettrica per la Toscana

EVE – Electric Vehicle Energy è un progetto che nasce dalla collaborazione tra tre grandi realtà toscane, come Enegan, trader di luce e gas che opera a livello nazionale, il Polo Tecnologico di Navacchio (Pisa) – realtà composta da 60 imprese hi-tech – e Dielectrik, che lavora alla progettazione e alla produzione di prototipi di generi [...]

Officinae Verdi e Manni Group lanciano GMH4.0, soluzione per il “green social housing”

febbraio 24, 2017

Officinae Verdi e Manni Group lanciano GMH4.0, soluzione per il “green social housing”

In Italia oltre la metà del patrimonio di edilizia residenziale pubblica, circa 500.000 alloggi, è classificato ad elevato consumo energetico (classi E, F e G): per questo motivo le famiglie che vi abitano spendono oltre il 10% del loro reddito per elettricità e gas, a causa della bassa efficienza e di uno dei costi energetici [...]

Ristorante Solidale: al via la prima consegna (in bicicletta) anti-spreco

febbraio 23, 2017

Ristorante Solidale: al via la prima consegna (in bicicletta) anti-spreco

Just eat, azienda leader nel mercato dei servizi per ordinare pranzo e cena a domicilio, ha dato il via ieri, nella sede istituzionale di Palazzo Marino a Milano, alla prima consegna di Ristorante Solidale, il progetto di food delivery solidale patrocinato dal Comune di Milano e sviluppato in collaborazione con Caritas Ambrosiana, l’organismo pastorale della Diocesi di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende